1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

[WITW] situazione disperata sulla linea gotica - Maie (alleati) vs Qwetry (asse) - lato asse

Discussione in 'War in the East' iniziata da qwetry, 16 Aprile 2016.

  1. qwetry

    qwetry

    Registrato:
    29 Giugno 2006
    Messaggi:
    6.691
    Località:
    Sud
    Ratings:
    +957
    24 novembre 1944
    svolgimento del turno dell'asse, parte II:

    Sono riuscito a presidiare il settore dal lago di Garda al confine svizzero, ma per arrivare a coprire fin dalle parti prossime al confine svizzero ho dovuto far marciare senza tregua per una settimana la 16-esima divisione panzergrenadier SS, il reggimento che ha percorso più strada è rimasto senza carburante, e i suoi uomini sono stremati come potete vedere dalla fatica (fatigue).
    Inoltre così a nord ho mandato anche una divisione panzergrenadier non SS, una divisione e un reggimento di fanteria tedesca.


    2016-04-21 20_05_44.png



    2016-04-21 20_08_27.png




    Più a sud, sugli appenni tosco-emiliani, ho ordinato un piccolo arretramento (dai due esagoni cerchiati in rosso) per accorciare il fronte così da aumentare la densità di uomini su questa che, maltempo permettendo, si spera possa diventare la linea difensiva invernale.


    2016-04-21 20_06_33.png





    Per chi si stesse chiedendo: "e gli aerei?"


    Ecco tutto ciò di cui dispone l'asse in Italia, ricognitori esclusi:


    2016-04-21 20_09_20.png


    un totale di 87 aerei tra Bf 109 G-14, Veltro, Fw 190 cacciabombardiere.

    L'unità da caccia che ha ottenuto i migliori risultati è il quarto squadrone del secondo gruppo caccia, con 6 vittorie.

    2016-04-21 20_09_46.png


    dei piloti attuali solo uno ha vittorie, anzi, una vittoria:


    2016-04-21 20_10_08.png


    La mortalità tra i piloti è altissima, ma penso sia anche colpa mia, sono molto più inesperto sulla parte aerea del gioco che su quella terrestre, ed essendoci così pochi aerei in questo scenario gli sto dedicando meno tempo di quel che dovrei, perchè: "che li gestica bene o male, che possono fare una quarantina di caccia contro 1600 aerei nemici?"


    Mi consolo guardando il sorriso di Alberto


    2016-04-21 20_10_55.png
     
    • Like Like x 2
    Ultima modifica: 22 Aprile 2016
  2. blizzard

    blizzard Moderator Membro dello Staff

    Registrato:
    13 Ottobre 2011
    Messaggi:
    4.123
    Ratings:
    +1.536
    Alberto non perde mai l'ottimismo (morale a/9) :D
    Come mai ha political 0 ? E' a rischio fucilazione?
     
  3. ronnybonny

    ronnybonny Moderator Membro dello Staff

    Registrato:
    6 Febbraio 2009
    Messaggi:
    3.306
    Località:
    Padova e Udine
    Ratings:
    +326
    Ma la mappa dello scenario a nord fino a dove si estende? Una volta preso il veneto gli alleati non avrebbero cercato di valicare le alpi per dilagare in Germania?
     
  4. qwetry

    qwetry

    Registrato:
    29 Giugno 2006
    Messaggi:
    6.691
    Località:
    Sud
    Ratings:
    +957
    1 dicembre 1944

    Le previsioni meteo del turno scorso probabilmente hanno detto il giusto, ma hanno sbagliato i tempi, quest'area spagnola di bassa pressione si sta muovendo più lentamente del previsto, non è ancora arrivata nel nord Italia:


    2016-04-22 08_42_47.png 2016-04-22 08_43_16.png


    Ciò è molto male pensando ai combattimenti, niente pioggia intensa, niente fango intenso, ma dalle Alpi fino alla dorsale adriatica è arrivato il freddo (cold), e ha provocato light snow in molti esagoni, quindi poteva andare ancora peggio, ma negli esagoni clear (terreno asciutto) è molto difficile difendersi per le esigue forze dell'asse.

    2016-04-22 08_49_22.png 2016-04-22 08_49_31.png





    Sono ben 5 le divisioni corazzate degli alleati che stanno provando ad aggirare da nord il lago di Garda, il nemico sembra stia compiendo il massimo sforzo per sfondare su questi rilievi alpini prima dell'arrivo dell'inverno, e in questa settimana ha guadagnato ancora terreno.



    2016-04-22 09_54_16.png



    2016-04-22 09_50_21.png







    Per rinforzare nel settore del Garda ho indebolito le posizioni più a sud tra La Spezia e Carpi, e il nemico ne ha approfittato, ha guadagnato altro terreno in questi giorni (il bollino indica dove si è combattuto, il colore del bollino indica chi ha attaccato, verde per gli alleati, se l'esagono dove si trova il bollino è di colore scuro sul rosso, cioè sotto controllo nemico, vuol dire che il nemico con l'attacco indicato dal bollino ha conquistato l'esagono)


    2016-04-22 09_54_22.png


    2016-04-22 09_50_48.png








    Francesi e americani dalle Alpi occidentali provano nuovamente a farsi strada verso Imperia, ma l'eroico reggimento tedesco dice nuovamente no, pur se in 3500 uomini contro 25000.


    2016-04-22 10_05_07.png


    2016-04-22 09_51_13.png





    In sintesi, senza pioggia, neve, fango, gli alleati riescono ad avanzare, e se il terreno è buono per mancanza di pioggia (clear) avanzano in modo facile.

    Le speranze per arrestare l'avanzata nemica sono rimandate ai prossimi giorni, quando secondo l'attuale previsione meteo arriverà finalmente nel nord Italia quella bassa pressione dalla Spagna, ma purtroppo sembra che il nord lombardo verrà colpito solo dai bordi di questa perturbazione.

    2016-04-22 08_43_05.png




    è il momento di fare la danza della pioggia


    non ne ho idea :lol:

    La mappa è limitata nel nord ad appena oltre il confine austriaco, e il giocatore alleato non ha interesse ad andare oltre Venezia perchè oltre non ci sono luoghi che se conquistati danno punti vittoria (indicati dalle bandierine).



    2016-04-22 10_22_47.png




    Penso che in realtà in questa situazione gli alleati avrebbero ignorato Milano per puntare dritto su Vienna, se così fosse questo è il limite degli scenari brevi, nella grande campagna Maie sarebbe stato libero di ignorare la Lombardia per andare verso Vienna.
     
    • Like Like x 1
    Ultima modifica: 22 Aprile 2016
  5. qwetry

    qwetry

    Registrato:
    29 Giugno 2006
    Messaggi:
    6.691
    Località:
    Sud
    Ratings:
    +957
    8 dicembre 1944

    E' arrivato il maltempo, quello serio, quello invernale, piogge intense in tutto il nord Italia, quasi assente l'attività aerea.


    Situazione meteorologica attuale:
    2016-04-23 00_46_15.png 2016-04-22 08_43_16.png

    Condizione del terreno
    2016-04-23 00_46_41.png
    2016-04-22 08_49_31.png



    Il fango intenso ovunque (marrone scuro nella precedente immagine) ha fatto crollare le capacità offensive alleate, che infatti in questi giorni non hanno attaccato da nessuna parte.
    Potete vedere nell'ultima immagine di questo post una stima della capacità offensiva nel numero a sinistra nel segnalino delle unità, per la gran parte è solo 1, mentre le capacità difensive sono inalterate o aumentate, impossibile per gli alleati attaccare in queste condizioni.

    E nei prossimi giorni secondo le previsioni le condizioni atmosferiche peggioreranno ulteriormente, si aggiungerà la neve sulle Alpi e sugli Appennini interessati dai combattimenti:

    2016-04-23 00_46_25.png





    In rosso il territorio occupato dagli alleati, in nero la neutrale Svizzera:
    2016-04-23 01_00_37.png

    I riquadri sono le direttive aeree ordinate, il ground support indicato nei pressi di Genova è sull'esagono dove è presente il quartier generale del gruppo d'armate C, vuol dire che i "bombardieri" (35 Fw 190 cacciabombardieri...) entreranno in azione come supporto aereo a discrezione di Albert Kesselring in tutto il fronte italiano. (si può assegnare a qualsiasi formazione dal corpo d'armata in su)


    Sono cominciati dei lavori di fortificazione lungo quella che probabilmente sarà l'ultima difesa prima di Milano:


    2016-04-23 01_01_52.png



    Nei lunghi e tranquilli giorni di freddo che verranno creerò unità di costruzione delle fortificazioni lungo tutta la linea rossa.





    Signori miei, sembra che la fase critica sia passata, due settimane di buon tempo in più e Clark avrebbe festeggiato il Natale a Milano, invece il fronte attuale dovrebbe mantenersi stabile fino alla primavera.

    Ma poi saranno cxxxi.

    EDIT: mi comunica il nemico che il gelo che arriverà al posto del fango potrebbe permettergli di tornare all'attacco senza dover aspettare la primavera, perchè la neve limita meno del fango le capacità dell'attaccante.
     
    • Like Like x 1
    Ultima modifica: 23 Aprile 2016
  6. qwetry

    qwetry

    Registrato:
    29 Giugno 2006
    Messaggi:
    6.691
    Località:
    Sud
    Ratings:
    +957
    15 dicembre 1944



    Questi giorni sono stati più freddi e meno piovosi, questo ha reso asciutti alcuni territori a oriente, dove il nemico ha attaccato e con successo, ha conquistato Mantova, Carpi, e Modena, mentre più a nord si trova ormai alle porte di Brescia:

    2016-04-24 01_34_13.png


    Le forze dell'asse hanno compiuto un limitato arretramento a sud, i due esagoni coi quadrati blu nella successiva immagine.
    Sono punti deboli dello schieramento gli esagoni cerchiati in rosso, solamente 5 di valore difensivo (il combat value è da considerare come "la capacità di occupare il terreno"), il motivo è che in quei due esagoni il terreno è asciutto, devo temere gli attacchi del nemico in questi punti.
    Nell'immediata prossimità del Po ci sono due punti della linea difensiva con solo 2 e 3 di CV difensivo, ma lì non c'è da preoccuparsi perchè in quei punti il terreno è diventato un acquitrino per la combinazione di Po e piogge intense, questo renderebbe inefficaci gli alleati in attacco.


    upload_2016-4-24_11-31-7.png



    Dovrei preoccuparmi per gli esagoni cerchiati in rosso, ma sono relativamente tranquillo, le condizioni meteorologiche stanno tornando a peggiorare, è in arrivo dal nord Europa una vasta area di bassa pressione che porterà nevicate consistenti e piogge intense.

    2016-04-24 01_39_03.png 2016-04-22 08_43_16.png


    Poi con Gennaio il tempo non potrà che peggiorare ulteriormente, il nemico dovrà arrestarsi.


    [​IMG]





    Invece a oriente il nemico non ha colto successi, un unico attacco, stroncato dall'italico vigore degli uomini sul vallo alpino:


    upload_2016-4-24_11-25-15.png





    Una buona notizia, è arrivata una nuova divisione di fanteria, la divisione "Italia" della RSI, è di qualità discreta (morale ed esperienza 65) e a pieno organico.



    2016-04-24 01_37_52.png
     
    • Like Like x 1
  7. Ransome

    Ransome

    Registrato:
    1 Giugno 2006
    Messaggi:
    97
    Località:
    Perugia
    Ratings:
    +35
    Io mi preoccuperei di avere un fronte troppo lungo e poco protetto da difese naturali. Capisco la necessità di tenere La Spezia, ma a parte questo una linea difensiva lungo il Taro ti avrebbe liberato unità e sarebbe risultata più difendibile. Scongiurando anche il rischio che il nemico possa tentare uno sfondamento dalle parti di Modena puntando sul Tirreno con la minaccia di tagliare fuori le tue forze schierate all'estremità meridionale del fronte.

    Magari potresti approfittare di questo periodo di calma per preparare una linea fortificata Parma - Rapallo dove ripiegare in caso di necessità.
     
    • Agree Agree x 1
  8. qwetry

    qwetry

    Registrato:
    29 Giugno 2006
    Messaggi:
    6.691
    Località:
    Sud
    Ratings:
    +957

    Hai ragione, ma preferisco essere ancora più prudente e preparare una linea ancora più arretrata, che usa il più settentrionale appennino ligure come difesa naturale invece del Taro:

    upload_2016-4-24_17-56-35.png





    Il problema è che non non solo non ho abbastanza punti amministrativi, ma neanche manodopera al momento, la preparazione di queste fortificazioni quindi procede al momento solo nelle quattro fortified zone che ho creato nei pressi di Milano.


    22 dicembre 1944

    Ovunque neve o fango, come da previsioni, ma gli alleati attaccano e vincono lo stesso pur se con un po' di fatica, il motivo è che anche se nevica intensamente, a terra non si è ancora accumulato uno strato di neve sufficiente (light snow per la maggior parte del nord Italia) per ostacolare sensibilmente gli attaccanti.


    2016-04-24 18_16_28.png
    Dove c'è l'esagono scuro e il bollino verde vuol dire che gli alleati hanno attaccato in quell'esagono vincendo, sloggiando il difensore, ma non hanno occupato l'esagono, e io ora nel mio turno ne ho ripreso il possesso mandando di nuovo forze in quella posizione.
    Se c'è il bollino e l'esagono è rosso invece è proprio passato sotto il controllo del nemico.





    Sopra il Po:
    2016-04-24 18_22_03.png


    Sotto il Po:
    2016-04-24 18_22_13.png


    Questa volta nelle immagini ho messo i valori delle fortificazioni negli esagoni, che è il numero in alto a sinistra in alcuni esagoni




    Dovrei già da ora ordinare un ripiegamento sul Taro?





    Il nemico sembra abbia problemi a rifornire le divisioni corazzate che hanno aggirato il Garda, sta impiegando circa 200 C-47 Dakota in missioni di rifornimento aereo, ho destinato l'aviazione da caccia repubblicana (35 caccia) a missioni di intercettazione di questi C-47

    2016-04-24 17_46_02.png
    (questa immagine la ho presa prima di fare il turno, quindi ci sono varchi che successivamente ho riempito, come nelle immagini precedenti)
     
    • Like Like x 1
    • Agree Agree x 1
  9. Ransome

    Ransome

    Registrato:
    1 Giugno 2006
    Messaggi:
    97
    Località:
    Perugia
    Ratings:
    +35
    In una situazione come questa credo la la strategia migliore sia quella del "terreno in cambio di tempo" il che significa ritardare il più possibile l'inevitabile avanzata del nemico resistendo ovunque ci sia una buona opportunità.

    In questa ottica, saltare una linea difensiva (in questo caso quella dell'Oglio - Taro) non ha molto senso, anche prechè quella più arretrata non ha migliori potenzialità. Regali solo terreno, che è l'unico bene che hai. Se con queste truppe riesci a resistere sull'Adda puoi farlo ugualmente sull'Oglio. Poi ripiegherai sull'Adda, guadagnando un po' di tempo. O no?
     
    • Agree Agree x 1
    • Useful Useful x 1
  10. qwetry

    qwetry

    Registrato:
    29 Giugno 2006
    Messaggi:
    6.691
    Località:
    Sud
    Ratings:
    +957
    Grazie per il consiglio, non pensavo all'equivalenza terreno=tempo, proverò a resistere su ogni metro quadro di terreno.



    29 dicembre 1944
    Gli alleati avanzano ancora sia da est che da nord-est del Garda, prendono Brescia, addirittura quasi tagliano fuori la quarta divisione fallschirmjaeger e un reggimento di fanteria da montagna, ma anche se a fatica, entrambe le unità riescono ad arretrare quel che appena basta per sottrarsi all'accerchiamento.

    2016-04-24 19_40_32.png
    (l'immagine l'ho presa prima di spostare di un esagono a sud-est le due unità)



    L'avanzata nemica di questi giorni:


    2016-04-26 11_49_27.png




    Le forze dell'asse sono sempre più logorate, esauste, mancano rifornimenti, mancano rimpiazzi, manca il carburante, si fa quel che si può per rallentare il nemico, ma la lotta sembra essere sempre più impari; manca tutto tranne il valore.

    Per come logorate le forze dell'asse ci sono esagoni pianeggianti che, pur avendo 3 unità in quell'esagono, hanno CV difensivo complessivo che non va oltre 1 (cerchio rosso).



    2016-04-26 11_50_06.png
    2016-04-26 11_50_14.png




    Si può sperare solo nel maltempo, che si passi come condizione del terreno dall'attuale snow a heavy snow.
    E' previsto un peggioramento per i prossimi giorni, ma potrebbe non essere sufficiente, le forze dell'asse sono così logorate, e il fronte è così esteso e carente di difese naturali, che il suo mantenimento stabile mi sembra poco probabile per quanto tremende le condizioni atmosferiche possano diventare.
     
    • Like Like x 1
  11. Daniel Morrison

    Daniel Morrison

    Registrato:
    15 Settembre 2008
    Messaggi:
    1.368
    Ratings:
    +162
    Temo che la situazione sia definitivamente compromessa. Se il meteo non verrà in tuo soccorso, l'alleato potrebbe dilagare in un paio di turni.
     
  12. qwetry

    qwetry

    Registrato:
    29 Giugno 2006
    Messaggi:
    6.691
    Località:
    Sud
    Ratings:
    +957

    e neanche questa settimana il meteo è venuto in mio soccorso :(

    5 gennaio 1945

    Quasi ovunque c'è neve (terreno snow), ma non ci sono state precipitazioni (hanno sbagliato i meteorologi...), quindi nessuna possibilità che si passi a heavy snow il prossimo turno, nel quale però tornerà a nevicare secondo le previsioni, quindi posso nutrire un minimo di speranza (heavy snow potrebbe bloccare il nemico per tutto l'inverno)

    Gli alleati attaccano vicino l'Oglio poco a sud di Brescia, inizialmente mettono in difficoltà i tedeschi, che sembrano sul punto di perdere la sponda orientale, ma riescono a tenere le posizioni(i 3 esagoni neri a sud di Brescia) anche grazie a un riuscito contrattacco locale contro la punta avanzata nemica, costituita dalla sesta divisione corazzata sudafricana.

    Ah che soddisfazione poter vedere ogni tanto un bollino nero col bordo rosso


    2016-04-28 08_59_47.png


    2016-04-28 09_15_22.png








    Ripiegamento tedesco a sud, si abbandona la gotica occidentale per ritirarsi sul Taro, l'avanzata alleata dalle parti di Reggio Emilia ha messo a rischio aggiramento le forze dell'asse presenti in quel che rimane della gotica.
    Parma essendo sulla sponda orientale del Taro viene lasciata indifesa.


    2016-04-28 09_11_00.png





    A occidente I francesi vengono tenuti a fatica, non ci sono abbastanza truppe per coprire tutte le alpi occidentali.


    2016-04-28 09_11_33.png
     
    • Like Like x 1
    Ultima modifica: 28 Aprile 2016
  13. qwetry

    qwetry

    Registrato:
    29 Giugno 2006
    Messaggi:
    6.691
    Località:
    Sud
    Ratings:
    +957
    12 gennaio 1945
    (turno dell'Asse non ancora svolto)


    Gli alleati attaccano ovunque e riescono ad avanzare subendo sempre meno perdite dei difensori, il fronte si è avvicinato di altre 10 miglia a Milano, ma non è la notizia peggiore di oggi, notate l'esagono chiaro circondato da esagoni rossi a ovest di Mantova:

    2016-04-29 20_32_38.png





    In questa immagine complessiva si può vedere che in quell'esagono chiaro sono rimaste insaccate unità italotedesche:


    2016-04-29 20_35_59.png




    E qui si vede nel dettaglio:

    upload_2016-4-29_20-41-3.png




    La brigata SS italiana attualmente è praticamente fuori combattimento per quanto è logorata (ed è addirittura totalmente senza rifornimenti), ma stando un po' nelle retrovie potrebbe teoricamente tornare in buona forma, l'organico lo ha ancora per 2/3, ma è talmente logorata che allo stato attuale solo il 13% dell'organico è operativo.


    2016-04-29 20_37_48.png




    Poi c'è un reggimento di fanteria da montagna ancora ben efficiente per le condizioni dell'Asse nel 1945:


    2016-04-29 20_37_55.png




    Ma la perdita veramente intollerabile sarebbe questa, la mitica prima divisione Fallschirmjaeger!!!


    2016-04-29 20_38_03.png



    E insieme ai paracadutisti rischiano una brutta fine anche i due battaglioni heavy panzerjaeger (anticarro) e la brigata Stug a essi aggregati (in realtà di Stug in tutta quella brigata ne rimangono solo 3, mentre il 525° battaglione anticarro dei 45 Nashorn che dovrebbe avere ne ha solamente 2, ma nel 590° battaglione ci sono ancora ben 24 88mm anticarro:


    2016-04-29 20_57_39.png



    ha nevicato in questi giorni, ma non abbastanza da avere "heavy snow" nel terreno per penalizzare ulteriormente l'attaccante (ora c'è "snow"), la prossima settimana dovrebbe nevicare ancora, ormai solo nel peggioramento del meteo per avere "heavy snow" posso sperare.

    Ancora non ho fatto il turno, valuterò se posso spostare quel poco di meccanizzato che è rimasto per contrattaccare, per provare a salvare dalla prigionia i preziosi paracadutisti tedeschi, ma dubito fortemente di avere i numeri sufficienti per tentare un azzardo simile.

    oppure il piano B... ecco la 710° divisione di fanteria tedesca che dall'Istria sta marciando gaiamente da est verso ovest, la settimana scorsa l'alto comando ne ha permesso lo scongelamento dal presidiare in Istria, questa divisione coglierà alle spalle l'intera armata di Clark salvando l'Italia dalla catastrofe... peccato che non è ancora arrivata a Venezia che già si è dovuta fermare di fronte a una divisione corazzata americana



    2016-04-29 21_13_58.png
     
    • Like Like x 2
  14. qwetry

    qwetry

    Registrato:
    29 Giugno 2006
    Messaggi:
    6.691
    Località:
    Sud
    Ratings:
    +957
    12 gennaio 1945
    turno dell'Asse

    il punto debole dell'anello alleato intorno agli accerchiati della prima divisione fallschirmjaeger è costituito dalla sesta divisione corazzata sudafricana, che è stata già sconfitta pochi giorni fa da un contrattacco tedesco, perdendo 35 carri su 139 (in questo post http://www.netwargamingitalia.net/f...wetry-asse-lato-asse.28854/page-2#post-430802 ) , e ora rieccola e con 212 carri, lo strapotere della capacità industriale degli alleati.


    Ma ha preso di nuovo "legnate", e questa volta ha perso ben 65 AFV, i tedeschi perdono invece 7 marder III e 6 stug IIIg.
    Merito sopratutto del contributo ricevuto dalla sedicesima divisione SS panzergrenadier, e dalla quarta fallschirmjaeger, le principali unità che coordinate con gli accerchiati hanno attaccato il punto più occidentale dell'anello, rompendolo.



    2016-04-30 19_31_04.png
    2016-04-30 19_39_05.png



    Purtroppo la prima divisione Fallschirmjaeger è ancora a un passo dall'accerchiamento, perchè è stata impegnata nel contrattacco per avere il tempo di ritirarsi, ma almeno per il momento ha un corridoio libero da cui passano i rifornimenti.

    Se gli alleati permetteranno, nei prossimi giorni questi paracadutisti della prima divisione si ritireranno dal quel rischiosissimo saliente.


    2016-04-30 20_05_02.png


    Ho effettuato un piccolo ripiegamento a sud, per portarsi dietro il Taro.


    E' tutto un gran casino, vedo punti deboli ovunque, rischio di pagare caro questo tentativo di salvataggio che ha reso meno omogenea la distribuzione delle forze dell'asse.
     
    • Like Like x 1
    Ultima modifica: 30 Aprile 2016
  15. qwetry

    qwetry

    Registrato:
    29 Giugno 2006
    Messaggi:
    6.691
    Località:
    Sud
    Ratings:
    +957
    19 gennaio 1945

    La prima Fallschirmajeger è riuscita ad arretrare di 10 miglia, ed è ancora rifornita, ma è ancora in grave pericolo perchè il nemico è penetrato in profondità poco più a nord fin alle porte di Lodi (freccia rossa), e sembra stia tentando una manovra a tenaglia tra Piacenza e Lodi per far fuori ben più della prima Fallschirmjaeger.

    upload_2016-5-1_18-16-48.png

    upload_2016-5-1_18-18-27.png



    la posizione della prima Fallschirmjaeger (che è insieme a un reggimento di alpini tedeschi, e la brigata SS italiana) è indicata dalla freccia gialla

    Ha continuato a nevicare, ma niente heavy snow, comincio a temere che la condizione heavy snow non possa verificarsi in Italia, ma solo in nazioni di maggiore latitudine.
    Comunque, la prossima settimana nevicherà ancora, quindi voglio essere ancora speranzoso.

    Situazione apparentemente definitivamente consolidata sulle Alpi occidentali:

    2016-05-01 18_22_57.png




    Sulle Alpi orientali invece la 710-esima divisione di fanteria tedesca, che aveva marciato verso ovest dall'Istria, ha preso sonore bastonate, due reggimenti su tre messi in rotta.
    Il nemico aveva mantenuto forze in Veneto destinate a ultimare la conquista del nord-est, non ha dovuto spostare forze dalle formazioni destinate alla spinta verso Milano, quindi il tentativo di diminuire la pressione su Milano con un'avanzata in Veneto è fallito.


    2016-05-01 18_24_07.png
     
    • Like Like x 1
  16. qwetry

    qwetry

    Registrato:
    29 Giugno 2006
    Messaggi:
    6.691
    Località:
    Sud
    Ratings:
    +957


    ed esattamente così è andata:


    26 gennaio 1945


    2016-05-04 09_28_36.png




    Gli alleati attaccano tra Lodi e Piacenza, avanzano su due lati e insaccano queste unità italotedesche:



    2016-05-04 09_30_18.png



    e tra queste il pezzo pregiato è la sedicesima panzergrenadier SS, oltre alla prima fallschirmjaeger precedentemente da me più volte nominata.



    2016-05-04 09_30_45.png




    Sono cerchiate in rosso le 6 unità dell'Asse accerchiate:


    2016-05-04 09_28_20.png



    è cerchiato in azzurro il luogo dove è avvenuto l'ultimo contrattacco dell'asse, un disperato tentativo di salvare gli accerchiati, ogni uomo in grado di attaccare nel raggio di decine di chilometri è stato mandato all'attacco, ancora contro la sesta divisione corazzata sudafricana, ma questa volta ha vinto lei, troppo pochi i tedeschi in grado di attaccare (la miglior attaccante è stata la 29-esima panzergrenadier, avente solo il 40% dell'organico).
    Con la forza della disperazione i tedeschi hanno attaccato più volte quella posizione, ma è stato tutto vano, e si è risolto con perdite molto maggiori rispetto ai sudafricani, questa volta non hanno mollato la posizione.
    Questo vano attacco ha reso ancora peggiore la situazione per la difesa di Milano, tuttavia non si poteva fare altrimenti, l'onore ha imposto questo sussulto finale per provare a salvare quei 45mila uomini di valore, con cui si sarebbe potuto provare a resistere fino alla primavera.

    Tutto è perduto, ma non l'onore.



    Ho compiuto un arretramento generale sull'Adda, dove i lavori di fortificazione intrapresi un mese fa sono già a buon punto.
     
    • Like Like x 1
    Ultima modifica: 4 Maggio 2016
  17. blizzard

    blizzard Moderator Membro dello Staff

    Registrato:
    13 Ottobre 2011
    Messaggi:
    4.123
    Ratings:
    +1.536
    L'Adda? ;)
     
  18. qwetry

    qwetry

    Registrato:
    29 Giugno 2006
    Messaggi:
    6.691
    Località:
    Sud
    Ratings:
    +957
    Esatto :D sono scarso nella geografia del nord Italia, e iniziando entrambi con "Ad" ecco l'errore macroscopico.
     
  19. qwetry

    qwetry

    Registrato:
    29 Giugno 2006
    Messaggi:
    6.691
    Località:
    Sud
    Ratings:
    +957
    2 febbraio 1945


    Gli alleati attaccano le 6 unità tedesche insaccate a est di Lodi e Piacenza:


    [​IMG]


    Il settore meridionale della sacca si arrende quasi subito, le truppe erano esauste e rimaste senza un colpo, finisce così la prima divisione fallschirmjaeger, che da settimane marciava verso ovest cercando di essere più veloce dell'avanzata del nemico, ma non è riuscita a non rimanere indietro.


    nella parte nord della sacca, dove si trova la sedicesima SS panzergrenadier, si resiste al primo attacco nemico:


    2.png


    ma niente si può contro il secondo:


    1.png



    tenuto conto dei combattimenti dei giorni scorsi l'Asse perde con questa sacca poco meno di 45mila uomini, la gran parte finiti prigionieri di guerra nelle mani alleate, queste truppe erano rimaste senza munizioni, erano logoratissime e con gravi carenze di rifornimenti da ancora prima che rimanessero accerchiate, di più da loro non ci si poteva aspettare.

    torniamo al fronte principale:

    Il nemico guadagna ancora terreno con relativa facilità, quasi sfonda sulla linea dell'Adda, proprio nel punto più vicino a Milano, ha messo in fuga i due reggimenti tedeschi che difendevano questo settore, ma l'arrivo di rinforzi ha impedito al nemico di occupare la posizione.


    3.png

    4.png




    La battaglia per Milano si avvicina, e non ci sarà alcun intervento dell'arcivescovo, si combatterà casa per casa.

    buona parte degli uomini a sud (sull'appennino ligure in particolare) stanno venendo spostati più nord, per lo scontro finale.



    5.png
     
    • Like Like x 1
  20. blizzard

    blizzard Moderator Membro dello Staff

    Registrato:
    13 Ottobre 2011
    Messaggi:
    4.123
    Ratings:
    +1.536
    Non vedo i partigiani, non sono previsti nello scenario? Ho letto sul forum di WITW che in Francia ci sono.
     

Condividi questa Pagina