1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

WitW - Operation Torch

Discussione in 'War in the East' iniziata da GeorgePatton, 28 Gennaio 2016.

  1. GeorgePatton

    GeorgePatton

    Registrato:
    26 Marzo 2006
    Messaggi:
    4.144
    Località:
    Svizzera
    Ratings:
    +529
    Turno 19 - 16 marzo 1943

    Mentre, sia a nord che al confine libico tunisino, attendo di ammassare e rinforzare la linea del fronte, proprio sul confine, presso Jebel Tebaga, faccio un attacco di assaggio, giusto per vedere cosa mi trovo di fronte.

    8. Army - turno 19.JPG

    8. Army - turno 19b.JPG

    In entrambi i casi l'attacco viene respinto. Non mi aspettavo molto di più onestamente. Vediamo una volta che tutte le unità che stanno sopraggiungendo saranno in linea cosa riuscirò a fare.
     
  2. GeorgePatton

    GeorgePatton

    Registrato:
    26 Marzo 2006
    Messaggi:
    4.144
    Località:
    Svizzera
    Ratings:
    +529
    Turno 24 - 23 marzo 1943

    La situazione è sostanzialmente quella di uno stallo. Le forze italo-tedesche si stanno difendendo con i denti e mi impediscono di sfondare.
    Gli unici progressi sono stati ottenuti ad ovest di El Guettar dove, grazie all'arrivo della 9. US Inf Div dall'Algeria ed a due brigate corazzate britanniche distaccate dal XXX. BR Corps dell'8. Armata (rinforzate da un reggimento di fanteria francese), la linea del fronte è avanzata di una ventina di chilometri.
    L'intenzione è ovviamente quella di insidiare le retrovie della linea italo-tedesca tra lo Jebel Tebaga ed il mare, costringendo le forze nemiche o a retrocedere per evitare l'accerchiamento o a distogliere forze da li per rinforzare la linea del fronte ad ovest di El Guettar.

    El Guettar - turno 24.JPG

    Tunisia - turn 24.JPG
     
    Ultima modifica: 14 Febbraio 2016
  3. GeorgePatton

    GeorgePatton

    Registrato:
    26 Marzo 2006
    Messaggi:
    4.144
    Località:
    Svizzera
    Ratings:
    +529
    Turno 25 - 30 marzo 1943

    Ci vuole davvero molta pazienza e occorre trovare i punti in cui le difese nemiche sono meno forti. Combaciano spesso con la presenza di unità dell'esercito italiano, ma non è una regola.

    Piccoli progressi a nord, circa all'altezza di Tunisi, dove il II Corpo USA riesce a costringere un reggimento tedesco della 15. Panzer ad abbandonare le proprie posizioni.

    Turn 25 - Tunisi.JPG

    Anche al centro, nei pressi di Kasserine, si registrano dei lievi progressi. Un reggimento della divisione italiana Centauro è costretto a sloggiare. Non mi restano poi abbastanza punti per occupare la posizione lasciata libera e quindi è possibile che gli italiani rioccuperanno le loro postazioni il prossimo turno, come già accaduto due turni fa.

    Turn 25 - Kasserine.JPG

    A Jebel Tebaga, finalmente, avviene uno sfondamento lungo la costa che costringe la linea italo-tedesca ad indietreggiare completamente.

    Turn 25 - Jebel Tebaga.JPG
     
  4. GeorgePatton

    GeorgePatton

    Registrato:
    26 Marzo 2006
    Messaggi:
    4.144
    Località:
    Svizzera
    Ratings:
    +529
    Turno 26 - 4 maggio 1943

    (ps: sorry, mi sono accorto, nei precedenti turni, di aver scritto sempre marzo quando invece ero in aprile)

    Le difese italo-tedesche a Jebel Tebaga sembrano sul punto di crollare. In questo turno doppia offensiva e doppia ritirata delle forze nemiche. Per evitare di rimanere circondate lungo la costa, il comando nemico dovrà ripiegare allungando la propria linea difensiva.
    Ritengo che per coprire il fronte di El-Guettar, alcune unità nemiche siano state spostate da Jebel Tebaga, proprio come speravo.

    Turn 26 - Jebel Tebaga.JPG Turn 26 - Jebel Tebaga (2).JPG

    A Kasserine, come previsto, il reggimento corazzato italiano ha rioccupato le proprie posizioni ma è stato costretto a sloggiare ancora, questa volta con perdite piuttosto gravi, che lo hanno costretto a ritirarsi nelle retrovie. Ho quindi mandato avanti il reggimento di fanteria francese per evitare che il fronte nemico si ricompattasse nuovamente.

    Turn 26 - Kasserine.JPG
     
    • Like Like x 1
  5. GeorgePatton

    GeorgePatton

    Registrato:
    26 Marzo 2006
    Messaggi:
    4.144
    Località:
    Svizzera
    Ratings:
    +529
    Eccomi giunto al termine dello scenario. Direi che non è andata bene, non essendo riuscito ad occupare la Tunisia ed a sconfiggere le armate dell'Asse.
    Prima di passare alle mie considerazioni eccovi qualche screen sull'andamento degli ultimi turni e sul risultato e lo schieramento finale.

    Dal turno 28 ha iniziato a sgretolarsi la linea del fronte italo-tedesca a Jebel Tebaga e nei pressi di Kasserine, attaccando però sempre soprattutto contro le posizioni difese dalle forze italiane. Ma un crollo vero e proprio non c'è mai stato e così le mie truppe sono riuscite ad avanzare lentamente.

    Turn 28 - Jebel Tebaga.JPG Turn 28 - Kasserine.JPG

    A nord, poi, non c'è stato proprio verso di sfondare. Nonostante, in alcuni miei tentativi, la superiorità numerica di uomini e mezzi fosse davvero schiacciante, le posizioni difensive delle forze nemiche sono risultate inespugnabili.

    Ad un certo punto è sembrato che la 4. Brigata corazzata britannica fosse riuscita a sfondare ad ovest di Sfax, ma un violento contrattacco tedesco l'ha poi fatta a pezzi.

    Turn 31 - South Tunisia.JPG

    Si è continuato così, tra miei tentativi di sfondamento a nord puntualmente respinti e piccoli passi a sud che, però, allo scadere del 38° turno hanno decretato il mio fallimento nella conduzione della campagna.

    Questi sono gli schieramenti a fine scenario:

    End Map 1.JPG

    E, più in dettaglio:

    End Map North.JPG End Map South.JPG

    Con lo screen dei risultati:

    Axis MV.JPG

    VP.JPG
     
    • Like Like x 1
  6. GeorgePatton

    GeorgePatton

    Registrato:
    26 Marzo 2006
    Messaggi:
    4.144
    Località:
    Svizzera
    Ratings:
    +529
    Ed ora eccomi alle mie considerazioni sul gioco. O forse dovrei anche dire sullo scenario.

    Lo scenario in sé è interessante. Un aspetto della 2 WW che non avevo mai affrontato. Non so se le difficoltà che ho incontrato rispecchiano quelle incontrate realmente dalle forze alleate nel 1942/43 (fatte le dovute proporzioni ovviamente), però ho trovato maledettamente difficile riuscire a sfondare, nonostante , a volte, mi trovassi in nettissima superiorità di uomini e mezzi.

    La componente aerea non si è rivelata per nulla determinante. Questo, però, lo imputo allo scenario. Non è che gli anglo-americani avessero a disposizione centinaia e centinaia di aerei come succederà poi, soprattutto, nel nord Europa nel 1944.

    Altra limitazione dello scenario è proprio lo scenario stesso, nel senso che non è che si possano inventare strategie o direttive di avanzata differenti da quanto successo storicamente.

    Ma lo scopo di questo scenario, ovvero l’approfondimento della gestione della componente aerea e la gestione delle risorse delle unità terrestri, ritengo sia raggiunto in pieno. E’ davvero molto utile per fare pratica su questi due aspetti, anche se poi, quando si passerà alla campagna 1943-1944 le cose si faranno di certo decisamente più complicate.

    A conti fatti direi che il gioco mi ha convinto. A differenza di WitE ritengo si sia fatto più di un passo avanti, a cominciare dalla grafica, senz’altro più piacevole. Ma anche la componente aerea, se gestita con passione, può diventare davvero interessante. Il dubbio che rimane, dopo questo scenario in cui non aveva molto peso, è quanto possa davvero influire sull’andamento della campagna.
     
    • Like Like x 3

Condividi questa Pagina