1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

Tecniche per MOUT

Discussione in '15° Ricognitori "Bande Nere"' iniziata da Darksky, 8 Agosto 2013.

  1. Darksky

    Darksky Admin Membro dello Staff

    Registrato:
    19 Novembre 2005
    Messaggi:
    3.337
    Ratings:
    +222
    Visto la complessità del tema, proviamo a mettere nero su bianco quanto abbiamo visto nell'ultima sessione aggiungendo altre idee o spunti da provare nelle prossimi sessioni ? Poi quando siamo arrivati ad una sintesi che troviamo ottimale ed abbiamo in mano delle procedure più o meno standard da seguire, aggiungiamo nel mega post in rilievo Ufficio OAIO.

    Personalmente è uno scenario che non mi fa impazzire, io sono più per battaglie campali però è una parte del gioco anche questa.

    Disegnini sono ben accetti, anzi direi necessari. :D
     
  2. Murphz

    Murphz

    Registrato:
    16 Gennaio 2011
    Messaggi:
    348
    Località:
    Padova / Mantova
    Ratings:
    +46
    Segnalo velocemente questo pdf che avevo tra le mani ieri: http://www.dtic.mil/cgi-bin/GetTRDoc?AD=ADA397164, da pagina 8 a 15 hai varie spiegazioni e immagini su come avanzare/pattugliare in contesto urbano.

    Quello che leggo è più o meno quello che dicevo martedì:
    - Una o due file a seconda di come è strutturato il contesto urbano, è preferibile sempre la doppia fila.

    - In caso di doppia fila, ogni fila ha la responsabilità dell'altra e deve coprire verso il suo settore in maniera sovrapposta.

    - Le unità avanzano e fanno crossing di strada (questa è la vita di un militare, che si voglia o no) coperte il più possibile, non è da fare obbligatoriamente e spesso, però in un contesto urbano le strade cambiano sempre e i team devono essere flessibili nel posizionarsi nel modo migliore e nella maniera più sicura.

    - Buddy System, ovvero, si lavora sempre in 2 come fosse una unità. Cosa che in un boschivo non succede spesso, nell'urbano, da quello che leggo, ognuno ha le proprie posizioni ma ci si riferisce a 2 unità alla volta perchè nessuno si muove da solo. Quindi sarà sempre impensabile che solo una unità copra un altra, ma sempre e solo 2.

    - L'avanzamento viene fatto in frammenti più piccoli, mentre il resto della colonna/e copre. Se il frammento, una volta raggiunta la nuova posizione determina che la zone è libera, la colonna si muove.

    Sto ancora cercando il modo migliore per controllare le aperture laterali durante un avanzata su strada, valutando il buddy system che spiegano lì, affermerei nuovamente che gli angoli si aprono in 2. Qua abbiamo i nostri problemi perchè non siamo in tantissimi (ne mancherebbero 2 per fare una squadra).
     
  3. Darksky

    Darksky Admin Membro dello Staff

    Registrato:
    19 Novembre 2005
    Messaggi:
    3.337
    Ratings:
    +222
    Riassunto con disegnini ? :D
     
  4. Murphz

    Murphz

    Registrato:
    16 Gennaio 2011
    Messaggi:
    348
    Località:
    Padova / Mantova
    Ratings:
    +46
    :D ammetto che anche io preferisco le battaglie campali che gli urbani stretti, con sto caldo preferirei imparare le cose in modalità matrix (con l'operatore che carica direttamente le conoscenze) più che leggendomi sti manualoni militari.

    Comunque, piccolo riassunto:

    Principi del pattugliamento urbano
    Data la dinamicità del pattugliamento urbano, rispetto a foreste o altro, ci si focalizza su questi 6 principi:

    1 - Mantenere profondità = a volte è difficile disperdersi lateralmente nelle vie strette, per evitare l'ammassamento è preferibile mantenere una profondità ed evitare 3 tipi di formazioni errate e vulnerabili che possono scaturire dalla profondità, Bunching (ammassamento), Duck Patrolling (Pattugliamento Anatra) e Paralleling (Parallelizzazione).

    bunching.png duck patrolling.png paralleling.png

    Se succede qualcosa mentre si è in queste formazioni errate, si hanno limitate opzioni e reazioni possibili.

    2 - Pianificare il supporto mutuale = posizionare gli elementi di supporto (SAW, AT, MG) in punti chiave da cui possono offrire supporto velocemente e efficacemente.

    3 - Considerare le strade = varia i percorsi della pattuglia, nel tempo e nelle strade da percorrere. Questo evita attacchi a sorpresa (NON INTERESSA A NOI)

    4 - Migliora le comunicazioni = ogni elemento della pattuglia deve poter comunicare velocemente ed efficacemente con tutti gli elementi della pattuglia. Questo è utile per mantenere l'integrità, evitare fuoco amico e acquisire maggiore conoscenza di tutta la situazione.

    5 - Stabilire una forza di reazione = stabilire chi, come e quando agire in caso di attacco improvviso. Le pattuglie urbane sono soggette a attacchi veloci e inaspettati, è opportuno quindi che chiunque debba coprire o difendere o attaccare sappia esattamente cosa fare.

    6 - Pianifica in 3 dimensioni = la pattuglia urbana è soggetta a pericoli da 3 dimensioni: tetti, strade e sotterranei. Pianifica con attenzione ogni mossa.

    Dato che le pattuglie sono soggette a movimenti e ingaggi veloci, è opportuno dividere la squadre in team (sottounità della squadra, il manuale fa esplicito riferimento alla squadra di fucilieri marines come la migliore scelta per la pattuglia in urbano, penso che siamo lì in quanto a numero di unità) che possano garantire i seguenti obbiettivi: ASSALTO, SUPPORTO, SICUREZZA e COMANDO. Inoltre, il team che gestisce la sicurezza deve dividersi per garantire la sicurezza di: FRONTE, LATO/I e RETRO.

    MOVIMENTO
    I movimenti sono sempre portati a termine con overwatch (buddy system), sono previste le seguenti formazioni:

    DOPPIA COLONNA
    E' il metodo preferibile perchè da 360° di copertura, supporto mutuale e copertura sovrapposta del settore. Devono essere presenti almeno due squadre o due fireteam per fare una doppia colonna. Ci si muove nei lati degli edifici. L'uomo punta (pointmen) è "isolato" dal resto, le altre unità si dispongono sfalsate in maniera tattica. I leader si posizionano dove possono meglio controllare e comandare le proprie unità.

    Evito di mettere l'immagine perchè è complicata e riguarda due squadre, va riadattata a due fireteam ma il concetto è lo stesso (figura 6 a pag. 11 del manuale MCWP)

    I settori di responsabilità sono:
    - Gli uomini punta sono responsabili del settore fronte, delle finestre/porte/cortili che si aprono ai lati e del far rimanere in linea le due squadre parallele (cioè non sfalsarsi).

    - Le unità appena dietro gli uomini punta sono la copertura (covermen). Coprono ciascuno i 45° rispetto all'unità davanti, il che significa che il 2, dietro l'uomo punta, copre i 45° sfalsati rispetto all'uomo punta, il 3 copre i 45° sfalsati rispetto al 2 e il 4 copre i 45° rispetto al 3, in questo modo si coprono i 180° di interesse. Nel dettaglio: l'uomo punta copre davanti, il secondo copre l'uomo punta e parzialmente il fronte destro, il terzo e il quarto sono responsabili del lato e delle retrovie (nel caso di edifici a più piani, il terzo copre il secondo piano e il quarto copre il primo). Il quarto copre le retrovie anche.

    Nel caso di squadra (e non fireteam) ci sono 2 o 3 ulteriori unità specifiche per coprire le retrovie. Rimando sempre all'immagine.

    COLONNA SINGOLA
    Viene usata per movimenti rapidi o quando le strade non sono molto larghe. Non è consigliabile utilizzarla perchè non copre i 360°, è consigliata quando non ci si aspetta il contatto con il nemico. I principi sono gli stessi della doppia colonna.

    ATTRAVERSARE UNA STRADA/INTERSEZIONE
    Le strade/intersezioni vanno attraversate di corsa con il focus sulla sicurezza di chi attraversa (copertura massima). Attraversa una intersezione necessita il movimento rapido di 3 (o 2) unità per mettersi in posizione e assumere le proprie responsabilità ad ogni nuova posizione. Faccio presente che per fireteam il manuale mostra 2 unita in questo caso, quindi il buddy sistem. Potete vedere l'immagine a pag. 11, fig. 7.

    Primo FIRETEAM ad attraversare = Il primo fireteam che arriva all'incrocio si mette in posizione, controlla se l'incrocio è libero e offre copertura massima (copertura a fronte opposto, a destra si copre a sinistra e a sinistra si copre a destra). Il secondo team in linea si occupa di offrire copertura ai lati e alle retrovie, mentre il terzo team (quello che stava proteggendo le retrovie) dovrà attraversare l'incrocio, posizionarsi in maniera sicura e diventerà il primo fireteam della nuova avanzata (c'era una gif di dyslecxi che spiegava decisamente bene questo movimento ma non la trovo più, è nel manuale comunque).

    Secondo FIRETEAM ad attraversare = Il fireteam che ora è a metà, continua ad offrire copertura nell'incrocio e ora assume anche la copertura delle retrovie. L'ultimo fireteam (che stava proteggendo il retro) si muove per attraversare l'incrocio e si posiziona in modo da offrire copertura all'intersezione e alle retrovie.

    Terzo FIRETEAM ad attraversare = il fireteam rimasto dall'altra parte attraversa e si posiziona come 2° fireteam, per coprire davanti e i lati (quindi rimane dietro al 1° fireteam che ha attraversato).

    Una volta che la squadra ha attraverso, si è compiuta una rotazione, non solo di fireteam ma anche di unità guida (chi "comanda" la colonna, differente dal TL). Questo permette di far riposare l'unità guida dall'enorme peso mentale del MOUT (vero Dark? :D). Le stesse procedure sono utilizzare per la singola colonna.

    FORMAZIONE A V
    La formazione a V viene utilizzata nei contesti urbani dove non si suppone un grande pericolo, se non qualche unità isolata. La figura è a pag. 12, la numero 8. Questa formazione viene utilizzata per garantire velocità nella pattuglia.

    La formazione a V consiste in un team di controllo (SL/PL, corrispondente a comando e navigatore) e due team avanzati (A&S) per la sicurezza dei fianchi, A è il team di assalto, S è il team di sicurezza. I team sono disposti a V e paralleli, mantenendo profondità, distanze opportune all'ambiente in cui operano e sopratutto supporto reciproco.

    L'obbiettivo della formazione è mostrare meno bersagli a un possibile aggressore, e nello stesso tempo garantire velocità di operazione e di supporto nel caso di attacco improvviso.

    RALLY POINT E AREE PERICOLOSE
    In urbano il pericolo è sempre a 3 dimensioni e sempre a tiro, per via della prossimità degli edifici. Così, ogni pattuglia deve mantenere una buona conoscenza della situazione, delle sue responsabilità e di cosa fare.

    Le aree pericolose vanno evitate, ma esistono casi in cui vanno attraversate, in questi casi, queste sono alcune precauzione da tenere in esame:
    - Segnalare rally point vicini e distanti rispetto all'area ritenuta pericolosa.
    - Usare la squadra Assalto e Sicurezza (A&S) per provvedere sicurezza dei fianchi a tutte le unità.
    • SL/PL identificano la zona di pericolo e tutti provvedono alla sicurezza a 360° della zona.
    • Due unità del team A&S si avvicinano al SL/PL e garantiscono copertura ravvicinata della zona e dei fianchi vicini della pattuglia.
    • Altre due unità del team A&S si muoveranno in profondità nella zona pericolosa per stabilire zone di supporto avanzate e coprire i fianchi più distanti della pattuglia.
     
    Ultima modifica: 10 Agosto 2013
  5. Murphz

    Murphz

    Registrato:
    16 Gennaio 2011
    Messaggi:
    348
    Località:
    Padova / Mantova
    Ratings:
    +46
    Ora che vedo non è molto piccolo come riassunto...
     
  6. Murphz

    Murphz

    Registrato:
    16 Gennaio 2011
    Messaggi:
    348
    Località:
    Padova / Mantova
    Ratings:
    +46
    Ho terminato il riassunto del manuale, aggiunte la formazione a V e una tasklist delle situazioni di pericolo. Molte cose si possono eliminare secondo me, molte altre si possono tenere e aggiungere all'ufficio OAIO.
     
  7. Murphz

    Murphz

    Registrato:
    16 Gennaio 2011
    Messaggi:
    348
    Località:
    Padova / Mantova
    Ratings:
    +46
    @Darksky, non so se avevi visto che ho completato il "riassunto"..è uno spunto di partenza per il MOUT e spiega, in pratica, come muoversi in ambito urbano. Partiamo da lì, discutiamone tutti e poi mettiamo nell'ufficio OAIO.
     
  8. Murphz

    Murphz

    Registrato:
    16 Gennaio 2011
    Messaggi:
    348
    Località:
    Padova / Mantova
    Ratings:
    +46
  9. Darksky

    Darksky Admin Membro dello Staff

    Registrato:
    19 Novembre 2005
    Messaggi:
    3.337
    Ratings:
    +222
    Boh murphy non me ne volere ma, così come è, l'ho trovato spesso incomprensibile e pesante da leggere non molto utile come applicazione in gioco. Cioè alla fine è teoria ragionata che però non scioglie i dubbi che avevamo quella sera sui diversi casi di attraversamento ad esempio.
    Poi alcune cose sono poco chiare. Ad esempio nella formazione a V in pratica c'è un tema per ogni strada....e come gestisce la singola strada il team ? Forse a noi serve scendere ulteriormente come scala/dettaglio a livello di comportamento di singolo uomo, non di squadra che copre, squadra che attraversa, etc etc. Serve un insieme di regole per il singolo uomo/team per il MOUT....regole che in campo aperto non è necessario specificare perché il buon senso in quel caso è più che sufficiente.
    Alcune formazioni prevedono la presenza addirittura di 3 fire team. Almeno togliamo le cose che proprio non riguardano il gioco o che sono ovvie, altrimenti la roba da leggere si ingigantisce. Sforziamoci di fare noi dei disegnini esplicativi, vi ho passato in privato il "kit" che ho usato io nel thread OAIO.
    Mettiamoci nei panni di chi vorrebbe venire a giocare con noi, che magari vorrebbe una esperienza di gioco realistica ma non è intrippato a tal punto da leggersi pagine e pagine di manuali militari. Io per primo, ho trovato pesante farlo, saltare dal post al pdf ad esempio. Però bisogna fornirgli una quick guide o reference guide, immediata, chiara, facile da leggere. Senza rimandi a figure di altri PDF e documenti, ad esempio, se no è una palla da leggere.

    Il rischio, come già detto, è l'esercizio di stile, di fare il compitino, un ottimo doc/ricerca ma che non è utile in game.

    Io mi aspettavo che si partisse da quanto si era proposto quella sera, mettendolo "su carta" qui sul forum e sviluppando il discorso da lì. Proprio perché era un argomento che si può discutere con calma durante la settimana senza utilizzare le ore di sessione di gioco del martedì.
     
  10. Murphz

    Murphz

    Registrato:
    16 Gennaio 2011
    Messaggi:
    348
    Località:
    Padova / Mantova
    Ratings:
    +46
    Non so, io l'ho trovato abbastanza chiaro (sarà chiaramente che l'ho letto tutto), si sta parlando pur sempre di tecniche MOUT non di come fare una torta, un minimo di complessità e studio c'è e ci deve essere. Aspettarsi di leggere un riassunto con disegnini (non di una ricetta ma appunto, di pagine e pagine di tecniche militari) e entrare in gioco lo trovo difficile.

    Il fatto è che nel MOUT non c'è l'individuo singolo (solo buddy system) e come ho descritto nel riassunto, le formazioni e tutto il resto (sopratutto il movimento) sono applicabili dal plotone fino a 2 team (come siamo noi adesso), chiaramente loro te lo descrivono come una o più squadre ma il movimento non cambia per niente. E' lo stesso spiegato su dyslecxi, ma ancora non trovo l'immagine gif.

    Nella formazione a V, ogni singola strada viene pattugliata in doppia colonna (o colonna singola se preferibile) con tutte le indicazioni riportate per gli attraversamenti, è solo la formazione della squadra ad essere diversa perchè permette di coprire un area più vasta a una velocità maggiore (usata in caso di contatto poco probabile o nemico in minoranza).

    Per quanto riguarda il comportamento inoltre, c'è scritto chiaramente che la colonna copre i 45° sfalsati rispetto all'unità davanti, questo lo fai in qualsiasi formazione, strada ecc ecc.

    Il rally point lo ritengo indispensabile, nelle partite con più giocatori magari, ma nei contesti urbani è assolutamente indispensabile. La differenziazione delle squadre in ASSALTO, SUPPORTO, SICUREZZA e COMANDO permette di sapere sempre il proprio ruolo con facilità. Ad esempio, se Dark è COMANDO sa esattamente cosa deve fare, Murphy è SUPPORTO sa come muoversi e cosa deve fare all'interno del team, Rawghi e Vise sono SICUREZZA sanno cosa fare (coprire i fianchi ecc ecc), se Silver e Marcatore sono ASSALTO sanno cosa fare (attacco in profondità e avanzamento).

    Per finire, io ho riportato un riassunto del manuale militare da cui iniziare, non un paragrafo finale da memorizzare. E quindi, è da discutere, trovare quello che serve e quello che non serve, io ho solo riportato pari pari un manuale militare perchè ritengo che come base di partenza sia ottima. Poi si può stravolgere e crearsi le proprie tecniche MOUT per quanto mi riguarda, l'importante è che siano efficaci, ma come base di partenza sempre da lì devi partire. Ripeto, è difficile da leggere e capire se ci si aspetta di trovare una lista di cose da fare e via, come una ricetta, la simulazione non è così, non intendo forzare a leggere i manuali o portare a fare come i BDR (che discutevamo ieri) però è impensabile avere le tecniche militari (complesse come nel MOUT) in un paragrafo bello pronto. Leggiamo, discutiamo e prendiamo quello che serve.
     
  11. Darksky

    Darksky Admin Membro dello Staff

    Registrato:
    19 Novembre 2005
    Messaggi:
    3.337
    Ratings:
    +222
    Ok, mettiamola in questo modo. Se leggiamo quanto scritto sopra, sappiamo tutti cosa fare in una missione MOUT in gioco ? Procedure, terminologie, etc ? Perché queste fanno parte del comportamento del singolo: come girare l'angolo, copertura avanti, copertura dell'ultimo, la sequenza di sganciamento nella parte finale della colonna, l'"ok" a voce da dare all'ultimo che copre per dirgli che dopo di lui non c'è nessuno e deve poi muoversi a sua volta, etc etc.
    Quando dico che ci serve scendere come livello di dettaglio intendo questo. Per il MOUT le info che hai elencato servono più ad uno squad leader che ai singoli, imho.
     
  12. Murphz

    Murphz

    Registrato:
    16 Gennaio 2011
    Messaggi:
    348
    Località:
    Padova / Mantova
    Ratings:
    +46
    No, chiaramente no, sarebbe impensabile il contrario secondo me. Bisogna leggere e discuterne, poi provarlo in gioco e vedere dove si sbaglia e cosa si può scartare perchè inutile o eccessivo. Comunque, facciamo così, provo a fare un disegno dei movimenti (colonna, doppia colonna) e della formazione a V, così semplifichiamo la vita. Proverò anche ad aggiungere una lista di cose da fare in un MOUT, il più semplice e diretto possibile. Però sempre da lì devo partire, non posso inventarmi le tecniche militari io eh, posso semplificare quanto vuoi, quello rimane lo standard militare per il MOUT.
     
  13. Murphz

    Murphz

    Registrato:
    16 Gennaio 2011
    Messaggi:
    348
    Località:
    Padova / Mantova
    Ratings:
    +46
    Riprendo la discussione e risemplifico il mio primo intervento con le sole cose che servono all'inizio. Più di così non so che fare.

    INTRODUZIONE AL MOUT
    - I movimenti sono sempre fatti in overwatch.
    - Le posizioni standard in sono RF - MG - TL - RF (o AT/GR) - RF ecc ecc, nessuno vieta di farne altri ma la potenza di fuoco della MG è essenziale sia direzionata il più possibile verso dove si ipotizza ci siano nemici, mentre il TL deve rimanere al riparo e dirigere la colonna.
    - Tutte le operazioni in urbano si basano su buddy system, non si scappa, ogni movimento/ingaggio utilizza il buddy system.
    - Normalmente si dividono i team (e i loro buddy system eventualmente) con sempre le stesse tipologie di azione: ASSALTO, SUPPORTO, SICUREZZA e COMANDO. Cosa vuol dire? Che in un movimento, in caso di ingaggio o avvistamento, il team adibito a SUPPORTO farà quello e saprà già cosa fare, il team adibito ad ASSALTO farà quello e saprà già cosa fare e via così.

    FORMAZIONE IN COLONNA

    La formazione a colonna è sconsigliata perchè non copre efficacemente i 360°, nel caso non si possa utilizzare altra formazione (strade strette o altro), ci sono due possibilità a scelta per il TL:
    Disegno senza titolo.png
    la colonna in centro con protezione per entrambi i lati, in cui i membri seguono il solito modo di copertura.

    Disegno senza titolo (1).png
    la colonna al lato con protezione solo di un lato, usata se si ha un lato sicuro, i membri coprono i 45° gradi sfalsati partendo dal primo.

    FORMAZIONE IN DOPPIA COLONNA
    La formazione in doppia colonna consiste in due formazioni a singola colonna in ogni lato della strada. E' efficace e permette movimenti e ingaggi più articolati.

    Disegno senza titolo (2).png
    I due team divisi seguono la stessa procedura della singola colonna, quindi coprono i 45° gradi sfalsati rispetto al primo della loro colonna. Le colonne procedono assieme e alla stessa altezza (non sono colonne sfalsate quindi) e ognuna copre il lato dell'altra.

    Ecco un esempio di come sono divisi in buddy system, purtroppo per noi è difficile (siamo in 7) fare le cose in buddy...ma intanto impariamo il concetto.

    Disegno senza titolo (3).png
    In nero sono gli "uomini punta" (pointman), in rosso gli "uomini di copertura" (coverman), in blu gli "uomini retro" (non retrò :D) (rearman). Durante le intersezioni si scambiano sempre i ruoli (sopratutto per non affaticare gli uomini punta quindi è importante che tutti sappiano fare tutto, perchè è necessario saper fare tutto.

    ATTRAVERSAMENTO INCROCIO/INTERSEZIONE
    Si arriva all'incrocio come nell'immagine precedente, più o meno, per attraverso ecco i vari passaggi:
    Disegno senza titolo (4).png
    Gli uomini punta guardano oltre l'angolo, il primo di copertura (primo pallino rosso) guarda ai suo 45° e il secondo in copertura (secondo pallino rosso, della stessa colonna ovviamente) guarda dritto per coprirli. Ora, io ho visto così nei manuali ma si può eventualmente fare che il primo di copertura copre dritto e il secondo di copertura copre i 45°. Nel nostro caso è difficile perchè, in casi del genere si perde la copertura dei lati con gli edifici.

    In questo primo passaggio gli uomini punta sono responsabili della copertura laterale dell'intersezione e, assieme agli uomini di copertura provvedono anche alla copertura dell'altro lato e del fronte, se è tutto ok possono dire "LIBERO" se la colonna può effettuare l'attraversamento. In caso positivo, il TL potrà dire "ATTRAVERSATE".

    Disegno senza titolo (5).png
    Nel secondo passaggio la retroguardia attraversa l'incrocio. Notare che il secondo in copertura aumenta la sua area coprendo dietro e parzialmente di lato.

    Chi si è mosso e ha passato l'intersezione diventa uomo punta d'ora in poi. Quando arriva a destinazione dice "OK, LIBERO" per far continuare il giro di attraversamento.

    Disegno senza titolo (6).png
    La terza fase porta l'ultimo della colonna (il secondo in copertura) a passare l'incrocio e diventare retroguardia, proteggendo i lati dell'incrocio, quando arriva dice "OK, LIBERO" per far continuare il giro di attraversamento. Nella colonna con 3 una volta passato l'incrocio guarderà la retrovia (questo è una modifica perchè siamo in pochi, quella corretta è il movimento della colonna a SX). Il primo in copertura (il pallino rosso rimasto fermo) modifica la sua area di copertura e copre la retroguardia e parzialmente il lato.

    Disegno senza titolo (7).png
    La precedente retroguardia, cioè il primo in copertura (il pallino rosso) attraversa l'incrocio e si posiziona dietro l'uomo punta, il suo settore di copertura è il lato (i 45° sfalsati rispetto al primo). L'uomo punta che non ha ancora attraversato l'incrocio, ora diventa retroguardia. Quando l'unità ha attraversato l'incrocio e ha attestato la sua posizione dice "OK, LIBERO".

    Disegno senza titolo (8).png
    La precedente retroguardia (cioè il primo uomo punta) attraversa l'incrocio e diventa secondo di copertura, copre il lato (45° gradi sfalsato), quando si attesta dice "OK, LIBERO". La nuova retroguardia copre il retro ovviamente.

    La situazione finale diventa questa:

    Disegno senza titolo (9).png
    A fianco di ogni pallino ho messo il corrispettivo ruolo prima dell'attraversamento. La meccanica è che è sempre l'ultimo ad attraversare, quello prima di lui (prima del suo attraversamento) copre dietro diventando retroguardia temporanea.

    I passaggi:
    - il primo che attraversa diventa uomo punta per coprire davanti.
    - il secondo che attraversa diventa retroguardia per coprire l'intersezione.
    - il terzo che attraversa diventa primo uomo copertura e copre il suo lato.
    - il quarto uomo che attraversa diventa secondo uomo copertura e copre il suo lato.

    Tattica suggerita su dslyecxi:
    [​IMG]
    Questa è la gif sul manuale di dslyecxi, come vedete attraversano in un altra sequenza, personalmente non la trovo corretta (la mia arriva da un manuale dei marines, MCWL X-File 3-35.6). Lì la sequenza parte dal secondo e il primo che attraversa copre l'incrocio e non davanti. Ora, se uno attraversa l'incrocio e nessuno lo copre davanti mi sembra decisamente rischioso per lui. Questo può andare bene se sai che davanti non c'è proprio nessuno e che c'è un alto rischio nell'intersezione (nel suo caso ci sono sempre 2 a coprire l'intersezione) ma altrimenti lo trovo un suicidio, basta che uno spunta e falcia un intero team.

    Se così non è riassunto bene e i disegnini non sono abbastanza, andiamo a giocare a call of duty :)
     
    Ultima modifica: 3 Ottobre 2013
  14. Armilio

    Armilio

    Registrato:
    18 Settembre 2007
    Messaggi:
    6.034
    Località:
    Hinterland di Milano
    Ratings:
    +172
    Ma gli spostamenti in città si fanno con un b. o. (sempre più stretto l'acronimo) applicato ad un terreno complesso qual'è il terreno urbano. Bisogna saperlo prima fare ad occhi chiusi all'aperto. Secondo voi è un meccanismo già oliato oppure no? chiedo, non lo so.

    Anche perché imho l'addestramento dovrebbe vertere sugli automatismi, cioè sulle cose da fare senza che lo squad leader ne debba seguire l'esecuzione passo-passo: purtroppo in campo urbano non c'è alternativa allo squad leader che ordina di andare in questa o quella casa, di coprire questa o quella strada: sia in tempo reale, sia con una pianificazione a monte dei movimenti. Gli scenari sono troppo diversi, il campo di battaglia urbano troppo vario ed irregolare per poter creare degli standard. E' uno scenario stressante e logorante, inutile illudersi che ci sia un modo per evitarlo. Richiede per questo (nella realtà) molto più comando&controllo e per questo ha stimolato la nascita del network-centrismo.

    Il MOUT training ed in generale le dottrine MOUT per le squadre di fanteria (nella realtà) si concentrano essenzialmente su (ditemi se scordo qualcosa):

    1) Diverso equipaggiamento ed uso dell'equipaggiamento: giubbotti kevlar più pesanti, uso di armi AT in funzione anti-fanteria, uso esplosivi per aprirsi dei varchi, shotgun, visore notturno, camere termiche.
    2) Irruzioni nelle case; Dal basso verso l'alto, e dall'alto verso il basso, oppure dalle scale; Pulizia delle stanze: Skill del team.
    3) Riflessi ed abitudine nel combattere in spazi stretti, tiro istintivo: skill individuale.
    3b) Riflessi ed abitudine nel combattere in 3D, guardando in alto, in basso ecc: Skill individuale.
    4) Creazione di perimetri difensivi in ambiente urbano: skill del team (ma ci interessa fino ad un certo punto, per ora)
    4b) Abitudine a guardare sempre a 360° gradi, il nemico può essere dappertutto, e quindi uso di formazioni prudenti: Skill mista.
    5) Abilità nell'attraversare velocemente un ambiente urbano, come entrare in una finestra, usare gli angoli delle case, usare certi tipi di scale, ecc: Skill individuale.
    6) Uso di mine e granate in ambiente urbano: skill individuale (nel gioco poco simulabile).
    7) Nel caso di conflitti asimettrici, problemi con civili.


    Come vedete le skill individuali sono molte di più delle skill collettive, di team. Perché purtroppo non c'è alternativa, nell'avanzare in città. Le scelte tattiche ci sono, ma non sono automatiche, sono decisione tattiche dello squad leader o del plooton leader, prese in teatro: ripulire casa per casa, oppure prendere una posizione dominante e da lì controllare una zona? occupare l'incrocio usando l'edificio A o l'edificio B? andare al 3° piano, avendo più visuale ma essendo anche più visibili, oppure rimanere più in basso? quanti uomini tenere fuori dall'edificio in copertura? approccio stealth all'edificio oppure usare un diversivo? sono tutte scelte dello squad leader con cui l'addestramento del soldato c'entra poco: al massimo c'entra l'addestramento da sottoufficiale, ma bisogna mandare Darksky in uno di quelli allora. :asd: In campo aperto l'avanzamento attraverso b.o. si può fare in automatico, in città no.

    Diciamo che mò ho aperto una discussione su cosa sia il MOUT. :D Ma imho serve per capire su cosa addestrarci, con il MOUT.
     
    Ultima modifica: 3 Ottobre 2013
  15. Armilio

    Armilio

    Registrato:
    18 Settembre 2007
    Messaggi:
    6.034
    Località:
    Hinterland di Milano
    Ratings:
    +172
    Per me le basi da cui partire (della roba postata sopra da Murphz) sono:

    1) Formazione a doppia colonna
    2) Suddivisione del comando tra chi segue la formazione e chi fa le scelte, per sgravare lo squad leader dallo stress.
    3) B. Overwatch, in generale, e poi applicato in città.
    4) Agli incroci, chi sta a destra guarda a sinistra, chi sta a sinistra guarda a destra.

    Il resto è tutta roba individuale, o roba che francamente non ci serve o che per il momento è troppo complicata per noi, tipo che ognuno ha compiti ben definiti.

    Poi ci sono le irruzioni negli edifici.
     
  16. Murphz

    Murphz

    Registrato:
    16 Gennaio 2011
    Messaggi:
    348
    Località:
    Padova / Mantova
    Ratings:
    +46
    Io partirei dalla colonna singola e prima ancora dal bounding overwatch, sia continuo che alternato, perchè è la base del movimento in città. Poi la formazione in doppia colonna e i vari movimenti durante l'intersezione...magari un giorno la formazione a V se ci ingrandiamo di numero :)

    In tutto il movimento in doppia colonna ogni colonna ha la responsabilità di coprire la parte dell'altra. Agli incroci ci sono ruoli ben definiti (punta, lato, retro) e meccaniche precise, stesso discorso per gli ingaggi (assalto, supporto, sicurezza, comando).
     
  17. Armilio

    Armilio

    Registrato:
    18 Settembre 2007
    Messaggi:
    6.034
    Località:
    Hinterland di Milano
    Ratings:
    +172
    Ecco sì, il discorso assalto-supporto ecc per ora lo lascerei stare.
     
  18. Darksky

    Darksky Admin Membro dello Staff

    Registrato:
    19 Novembre 2005
    Messaggi:
    3.337
    Ratings:
    +222
    Oooooo grande Murphy :D
    Nella procedura però ci sono troppi "LIBERO"....specie se per il MOUT i team saranno sullo stesso channel (dopo spiego perché).
    Io direi che i momenti di "sblocco", dei "LIBERO" sono solo due:
    1. Il point man (anzi i pointman, plurale) conferma che l'intersezione è libera. Il TL...ma direi lo SL da l'ok all'attraversare.
    2. L'ultimo che attraversa da un segnale vocale al pointmain che è rimasto a guardare l'incrocio. Come detto nella realtà si tocca la spalla, in alcuni video chi deve toccare la spalla dell'ultimo dice "tap", appunto "battere, toccare". Noi potremmo dire "viva la figa", "puppa", o quello che ci pare basta che sia facilmente distinguibile in teamspeak.
    Tutto il resto deve essere più fluido ed automatico senza attendere "LIBERO" intermedi.

    Una nota personale sull'esempio illustrato da Murphy, che è quello dell'incrocio perfetto. I 2 team della colonna devono agire in maniera simmetrica e iper coordinata, quindi per forza di cose dovranno essere sullo stesso canale con UNA persona che innesca l'attraversamento (lo squad leader ?). C'è inoltre il problema degli angoli semiciechi che era emerso anche durante la sessione dal vivo che abbiamo fatto. Incollo un'immagine per spiegarmi:

    MOUT_1.png
    Il giallo è il team leader. E' descritto il movimento di un team, l'altro sul lato opposto agisce in maniera simmetrica. Nella fase 2, l'omino A, prima di fare lo slicing a sinistra (fase 3) è spalle al muro e verifica la pulizia di parte della strada a destra prima di dare le spalle e controllare a sinistra l'intera strada (fase 3). Perché altrimenti se da 1 passi a 3 direttamente rischi di venire impallinato alle spalle, o no ? Oppure riprendendo l'esempio di Murphy il cover man dietro il point man si posiziona praticamente attaccato a questo per fare tale controllo di fase 2 ?

    Altra cosa, può capitare che ci sia bisogno di più di una strada da coprire per permettere l'attraversamento o può capitare che lo SL o il TL voglia schierare in copertura più di un uomo. Nella prova che abbiamo fatto il TL/SL innescava la procedura di attraversamento con il comando : "Copertura a sinistra". In un incrocio come quello raffigurato qui in basso ("X" punto di arrivo):
    MOUT_2.png

    Io ho poi aggiunto "Seconda copertura a sinistra". Avevamo quindi due che coprivano dove nel disegno ci sono i 2 cilindri azzurri. Quando parlo di comandi specifici e convenzioni mi riferisco a questo. Qualcosa che non sia riferito a situazioni particolari ma che abbia un significato quanto più generale.


    Cmq grande murphy, non cancellare i master che hai usato per i disegni, hai usato google draw ?
    Ora non ci resta che illustrare qualche caso particolare, incrocio stronzo, etc etc daje :D
    E poi illustrare le procedure da seguire in caso di ingaggio. Fra 2 anni forse siamo pronti :asd:
     
  19. Armilio

    Armilio

    Registrato:
    18 Settembre 2007
    Messaggi:
    6.034
    Località:
    Hinterland di Milano
    Ratings:
    +172
    Ok, andiamo a giocare a Call of Duty. :D No scherzo, tutto giusto, ma gli esempi non si potranno imparare mai a memoria: sarebbero troppi con i casi tipo, figurarsi per tutte le situazioni in città non corrispondenti con i casi tipo. Bisogna prenderne un po' l'essenza.

    Per esempio: per un team solo, 4 persone in colonna, 1(tl) guarda avanti, 1(r) guarda indietro, i 2(g,a) in mezzo se la vedono tra di loro di guardare a destra e sinistra, senza precisare chi fa cosa. Si tengono d'occhio a vicenda, da buddy team. Anche attraversando l'incrocio, si può fare che siano sempre loro (g,a) a guardare a destra ed a sinistra, il primo e l'ultimo (tl, r) si mettono in mezzo, continuando a guardare uno avanti ed uno indietro. Poi passa il primo (tl) guardando avanti, il 2° ed il 3° (g,a) che si appostano agli angoli dell'altra parte dell'incrocio, e poi l'ultimo (r). E si riforma la colonna. Questo farebbe in modo che i ruoli nella copertura rimangano sempre gli stessi (R copre sempre dietro, tranne nel pezzo in cui attraversa un incrocio; G ed A coprono sempre i lati; il TL sempre davanti) ed è più facile ed intuitivo ricordarsi cosa fare.

    Quando ci sono 2 team e non 1 invece, si usa la doppia colonna. Ma rispettando i ruoli, a coprire il lato della propria colonna (nella gif di murphz, è il lato sinistro) è il secondo (a) a coprire l'incrocio mentre il terzo (g) guarda a destra dal lato sinistro, perché sono i 2 in mezzo a fare il lavoro di coprire i lati, sempre. Così, con 2 team, ci sono 2 uomini a guardare ogni lato, almeno all'inizio. Poi per passare si va per ordine: il 1° (il tl) passa la strada e guarda avanti; il 2° (a) passa l'incrocio coperto dal g dell'altro team e dal g del proprio team appena ha lo spazio per coprire il lato. A quel punto passano le G coperte dalle A dall'altro lato, e poi le R. A parole sembra difficile, ma a farsi mi sembra più intuitivo: ognuno continua nel proprio ruolo e si passa a trenino.

    Quando ci sono incroci difficili tipo l'ultimo esempio di Darksky, il 1° uomo dà sempre la direzione di marcia, mentre sono i 2 uomini in mezzo a vedersela con i lati perché quello è il loro compito, come buddy team: ci sono 2 strade, entrambe a sinistra, quindi è logico che 1 (a) si piazza sulla prima, copre, e fa passare il secondo (g) che si piazza sulla secondo strada (b.o. puro e semplice, per questo dicevo che bisogna esercitarsi su questo), poi può passare il resto del team e ricomporsi la colonna dall'altra parte.

    Ma infatti in quella gif quelli che coprono davanti sono il 3° ed il 4°. E' comunque una gif fatta per l'attraversamento con 2 team in doppia colonna: nessuno copre a destra, se non una lieve occhiata del 4°.
     
    Ultima modifica: 4 Ottobre 2013
  20. Darksky

    Darksky Admin Membro dello Staff

    Registrato:
    19 Novembre 2005
    Messaggi:
    3.337
    Ratings:
    +222
    Comunque sono anche io per mantenere sempre gli stessi ruoli all'interno della stessa sessione di gioco, è più facile da memorizzare cosa fare.
     

Condividi questa Pagina