1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

CMAK Nord Africa - Dario vs Ciampo - partita a round progressivi

Discussione in 'Combat Mission' iniziata da Dario I, 19 Luglio 2014.

  1. Dario I

    Dario I

    Registrato:
    4 Luglio 2009
    Messaggi:
    220
    Località:
    Cologno M.
    Ratings:
    +28
    Dopo varie prove con questo regolamento decidiamo di fare sul serio.
    Questa volta ci affronteremo nel deserto nordafricano e si parte con una battaglia d'incontro tra una pattuglia di Australiani e una di "mangiaspaghetti" in una mattina di dicembre del '40.

    Iniziamo quindi con un ME da 300 p.ti su mappa small.

    I miei cangurini hanno ricevuto l'ordine di catturare una piccola e rara altura, già oggetto di bombardamento, nei pressi di un villaggio sul confine libico e di posizionarvi un cannoncino anticarro.
    La pattuglia si compone di un plotone di regolari comandati dal Tenente Fulham e preceduti da una pattuglia di carri tipo VIB; leggeri ma veloci.
    Questi avanzano velocemente trovandosi sulla cresta a pochi metri da un carro leggero italiano.
    na40001.jpg
    Immediatamente viene aperto il fuoco con i pezzi a 12mm che colpiscono i sebatoi del leggero italiano facendolo esplodere.
    I fanti vengono fatti accelerare per occupare la collina , ora sotto il controllo dei blindati australiani ma ecco in arrivo altri 2 carri armati nemici.
    Fulham schiera il cannone subito dietro all'altura per proteggersi da eventuali manovre aggirandi di questi e contemporaneamente fa avanzare il suo unico fucile AT per scoraggiare l'avanzata dei veicoli italiani.
    La fanteria nemica ha intanto raggiunto la cima ma solo per ritrovarsi falciata dal fuoco concentrato dei fucili e delle mitragliatrici dei blindati.
    Dopo aver subito forti perdite gli italiani si ritirano.
    na40002.jpg
    Fulham fa ora avanzare il suo cannoncino fino alla cima e da lì può ora bersagliare anche i carri che cercano di proteggere i fanti in fuga.
    na40003.jpg
    La collina è presa. Gli italiani subiscono una sconfitta totale (vittoria di 4° livello) e sono costretti a ritirarsi.

    Con questa vittoria segno il mio primo punto. La prossima sarà un altro Meeting Engagment da 700 punti e ambientato nell' aprile del '41.
    Essendo in svantaggio di un punto, a Ciampo spetterà un bonus del 10%
     
    • Like Like x 1
  2. Dario I

    Dario I

    Registrato:
    4 Luglio 2009
    Messaggi:
    220
    Località:
    Cologno M.
    Ratings:
    +28
    Gli Australiani sono rimasti sulle loro posizioni per 4 mesi ma ora la divisione ha ricevuto l'ordine di riprendere l'avanzata.
    La compagnia del capitano Doyle è tra le prime a muoversi. La sua missione è avanzare e prendere il controllo di un piccolo altipiano.
    Dopo di che dovrebbero fortificarsi e mettere in batteria un paio di cannoncini AT che portano con loro.
    Doyle è preceduto da un plotone di blindati da esplorazione di tipo IVB e sono questi i primi che raggiungono la cresta dell'altura.
    Con loro grande sorpresa dall'altra parte si stanno avvicinando dei blindati tedeschi, evidentemente con lo stesso obiettivo.
    na4m41005.jpg FASE1.jpg
    I blindati aprono immediatamente il fuoco e il capitano Doyle comprende subito che è necessario schierarsi.
    Il primo plotone comincia ad arrampicarsi sull'altura mentre il terzo, sul fianco sinistro, avanza verso una zona rocciosa.
    I due cannoni vengono portati sulla cima di una cresta e piazzati in mezzo alle rocce. Nell'operazione però vengono individuati e bersagliati con armi pesanti. Un colpo fortunato centra il serbatoio di un camion incendiandolo. L'altro camion si ritira. I cannoni sono però ormai piazzati ma dalla loro posizione non dominano l'altipiano.
    na4m41012.jpg
    Doyle decide di mandare avanti, sulla destra, la "mascotte" della compagnia: un carro armato M13 italiano che è stato trovato abbandonato nel deserto e che i suoi uomini hanno rimesso in funzione.
    na4m41006.jpg
    L'M13 avanza per qualche decina di metri ma poi intravede una carro armato tedesco che avanza e preferisce ritirarsi.
    Anche il 3° plotone è sotto il tiro dei corazzati nemici; ora se ne contano almeno 3.
    I blindati non possono competere con dei veri carri armati e cercano riparo dietro le dune.
    Fortunatamente i plotoni sono dotati di fucili anticarro e i veicoli tedeschi più leggeri vengono penetrati abbastanza facilmente.
    La situazione si cristallizza. In campo aperto le fanterie vengono decimate ed entrambi hanno troppa paura di rischiare i loro carri.
    Doyle cerca allora un diversivo. I tre blindati vengono mandati al limite del campo di battaglia, a sx, per aggirare la linea nemica.
    Sulla strada intercettano l'equipaggio di un halftrack nemico e lo neutralizzano. Intanto l'M13 avanza verso il centro ma viene subito neutralizzato da un carro tedesco appena mette fuori il naso.
    I tedeschi allora mandano un PzIII a contrastarli. Non c'è nessuna possibilità di ulteriore manova e gli australiani si ritirano.
    E' a questo punto che il mio avversario fa un errore. Probabilmente nel tentativo di prendere sul fianco i miei carri in ritirata, un secondo carro avanza verso il centro della mappa e finisce tra i mirini dei miei cannoni.
    FASE2.jpg na4m41013.jpg
    Alla fine i tedeschi controllano i punti chiave del campo di battaglia ma i danni subiti sono ingentissimi.

    na4m41011.jpg

    Il round termina in pareggio. La prossima si ripeterà quindi con un ME da 700 p.ti nell'aprile del '41 ma questa volta nel pomeriggio.
     
    • Like Like x 3
  3. Dario I

    Dario I

    Registrato:
    4 Luglio 2009
    Messaggi:
    220
    Località:
    Cologno M.
    Ratings:
    +28
    Il capitano Doyle si è ritrovato bloccato da un plotone di carri del DAK poco a sud di Bir-Al-Laspin.
    Dalla sua posizione però può controllare l'altipiano che ha di fronte con un paio di cannoni.
    La situazione in quel settore è perciò in stallo e servirebbero rinforzi per riprendere l'offensiva.
    Anche gli italo-tedeschi sono però in movimento e la ricognizione aerea ha avvistato una colonna nemica anche a nord di quella posizione.
    Il battaglione rischia quindi di venire accerchiato e si rende necessaria una contro-manovra per la conquista del massiccio "Crapott", più a nord.
    Il "crapott" è una collinetta che domina una vasta pianura e un lungo tratto della carovaniera per il mare , ornata inoltre da un piccolo villaggio di posta.
    Viene assemblato un plotone di regolari completamente motorizzato, requisendo veicoli da tutte le compagnie, e viene rinforzato da una batteria di 4 cannoni AT da 47mm e un obice da 18 PDR.
    L'obiettivo principale del plotone è un vecchio ufficio postale dotato, pare, anche di pozzo per l'acqua.
    Nel pomeriggio la forza "Q" australiana arriva in vista del villaggio trovando una colonna nemica che lo sta a sua volta occupando.
    I cannoni AT vengono immediatamente piazzati su un piccolo altipiano e da lì iniziano a bersagliare gli halftrak nemici mentre sono ancora carichi di fanteria.
    fase1.jpg na4m41015.jpg
    Il plotone si divide su due colonne: una punta direttamente sull'obiettivo mentre una seconda si porta ai piedi del "Crapott".
    Le squadre si dispongono velocemente a formare una linea difensiva ma l'avanzata è stata tanto rapida da averli portati fuori dall'ombrello difensivo della caccia britannica e ora, senza nessuna altra arma antiaerea, il rombo di un aereo è sinonimo di guai.
    Un CR.42 italiano infatti li bombarda prorio mentre corrono fuori dai veicoli verso le case. Fortunatamente lo sgancio è "corto" e i bersagli riescono a cavarsela.
    na4m41016.jpg na4m41017.jpg
    Il pilota però ha notato nelle retrovie nemiche 2 cannoni ancora attacati ai loro traini che stanno prendendo posizione su una piccola altura a sud-est del villaggio. Questa volta le sue mitragliatrici non perdonano e cannoni e veicoli vengono crivellati di colpi.
    na4m41019.jpg
    Intorno all'obiettivo principale, intanto, i Tommy's si sono ritrovati a sparare a bruciapelo ai passeggeri degli halftrack tedeschi appena distrutti dai cannoni e ancora storditi, provocandone una strage.
    na4m41018.jpg
    Entro 10 minuti gli australiani dominano la situazione ma i tedeschi hanno una seconda ondata che, nel mentre , è avanzata dietro al "Crapott" e adesso lo occupa, dominando l'intera zona.
    fase2.jpg
    Da lì infatti iniziano a bombardare i cannoni nemici, prima con i mortai poi piazzando in linea 2 cannoni anticarro.
    Gli alleati non hanno altre forze. I carrier si precipitano verso le retrovie per spostare velocemente i cannoni al sicuro , ma nel far questo si espongono al micidiale tiro incrociato di cannoni e fucili AT delle forze dell'asse che li decimano.
    La fanteria tedesca ora ha un'intero nuovo plotone col quale avanza giù dalla collina e casa per casa scaccia le troppo sparpagliate squadre alleate, lasciando solo il gruppo di comando e la squadra a difesa dell'ufficio postale come ultime forze combattenti di fanteria ancora in campo.
    na4m41020.jpg
    Intanto i carrier superstiti sono riusciti a riposizionare i cannoni che ora, a 20 minuti dall'inizio dello scontro, riescono a riprendere il fuoco. A farne le spese è un camion e qualche capra ma l'effetto sul morale nemico deve essere comunque sensibile.
    Al 25° minuto le parti concordano entrambe un cessate il fuoco che lascia, alla fine ancora un leggero vantaggio per gli alleati.

    Il gioco termina assegnando una vittoria marginale agli alleati ma è da considerare onestamente almeno come pareggio se non come leggera vittoria per l'asse. Comunque sia il prossimo round sarà un "probe" alleato da 800 punti (+10% per l'asse) ambientato nel maggio del 41'
     
    • Like Like x 2
  4. Dario I

    Dario I

    Registrato:
    4 Luglio 2009
    Messaggi:
    220
    Località:
    Cologno M.
    Ratings:
    +28
    Maggio '41

    La forza "Q" del battaglione "Koala" ha subito notevoli perdite nello scontro di aprile.
    I tedeschi hanno potuto ritirarsi con una certa tranquillità sapendo di avere di fronte delle forze ancora numerose ma dalla mobilità assai ridotta, viste le perdite tra i veicoli.
    Il pozzo, oggetto della battaglia, si è rivelato essere solo una cisterna secca.
    La divisione non vuole perdere il contatto con il nemico e ordina al battaglione di iniziare un inseguimento appena possibile.
    Servono due settimane per riorganizzare una compagnia e metterla in condizione di muoversi.
    Il contatto avviene presso una zona rocciosa posizionata tra due piccoli palmeti.
    I tedeschi hanno già occupato la zona ma non hanno ancora preparato alcuna fortificazione.
    Gli Australiani rilevano la presenza di carri armati, contro i quali non hanno assolutamente nessuna difesa.
    Per fortuna viene in loro soccorso una compagnia di carri del "Royal Philarmonic Tank Brigade" del contingente britannico.
    Fase1.jpg
    La fanteria inizia ad avanzare di primo mattino, con una scarsa visibilità ma anche con un clima più fresco, puntando al palmeto di sinistra. Nella convinzione di trovare il grosso delle forze nemiche al centro, in mezzo alle rocce.
    NA541-002.jpg
    Mentre il secondo plotone punta dritto verso il palmeto, il primo plotone viene bersagliato dal fuoco di una mitragliatrice piazzata dietro una palma solitaria subito a sinistra della zona rocciosa.
    Il mitragliere solitario blocca l'avanzata per parecchi minuti, ma l'intervento di un plotone di carri Cruise lo costringe alla resa.
    NA541-003.jpg
    Gli altri carri si sono intanto portati cautamente avanti fino ad occupare delle posizioni che permettessero di controllare l'intera mappa e permettere la rapida concentrazione del fuoco sulla zona centrale.
    NA541-004.jpg
    A sinistra i Cruise avanzano oltre le palme ma si beccano una cannonata sul muso, fortunatamente non fatale, che li costringe alla retromarcia. 2 Panzer III sono infatti in agguato dietro una piccola duna.
    A questo punto il 3°plotone si porta al centro e avanza verso l'obiettivo principale scortato da 3 carri d'appoggio.
    Un carro tedesco risale la duna per portarsi a tiro della fanteria che avanza ma si trova faccia a faccia con un carro inglese puntato dal lato opposto. A quella distanza conta solo avere il grilletto più veloce dell'avversario. Il Panzer viene trapassato al primo colpo e l'equipaggio è costretto ad abbandonarlo.
    NA541-005.jpg Fase2.jpg
    Il 3° plotone ha raggiunto le rocce e il 1° si sta spostando a destra per appoggiarlo. Si scopre così che la fanteria a difesa dell'obiettivo era molto scarsa; un plotone al massimo.
    NA541-006.jpg
    A questo punto tutti i carri scattano in avanti per intercattare il secondo carro nemico. Si imbattono invece nel grosso della fanteria tedesca che si sta evidentemente spostando verso il centro completamente allo scoperto.
    NA541-007.jpg NA541-009.jpg
    Dopo 25 minuti anche il 2° plotone è riuscito, con molte perdite, a raggiungere il palmeto in fondo alla mappa.
    La situazione per il tedesco è ormai compromessa e non gli rimane altro da fare che ritirarsi.
    NA541-008.jpg

    La partita finisce con una vittoria decisiva per gli alleati che comporta l'assegnazione di un secondo punto.
    Si ripartirà quindi con un meeting engagement da 1250 punti nell'agosto del '41. A Ciampo spetta ora un 25% in più di bonus rendendo la vita sempre più difficile ai soldati dell'ANZAC.
     
    • Like Like x 1
  5. ivaldi79

    ivaldi79

    Registrato:
    2 Aprile 2010
    Messaggi:
    1.785
    Ratings:
    +170
    Cool, ti seguo.
     
  6. Blind Sniper

    Blind Sniper

    Registrato:
    2 Febbraio 2009
    Messaggi:
    961
    Ratings:
    +20
    Sistema interessante :)
     
  7. cohimbra

    cohimbra Guest

    Ratings:
    +0
    • Informative Informative x 1
  8. Dario I

    Dario I

    Registrato:
    4 Luglio 2009
    Messaggi:
    220
    Località:
    Cologno M.
    Ratings:
    +28
    Purtroppo si è scontrato con lo stesso problema di Campaign: il gioco non restituisce nessun report di fine partita e il risultato delle battaglie viene inserito a mano, presumo inserendo le percentuali di vittoria.
    E' comunque un progetto estremamente interessante.
    Grazie per la segnalazione
     
  9. Dario I

    Dario I

    Registrato:
    4 Luglio 2009
    Messaggi:
    220
    Località:
    Cologno M.
    Ratings:
    +28
    In agosto le forze dell'asse, rinforzate da cospicui rinforzi, hanno ricominciato a manovrare nel teatro cirenaico.
    Una colonna in particolare si spinge nel cuore del deserto sfruttando le ore notturne e quelle ventose come copertura dalla ricognizione nemica.
    Quando viene alla fine individuata è la compagnia "Dingo" del contingente australiano la più vicina e a lei viene assegnato il compito di intercettarla ed arrestarla.
    1.jpg
    L'incontro avviene una mattina ventosa presso un bivio tra 2 strade secondarie, con una visibilità inferiore ai 200m, a causa della nebbia e della polvere.
    Il Capitano Maxfield individua una buona posizione da difendere nella zona rocciosa all'interno della biforcazione.
    La fanteria è accompagnata da alcuni cannoni e da 3 carri leggeri di tipo IV, che vengono usati da Maxfield per perlustrare il settore destro e individuare eventuali manovre nemiche da quel lato.
    La compagnia avanza a ventaglio per occupare le posizioni migliori dove piazzare i 2 pezzi di artiglieria anticarro e i 2 cannoni da 18 pnd. Ad agevolare la manovra "a cavallina" dell'artiglieria, che posiziona un pezzo alla volta mentre l'altro avanza, c'è anche un autocarro Portee.
    NWI1.jpg
    Per i primi 10 min. entrambi gli schieramenti si sono mossi con cautela in mezzo alla nebbia e Maxfield ne ha approfittato per sistemare i suoi cannoni il piu avanti possibile. Ma al 12° minuto un carro leggero tedesco (un Pz IIc) si lancia in un raid solitario, aggirando la sinistra Australiana e piombando nelle sue retrovie.
    Sfortunatamente per lui, arrivato dietro la destra nemica, si è ritrovato sotto tiro di svariati cannoni e fucili AT che non gli hanno lasciato il tempo di prendere abbastanza bene la mira...
    2.jpg NWI2.jpg
    In contemporanea, sulla destra, una squadra del 3° plotone ha occupato due capanne in posizione avanzata e i carri leggeri avanzano lentamente ingaggiando uno scambio di colpi con un nido di mitragliatrici nascoste in un palmeto.
    3.jpg
    Al centro, nella zona degli obiettivi, la situazione è cristallizzata. I tedeschi hanno 2 carri leggeri più alcuni halftrak che costringono i fanti australiani al riparo delle rocce. Contemporaneamente i cannoni AT scoraggiano questi dall'avvicinarsi.
    Interviene l'artiglieria e i mortai per entrambi gli schieramenti ma i risultati sono scarsi.
    4.jpg NWI3.jpg NWI4.jpg
    Intanto, verso il 20° minuto, la sinistra tedesca inizia una una offensiva con almeno un plotone supportato da 2 carri medi.
    Uno dei carri avanza verso i carri leggeri alleati e li costringe ad una prudente retromarcia.
    Le altre forze travolgono le due squadre nelle capanne che vengono annientate mentre cercano di ritirarsi.
    Ma dopo pochi metri è schierato, tra le rocce, il resto del 3° plotone con un cannone da 18 pnd.
    Maxfield decide che il lato destro, con il 18, il portee e con un paio di fucili AT è abbastanza difeso e sposta l'altro cannone AT sulla sinistra. Questo si piazza appena in tempo per bersagliare 2 carri leggeri che tentano un secondo raid nelle retrovie al 34° minuto.
    45.jpg NWI5.jpg
    Un carro viene fermato mentre l'altro continua la sua corsa finendo alle spalle della destra australiana. Purtroppo per lui lì ci sono ancora abbastanza bocche da fuoco e, proprio negli ultimi secondi del 38° e ultimo minuto, il Portee lu perfora e lo distrugge.
    5.jpg 6.jpg

    Nonostante le perdite in mezzi Ciampo ha mantenuto il controllo dell'obiettivo principale e questo ha pareggiato il conto finale. Il prossimo round si ripeterà con le stesse modalità ma al pomeriggio.
     
  10. ivaldi79

    ivaldi79

    Registrato:
    2 Aprile 2010
    Messaggi:
    1.785
    Ratings:
    +170
    Bello , è un peccato che non ci stanno qualche unità italiane.
     
  11. Dario I

    Dario I

    Registrato:
    4 Luglio 2009
    Messaggi:
    220
    Località:
    Cologno M.
    Ratings:
    +28
    Per quello devi lamentarti con Ciampo :rolleyes:
     
  12. Dario I

    Dario I

    Registrato:
    4 Luglio 2009
    Messaggi:
    220
    Località:
    Cologno M.
    Ratings:
    +28
    Agosto '41 - pomeriggio - ME 1250 p.ti (+25% all'asse)

    Man mano che arrivano i rapporti dalla compagnia "Dingo", i comandanti australiani si rendono conto di avere a che fare con avanguardie di una forza corazzata che cercano punti deboli lungo il fronte. A tutte le pattuglie viene quindi ordinato di fortificarsi dove si trovano e resistere fino all'arrivo di rinforzi.
    Il Capitano Arnott, comandante della compagnia "Echidna", si trova in quel momento poco più a sud della compagnia "D" e sta scortando una colonna di artiglieria.
    Il suo veicolo esplorante avvista con buon anticipo l'arrivo della colonna nemica e i cannoni vengono piazzati giusto in tempo.
    L'obiettivo principale da conquistare è un gruppo di rocce dal quale si controlla il bivio tra due strade.
    FN_026.jpg FN_027.jpg
    I tedeschi si lanciano subito all'assalto a bordo dei loro halftrack ma li aspetta una brutta sorpresa: nascosti nei palmeti vi è una serie di cannoni di vario calibro che distruggono in pochi secondi 2 trasporti e un carro armato.
    Nonostante questo una squadra di uomini con il loro comandante riesce a raggiungere le rocce. NA00.jpg
    Un secondo plotone di carri PzIII, intanto, avanza sulla sinistra e prende il controllo di una piccola oasi. Quando però cercano di aggirarla sulla sinistra si trovano anche loro sotto tiro e perdono un carro.
    I tedeschi sono stati fermati e Arnott decide di avanzare per scacciare i crucchi dall'obiettivo, ma dalla distanza arriva un potente boato e le posizioni australiane vengono squassate dai colpi di un 88, piazzato su una collinetta all'estremità della mappa.
    NA01.jpg
    Arnott è sprovvisto di artiglieria di supporto e i piccoli mortai da 50mm in dotazione ai singoli plotoni non hanno gittata sufficiente.
    Il fuoco di controbatteria viene disturbato dai mortai e dal fuoco delle mitragliatrici nemiche che battono furiosamente le posizioni alleate.
    Arnott ha tenuto il primo plotone del sergente Stonemason come riserva insieme a due Portee, ma questo è caricato a bordo di autocarri; troppo lenti nel fuori strada. Vengono quindi fatti smontare e fatti rimontare su vari carrier, fatti confluire per lo scopo.
    Ora non rimane che assaltare la postazione nemica.
    NA02.jpg
    Il tiro dell'88 è rapido e preciso e miete molte vittime tra gli attaccanti, sia in mezzi che in uomini. Il numero e la polvere hanno però il sopravvento e la posizione viene travolta.
    FN_033.jpg FN_034.jpg
    I sopravvissuti non hanno il tempo di riposare. Fulminei, risalgono sui loro mezzi e si ritirano.
    Arnott è galvanizzato dall'azione. Riunisce i sopravvissuti e li integra con il secondo plotone.
    Lo scopo è quello di travolgere la piccola oasi alla sua destra ma lo aspetta una amara sorpresa: il palmeto è difeso da due plotoni rinforzati e ha alle spalle dei carri che ne impediscono l'aggiramento.
    Gli attaccanti vengono respinti ma riescono a ritirarsi tra le rocce.
    Nel mentre, anche l'ultimo dei difensori tedeschi si è arreso presso l'obiettivo principale e questo spinge il comandante dell'asse a trattare una tregua.
    NA03.jpg FN_041.jpg
    Alla fine la situazione risulta comunque leggermente vantaggiosa per gli alleati che si portano a casa una vittoria tattica.

    Nota: per regolamento il prossimo round avrebbe dovuto essere un attacco da 2000 punti ma ho voluto andare a memoria e mi sono sbagliato e ho impostato tutto come una vittoria marginale! La prossima sfida sarà quindi un "probe".
     
  13. Dario I

    Dario I

    Registrato:
    4 Luglio 2009
    Messaggi:
    220
    Località:
    Cologno M.
    Ratings:
    +28
    Settembre '41 - Mattino - Probe 1500 p.ti (+25% all'asse)

    Dopo il successo nella battaglia di agosto, il comando della 9°Divisione Australiana si convince di avere di fronte solo sbandati in rotta disordinata.
    Per sfruttare la situazione Viene fatto avanzare il battaglione del Maggiore Mascot verso un villaggio a sud di Bengazi.
    Il battaglione è completamente appiedato ed è appoggiato solo da un plotone di blindati Mk IV.
    Data la granitica convinzione di non potersi trovare di fronte niente più che qualche pattuglia in moto, il comando non ritiene necessario alcun supporto corazzato.
    Mascot riesce a farsi prestare 2 cannoncini AT trainati da carrier e un "portee" e può inoltre contare su 2 M13 italiani catturati nei giorni precedenti. La visibilità è limitata a 200 metri circa.
    t00.jpg CM001.jpg
    Mascot decide di impiegare la compagnia B nell'attacco frontale verso il centro del paese, accompagnata dagli M13 e i cannoni, mentre la compagnia A cercherà un punto debole sulla destra.
    Intanto la compagnia C del capitano Flagstaff, con l'appoggio dei Mk IV e del portee cercheranno di entrare nel villaggio da sinistra.
    La compagnia D rimarrà di riserva.
    Le cose si mettono male da subito. A 10 min. dall'inizio, un Mk IV finisce su una mina appena fuori dal villaggio e un secondo viene centrato da un colpo di AT e il suo equipaggio catturato.
    La compagnia C viene prima fermata da un paio di mitragliatrici e poi fatta bersaglio di un intenso fuoco di artiglieria che la costringerà ad arretrare.
    Ad un secondo tentativo si scoprirà la presenza di un bunker corazzato che fermerà definitivamente l'avanzata sulla sx.
    La compagnia B, intanto, arriva a contatto con il nemico, ma in campo aperto le perdite sono subito pesanti.
    Finalmente, coperti dai 2 M13, si riesce a conquistare alcune case periferiche ma uno dei due M13 finisce distrutto da una mina e la seconda linea difensiva è ben protetta da rocce, nidi di mitragliatrici, cannoni da 75 e un bunker corazzato.
    Grazie all'M13 superstite si riesce a silenziare il bunker, a distruggere un cannone e a danneggiare un paio di halftrak, riducendo un pò il volume di fuoco.
    Mascot ne approfitta lanciando la sua compagnia di riserva in appoggio alla compagnia B in un assalto al centro del paese.
    Si tenta anche di trasportare un cannoncino in prima linea ma la difesa è stratificata in una terza linea che massacra tutti gli attaccanti e supporta la resistenza dei difensori della seconda linea.
    CM009.jpg CM010.jpg
    I plotoni sulla destra troveranno solo un cannone isolato da distruggere, ma arrivati a contatto con la fanteria saranno facilmente respinti vista la mancanza di alcun riparo.
    T01.jpg
    Dopo più di 30 minuti di lotta gli "aussie" non controllano nessu punto obiettivo. Solo i danni inflitti riescono a contenere un pò la disfatta.

    La partita termina con una vittoria tattica (2° livello) per l'asse. Il prossimo round sarà quindi un probe dell'asse da 3000 punti.
     

Condividi questa Pagina