Gary Grigsby War in the East: Don to the Danube

  • Share
  • Share

Premessa

Gary Grigsby: War in the East (da ora in poi WITE), il “monster game” di Grigsby sul Fronte Orientale della Seconda Guerra Mondiale e successore del vecchio War in Russia della SSI, è stato un buon successo commerciale per la Matrix Games, nonostante un sistema di gioco non certo esente da critiche.
In questa sede non mi dilungherò nella descrizione del gioco base: per i dettagli vi rimando alla mia recensione per NWI, che trovate a questo link.
Con l’obiettivo di mantenere elevata l’attenzione sul gioco, nei mesi scorsi la Matrix Games ha fatto uscire, in contemporanea con la patch 1.06, l’espansione Don to the Danube (DttD da ora in poi).
Va chiarito fin da subito che più che di espansione si dovrebbe parlare di “scenario pack”, dato che gli ultimi aggiornamenti al motore di gioco introdotti dalla patch sono stati resi disponibili a tutti, indipendentemente dall’acquisto o meno dell’espansione.
DttD, pertanto, non aggiunge funzionalità aggiuntive a WITE ma esclusivamente dei nuovi scenari ambientati prevalentemente nel periodo delle grandi controffensive sovietiche (fine 1942 – 1945).

Di seguito gli scenari inclusi nell’espansione e una loro breve descrizione:

Battle for Kharkov 1942

Breve scenario della durata di sei turni ambientato nella seconda battaglia di Kharkov. Lo scenario prevede un’offensiva iniziale russa che dovrà essere contenuta dal giocatore tedesco e seguita da una rapida controffensiva volta alla conquista delle città obiettivo. Il periodo coperto è dal 12 maggio al 22 giugno 1942. Giocando con il tempo meteorologico storico ci sono due turni di fango sui sei a disposizione dei giocatori, che, di fatto, rendono poco fruibile il già corto scenario.

Operation Sturgeon Catch 1942

Scenario di nove turni, dal 2 giugno al 3 agosto 1942 incentrato sulla conquista di Sebastopoli da parte dell’11a Armata di Von Manstein e sulle successive puntate offensive tedesche verso il Caucaso. L’obiettivo dei tedeschi è quello di conquistare velocemente il porto di Sebastopoli per poi spostare l’attenzione verso gli obiettivi ad est.

Case Blue Phase I

Scenario molto breve, di soli tre turni (dal 28 giugno al 18 luglio 1942), incentrato sulle fasi iniziali di Case Blue, l’offensiva tedesca dell’estate del ‘42. I tedeschi dovranno tentare di conquistare Voronezh e distruggere quante più unità russe possibili nel brevissimo tempo messo a disposizione dallo scenario, mentre i sovietici dovranno evitare gli accerchiamenti e limitare la mobilità delle temibilissime divisioni di Panzer nemiche. Scenario a senso unico in cui le forze tedesche sono preponderanti.

Operation Uranus  1942

Scenario incentrato sulla famosa operazione Urano, che portò alla distruzione della Sesta Armata tedesca a Stalingrado. Lo scenario va dal 19 novembre al 30 dicembre del 1942 e dura 6 turni. Il giocatore sovietico deve cercare di formare un anello intorno a Stalingrado bloccando la ritirata della Sesta Armata, mentre il giocatore tedesco deve cercare di salvare dall’accerchiamento più unità possibili sfruttando i rifornimenti per via aerea e pianificando eventuali contrattacchi per aprire un corridoio verso la sacca.

Operation Kutuzov-Rumyantsev

Scenario breve, della durata di otto turni, dal 5 luglio al 29 agosto 1943. I sovietici, sfruttando l’invasione alleata in Italia, attaccano il Gruppo Armate Centro e Sud dei tedeschi sferrando due controffensive: a nord, l’operazione Kutuzov, che mira all’eliminazione del saliente di Orel, a sud, l’operazione Rumyantsev, che mira alla conquista delle città di Belgorod e Kharkov. Scenario in cui i tedeschi sono sulla difensiva e dovranno rallentare le preponderanti forze sovietiche.

Cherkassy Pocket  1944

Scenario breve di 6 turni, dal 24 gennaio al 5 marzo 1944 in cui il 1° e il 2° Fronte Ucraino attaccano le forze tedesche presso il saliente di Cherkassy nel tentativo di intrappolare e distruggere le forze nemiche.

Red Army Resurgent

Versione “allargata” dello scenario “Operation Uranus”, giocato su una mappa più grande e con una durata maggiore, dal 19 novembre 1942 al 17 marzo 1943, per un totale di 17 turni. Lo scenario si apre con l’offensiva sovietica a Stalingrado. Le forze tedesche dovranno cercare di arginare la marea sovietica e stabilizzare il fronte per non perdere il terreno conquistato nell’offensiva estiva del 1942.

Decision in the Ukraine

Interessante scenario della durata di 32 turni che copre uno dei periodi centrali della guerra, dal 24 settembre del  ’43 al 4 maggio del ’44. Ambientato in Ucraina, dove in quel periodo erano concentrate l’80% delle forze corrazzate tedesche, lo scenario si apre con le forze tedesche arroccate lungo il fiume Dneper mentre quelle sovietiche lanciano offensive lungo tutto il fronte. Il giocatore tedesco dovrà limitare gli sfondamenti e rallentare l’avanzata dell’armata rossa sfruttando le difese naturali.

Retreat from Leningrad

Lo scenario ricostruisce l’offensiva sovietica volta alla distruzione del Gruppo Armate Nord nell’estate del ’44. Lo scenario dura 28 turni, dal 22 giugno del 1944 fino al 3 gennaio 1945 e vede ovviamente i tedeschi sulla difensiva. Per quanto molto interessante da un punto di vista storico, la situazione disperata delle forze tedesche del periodo e l’enorme squilibrio delle forze in campo a vantaggio dei russi rendono lo scenario decisamente a senso unico dall’inizio alla fine.

Drama on the Danube

E’ lo scenario principale che da il nome all’espansione.  Copre quasi un anno di guerra, dal 20 agosto del ‘43 al 5 maggio del ’44 per un totale di 37 turni ed è giocato sulla parte meridionale della mappa di WITE, da Odessa a Vienna. I sovietici sono ovviamente all’offensiva e dovranno velocemente dilagare in Ungheria tentando di costringere alla resa le forze ungheresi e rumene, alleate dell’Asse. Per contro, le forze tedesche dovranno cercare di arginare la marea rossa sfruttando il più possibile le difese naturali offerte dal terreno a proprio vantaggio.

Come potete vedere, c’è materiale per accontentare tutti: da scenari molto veloci della durata di pochi turni ad alcuni che coprono quasi un anno di guerra.

Pages: 1 2