1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

[WITW] Campagna 1945 - maie (Alleati) vs Daniel Morrison (Asse)

Discussione in 'War in the East' iniziata da maie, 31 Ottobre 2016.

  1. maie

    maie

    Registrato:
    18 Luglio 2007
    Messaggi:
    5.377
    Ratings:
    +676
    Turno 12 - Mar 3 1945

    Overview

    In Italia il nemico abbandona la linea dell'Adige a rischio accerchiamento, e sembra voler difendere il Trentino e le unità sul lato lombardo del lago di Garda. Nel frattempo, alcune altre unità si ritirano oltre il Piave.

    1.jpg

    In Germania, nei pressi di Stoccarda dove sono riuscito a sfondare il turno precedente, il mio avversario non si ritira ma cerca di tappare la falla. Tuttavia, ad una prima occhiata sembra che lo schermo di unità sia molto debole.
    Discorso simile a Sud della Ruhr: il nemico preferisce tentare di difendere le posizioni piuttosto che ritirarsi su una linea più arretrata.

    Air Planning

    In Italia bombardamenti sulla linea difensiva del Garda, mentre la 15th US Air Force cambia obiettivo e si dirige su Norimberga e le sue fabbriche di Panther.

    La 9th US Air Force si concentra sull'area di Stoccarda, mentre la 2nd RAF Tactical Air Force bombarderà a Sud della Ruhr per agevolare l'avanzata.
    A livello strategico, confermo le missioni su Lipsia e aggiungo nuove missioni su Kassel.

    2.jpg

    Risultati quasi ovunque eccellenti, un po' meno in Italia. Perdite in calo rispetto al turno precedente (circa 900 aerei persi), nonostante le sortite in aumento.

    Ground Movement

    Italia.

    Nel Nord-Ovest conquisto Genova ed elimino il reggimento di fanteria tedesco (circa 3'500 uomini) isolato a Piacenza, mentre l'avanzata dalle Alpi prosegue lenta. La divisione americana che aveva liberato Milano il turno precedente, occupa Como e Lecco, isolando definitivamente il Nord-Ovest dal Reich.

    Nel Nord-Est per prima cosa anniento le unità accerchiate a Padova: si arrendono due divisioni e un reggimento di fanteria per un totale di 15'000 uomini.
    L'attacco alla linea difensiva del Trentino richiede truppe specializzate: sono in arrivo dalla Lombardia la 10th US Mountain Div e la 43rd BR Gurkha Bde. Per il momento lancio quindi solo un attacco.
    Le divisioni corazzate, che sulle montagne sarebbero quasi inutili, vengono indirizzate alla conquista del Veneto: tra Venezia e Treviso riesco a isolare nuovamente il nemico che ora si trova con una divisione di fanteria, una da montagna e una panzergrenadier insaccate e senza speranza di salvezza.

    Chissà se posso sfruttare il valico di Tarvisio per accedere all'Austria? La via per Bolzano è difficile...

    3.jpg

    Anche in questo turno però, le vere novità arrivano dal Sud della Germania.

    I risultati ottenuti lo scorso turno sono stati fondamentali per costruire una solida base di partenza da cui lanciare l'attacco finale contro il mio avversario. Lo schieramento nemico in questo settore è infatti molto debole e mi consente di sfruttare la grande concentrazione di truppe corazzate francesi e americane in questo settore.

    Per cominciare spazzo via la prima linea nemica. Liberato il terreno, le mie truppe corazzate sono libere di avanzare a tutta forza. Sviluppo quindi la mia azione in due direzioni: Nord e Sud.
    Avanzando a Nord, con l'aiuto della fanteria e di alcune unità di parà, riesco a chiudere una piccola sacca intorno a Mannheim e a Heidelberg in cui rimangono bloccate tre divisioni di fanteria e una divisione panzergrenadier.
    Avanzando verso Sud, invece, riesco prima a conquistare Stoccarda (indifesa) e poi a dilagare nel Baden. Le mie divisioni corazzate possono spingersi indisturbate fino al confine svizzero nei pressi del lago di Costanza: l'intero fronte Sud nemico è accerchiato!!
    Nella mega sacca ci sono una divisione e un reggimento corazzati, dieci divisioni e sette reggimenti di fanteria. Dubito che riesca a riprendersi da questo colpo, oltretutto non c'è alcuna linea difensiva arretrata e l'intera Germania meridionale è ormai a portata di mano.

    4.jpg

    Visti i recenti risultati, la 9th US Army (in viola sulla mappa), e cioè una delle armate corazzate che impiegavo a Nord, è immediatamente dislocata in questo settore così che possa darmi una mano a dilagare nelle retrovie nemiche.

    Nel Nord della Germania, continuo l'offensiva iniziata lo scorso turno a Sud della Ruhr. Ottengo delle vittorie importanti (e qualche sconfitta cocente) ma in sostanza i progressi sono più lenti che nella Germania meridionale.
    Qualche risultato anche in Olanda, dove riesco ad avanzare vicino Arnhem e in direzione di Amsterdam.

    5.jpg

    Prosegue nelle retrovie il dislocamento delle truppe che prenderanno parte all'operazione anfibia. La maggior parte delle unità si trova ora nel Regno Unito, dove il prossimo turno arriveranno anche le unità da sbarco dal Mediterraneo.
    Il Comando Supremo è sempre più scettico dell'utilità di questa operazione, ma tornare indietro a questo punto sembra altrettanto inutile.
    In totale ho riunito 7 divisioni di fanteria, una divisione e un reggimento di parà: queste unità sono raggruppate nella 15th US Army arrivata proprio questo turno.

    Ciao!
     
    • Like Like x 2
  2. maie

    maie

    Registrato:
    18 Luglio 2007
    Messaggi:
    5.377
    Ratings:
    +676
    Turno 13 - Mar 10 1945

    Overview

    L'accerchiamento nel Baden è un colpo mortale per il mio avversario come da lui stesso ammesso.
    La sacca di Mannheim-Heidelberg (più piccola, appena sopra quella del Baden) è stata riaperta in seguito ad un contrattacco nemico ma conto di richiuderla in questo turno.

    Diversi contrattacchi anche più a Nord, alcuni di successo e altri respinti ma nel complesso la linea tiene a questo tentativo nemico di recuperare.

    Situazione fluida in Italia, con il nemico in movimento verso l'Austria.

    1.jpg

    Air Planning

    Vortice di bassa pressione sulla Francia meridionale e l'Italia (ma non su Veneto e Trentino). Cielo sereno sulla Germania.
    Precipitazioni previste per il prossimo turno sul Nord Europa.

    Il maltempo blocca quindi le operazioni sui cieli italiani: Tactical Air Force e 15th US Air Force si riposeranno questo turno.

    Sulla Germania confermo le missioni di bombardamento strategico su Lipsia e Kassel. A livello tattico, la 2nd RAF Tactical continua a focalizzarsi sull'area di Colonia, mentre la 9th US Air Force darà una mano a richiudere la sacca di Mannheim-Heildelberg. Grandi missioni di ricognizione sono lanciate sulla Germania meridionale.

    Buoni risultati su tutti i fronti, con perdite elevate (circa 800 aerei). Le ricognizioni sembrano non individuare unità nel Sud della Germania..

    Ground Movement

    In Italia, liberati Piemonte e Lombardia, le unità convergono verso il Trentino e il Veneto.

    Registro pochi successi verso Trento (sto facendo arrivare le truppe montane), mentre avanzo con le unità corazzate verso Tarvisio: nell'avanzata conquisto Udine e isolo nuovamente alcune unità nemiche che erano riuscite a scappare all'accerchiamento del turno precedente.

    2.jpg

    In Germania meridionale, le mie numerose divisioni corazzate possono affondare liberamente nel territorio nemico (le ricognizioni aeree avevano visto bene: nessuna linea difensiva nemica): nell'avanzata conquisto Ulm, Augsburg e il pezzo forte, Monaco. Sono vicinissimo anche a Norimberga.

    Nel mentre l'armata francese inizia a ripulire la sacca del Baden: non si arrende ancora nessuna unità, visti comunque i livelli di fortificazione, ma finalmente dopo settimane riesco a fare breccia nella linea nemica. Se il nemico si ritira per tentare di fuggire dalla sacca (impossibile viste le distanze) è la fine per lui, la sua migliore opzione ora è stare fermo e farmi penare per costringerlo alla resa.

    Richiudo anche la sacca, più piccola, di Mannheim-Heildelberg.

    3.jpg

    Nel Nord della Germania faccio meno progressi. Lancio qualche attacco nei punti deboli dello schieramento nemico ma nessuna grossa offensiva è in corso.

    Sto pensando di rimuovere anche l'ultimo corpo corazzato (britannico) rimasto nel Nord per inviarlo a Sud dove potrebbe essere più utile in questo momento in cui il nemico è scoperto.

    4.jpg

    Data di lancio per l'operazione anfibia prevista tra tre settimane e cioè nel pieno delle piogge primaverili (ma se voglio dare una spallata aggiuntiva al nemico e arrivare a Berlino prima dei sovietici non ho altra scelta).

    Ciao!
     
    • Like Like x 2
    Ultima modifica: 14 Gennaio 2017
  3. maie

    maie

    Registrato:
    18 Luglio 2007
    Messaggi:
    5.377
    Ratings:
    +676
    Turno 14 - Mar 17 1945

    Overview

    L'Armata Rossa ha conquistato Vienna. A Nord i Sovietici sono fermi a Neusalz, non hanno ancora raggiunto l'Oder e la Pomerania e la Curlandia rimangono ancora in mano tedesca.

    Sul mio fronte registro solo un contrattacco (fallito) nei pressi di Colonia. Le due sacche nel Sud della Germania rimangono saldamente sigillate, mentre sembrerebbe che il nemico abbia cominciato a togliere unità dalla linea principale franco-belga per inviarle a difendere il cuore del Reich, minacciato dalla mia avanzata a Sud. Tuttavia non è ben chiaro quale percorso segua la nuova linea difensiva.

    La morsa si stringe su Berlino.

    1.jpg

    Air Planning

    La primavera sta arrivando e piove abbondantemente su tutta Europa, trasformando il terreno in una distesa di fango.

    Di conseguenza, nessuna missione aerea sarà lanciata questa settimana. Riposo per tutti!

    Ground Movement

    Il fango renderà pressoché impossibile qualsiasi attacco, cercherò comunque di avanzare dove possibile.

    In Italia questa situazione si traduce nel movimento delle numerose (piccole) unità dal Nord Ovest al fronte del lago di Garda: a fine turno il trasferimento è ancora in atto e lontano da essere completato.
    In Veneto non sono in grado di annientare le due divisioni (una di fanteria e una da montagna) accerchiate, mentre verso Tarvisio la strada è bloccata da una divisione Panzergrenadier. Avanzo lentamente anche verso Trieste.

    2.jpg

    In Germania, nonostante il fango, decido di far avanzare le mie divisioni corazzate: i sovietici non devono arrivare a Berlino prima di me!

    Le mie due armate corazzate virano a Nord, compiendo una curva molto larga. Le punte più avanzate hanno raggiunto la Turingia e minacciano Francoforte alle spalle, mentre sul fianco mi avvicino alla Boemia. Norimberga, obiettivo simbolico, è stato conquistato.
    Stranamente, nessuna linea difensiva nemica viene individuata. Purtroppo la mia cecità dovuta all'impossibilità di lanciare missioni di ricognizioni aeree mi impedisce di sapere cosa si trova davanti a me. Tuttavia, l'assenza di linee difensive fino a questo punto espone l'intera linea avversaria all'aggiramento (in particolare nell'Assia).
    Che il Führer abbia dato il comando di resistere sul posto mentre si attende il contrattacco di Steiner?

    Ad ogni modo, ho deciso di non proseguire verso Salisburgo e il resto dell'Austria per il momento, mi basta aver conquistato Monaco. Non voglio disperdere le forze dall'obiettivo principale: Berlino.
    Lancio anche qualche attacco contro le truppe nemiche insaccate nel Wuerttemberg ma nella metà dei casi vengo respinto a causa del fango e anche dove ho successo il nemico si ritira senza arrendersi.

    Più a Nord tutto fermo, colgo quindi l'occasione per ritirare dalla prima linea l'unico corpo corazzato rimasto in zona (britannico), le cui unità sono ormai usurate oltre ogni limite: nessuna delle 6 unità che lo compongono supera il 35% di TOE con addirittura la 4a divisione corazzata canadese al 14%!

    In Olanda, un attacco in direzione Amsterdam viene respinto e un altro verso la Vestfalia invece ha successo.

    3.jpg

    Fra un paio di settimane sarò in grado di lanciare la mia operazione anfibia.
    Vi prenderà parte la 15th US Army che raggruppa due corpi d'armata e 7 divisioni e una brigata di fanteria, una divisione e un reggimento aviotrasportati. In totale 190'000 uomini, 2200 pezzi d'artiglieria e 250 mezzi corazzati.

    Ciao!
     
    • Like Like x 2
  4. auricaesar

    auricaesar

    Registrato:
    26 Luglio 2014
    Messaggi:
    1.521
    Ratings:
    +182
    Dove sbarcherai?
     
  5. maie

    maie

    Registrato:
    18 Luglio 2007
    Messaggi:
    5.377
    Ratings:
    +676
    Classified :D:D

    Scherzi a parte, sarebbe interessante sapere quali sono le vostre ipotesi e/o eventuali suggerimenti.

    Naturalmente ho già preso la decisione diversi turni fa e cambiare obiettivo ora è impossibile perché significherebbe spostare troppo in là la data di lancio.

    È stato, ed è, un AAR molto "unidirezionale": avanti con le vostre idee ;)
     
  6. GyJeX

    GyJeX

    Registrato:
    6 Dicembre 2005
    Messaggi:
    30.600
    Località:
    santu sezzidu in dommo
    Ratings:
    +9.106
    Beh, ormai hai vinto, potresti anche puntare dritto su Berlino, non hai più nulla davanti.
     
  7. maie

    maie

    Registrato:
    18 Luglio 2007
    Messaggi:
    5.377
    Ratings:
    +676
    Si l'idea è quella ;) anche perché non sembrano esserci linee difensive ben preparate. Certo devo stare attendo a non estendere troppo le mie linee di rifornimento, vista l'importanza del sistema logistico.

    Ad ogni modo sull'aver vinto, si forse moralmente. Tuttavia a livello di punteggio (che non ho mai postato, magari sta sera vi faccio vedere l'andamento delle varie voci che compongono il punteggio) sono molto sotto attualmente. Non ricordo se a fine partita vengono attribuiti punti per il possesso di determinate città e in quel caso la situazione cambierebbe di molto.

    Ciao
     
  8. maie

    maie

    Registrato:
    18 Luglio 2007
    Messaggi:
    5.377
    Ratings:
    +676
    Turno 15 - Mar 24 1945

    Overview

    Il nemico ha abbandonato Coblenza e si è ritirato in questo settore di circa 30 miglia. Inoltre, sembra che stia cercando di creare una linea difensiva a difesa dell'Assia per evitare un accerchiamento del suo intero fronte.

    Nel frattempo i sovietici hanno ripreso la loro offensiva in direzione Berlino e stanno avanzando sia al centro (hanno preso Francoforte sull'Oder) che a Sud della capitale del Reich.

    1.jpg

    Air Planning

    Piove ancora su tutta Europa. Nessuna operazione aerea per me.

    Ground Movement

    Il terreno è un pantano in ogni dove.

    In Italia, molto movimento nelle retrovie perché sto continuando a portare in prima linea tutte quelle unità che sono rimaste indietro nei turni precedenti.
    In Veneto rimangono ancora insaccate le due divisioni tedesche che spero di costringere alla resa il prossimo turno.
    Le mie divisioni corazzate proseguono la loro lenta avanzata verso Est: conquisto Trieste e l'Istria sembra indifesa, mentre il grosso delle unità mobili avanza verso l'Austria via Tarvisio, ma la strada è parzialmente sbarrata.

    2.jpg

    In Germania continuo a spingere le mie armate nel cuore del Reich e raggiungo Jena che dovrebbe condurmi a Berlino passando per Lipsia.
    Quella che sembrava essere una linea difensiva a sbarrare la strada per la capitale è in realtà solo un leggero schermo di poche unità che vengono prontamente aggirate.

    Finalmente i primi risultati dalla pulizia delle due sacche nel Wuerttemberg: si arrendono una divisione Panzergrenadier, una brigata panzer, due divisioni di fanteria e un reggimento Fallschirmjaeger, oltre a svariati reggimenti antiaerei nelle città conquistate. In totale il nemico ha perso 29'000 uomini e una trentina di mezzi corazzati.

    Tutto fermo lungo il fronte principale e ne approfitto quindi per spostare verso il Sud della Germania anche l'ultimo corpo corazzato (quello britannico) che era rimasto a Nord: dal prossimo turno si unirà alle altre unità corazzate verso Berlino.
    Anche la 1st Allied Airborne Army viene dirottata verso il Sud della Germania per dare una mano nell'avanzata ed eventualmente occuparsi di coprire il fianco e/o avanzare verso Praga.

    3.jpg

    Tutto pronto per l'operazione anfibia, si parte settimana prossima fango o non fango. È prevista pioggia ma non intensa e questo non dovrebbe quindi impedire ai miei aerei da trasporto di volare.

    È tutto per il momento.

    Ciao!
     
    • Like Like x 3
  9. maie

    maie

    Registrato:
    18 Luglio 2007
    Messaggi:
    5.377
    Ratings:
    +676
    Turno 16 - Mar 31 1945

    Overview

    Grande movimento da parte del nemico questo turno:
    • in Olanda ha abbandonato la linea del Reno e si ritira verso Amsterdam;
    • in Assia ha abbandonato Francoforte e il resto della regione, arretrando di 30-50 miglia in media;
    • in Turingia è comparsa una linea difensiva con le unità ritirate dall'Assia e, nel mentre, è riuscito ad accerchiarmi 4 divisioni corazzate. L'accerchiamento è ben lontano dall'essere ermeticamente chiuso e conto di riaprirlo senza problemi, ma non nascondo che tale mossa (che temevo) mi rallenterà nella mia avanzata verso Berlino;
    • qualche attacco viene registrato nei pressi di Colonia e in Italia, tutti respinti;
    L'Armata Rossa rimane ferma a Francoforte sull'Oder, mentre avanza velocemente lungo la costa baltica, raggiungendo Stettino. Il tempo stringe per me.
    La strada più breve per raggiungere Berlino passa tra Lipsia e Dresda, esponendo le mie armate corazzate ad attacchi nemici sul fianco sinistro.

    Il Comando Supremo ha dato l'ordine: questa settimana avverrà lo sbarco anfibio che mi consentirà di aprire un nuovo fronte contro la Germania. L'operazione è stata ribattezzata "Viking" e avverrà sulle coste danesi dello Jutland nei pressi di Esbjerg.

    1.jpg

    Air Planning

    Manco a dirlo, pioggia su tutta Europa. Oggi però si fa la storia e non è ammissibile che l'aviazione non prenda parte a questa pagina gloriosa che sto per scrivere!

    Cominciamo ovviamente dalla Danimarca. La 2nd RAF Tactical Air Force avrà un ruolo chiave: innanzitutto bombardare la zona dello sbarco, poi si occuperà di scandagliare l'intera base della penisola dello Jutland e, spingendosi oltre il confine pre-bellico, avrà il compito di bombardare railways e railyards allo scopo di rallentare l'affluenza delle unità nemiche e dei rifornimenti, oltre a controllare i cieli con missioni di superiority.
    Missioni di superiority anche per i caccia del RAF Fighter Command che hanno il compito di conquistare i cieli sopra le zone di sbarco. Il RAF Coastal Command, con missione di naval patrol, deve controllare l'intero tratto di mare tra il Friesland olandese e l'area di sbarco nello Jutland danese.
    Interverrà anche l'8th US Air Force con due missioni: innanzitutto bombarderà il porto danese di Sylt, 50 miglia a Sud dell'area dello sbarco, poi bombarderà i porti sulla costa tedesca del Mare del Nord. Bombardare i porti serve infatti a diminuire l'interdizione generata automatica da questi, così da garantire che le mie navi possano transitare in relativa sicurezza.
    In totale, in questa zona tra i Paesi Bassi e la Danimarca interverranno circa 5'000 aerei di tutti i tipi, oltre ovviamente alle centinaia di aerei da trasporto per i lanci aviotrasportati.

    Ma la pianificazione aerea non si limita alla Danimarca. La 9th US Air Force interverrà in forze sulla Turingia e in particolare sull'area dove il nemico ha isolato le mie divisioni corazzate. Missioni di ricognizione a lungo raggio verranno lanciate verso Berlino per accertarmi che la strada sia libera per le mie armate.

    La 15th US Air Force, di base in Italia, non sarà da meno e lancerà missioni di recon sulla Boemia e sull'Austria per verificare che non ci siano trappole nemiche pronte a scattare contro il fianco orientale delle mie armate corazzate in avanzata verso Berlino.
    La stessa 15th US Air Force e il RAF Bomber Command lanceranno anche una grande operazione di bombardamento sulla capitale nemica con 2'500 apparecchi, così da avvisare il Führer che stiamo arrivando.

    Operazione minore per la Tactical Air Force che bombarderà le posizioni nemiche a Tarvisio.

    2.jpg

    In totale vengono eseguite 38'500 sortite (è il secondo turno per numero di sortite dall'inizio della partita, nel turno 9 ne avevo lanciate 47'000) con 1'100 aerei persi.

    I risultati, vista la pioggia, sono abbastanza soddisfacenti. In Danimarca l'interdizione generata è poca, ma almeno non vengono identificate unità nemiche. L'interdizione sul mare è molto buona, anche perché i bombardamenti dei porti sono andati bene (Amburgo, Bremerhaven, Wilhelmshaven e altri porti minori distrutti completamente o quasi).
    La 9th US Air Force non riporta particolari successi sulla Turingia e i bombardamenti su Berlino non sono esattamente memorabili. La strada verso Berlino e la Boemia appaiono libere e senza unità nemiche. Risultati medi sull'area di Tarvisio.

    Ground Movement

    Cominciamo dall'Italia.
    Continua lo spostamento delle unità minori francesi, italiane e americane dal Piemonte alla Lombardia. Tutto fermo tra Veneto e Trentino: col fango non si passa!
    In Veneto finalmente costringo alla resa le due divisioni di fanteria nemiche isolate (quasi 20'000 uomini catturati). A Tarvisio, nonostante i successi dei bombardamenti, decido di non attaccare.

    Passiamo alla Germania meridionale.
    Continuo a ripulire la grande sacca nemica nel Wuerttemberg: il nemico perde altri 16'000 uomini.
    La 3rd US Army occupa quindi Francoforte e l'Assia, abbandonate dal nemico, mentre la 1st Allied Airborne Army avanza verso Schweinfurt per tappare il buco tra le mie armate di fanteria e quelle corazzate.

    3.jpg

    In Turingia, il corpo d'armata corazzato francese riapre l'accerchiamento in cui erano rimaste isolate 4 mie divisioni corazzate.
    Le mie mosse successive sono molto più caute rispetto agli ultimi turni, visto quanto accaduto e considerato il grande concentramento di unità nemiche nell'Assia settentrionale che minaccia il fianco occidentale della mia punta corazzata.
    Riaperto quindi l'accerchiamento, ne approfitto per ricompattare il mio fronte e nel farlo riesco anche ad accerchiare una divisione di fanteria nemica e due divisioni corazzate: la 2nd SS Panzer Div e la 2nd Panzer Div, ma quest'ultima riuscirà sicuramente a mettersi in salvo.

    Le altre unità corazzate avanzano verso Berlino ma faccio pochi progressi: il deposito più vicino si trova a Stoccarda, qualcosa come 150-170 miglia di distanza dalle mie avanguardie corazzate, ormai esauste e usurate oltre ogni limite.
    Le mie unità di riparazione ferroviaria sono tutte in zona e stanno lavorando al massimo ma comunque non hanno ancora recuperato il gap creatosi nei primi turni dello sfondamento.

    Andando più a Nord, sostanzialmente tutto fermo lungo il fronte tra Francoforte e la Ruhr.
    In Olanda invece, essendosi ritirato il nemico, posso procedere: conquisto Utrecht e Arnhem nell'avanzata.

    4.jpg

    Operazione "Viking"

    Capitolo a parte per l'operazione "Viking".

    Innanzitutto la scelta dell'obiettivo. C'è poco da dire a riguardo: il tratto costiero tra il Friesland e la base dello Jutland è impraticabile, eccetto in corrispondenza dei porti che però mi aspetto essere presidiati. L'altra alternativa era sbarcare in Olanda vicino Amsterdam, e cioè immediatamente dietro alla linea del fronte principale. Ma, a parte il fatto che visto come è andata (il nemico che si ritira in Olanda) avrei lanciato uno sbarco a vuoto, anche se avesse avuto successo non avrei guadagnato molto in termini di avvicinamento alla capitale tedesca. Sbarcando in Danimarca, posso approcciare Berlino da Nord-Ovest (benché la strada sia mooolto lunga) in un settore dove si spera che il nemico non riesca a far affluire abbastanza unità da fermarmi.

    Se quindi la scelta dell'obiettivo era quasi obbligata, veniamo alle principali vulnerabilità di questa scelta. La prima sicuramente è la scarsità di porti in Danimarca. Sbarcherò in una zona dove addirittura non ce ne sono proprio (e dovrò quindi far affidamento per almeno qualche turno sui porti temporanei che vengono creati in seguito a uno sbarco). Il porto più vicino è quello di Sylt (livello 1), circa 50 miglia a Sud dell'area di sbarco e che conto di conquistare al turno T+1.
    Seconda vulnerabilità: la distanza dalle mie basi aeree. Considerato anche il mal tempo, per i primi turni non potrò godere di supporto aereo molto efficace. Oltretutto gli aeroporti nella zona non sono tanti.
    Terza vulnerabilità: la conformazione del terreno. Se il nemico riesce a creare una linea di difesa alla base dello Jutland (40 miglia nel punto più stretto) in breve tempo potrei rimanere bloccato in Danimarca, vanificando parzialmente lo scopo dell'operazione. C'è da dire che le mie varie missioni aeree non hanno individuato grosse concentrazioni di truppe nemiche in zona, anzi non hanno identificato proprio nulla a essere sinceri (il che è difficile da interpretare), fatta eccezione per un'unità di consistenza non specificata a Flensburg, appena sotto il confine pre-bellico tra Danimarca e Germania.

    Ecco quindi uno snapshot del piano dell'Operazione "Viking":

    5.jpg

    I punti di sbarco sono tre e cioè il massimo consentitomi dal numero di Amphibious HQ disponibili in questo scenario. Sono contigui e due di questi potranno poi essere riforniti dallo stesso Amphibious HQ, lasciandone quindi uno libero che potrò utilizzare per eventuale supporto costiero alle mie unità in avanzata verso Sud.

    La prima ondata sarà costituita da due reggimenti di fanteria americani e una brigata indipendente di fanteria britannica (l'esperta 303rd BR Infantry Bde che in precedenza era sbarcata a Guernsey, una delle Channel Islands). Prima degli sbarchi anfibi avverranno i lanci aviotrasportati: i tre reggimenti della 13th US Airborne Div più il 517th Sep. US Parachute Rgt prenderanno terra a Nord e a Sud dell'area di sbarco, pronti a difendere le operazioni da reazioni nemiche inaspettate.

    A seguire raggiungeranno la Danimarca le restanti unità della 15th US Army: 5 divisioni di fanteria e gli altri 2+2 reggimenti di fanteria delle unità americane che compongono la prima ondata. In totale quasi 190'000 uomini, 2200 pezzi d'artiglieria e 270 mezzi corazzati di vario tipo.

    Si parte!

    Tutto procede liscio nell'attraversamento del Mare del Nord, a parte un paio di trasporti affondati a causa delle mine. Tutte le unità della 15th US Army hanno raggiunto la zona di sbarco e le unità parà sono state assegnate al lancio.
    Saprò come è andata solo all'apertura del prossimo turno.

    6.jpg

    Ciao!
     
    • Like Like x 4
  10. maie

    maie

    Registrato:
    18 Luglio 2007
    Messaggi:
    5.377
    Ratings:
    +676
    Turno 17 - Apr 7 1945

    Overview

    L'operazione "Viking" ha infine avuto inizio. Mentre nella notte tre reggimenti parà su quattro mancavano l'obiettivo, si presume per via del maltempo, nelle prime ore della mattina le mie truppe da sbarco prendevano terra sulle coste danesi indisturbate.
    Bene ma non benissimo, insomma.

    In Germania, il nemico prosegue la sua lenta ritirata dall'Assia mentre tenta di costruire una linea di resistenza contro le mie armate corazzate in avanzata verso Berlino (ora a 120 miglia di distanza, mentre i Sovietici sono ancora fermi sull'Oder a 50-60 miglia di distanza).

    In Italia, le forze tedesche tentano di aggirare la mia linea del lago di Garda avanzando con truppe alpine attraverso la Valtellina. Ma tra Como e Lecco ci sono le mie truppe da montagna francesi, pronte a reagire.

    1.jpg

    Air Planning

    Piove ancora su tutta Europa, ma per fortuna il terreno si trasforma da heavy mud a light mud con effetti positivi sui miei CV. Previste piogge intense per settimana prossima su Francia, Benelux, Germania e Danimarca.
    Decido di fare alcune modifiche alla mia pianificazione del turno precedente.

    Innanzitutto, decido di non bombardare più Berlino (direi che il Führer ha ricevuto il messaggio).
    La 8th US Air Force continuerà a bombardare i porti tedeschi sul mare del Nord e avrà l'importantissimo compito di generare interdizione su railyards e railways alla base dello Jutland. Stessa missione anche per il RAF Bomber Command.
    Il RAF Coastal Command continuerà le missioni di Naval Patrol sul Mare del Nord per assicurare il controllo dei mari e garantire l'afflusso di rifornimenti in Danimarca. Parte del RAF Fighter Command inizia a essere ridispiegato direttamente nella zona dello sbarco, così da garantire protezione da eventuali offensive aeree nemiche. La 2nd RAF Tactical Air Force dovrà bombardare la probabile posizione difensiva nemica alla base dello Jutland. Svariate missioni di superiority e night intruder sulla stessa area.
    Recon sull'estremità settentrionale dello Jutland per verificare la presenza di eventuali unità nemiche in zona.

    La 9th US Air Force continuerà invece a spianare la strada per le mie armate corazzate verso Berlino. In Italia, la Tactical Air Force prosegue con i bombardamenti sulla zona di Tarvisio, mentre la 15th US Air Force bombarderà le ferrovie del Tirolo che portano i rifornimenti alle unità tedesche ancora presenti in Trentino-Alto Adige.

    2.jpg

    I risultati sono molto buoni sull'area della Danimarca: interdizione molto elevata proprio sull'area che, come sospettavo, ospita già una linea di difesa nemica appena al di sotto del confine pre-bellico tra Danimarca e Germania.

    Risultati modesti dalla Germania centrale. La 9th US Air Force individua anche una linea difensiva sul fiume Elba, a protezione della capitale tedesca.
    In Italia, successo su Tarvisio, mentre i bombardamenti sul Tirolo sono stati un fiasco.

    Ground Movement

    In Danimarca, l'operazione Viking prosegue con la fase 2: dalla zona di sbarco mi muovo verso la Germania con il grosso della 15th US Army, mentre unità minori avanzano anche verso Nord (dove è stata individuata un'unità non identificata a Vyborg).
    La 13th US Airborne Division, che ha mancato l'obiettivo nel corso dello sbarco, si trova ora in Regno Unito a recuperare le forze.

    3.jpg

    In Italia, solidifico il fronte tra Como e il Lago di Garda, grazie all'arrivo delle unità alpine francesi.
    In Veneto, riesco poi ad avanzare in direzione Trento attaccando la divisione italiana Littorio, mentre a Tarvisio tento di aggirare la divisione tedesca che sbarra la strada ma il terreno non mi aiuta.

    Nel Wuerttemberg la resistenza delle numerose unità nemiche isolate crolla e riesco finalmente a ripulire la mega sacca: il nemico perde 95'000 uomini e 100 mezzi corazzati nell'accerchiamento.
    Due corpi d'armata americani (11 divisioni di fanteria) e due corpi francesi (8 divisioni di fanteria, 1 divisione e tre reggimenti da montagna) sono ora liberi di avanzare verso Berlino.

    La 3rd US Army di Patton continua a premere sulle unità nemiche che si ritirano dall'Assia. Il fronte è invece statico nel settore tra Colonia e la Ruhr, dove la resistenza nemica è ancora solida. In Olanda riesco ad avanzare e conquisto L'Aia e Rotterdam e sono ormai alla periferia di Amstedam che però è presidiata da unità nemiche.

    In Turingia, la 1st Allied Airborne Army avanza velocemente e presidia il fianco occidentale della mia avanzata verso Berlino. Le mie unità corazzate sono quindi libere di avanzare verso la capitale del Reich e, passando attraverso la linea difensiva nemica come un coltello nel burro, conquisto Lipsia e mi affaccio sull'Elba: sono ora a 80 miglia da Berlino.

    4.jpg

    La mia avanzata prosegue quindi con rinnovato vigore, ma le mie tre unità di riparazione ferroviaria faticano a stare dietro alle divisioni corazzate. Decido quindi di impiegare i miei aerei da trasporto per rifornire le unità dirette a Berlino, così che il prossimo turno possano lanciare una grande offensiva oltre l'Elba. I rifornimenti riescono ma il prezzo pagato è piuttosto elevato: 500 aerei da trasporto abbattuti.

    Ciao!
     
    • Like Like x 3
  11. maie

    maie

    Registrato:
    18 Luglio 2007
    Messaggi:
    5.377
    Ratings:
    +676
    Turno 18 - Apr 14 1945

    Overview

    Il mio avversario si ritira lentamente dall'Assia mentre cerca di fermare la mia avanzata verso Berlino costituendo una linea difensiva che però è lontana dall'essere completa e che soprattutto non ho alcuna intenzione di attaccare frontalmente.

    L'Armata Rossa è ancora ferma sull'Oder.

    Air Planning

    Piogge intense su tutta l'Europa centrale e il terreno si trasforma nuovamente in un pantano.
    Tutte le squadre resteranno quindi a terra.

    1.jpg

    Ground Movement

    In Italia, il mio avversario aveva tentato di aggirare la mia linea del Garda da Nord attraverso la Valtellina, ma il sopraggiungere delle mie unità francesi dal Piemonte lo ha costretto a ritirarsi verso Sondrio.
    In Istria conquisto anche Fiume mentre a Tarvisio le mie unità corazzate riescono finalmente a schiantare la resistenza della divisione Panzergrenadier che presidiava il valico: la strada per l'Austria è ora aperta, peccato che l'Armata Rossa abbia già conquistato Vienna diversi turni fa ormai.

    2.jpg

    In Danimarca prosegue l'operazione "Viking". Le mie unità, indisturbate avanzano verso la Germania e attraversano il confine indisturbate.
    Alcune unità vengono dirottate verso Nord e verso Est, per assicurarmi che il nemico non tenti colpi di mano contro i miei porti sul Mare del Nord.

    3.jpg

    Germania. Dopo aver ripulito la sacca del Wuerttemberg, la 1st FF Army e la 7th US Army sono ora libere di avanzare. I francesi, con le loro esperte truppe da montagna, si dirigono verso l'Austria: obiettivo Innsbruck e quindi l'assalto alle spalle delle unità tedesche ancora in Italia.
    La 7th US Army raggiungerà le mie armate corazzate dirette a Berlino e, possibilmente, tenterà di soffiare Praga all'Armata Rossa. Le unità corazzate britanniche cominciano anch'esse ad addentrarsi nel cuore della Germania.

    5.jpg

    La 3rd US Army di Patton continua l'inseguimento delle unità tedesche in ritirata dall'Assia, senza però essere in grado di ingaggiare battaglia a causa del fango. La 1st Allied Airborne Army continua l'importantissimo compito di proteggere il fianco occidentale delle mie armate occidentali, sfilando in direzione Nord-Est.
    Le divisioni corazzate, evitando accuratamente di attaccare il nemico, aggirano le posizioni difensive e oltrepassano indisturbate l'Elba: sono ora a 50 miglia da Berlino, appena 10 miglia in più della testa di ponte sovietica a Francoforte sull'Oder!
    Nuova operazione di rifornimento via aria: 350 aerei da trasporto persi.

    Tutto fermo come al solito tra Colonia e la Ruhr, dove non tento di attaccare la solida linea nemica.
    Movimento in Olanda: innanzitutto costringo alla resa un reggimento di fanteria tedesco che avevo isolato il turno precedente, poi avanzo verso Amsterdam che però risulta essere ben presidiata. Tento quindi un attacco lungo la costa ad Haarlem: ho successo e avanzo, minacciando Amsterdam di accerchiamento il prossimo turno (spero in una ritirata nemica dalla città).

    4.jpg

    Ciao!
     
    • Like Like x 2
  12. maie

    maie

    Registrato:
    18 Luglio 2007
    Messaggi:
    5.377
    Ratings:
    +676
    Turno 19 - Apr 21 1945

    FINE PARTITA

    L'Armata Rossa, con un poderoso balzo in avanti, conquista Berlino proprio quando mi mancava così poco.

    Il risultato finale è una patta (draw), qui il conteggio dei punti:

    1.jpg

    Queste le posizioni in Europa al termine della partita:

    6.jpg

    Ecco quindi l'andamento delle due voci che hanno principalmente inciso sul risultato finale, "other loss" (cioè le perdite non americane):

    2.jpg

    e le perdite americane:

    3.jpg

    Ecco quindi la situazione delle perdite a fine partita, ground losses:

    4.jpg

    Air losses:

    5.jpg

    I miei complimenti a @Daniel Morrison (che è ora il benvenuto in questa discussione) per la partita.

    La sua difesa sul Reno è stata ottima ed è qui che bisogna ricercare il perché del risultato finale: le perdite che ho subito per attraversare il Reno e sfondare la sua linea fortificata sono state troppo elevate a mio avviso. Probabilmente anziché tentare attacchi in più punti lungo la linea avrei dovuto decidermi fin da subito di attaccare in un solo settore, sfondare e quindi causare il crollo del resto del fronte (come infatti è successo alla fine) evitando un sacco di perdite inutili.
    C'è da dire che dei numeri delle perdite bisogna considerare che a inizio scenario vengono attribuiti 250'000 men disabled a gli Alleati e 230'000 men disabled all'Asse (da cui l'impennata del punteggio per le perdite nel primo turno dei grafici precedenti: -122 VP per US Loss e -180 VP per Other Loss al turno 1), ma la storia non cambia: ho usurato troppo le mie unità, devo lavorare sul controllo delle perdite!

    In Italia buona difesa da parte del mio avversario in particolare al termine della partita dove è riuscito a mantenere il controllo del Trentino-Alto Adige e probabilmente ci avrei impiegato diversi turni prima di riuscire a farlo sloggiare (tempo clear permettendo) visto che non mi sembrava intenzionato ad arrendersi in zona :D

    Rimango un forte sostenitore della necessità per gli Alleati di concentrare le unità corazzate in corpi d'armata e armate dedicate. Quando hanno operato insieme (lo sfondamento degli ultimi turni che mi ha portato a 50 miglia da Berlino) i miei corpi corazzati sono stati inarrestabili e soprattuto incontrollabili.

    Mi sto mangiando le mani per non aver pianificato con largo anticipo l'invasione della Danimarca, mi sarebbe piaciuto vedere come si sarebbe sviluppata l'invasione da Nord.

    Bella partita! Scenario molto divertente ;)

    Fatevi sotto con commenti, complimenti e soprattutto critiche :D

    Ciao!
     
    • Like Like x 3
  13. Daniel Morrison

    Daniel Morrison

    Registrato:
    15 Settembre 2008
    Messaggi:
    1.368
    Ratings:
    +162
    Gran bella partita, una sofferenza dall'inizio alla fine per me!
    La tua manovra a sud è stata decisiva, una bella trovata, senza di essa non so se il fronte sarebbe crollato in questo modo.


    In Italia molto male per me, sono riuscito a stabilizzare il fronte solo negli ultimi turni per una "inutile" difesa del Trentino.

    I miei complimenti a @maie avversario di prim ordine!
     
    • Like Like x 3
  14. Amadeus

    Amadeus

    Registrato:
    17 Febbraio 2006
    Messaggi:
    1.462
    Ratings:
    +552
    AAR molto interessante. Complimenti per i contenuti... e per l'ortografia! :)

    Più che commenti o critiche avrei un paio di domande, per te e per il tuo avversario.

    1) Ritieni che l'attuale motore di gioco di WitW riesca a simulare in maniera realistica le operazioni terrestri del secondo conflitto mondiale?

    2) Nell'implementare i tuoi piani, ti sei sentito libero di pianificare immedesimandoti nelle problematiche che le tue controparti storiche hanno dovuto affrontare o le peculiarità del motore di gioco ti hanno costretto a ragionare più in termini di regole di gioco che in termini concreti?

    P.S. Se lo ritieni opportuno, puoi differenziare le risposte in funzione dei livelli (tattico, operativo, strategico).
     
    • Like Like x 1
  15. qwetry

    qwetry

    Registrato:
    29 Giugno 2006
    Messaggi:
    6.691
    Località:
    Sud
    Ratings:
    +957
    Ultima modifica: 11 Febbraio 2017

Condividi questa Pagina