1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

Una storia tutta da scrivere: VARIE ED EVENTUALI

Discussione in 'Una storia tutta da raccontare' iniziata da Filippo I di S.G., 29 Gennaio 2012.

  1. Filippo I di S.G.

    Filippo I di S.G.

    Registrato:
    30 Marzo 2007
    Messaggi:
    2.573
    Località:
    Santa Giustina Bellunese
    Ratings:
    +0
    La nostra storia, come tante, inizia in una terra lontana lontana, nel tempo e nello spazio. In un mondo dove c’è ancora spazio per i sogni, e dove creature fantastiche e intelligenti coesistono ancora con l’uomo, che non le ha ancora sottomesse. No, dove è ambientata la nostra storia l’uomo non ha avuto la meglio sulla natura. Al più sui suoi simili, e infatti vi è, come spesso capita, un grande impero che la fa da padrone, facendo affidamento sulla forza delle proprie armi per imporre il suo dominio sulle popolazioni limitrofe, ma che, proprio a causa della forza e della sua prosperità, è spesso teatro di sanguinose guerre civili, che vedono il trono cambiare proprietario a seconda del vincitore.
    Attualmente, alla guida dell’Impero vi è Bodegoen III, soprannominato il Giusto per la sua benevolenza nel trattare con i sudditi e i vassalli, ma che a dispetto di questo è impegnato in un aspro conflitto contro Kaeser Ferrorovente, un temibile signore della guerra che, intenzionato ad ottenere il potere supremo, guida una ampia ribellione all’impero. La guerra dura ormai da quasi due anni, e, poco per volta, ha visto il prevalere delle forze ribelli.
    Kaeser, divenuto celebre fin da giovanissimo come geniale comandante di cavalleria, nonostante la forte disparità di forze iniziali, è ormai vicino alla vittoria: dopo aver sconfitto e sottomesso le armate imperiali che gli erano state mandate contro, marcia ora direttamente verso le province centrali dell’impero. Vista la minaccia incombente, Bodegoen è stato infine costretto a imporre tasse maggiori e una leva straordinaria, con l’intenzione di affrontare personalmente l’usurpatore, e di porre fine, in un modo o nell’altro, allo scontro.
    Spesso accade che i protagonisti delle storie facciano la loro comparsa a partire da una posizione marginale, rispetto ai grandi eventi che si stanno svolgendo. Ed è questo ciò che avviene anche con la nostra storia, che comincia ai margini orientali dell’Impero, nella montuosa provincia dello Xelenan.

    xelenan1.jpg

    [Dunque, immagino servirà qualche spiegazione. beh, ho deciso di avviare un mio esperimento: una sorta di libro-game in cui la storia si svilupperà progressivamente da sé. O, meglio, in cui gli eventi, i personaggi e lo stesso mondo in cui è ambientata potranno essere in parte determinati dalle intenzioni e dai commenti dei lettori, che con i loro commenti potranno alterare il progetto iniziale! Tra pochissimo i primi quesiti...]
     
  2. Filippo I di S.G.

    Filippo I di S.G.

    Registrato:
    30 Marzo 2007
    Messaggi:
    2.573
    Località:
    Santa Giustina Bellunese
    Ratings:
    +0
    [Per distinguere le varie sezioni di testo, riporterò in grigio come sopra la narrazione, in rosso i quesiti al lettore, e tra parentesi quadre i miei commenti/spiegazioni fuori dal testo]

    Dopo le tasse, anche la chiamata alle armi incombe sulle pacifiche popolazioni dello Xelenan. Saranno in tanti a essere coinvolti in prima persona, tra gli altri:
    • Ulfred Cuorebianco, di Rowotomi; è il figlio del capo del villaggio. Giovane e forte, è da tutti ritenuto il migliore cacciatore di Xelenan. Sono ovviamente tutti preoccupati dall'eventualità di una sua morte in guerra, visto che il suo temperamento lo porterebbe di sicuro in prima linea.
    • Mastor Guercio, di Berai; sebbene vanti degli avi illustri, la sua famiglia è caduta in disgrazia tempo addietro. Ora, con i genitori anziani, lavora duramente nella bottega del fabbro per pagare i debiti con gli avidi mercanti del paese. Ma il suo sogno è, ovviamente, andarsene.
    • Samus Occhioacuto, di Tabi; è un novizio del monastero locale, ma con forti dubbi sul proprio futuro. Ha scelto la religione perché desideroso di pace e tranquillità.
    • Aeria Donodelcielo, di Saala; è l'unica figlia femmina nella numerosa famiglia di Kargas, feudatario dell'Imperatore. Dei suoi quattro fratelli, tre sono già partiti da tempo, il quarto è ancora un bambino. A dispetto dei desideri del padre, la ragazza sogna di unirsi ai fratelli al fronte.

    Chi sarà il/la protagonista di questa storia?
     
  3. Vestinus

    Vestinus

    Registrato:
    1 Ottobre 2009
    Messaggi:
    1.643
    Località:
    Pescara
    Ratings:
    +45
    tutti e 4!
     
  4. Filippo I di S.G.

    Filippo I di S.G.

    Registrato:
    30 Marzo 2007
    Messaggi:
    2.573
    Località:
    Santa Giustina Bellunese
    Ratings:
    +0
    [Tutti e quattro? Diventerebbe molto più complicato! Io in realtà avevo già una preferenza, però preferirei se ne scegliesse uno! Questo non vuol dire che gli altri non possano venire incontrati strada facendo dal protagonista!
    Ad ogni modo, se anche qualcun altro sarà a favore di tenerli tutti, vedremo di fare così, e di portare avanti in contemporanea le vicende di ciascuno!]
     
  5. Panzer

    Panzer

    Registrato:
    26 Luglio 2007
    Messaggi:
    3.922
    Località:
    Bergamo
    Ratings:
    +9
    Molto interessante, complimenti...:)
     
  6. paul

    paul

    Registrato:
    19 Gennaio 2010
    Messaggi:
    482
    Località:
    Toscolano/Maderno
    Ratings:
    +0
    io dico aeria
     
  7. metalupo

    metalupo

    Registrato:
    20 Ottobre 2006
    Messaggi:
    2.768
    Ratings:
    +152
    Aeria Donodelcielo e Samus Occhioacuto.

    Perchè limitarsi ad un protagonista, mettiamone due abbastanza diversi tra loro.

    Una desiderosa di partire per raggiungere i fratelli ma che tutti vorrebbero trattenere, l'altro costretto a partire per compiere il suo dovere ma che vorrebbe restare.
     
  8. Dark_Angel_Of_Sin

    Dark_Angel_Of_Sin

    Registrato:
    14 Novembre 2006
    Messaggi:
    2.339
    Ratings:
    +30
    Mastor Guercio di Berai; sembra il migliore :D

    saluti
    DAoS
     
  9. Vladislav

    Vladislav

    Registrato:
    18 Maggio 2009
    Messaggi:
    279
    Ratings:
    +11
    Io dico Samus Occhioacuto, perché sarebbe interessante vedere che forma di religione svilupperai per il tuo mondo fantasy (niente magia in quel mondo?)
     
  10. Filippo I di S.G.

    Filippo I di S.G.

    Registrato:
    30 Marzo 2007
    Messaggi:
    2.573
    Località:
    Santa Giustina Bellunese
    Ratings:
    +0
    SAALA, PROVINCIA IMPERIALE DELLO XELENAN
    Il vento soffia debolmente, smuovendo appena gli stendardi lungo le mura della cittadella. Non è ancora l’alba ma, mentre i più dormono ancora, lei è già lì, sul torrione delle sentinelle, a scrutare l’orizzonte, a cercare di vedere oltre il muro di nebbia che nasconde allo sguardo tutto eccetto le vette delle montagne. Lo fa quasi tutte le notti, ogni volta sperando, al mattutino diradarsi delle foschie, di essere la prima ad avvistare un segno dell’imminente ritorno dei fratelli. Di essere la prima a intravedere le sagome dei loro cavalli risalire lungo la strada che porta alla antica Saala, roccaforte dei Donodelcielo da oltre dodici generazioni. O, almeno, a veder approssimarsi un messaggero imperiale con loro notizie.
    <<Astur, Darlon, Gustua, amati fratelli miei, non avete mai atteso così tanto prima di mandare un messaggero! Che vi succede? Siete ancora vivi? Vi siete dimenticati della vostra sorella? Oppure avete bisogno di me? È per questo che non parlate? Devo venire io lì dove ora siete voi? Oh io vorrei tanto! Mandatemi un segno del vostro bisogno, soltanto un sussurro portato dalle ali del vento, e io, che mi lascino o no, sarò da voi!>>.
    Sono pensieri ricorrenti nella mente di Aeria. Unica figlia femmina di Kargas Donodelcielo, Aeria fin da piccola è cresciuta assieme ai fratelli maschi, finendo per copiarne molti atteggiamenti, nonostante i tentativi del padre di farne una gentildonna come si deve. Per dirne una, ha sempre rifiutato di farsi crescere i capelli, ritenendo una lunga chioma fastidiosa e inadatta ai suoi ideali di avventuriera (anche se il veto paterno non le aveva mai permesso di uscire dai confini del territorio cittadino…)
    In compenso, dopo la morte della madre, non sopravvissuta alla messa al mondo del piccolo Castinton, Aeria ha sviluppato anche delle caratteristiche più femminili, dovendo prendersi cura del fratellino come di una sorta di figlio. Ma la passione per il mondo esterno è ancora forte in lei.
    Ecco, l’alba. Da dietro i monti fa la sua apparizione l’astro solare, i cui raggi disciolgono rapidamente il mare di nebbia, rivelando l’altipiano di Xesaal in tutta la sua magnificenza naturale: i boschi rigogliosi, i ruscelli, le cascate, le montagne con le sommità ammantate dalle nevi perenni. Qua e là, nella pianura, le foreste si aprono per cedere il passo ai campi e agli insediamenti dei contadini. Al centro, la grande strada imperiale.
    L’occhio la percorre, avanti e indietro, indietro e avanti. Chissà quante volte. Dopo un tempo indefinito, una voce di bambino chiama: <<Aeria! Aeria! Sei sulla torre? Sto arrivando!!>>


    aeria.jpg
    [Aeria Donodelcielo, figlia di Kargas Donodelcielo, Duca di Saala]​
     
  11. Filippo I di S.G.

    Filippo I di S.G.

    Registrato:
    30 Marzo 2007
    Messaggi:
    2.573
    Località:
    Santa Giustina Bellunese
    Ratings:
    +0
    [Non temente, tengo conto di tutti i post! Questo è solo l'inizio!]
     
  12. paul

    paul

    Registrato:
    19 Gennaio 2010
    Messaggi:
    482
    Località:
    Toscolano/Maderno
    Ratings:
    +0
    inizio off topic "mamma mia quanto è brutta aeria" fine off topic

    comunque bel inizio ;)
     
  13. Filippo I di S.G.

    Filippo I di S.G.

    Registrato:
    30 Marzo 2007
    Messaggi:
    2.573
    Località:
    Santa Giustina Bellunese
    Ratings:
    +0
    [Avevo cercato dei mod che migliorassero i volti dei personaggi femminili, ma ne avevo trovati solo per oblivion, che adesso non ho voglia di reinstallare solo per questo... Comunque se adesso è brutta non è detto che non possa cambiare... chi lo sa. Ah a proposito: @Vladislav, io in realtà pensavo che un po' di magia ci sarebbe stata. Per esempio non tutti gli animali sono "normali"...]
     
  14. paul

    paul

    Registrato:
    19 Gennaio 2010
    Messaggi:
    482
    Località:
    Toscolano/Maderno
    Ratings:
    +0
    inizio off asd, si fà una plastica? fine off
     
  15. Pinky

    Pinky

    Registrato:
    12 Luglio 2010
    Messaggi:
    3.826
    Località:
    Sardegna
    Ratings:
    +47
    Peccato, volevo Occhioacuto :asd:
     
  16. Filippo I di S.G.

    Filippo I di S.G.

    Registrato:
    30 Marzo 2007
    Messaggi:
    2.573
    Località:
    Santa Giustina Bellunese
    Ratings:
    +0
    [giusto una piccola anticipazione...]

    TABI, PROVINCIA IMPERIALE DELLO XELENAN
    L’eco dei rintocchi delle campane del monastero, colpite a intervalli regolari, si perde tra le alte cime dei Monti Bruni, avvolti nell’oscurità della notte. Chiamati a raccolta, i monaci escono dalle celle, procedendo con fare sicuro e tranquillo verso il grande atrio scoperto. Li attende la celebrazione del rituale della notte. Il sommo sacerdote, statuario nelle sue vesti dorate, li ha preceduti. È già in piedi davanti all’altare.
    Un poco alla volta, tutti raggiungono il proprio posto, rimanendo fermi, in piedi, mentre continuano a riecheggiare i sordi “gong” dell’adunata.
    Gong… gong… gong… … gong… … … gong… … … g.
    L’ultimo colpo è attutito e zittito dall’addetto. È sancito così l’inizio effettivo della celebrazione.
    Con voce roca ma solenne, scandendo accuratamente ogni parola, Zareus Abura, sommo sacerdote a capo del monastero, dedicato al Sole Invincibile, comincia dunque a recitare il rituale: <<Padre del giorno! Figlio della notte! Ospite del Cielo, Signore del mondo! Generatore del Fuoco! Portatore di Vita! Campione della Luce! A te rendiamo onore, nostro potentissimo e santissimo Dio! A te salgano i nostri omaggi e le nostre suppliche! Che la tua Gloria si palesi a noi, come sempre fu nei Secoli dei Secoli!>>
    <<Così sia! Lode al Signore del Mondo! Lode a Dio, la sua Gloria innanzi a noi, nei Secoli dei Secoli!!>> gli risponde, all’unisono, l’assemblea.
    <<In Principio, vi era la Tenebra! Oblio si cibava degli esseri viventi, e Tempo era schiavizzato dalla Notte. E non vi era luce nel mondo, e non vi era luce nel cielo. E non vi era suono, ma solo un silenzio fatto di urli soffocati dalla Morte. Ma dal Male nasce il Bene, come dal Bene può rinascere il Male. E Notte partorì un figlio senza averlo atteso. Egli brillava di luce propria, e sconfisse la Madre, e sconfisse l’Oblio. Liberò il Tempo, e decretò che Esso gli avrebbe dovuto obbedire. Egli era il Dio Sole, Invincibile, Ingenerato se non dalle sue stesse fiamme! Egli mise incinta sua Madre, e la Notte partorì un altro figlio. Egli era radioso come il Padre Santissimo, ma gemeva di una malattia ereditata dalla Notte. E così Sole Invincibile decretò che il Tempo sarebbe divenuto custode del neonato Giorno, e che Notte si sarebbe sostituita a lui nei momenti di debolezza del Figlio. E così fu, e così è, e così sarà, finché il Cielo sarà la patria del nostro Dio!>>
    <<Così è stato, così è, così sarà! Lode al Signore del Mondo! Lode a Dio, la sua Gloria innanzi a noi, nei Secoli dei Secoli!!>>.
    […]
     
  17. Vladislav

    Vladislav

    Registrato:
    18 Maggio 2009
    Messaggi:
    279
    Ratings:
    +11
    Quindi per ora appare una religione con ritualità simil-cristiane.
    Il fatto che prevedi qualche forma di magia... beh, meglio :) Anche lì sono curioso su che modalità le darai
     
  18. metalupo

    metalupo

    Registrato:
    20 Ottobre 2006
    Messaggi:
    2.768
    Ratings:
    +152
    Mi aspettavo un monastero più sull'orientale, dedito alla meditazione ed alle arti marziali.
    Probabilmente sono stati i nomi delle località, ed in parte anche dei personaggi, che mi parevano piuttosto estremo orientali.
    Comunque sono curioso di vedere come procede.
     
  19. Filippo I di S.G.

    Filippo I di S.G.

    Registrato:
    30 Marzo 2007
    Messaggi:
    2.573
    Località:
    Santa Giustina Bellunese
    Ratings:
    +0
    [Tenete conto che per ora non c'è nulla di predefinito, come ho detto nel primo post i commenti potranno influenzare il mondo in cui la storia è ambientata, dunque magia inclusa. Se avete qualche proposta o qualche idea da suggerire, ben vengano!
    Comunque per la religione pensavo effettivamente a qualcosa di orientaleggiante, anche se mi piaceva anche l'idea di introdurre dei personaggi con un modo di fare più occidentale. Un po' un misto insomma. Ma nel monastero -monastero appunto- la celebrazione rituale è solo uno dei momenti. Presto incontreremo "il nostro uomo", che è appunto un tipo tranquillo, a differenza di come appare il leader religioso...]
     
  20. Carlos V

    Carlos V

    Registrato:
    15 Dicembre 2010
    Messaggi:
    1.713
    Località:
    Puglia
    Ratings:
    +546
    Un'idea originale! Molto interessante!
    Da quanto vedo si tratta di una storia ambientata in un Medioevo fantastico, come del resto molti romanzi fantasy o molti giochi di ruolo come Morrowind e Oblivion. Io sposterei l'epoca un po' più avanti, almeno fino alle porte del Rinascimento, in modo da aggiungere un tocco di originalità e fare in modo che nelle battaglie vengano utilizzate anche le armi da fuoco (archibugi e cannoni) o improbabili marchingegni come quelli ideati da Leonardi da Vinci. Sarebbe qualcosa di inedito!
    E poi farei in modo che il mondo in cui si svolge la storia abbia un'ambiente quanto mai variegato, come la Terra; immagino che il panorama sia di tipo europeo con boschi, foreste, laghi e montagne, ma inserirei anche deserti, giungle ed isole tropicali, magari tutti ancora da esplorare perchè fuori dai confini del regno. Nel mondo del racconto potrebbero convivere culture e religioni diverse, proprio come nella realtà: una sfera più dai caratteri occidentali come quella che stai narrando, una sfera più "orientale" con gente dedita alla meditazione e alle arti marziali (come immaginava Metalupo), una sfera più "esotica" con tribù di indigeni dediti a culti legati alla natura (Sciamanesimo, Animismo).

    Per la magia: proporrei qualcosa sulla falsariga di Morrowind, con incantesimi divsi per categorie insegnati pure in apposite scuole/monasteri, più altri incantesimi semplici conosciuti un po' da tutti o solo da determinate categorie di lavoratori come guardaboschi e cacciatori.
    Per quanto riguarda la guerra civile in corso nel regno sarebbe bello descrivere le tattiche utilizzate e perchè i signori della guerra stanno vincendo: sono più numerosi? hanno adottato strategie vincenti? usano schieramenti ed armi realmente esisiti che sono risultati efficaci? (come l'arco lungo gallese o il quadrilatero spagnolo)

    Nel mondo del tuo racconto dovresti diversificare gli insediamenti: piccoli villaggi popolati da contadini o da pescatori se affacciati sul mare e città (se non vere e proprie metropoli) con una vita frenetica sotto tutti i punti di vista (culturale, artistico, commerciale). Scienza e magia potebbero convivere tranquillamente, quindi potresti introdurre macchine volanti o sommergibili rudimentali se non persino motori a vapore.
     

Condividi questa Pagina