1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

sfidAAR2: DAoS, Patriarcato di Aquileia

Discussione in 'Le vostre esperienze' iniziata da Dark_Angel_Of_Sin, 25 Settembre 2010.

  1. Dark_Angel_Of_Sin

    Dark_Angel_Of_Sin

    Registrato:
    14 Novembre 2006
    Messaggi:
    2.339
    Ratings:
    +30
    sfidAAR2: DAoS, cronache del patriAARcato di Aquileia

    intanto comincio con gli obbiettivi (modificati in data 08/10/2010) XD

    Obbiettivo finale: entrare nel novero delle potenze europee, controllando anche 5/10 provincie per continente (nord america, sud america, africa, asia&oceania)

    Obbiettivi a lungo termine (scadenza 1600):
    1) controllare tutta l'italia odierna
    2) espandermi nei balcani
    3) espandermi nella mitteleuropa
    4) cominciare a colonizzare


    Obbiettivi a breve termine:
    1)sopravvivere
    2)esercito decente (20k almeno)
    3)flotta decente (più di venezia)
    4)annettere venezia

    5) TBD
    6) TBD
    7) TBD
    8) TBD

    Sommario (24/05/2012)

    Post I - Introduzione
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=239946&viewfull=1#post239946
    Post II - Prologo
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=240041&viewfull=1#post240041
    Post III - Il Patriarcato di Antonio I
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=240140&viewfull=1#post240140
    Post IV - Il consiglio speciale
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=240277&viewfull=1#post240277
    Post V - Il Patriarcato di Giovanni VI (I)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=240336&viewfull=1#post240336
    Post VI - Il Patriarcato di Giovanni VI (II)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=240341&viewfull=1#post240341
    Post VII - Un altro consiglio
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=240642&viewfull=1#post240642
    Post VIII - Il Patriarcato di Gastone II
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=240945&viewfull=1#post240945
    Post IX - La morte di Gastone II
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=241148&viewfull=1#post241148
    Post X - Il Patriarcato di Niccolò II (I)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=241367&viewfull=1#post241367
    Post XI - Il Patriarcato di Niccolò II (II)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=241546&viewfull=1#post241546
    Post XII - Il Patriarcato di Antonio II (I)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=241961&viewfull=1#post241961
    Post XIII - Il caso Sabbati (I)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=242168&viewfull=1#post242168
    Post XIV - Il caso Sabbati (II)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=242299&viewfull=1#post242299
    Post XV - Il Patriarcato di Antonio II (II)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=242645&viewfull=1#post242645
    Post XVI - Il Patriarcato di Antonio II (III)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=242647&viewfull=1#post242647
    Post XVII - Il Patriarcato di Antonio II (IV)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=243864&viewfull=1#post243864
    Post XVIII - Il Patriarcato di Antonio II (V)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=243866&viewfull=1#post243866
    Post XIX - Problemi in Valacchia (I)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=244587&viewfull=1#post244587
    Post XX - Problemi in Valacchia (II)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=245360&viewfull=1#post245360
    Post XXI - Il Patriarcato di Pagano II
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=245714&viewfull=1#post245714
    Post XXII - Il Patriarcato di Lodovico II (I)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=246438&viewfull=1#post246438
    Post XXIII - Il Patriarcato di Lodovico II (II)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=246439&viewfull=1#post246439
    Post XXIV - Il Patriarcato di Lodovico II (III)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=246440&viewfull=1#post246440
    Post XXV - Intrigo a Napoli (I)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=247020&viewfull=1#post247020
    Post XXVI - Intrigo a Napoli (II)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=247425&viewfull=1#post247425
    Post XXVII - Il Patriarcato di Antonio III (I)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=247671&viewfull=1#post247671
    Post XXVIII - Il Patriarcato di Antonio III (II)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=247672&viewfull=1#post247672
    Post XXIX - Il Patriarcato di Antonio III (III)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=247819&viewfull=1#post247819
    Post XXX - Diario Coloniale
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=248320&viewfull=1#post248320
    Post XXXI - Il Patriarcato di Niccolò III (I)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=248569&viewfull=1#post248569
    Post XXXII - Al servizio del CCSP
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=248636&viewfull=1#post248636
    Post XXXIII - Il Patriarcato di Niccolò III (II)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=249269&viewfull=1#post249269
    Post XXXIV - Il Patriarcato di Niccolò III (III)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=249271&viewfull=1#post249271
    Post XXXv - Il Patriarcato di Niccolò III (IV)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=249277&viewfull=1#post249277
    Post XXXVI - Il Patriarcato di Niccolò III (V)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=249278&viewfull=1#post249278
    Post XXXVII - Il Patriarcato di Niccolò III (VI)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=250000&viewfull=1#post250000
    Post XXXVIII - Il Patriarcato di Niccolò III (VII)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=250020&viewfull=1#post250020
    Post XXXIX - Il Patriarcato di Niccolò III (VIII)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=250023&viewfull=1#post250023
    Post XL - Situazione Coloniale in Africa e Medio Oriente
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=250068&viewfull=1#post250068
    Post XLI - Situazione Coloniale in America ed Asia
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=250236&viewfull=1#post250236
    Post XLII - Il Patriarcato di Lodovico III (I)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=250836&viewfull=1#post250836
    Post XLIII - Il Patriarcato di Lodovico III (II)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=250841&viewfull=1#post250841
    Post XLIV - Le forze armate Patriarcali
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=251228&viewfull=1#post251228
    Post XLV - Il Patriarcato di Lodovico III (III)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=251554&viewfull=1#post251554
    Post XLVI - Nuove colonie sotto Lodovico III
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=252652&viewfull=1#post252652
    Post XLVII - Il Patriarcato di Pagano III (I)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=252826&viewfull=1#post252826
    Post XLVIII - Il Patriarcato di Pagano III (II)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=253235&viewfull=1#post253235
    Post XLIX - L'amministrazione Patriarcale
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=253408&viewfull=1#post253408
    Post L - Il Patriarcato di Pagano III (III)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=253804&viewfull=1#post253804
    Post LI - Il Patriarcato di Pagano III (IV)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=254255&viewfull=1#post254255
    Post LII - La Fine di Pagano III
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=254615&viewfull=1#post254615
    Post LIII - Il Patriarcato di Antonio IV
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=254866&viewfull=1#post254866
    Post LIV - La fine di Antonio IV
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=255119&viewfull=1#post255119
    Post LV - Situazione Coloniale dopo la riforma di Antonio IV
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=255266&viewfull=1#post255266
    Post LVI - Il Patriarcato di Antonio V (I)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=255272&viewfull=1#post255272
    Post LVII - Il Patriarcato di Antonio V (II)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=255663&viewfull=1#post255663
    Post LVIII - Il Patriarcato di Antonio V (III)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=255671&viewfull=1#post255671
    Post LIX - Antonio VI
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=256610&viewfull=1#post256610
    Post LX - Il Patriarcato di Antonio VI (I)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=257406&viewfull=1#post257406
    Post LXI - Il Patriarcato di Antonio VI (II)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=257913&viewfull=1#post257913
    Post LXII - Colonie istituite da Antonio VI
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=258406&viewfull=1#post258406
    Post LXIII - Il Patriarcato di Antonio VI (III)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=258694&viewfull=1#post258694
    Post LXIV - Il Patriarcato di Antonio VI (IV)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=259445&viewfull=1#post259445
    Post LXV - L'inizio della fine
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=259813&viewfull=1#post259813
    Post LXVI - Il Patriarcato di Raimondo II (I)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=259982&viewfull=1#post259982
    Post LXVII - Governatorati instaurati dal Patriarca Raimondo II
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=260267&viewfull=1#post260267
    Post LXVIII - Il Patriarcato di Raimondo II (II)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=260599&viewfull=1#post260599
    Post LXIX - Un nuovo inizio
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=261018&viewfull=1#post261018
    Post LXX - Il Patriarcato di Raimondo II (III)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=261716&viewfull=1#post261716
    Post LXXI - Il Patriarcato di Raimondo II (IV)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=261718&viewfull=1#post261718
    Post LXXII - Il vicario
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=262190&viewfull=1#post262190
    Post LXXIII - Il Patriarcato di Raimondo II (V)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=262679&viewfull=1#post262679
    Post LXXIV - Tratto dalle lettere dell'ambasciatore austriaco in Aquileia
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=263101&viewfull=1#post263101
    Post LXXV - Il Patriarcato di Niccolò IV (I)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=263406&viewfull=1#post263406
    Post LXXVI - I governatorati istituiti da Niccolò IV
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=263454&viewfull=1#post263454
    Post LXXVII - Il Patriarcato di Niccolò IV (II)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=263705&viewfull=1#post263705
    Post LXXVIII - Il Patriarcato di Niccolò IV (III)
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=263713&viewfull=1#post263713
    Post LXXIX - Conclusione
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=264179&viewfull=1#post264179
    Post LXXX - Epilogo
    http://www.netwargamingitalia.net/f...to-di-Aquileia&p=264399&viewfull=1#post264399
     
  2. Dark_Angel_Of_Sin

    Dark_Angel_Of_Sin

    Registrato:
    14 Novembre 2006
    Messaggi:
    2.339
    Ratings:
    +30
    introduzione

    Località imprecisata, Nord-Est Italia, a.d. 1971

    La pioggia torrenziale batteva sui tetti della città mentre i due uomini camminavano verso il museo..
    "giornata terribile, non trovi?" disse il più grosso
    "già" rispose il secondo "odio dover fare queste cose"
    "ma dai!" l'altro si coprì meglio con l'impermeabile "sono anni che scrivi questo libro, la presentazione andrà sicuramente bene, vedrai"
    "lo spero, ho bisogno di quei soldi.."
    e così chiacchierando arrivarono al museo, un vecchio edificio cadente, ma pieno di misteri e meraviglie.
    "Signori?" chiese il portinaio
    "Rossi, Mario" rispose il grosso "sono qui per accompagnare il professore"
    "professor Biagio" continuò l'altro, aggiustandosi gli occhiali "sono qui per la presentazione del mio libro sul patriarcato di aquileia"
    il portinaio li guardò, depennando i loro nomi dalla lista dei partecipanti "siete in largo anticipo signori, vi congislio di portate pure i vostri cappotti al guardaroba, presumo che siano fradici" indicò verso un altro corridoio "poi andate pure verso la sala conferenze"
    "grazie" disse il professore, cominciando ad incamminarsi, seguito da Mario che, appena svoltato l'angolo disse "simpatico quel tipo, no?"
    "dio ci guardi dai portinai, mio caro!" si fermò un momento "ecco il guardaroba, ma non c'è nessuno a custodirlo..odio queste cose!"
    "vado a guardare in giro se trovo il responsabile" disse Mario
    "ottimo, io intanto appoggerò il cappotto qui dentro..spero che non rechi problemi!" il professore rise ed entrò nel guardaroba mentre l'altro si allontanava. Pochi istanti dopo sentì dei rumori provenire dal fondo della stanza, ma non riusciva a vedere niente, così, spinto dalla sua innata curiosità si avvicinò mentre i rumori continuavano ad aumentare; tutto ad un tratto non vide più nulla, come se qualcuno l'avesse colpito alla nuca; riuscì solo ad udire la voce di Mario, che lo chiamava: poi solo il buio..

    TBC

    saluti
    DAoS

    p.s.
    scriverò questo AAR nei ritagli di tempo XD il mio primario resta il sAARawakian history I.. spero comunque di riuscire a garantire almeno un paio di aggiornamenti a settimana!
     
  3. Dark_Angel_Of_Sin

    Dark_Angel_Of_Sin

    Registrato:
    14 Novembre 2006
    Messaggi:
    2.339
    Ratings:
    +30
    ...straniero in terra straniera...

    Dintorni di Aquileia, a.d. 1371

    Il professore si svegliò dopo un tempo che gli parve l'eternità; si svegliò e cominciò a guardarsi intorno.. era finito, o lo avevano portato, in una radura..
    "ma dove sono?" si chiese "e soprattutto.. perché?" urlò al vento, ma nessuno gli rispose; così cominciò ad incamminarsi in una direzione a caso, sperando di tornare alla civiltà.
    Dopo circa un'ora di cammino arrivò nei pressi di una strada sterrata, deserta, che cominciò a percorrere; dopo un'altra mezz'ora vide una colonna di fumo salire da un casolare poco lontano, spinto anche questa volta dalla curiosità s'incamminò verso quella dimora, sperando di trovare qualcuno che gli desse delle informazioni; ma la sua speranza fu vana: dietro la porta aperta non trovò che un cadavere di un uomo barbaramente trucidato a colpi di spada, un uomo che gli assomigliava molto.
    "a colpi di spada?" si domandò il professore "ma queste cose non succedono nell'Italia moderna!" cominciò a grattarsi la testa, meditando su dove fosse davvero finito. Ancora in balia dei suoi pensieri cominciò a vagare per la casa, a cercare qualcosa che gli potesse dare qualche informazione. Passata l'entrata si ritrovò in uno stanzone con un caminetto acceso, un tavolo grossolano ed alcuni armadi vuoti: doveva essere una sala da pranzo, pensò. Trovò anche una porta che lo condusse nella stanza successiva in cui trovò uno scrittoio "finalmente qualche documento!" gridò gioiosamente il professore, prima di accorgersi che erano degli editti patriarcali scritti su pergamena..
    "COOOOOOOOOOSA?" urlò "ma come diavolo sono finiti qui questi editti, originali per di più.. varranno una fortuna!" continuò a guardarsi intorno e trovò rotoli di pergamena e materiale scrittorio "non può essere" gridò disperatamente "non è possibile!" continuò a guardarsi intorno alla ricerca di un qualsiasi oggetto che lo riportasse alla modernità "non posso essere stato trasportato nel XIV secolo!!!" e si mise a piangere.
    ...
    dopo qualche ora l'uomo pragmatico in lui si destò "non posso stare qui a piangermi addosso" si disse "devo trovare il modo di sopravvivere in questo inferno.." così cominciò a studiare i documenti, per scoprire di chi fosse il cadavere e cercare di prendere il suo posto; così dopo un paio d'ore di attenta analisi della casa scoprì che 'fratello Giuseppe', così si chiamava il morto, fungeva da notaio per la cancelleria patriarcale. "Finalmente una buona notizia" rise tra se e se "conosco a menadito il loro lavoro.." si fermò un attimo, pensieroso "devo far sparire il cadavere e prendermi i vestiti, poi aspetterò il mattino" così andò a togliere i vestiti dal cadavere "tanto a te non serviranno più" gli disse, sprezzante; poi prese una pala e lo seppellì nel prato dietro alla casa. Fatto questo, ritornò dentro a cercare del cibo. Era ormai sera, ed il professore era ancora intento a cercare di masticare della carne salata trovata nella dispensa, quando udì bussare alla porta; memore della fine del suo predecessore, prese un pugnale e lo nascose nelle pieghe della veste, poi andò verso la porta "chi è?" urlò nel suo migliore mediolatino "fra Giovanni?" rispose una voce, sempre in latino ma con un forte accento volgare "si, sono io" rispose il professore "sono il capitano Bardi, sono qui per proteggervi; il patriarca ha appena avuto notizia che molti briganti si stanno aggirando per queste contrade, e voi siete un notaio troppo prezioso" il capitano rise
    "va bene capitano, adesso vi apro", un uomo in cotta di maglia entrò e squadrò l'abito insanguinato del professore "vi hanno fatto qualcosa?" chiese, in tono allarmato
    "niente di che" rispose l'altro, con uno strano luccichio negli occhi "si accomodi pure capitano, stavo giusto mangiando qualcosa, volete unirvi a me?"
    "sicuro!" il capitano rise "anche se un povero frate come voi non avrà certo una dispensa molto ben fornita.." si fermò e poi aggiunse "nevvero?"
    "eh già, il voto di povertà!" i due risero insieme e si avviarono verso la sala da pranzo, dopo aver sprangato la porta.


    saluti
    DAoS
     
  4. Dark_Angel_Of_Sin

    Dark_Angel_Of_Sin

    Registrato:
    14 Novembre 2006
    Messaggi:
    2.339
    Ratings:
    +30
    commenti vari

    da domani comincerò con il gameplay, ho giocato pochi anni ed ho qualcosa come 190 screen.. mi sa che dovrò fare una selezione!!! XD
    qualsiasi commento è gradito!
    buona lettura :D

    saluti
    DAoS
     
  5. coluicheregna

    coluicheregna

    Registrato:
    18 Luglio 2010
    Messaggi:
    719
    Località:
    Corfu
    Ratings:
    +4
    comlimenti per la scrittura dell'AAR,molto curata,è un piacere leggerlo
     
  6. Filippo I di S.G.

    Filippo I di S.G.

    Registrato:
    30 Marzo 2007
    Messaggi:
    2.573
    Località:
    Santa Giustina Bellunese
    Ratings:
    +0
    Bell'idea per la narrazione! :approved: Ma quanto vivrà questo professore? :confused:
     
  7. Dark_Angel_Of_Sin

    Dark_Angel_Of_Sin

    Registrato:
    14 Novembre 2006
    Messaggi:
    2.339
    Ratings:
    +30
    grazie! ogni tanto sperimento ;-)

    devo ancora deciderlo.. ultimamente mi sto sparando 'doctor who' e 'torchwood'; qualche idea salterà sicuramente fuori!!! XD
    ad ogni modo buonanotte, cari lettori/lettrici!

    saluti
    DAoS
     
  8. Dark_Angel_Of_Sin

    Dark_Angel_Of_Sin

    Registrato:
    14 Novembre 2006
    Messaggi:
    2.339
    Ratings:
    +30
    prologo

    Cividale, ottobre 1380

    Erano ormai passati nove anni ed il professore non solo era riuscito ad ambientarsi egregiamente nel patriarcato, ma anche era diventato il capo della cosiddetta 'cancelleria nova', fondata dal patriarca Marquardo di Randeck qualche anno prima, dietro suo consiglio; inoltre il suo saio marrone sbiadito era ormai divenuto famoso nelle stanze della corte patriarcale, per la sua arguzia e la sua intelligenza.
    In sostanza tutto procedeva per il meglio, finché un giorno d'ottobre, durante l'anno del signore 1380, venne chiamato dal patriarca in persona, nel suo studio privato; superata la porta vide Marquardo, seduto sul suo scranno, in atteggiamento pensoso; aspettò quindi in ossequioso silenzio. Alcuni minuti dopo il vecchio patriarca si destò, il professore si vide puntare da quei taglienti occhi grigi e non seppe trattenere un brivido "fratello Giovanni" disse infine il patriarca "ti ho convocato perché sento che i miei giorni stanno per finire"
    "non dite così, monsignore" replicò il professore "il vostro vissuto è degno dei libri di storia!"
    "non lusingarmi" disse, secco Marquardo "come dicevo i miei giorni sono contati; quindi ti ho chiamato perché, come cancelliere, devo darti gli ultimi incarichi. Prendi quindi la pergamena e lo stilo, per la minuta"
    il professore aprì un armadio, prese tutto quanto richiestogli, fissò la pergamena sul supporto e disse "mio signore, sono pronto"
    "eccellente." il vecchio si raddrizzò sulla sua sedia "primo: ti nomino vescovo di Gorizia"
    il professore lo guardò, stupito "come? perché?" chiese
    "il vecchio Timoteo è morto un paio di mesi fa, la cattedra è quindi vacante. La offro a te, Giovanni da Cividale, come compensazione per il tuo servizio allo Stato"
    "grazie, monsignore"
    "un uomo arguto come te può fare solo che del bene per la cristianità. Comunque, oltre a ciò, nomino mio successore Filippo di Alençon."
    "ma, mio signore, egli non è assolutamente adatto per la carica, è smaccatamente filo Austriaco, i veneziani sicuramente reagiranno.. inoltre è molto vecchio.."
    "Giovanni, non discutere sulle mie ultime volontà!" il vecchio lo fulmino con gli occhi "egli è si vecchio, ma non è uno stolto, saprà reggere le redini del patriarcato senza problemi."
    "se questa è la vostra volontà.."
    "lo è. redigi questo documento nella forma canonica e preparalo per la mia firma, lo voglio pronto prima dei vespri"
    ...

    un paio di mesi dopo, durante l'anno del signore 1381, il vecchio Marquardo morì, suo successore fu Filippo di Alençon. La nomina di costui, come il professore aveva previsto, scatenò l'irata reazione di Venezia e dei signori di Milano, che mossero guerra allo Stato patriarcale, che fu tuttavia protetto dalle truppe del duca d'Austria.

    Gorizia, 1384
    Durante gli anni bui della guerra il professore resse la cattedra di Gorizia, cercando di aiutare la popolazione; tuttavia un giorno, mentre ritornava alla sua dimora venne aggredito da alcuni briganti e lasciato agonizzante sul selciato della strada. Il professore andò con la mente ai giorni felici del XX secolo, quando era ancora a casa. Riusciva a sentire la vita scorrergli via, senza che lui potesse far niente per fermarla, poi chiuse gli occhi per l'ultimo viaggio..
    Mezz'ora dopo, li riaprì.. La sua mente era in un turbinio confuso di pensieri "dovrei essere morto!" si disse guardandosi le ferite rimarginate "ma come può essere?" si alzò in piedi, ancora grondante sangue "cosa mi è successo!?!" gridò, in lacrime; al suo grido accorsero alcuni uomini della milizia locale "monsignore!" gridò il loro capo "cosa vi è successo? vi sentite bene, state perdendo molto sangue!"
    il vescovo si voltò a guardarli "solo alcune ferite superficiali" gli rispose, sforzandosi di non pensare e restare calmo
    "ma.. e tutto quel sangue?"
    "li ho combattuti, la fede si difende anche con la spada, capitano"
    "si, chiaro, monsignore" gli rispose il capitano "però sarà bene che accettiate un seguito di guardie armate, soprattutto con i veneziani a poche miglia da qui.."
    "grazie capitano, ma rivolgete prima la vostra attenzione alla popolazione, loro hanno sicuramente più bisogno di protezione di me"
    "come vuole, monsignore"
    "adesso però mi sento un'pò debole, e quindi gradirei molto la vostra scorta" rise nervosamente "ed il vostro sostegno"
    le guardie lo scortarono presso la sua dimora; il professore, appena arrivato, si lanciò nel suo studio; doveva pensare in modo razionale.
    "allora non sono morto, nonostante il fatto che le ferite fossero mortali" riflettè un momento "sarà per via del viaggio nel tempo.. chissà cosa mi è successo in tutto quel tempo nel quale ero senza conoscenza" si guardò allo specchio "in effetti non invecchio nemmeno; sono tale e quale a quando sono arrivato.. e questo è un grosso problema" si sedette e si versò del vino, ne bevve un sorso, con l'intenzione di calmarsi ma si rialzò subito e cominciò a camminare su e giù per la stanza, pensando furiosamente "se scoprono questa cosa come minimo mi bruciano come stregone o mago, ed anche se non muoio sicuramente non sarà una bella esperienza.. devo trovare un sistema per restare in incognito, operare dietro le quinte" si fermò a guardare il suo ritratto appeso alla parete "maschera!" gridò "una maschera, ci vuole. un ordine di frati mascherati, perfettamente addestrati a compiti di governo e servizi segreti..nessuno sa chi siano..identità confuse" pensò, poi gridò "EUREKAAAAAA!" a quel punto sentì qualcuno bussare alla sua porta
    "monsigore, vi sentite bene?!?" chiese la sua domestica, entrando "siete tutto imbrattato di sangue"
    "hanno cercato di uccidermi, ma ora va tutto bene.. torna nelle tue stanze, voglio stare da solo"
    "si, mio signore" rispose al donna, uscendo
    "molto bene" si disse, fregandosi le mani "adesso vediamo di stilare un editto vescovile per fondare questo nuovo ordine"

    ...

    In quegli anni di guerra l'ordine del Professore fu fondato e riconosciuto da Filippo; il professore ne assunse il comando come 'primus frater' Giovanni da Cividale, vescovo di Gorizia e cancelliere patriarcale.

    La guerra durò 7 anni e fu lunga e sanguinosa; alla fine, nonostante la vittoria austriaca, Filippo fu costretto ad abdicare e lasciare lo scranno patriarcale a Giovanni Sobieslaw di Moravia, un filo austriaco moderato ben visto anche presso la corte dogale. Egli, una volta giunto in Friuli dovette gestire una situazione critica in cui, a causa dell'indebolimento del potere del patriarca, le diverse famiglie di nobili avevano acquistato sempre più autonomia e potere, per contrastare le quali Giovanni aumentò la rappresentanza popolare nel parlamento locale. Tuttavia la situazione degenerò quando il maresciallo del patriarca assassinò Federico Savorgnan nella chiesa di Santo Stefano ad Udine, causando un'insurrezione popolare appoggiata dalla Serenissima, che costrinse il patriarca a rifugiarsi nel castello di Soffumbergo; oltre a questo il patriarca Giovanni mirava anche alla soppressione dell'ordine dei cosiddetti 'frati mascherati' che, godendo delle simpatie di gran parte del clero, avevano assunto il pieno controllo della cancelleria.
    Preoccupato per la vita dell'ordine il professore ordinò l'eliminazione del patriarca Giovanni e l'elezione a suo successore di Antonio Gaetani, formato sotto la supervisione dell'ordine. Così, durante la notte del 13 ottobre 1391, Giovanni Sobieslaw fu assassinato e sepolto di nascosto nel Duomo di Udine per evitare reazioni popolari. Monsignor Gaetani, assunto il nome di Antonio I, fu subito designato come successore ed incoronato il giorno successivo.

    Udine, 15 ottobre 1391
    Antonio I stava sorseggiando del vino nel suo studio quando sentì bussare alla porta "avanti!" gridò, il professore entrò nella stanza "buongiorno, monsignore"
    "ah siete voi, Giovanni, come state?"
    "tutto a posto, grazie, e voi? vi trovate bene nella vostra nuova carica?"
    "c'è un disordine terribile, mi ci vorranno anni per mettere tutto a posto" il patriarca sorrise
    "potete sempre ricorrere ai servigi dell'Ordine, mio signore"
    "il vostro aiuto è stato indispensabile, quello stolto di Giovanni Sobieslaw avrebbe di sicuro distrutto lo stato, con le sue manie popolari!"
    "un uomo del vostro stampo non può far altro che del bene" replicò il professore
    "voi mi adulate adesso.. non eravate così durante gli anni del seminario" il patriarca ridacchio "vino?"
    "grazie. Ad ogni modo, allora dovevo forgiarvi, adesso dipendo da voi" prese la coppa che l'altro gli porgeva "grazie, monsignore"
    "dovere, Maestro. Comunque desidero ricompensare l'Ordine per l'appoggio dato alla mia elezione"
    "l'Ordine non accetta ricompense, lo sapete"
    "mhm" mormorò il patriarca "sicuramente posso lasciare qualcosa alla vostra scuola"
    "meglio sarebbe che la rendeste l'unica per la cancelleria. Solo noi possiamo dare la formazione adeguata a servire al meglio lo Stato"
    "ve ne dò atto, non sarei qui se non fosse per la vostra scuola" ammise Antonio "ma non siete sicuramente venuto a farvi ringraziare, Maestro"
    "innanzitutto vi ringrazio per la vostra generosità, monsignore" rispose il professore "poi, in effetti, avrei due richieste da farvi"
    "sentiamo"
    "voglio dimettermi dalla carica di vescovo di Gorizia, ormai sono troppo vecchio per tre incarichi, e l'ordine e la cancelleria mi assorbono troppo; bisogna mettere i goriziani in mani giovani, capaci di guidarli"
    "dovrò mandare un messo a Roma per questo" sospirò Antonio "ma seguiranno, come sempre, le indicazioni patriarcali" sorrise "chi?"
    "Matteo da Duino sarebbe perfetto per la carica" disse il professore
    "ottimo, la seconda?"
    "ho elaborato il canone definitivo dell'Ordine, e quindi ho bisogno che voi scriviate a Roma per l'approvazione"
    "sicuramente, il vostro Ordine porterà grande giovamento al patriarcato!"
    "lo spero ardentemente, mio signore, è quello il nostro scopo 'proteggere e servire'.."

    ...

    Gorizia, 1398
    L'intero capitolo dell'Ordine era riunito nel duomo di Gorizia, per il funerale del primo Maestro e l'elezione del suo successore. Il feretro contenente il corpo, il volto coperto da una maschera di cera, stava aperto davanti all'altare, con i frati dietro in silenzio ossequioso. Aspettavano il 'secundus frater' per l'annuncio del prossimo 'primus frater'; pochi minuti dopo, il secundus arrivò, coperto dal saio marrone sbiadito, colore dell'ordine, e dal pulpito annunciò "Il Maestro è morto" si fermò a guardare i confratelli da dietro alla maschera "preghiamo per la sua anima!". Dopo le preghiere del rito funebre il secundus scese dal pulpito e si avvicinò all'altare "tuttavia non dobbiamo dispiacerci della sua dipartita, egli sarà sicuramente in paradiso con gli uomini pii" di nuovo guardò i presenti "che entri il designato" gridò, un uomo emerse dalla sacrestia, vestito con un saio bianco con cappuccio, e si mise inginocchiato davanti al secundus "tu, fratello Arcibaldo da Cividale, sei stato prescelto per essere il nostro superiore, sei conscio dei doveri e dei sacrifici questo comporta?"
    "si, fratello" rispose l'uomo incappucciato
    "assumento questo ruolo dovrai lasciare tutto alle spalle, il tuo nome, le tue ricchezze, sei preparato?"
    "si, fratello, Dio mi darà la forza"
    "sei quindi disposto a sacrificare la tua vita per la cristianità e l'Ordine?"
    "si, fratello"
    il secundus prese la spada ed eseguì il rituale, di stampo cavalleresco, "nel nome del padre, del figlio e dello spirito santo" gli puntò la spada al petto "per l'incarico conferitomi da Dio e dai fratelli tutti, io ti riconosco come Maestro dell'Ordine" il professore si alzò, prese la spada che l'altro gli porgeva e la puntò verso l'alto "Amen" gridò
    "e così sia" risposero in coro gli altri frati, subito dopo venne intonato un canto al termine del quale la bara fu chiusa e preparata per la sepoltura.
    Dopo il funerale il professore ritornò nel suo studio, prese un nuovo saio e la vecchia maschera, poi mandò un messo ad Udine, per la conferma della nomina a Maestro dell'Ordine e l'annesso conferimento del cancellierato da parte del patriarca.

    ...
    saluti
    DAoS
     
  9. nirian

    nirian Guest

    Ratings:
    +0
    Una curiosità che per me dà un ulteriore tocco stregato al racconto di Dark Angel è che mentre mi chiedevo come avrei fatto un AAR se fossi stato concorrente anziché giurato è che mi era venuta un' idea di base molto simile, senza che io e Dark abbiamo mai parlato: una specie di immortale che racconta la propria storia in stile narrativo (anche se il mio non veniva dal futuro, era reso immortale dal demonio dopo averci perso a dadi e doveva via via adattarsi allo spirito dei tempi senza preconoscerlo, come sembrerebbe invece potere fare il personaggio di Dark, e raccontava in prima persona):scifi:

    in ogni caso aspettiamo di vedere se Fra Giovanni sa anche muovere bene le mani contro gli stati vicini :contratto:
     
  10. Active

    Active

    Registrato:
    28 Novembre 2009
    Messaggi:
    503
    Località:
    Roma
    Ratings:
    +2
    fantastica l'idea del prof immortale ma i frati mascherati sono tipo gli assassini o è una mia impressione
     
  11. Dark_Angel_Of_Sin

    Dark_Angel_Of_Sin

    Registrato:
    14 Novembre 2006
    Messaggi:
    2.339
    Ratings:
    +30
    LGMPS!!! ;) cmq da stasera metto su un'pò di screen.. farò un'pò di gameplay e un'pò di narrativa! (che con le tonnellate di screen che ho preso fare solo gameplay diventa oltremodo pesante)

    in effetti li ho usati un'pò come modello, ma finisce là :approved:
    questi frati saranno la colonna portante dell'amministrazione patriarcale, diciamo un'pò come i gesuiti ma migliori! :D

    ad ogni modo grazie delle risposte, spero di continuare con questo livello! XD

    stay tuned!

    saluti
    DAoS
     
  12. Dark_Angel_Of_Sin

    Dark_Angel_Of_Sin

    Registrato:
    14 Novembre 2006
    Messaggi:
    2.339
    Ratings:
    +30
    Il patriarcato di Antonio I

    I primi anni del patriarcato di Antonio I non videro grandi sviluppi in quanto le devastazioni portate dalla guerra dovevano ancora essere sanate; solo verso la fine del 1399 si assistette ad un timido accenno di centralizzazione dello stato, secondo alcune malelingue suggerita dall'Ordine, ed alla nomina di Paolo Pico, Niccolò del Carreto e Benedetto Sopransi a consiglieri di corte.
    [​IMG]
    Subito dopo, per smarcarsi dalla politica regionalistica degli Asburgo d'Austria, il patriarca ordinò di cercare alleanze con le maggiori potenze europee per tutelarsi contro le ingerenze del potente vicino, ma, dato il poco prestigio internazionale del Patriarcato, solo Polonia e Milano risposero all'appello; oltre a loro anche gli stati di Naxos ed Achaea chiesero l'appoggio patriarcale, anche se in funzione anti-bizantina.
    L'anno successivo vide la guerra tra Milano e Sardegna, conclusasi con l'annessione di quest'ultima dopo un'anno d'assedio; il patriarcato onorò l'alleanza, ma solo virtualmente: Antonio I decise che non valeva la pena mandare i suoi uomini a morire oltremare, per favorire le mire espansionistiche di Gian Galeazzo I Visconti.
    Durante l'anno del signore 1402 vennero stipulati accordi di non aggressione con Austria ed Ungheria, in modo da garantirsi le spalle per l'inevitabile confronto con Venezia, che proprio in quegli anni cercava di espandersi sulla terraferma. Così, il 21 febbraio 1402, il patriarca ordinò alle truppe di marciare verso il territorio veneto, per vendicare la guerra precedente e contrastare le mire della Serenissima.
    [​IMG]
    Anche se la guerra venne dichiarata dal patriarcato, la prima mossa fu veneta: le armate veneziane, al comando di Antonio Veniero, si spinsero fino alle porte di Udine ma furono sconfitte dalla Cavalleria, guidata da un membro dell'Ordine.
    [​IMG]
    La cavalleria, dopo questo primo scontro continuò ad inseguire la truppe di Veniero, in costante ritirata verso ovest, fino a distruggerle completamente presso Gorizia il mese successivo.
    Nel frattempo l'armata patriarcale avanzò verso la provincia di Treviso, sconffiggendo il locale presidio e mettendo la città stessa sotto assedio nel mese di maggio.
    [​IMG]
    Treviso durò solamente 117 giorni prima di capitolare, grazie all'apporto di truppe mercenarie, in mani Aquileiesi.
    [​IMG]
    Durante l'anno successivo furono vanificati, da parte della potente flotta veneziana, tutti i tentativi Aquileiesi di attaccare la città; tuttavia una grande rivolta popolare scacciò definitivamente le navi dall'adriatico, aprendo la via alle armate patriarcali, guidate per l'occasione da Antonio I in persona, che riuscirono, il 16 luglio 1403 a porre l'assedio alla capitale della Serenissima.
    [​IMG]
    Durante i mesi successivi l'assedio si protrasse, senza che le armate di Antonio riuscissero a conquistare la città. Gli ambasciatori veneti proposero allora di ritornare allo status quo, promettendo di non cercare l'espansione sulla terraferma, mantenendo però la provincia di Treviso, il patriarca fu fermo nel rifiutare questa proposta, volendo eliminare la minaccia veneta alla radice.
    Fu accontentato verso la fine dell'anno successivo quando, dopo 466 giorni, Venezia cadde.
    [​IMG]
    Il giorno successivo fu firmata la pace di Padova, con la quale la Serenissima cedeva Treviso al Patriarcato e rendeva indipendenti le nazioni di Corfù, Morea ed Atene.
    [​IMG]
    Durante l'anno successivo scoppiò la guerra tra Castiglia ed Aragona. Con la prima si schierarono, tra gli altri, Milano ed il Patriarcato; con la seconda solamente Genova. Il patriarca decise di giocare d'anticipo contro la flotta aragonese; quindi dei mercenari vennero sbarcati nelle isole baleari per prenderne il controllo ed usare poi quella provincia come base per incursioni lungo la costa nord-occidentale della Spagna.
    [​IMG]
    La successiva conquista delle Baleari, avvenuta nel novembre 1405, non bastò far cadere in ginocchio la potente nazione aragonese; così venne deciso di aprire un fronte direttamente sul suolo spagnolo, per colpire gli aragonesi al cuore: venne scelta la provicia di Girona, che cadde il 16 agosto 1406, dopo 208 giorni d'assedio. Successivamente, viste anche le conquiste dei castigliani, il re aragonese chiese la pace, concedendo le isole baleari al Patriarcato.
    [​IMG]
    Negli anni successivi l'esercito venne ampliato, per garantire l'indipendenza della nazione; sempre a questo scopo vennero siglati trattati di alleanza con l'Austria e con l'imperatore Boemo. Sul versante interno si moltiplicarono le smanie di indipendenza dei piccoli signori locali, che, anche grazie all'esercito, vennero ricondotti alla ragione.
    ...
    Udine, 1408
    Il patriarca Antonio I era nel suo studio, intento a consultare i rapporti sulle condizioni dello Stato quando sentì un alterco provenire dall'altra parte della massiccia porta "voi non potete entrare, il patriarca è occupato" stava gridando il suo servitore, ma la porta si aprì comunque, Antonio sapeva già chi era, infatti senza alzare lo sguardo disse "accomodatevi, Maestro. Questi rapporti mi tengono sempre occupato"
    "lasci perdere, patriarca" rispose il Professore "le porto rapporti migliori" e mise sulla scrivania un foglio di papiro "leggete questo"
    il patriarca prese il foglio, lo lesse per alcuni istanti e poi sbottò "cosa m'importa della guerra tra polacchi ed ungheresi?!?"
    "mio signore, gli ungheresi sono una minaccia per noi" il professore si fermò un momento per guardare negli occhi il patriarca, che non riuscì a trattenere un brivido "colpiamoli prima che loro possano colpire noi"
    "ma..ma" balbettò il patriarca "sono troppo forti per noi!"
    "gli austriaci e gli imperiali ci seguiranno, un'Ungheria forte è un pericolo per tutti" il patriarca continuava a rimanere silente così il professore aggiunse "colpire duro, colpire veloce!"
    [​IMG]
    ...
    L'esercito venne ampliato, mediante l'arruolamento di alcune compagnie di mercenari, e rapidamente si passò all'offensiva, cingendo d'assedio Slavonia, Croazia e Dalmazia; nel frattempo gli austriaci conquistavano una provincia nel nord e si muovevano rapidamente in territorio nemico.
    [​IMG]
    Qualche mese dopo l'Austria siglò una pace separata, guadagnando una provincia; tuttavia le truppe milanesi riequilibrarono le forze in campo e, grazie al loro aiuto, gli aquileiesi riuscirono a conquistare Croazia e Slavonia. Dopo queste conquiste, con il fianco nord protetto dai milanesi, si decise di attaccare Osijek e di rinforzare il contingente in Dalmazia. Col passare dei mesi anche queste roccaforti ungheresi caddero e poco tempo dopo, nel maggio del 1410, venne siglata la pace. Questa faceva passare tutto il 'regno di croazia', cioè Slavonia, Croazia e Dalmazia, sotto il dominio del Patriarcato
    [​IMG]
    Durante l'anno successivo, venne perseguita una politica di consolidamento dei confini e di ampliamento dell'esercito, che passò a 9000 fanti, 2000 cavalieri e 4000 mercenari. Nel dicembre dello stesso anno la Boemia perse lo scettro imperiale in favore della Baviera.
    [​IMG]
    ...
    Gorizia, 1411
    "Maestro, arrivo or ora dal palazzo patriarcale" disse frate Tommaso "le condizioni di salute del patriarca sono gravi; i medici non sanno quanto ancora potrà sopravvivere"
    "Dio lo accoglierà sicuramente in gloria" rispose il professore, sorridendo sotto la maschera "ma noi che restiamo sulla terra dobbiamo darci da fare, raduna il consiglio speciale per domani, spero che abbiano buone nuove dalle scuole"
    "si, Maestro. A domani, Pax Vobiscum" rispose il frate
    "a domani, Tommaso. Et cum spiritum tuum"

    ...
    saluti
    DAoS
     
  13. Enok

    Enok Moderator Membro dello Staff

    Registrato:
    15 Ottobre 2009
    Messaggi:
    4.607
    Località:
    Roma
    Ratings:
    +160
    Ma le immagini non si possono vedere più grandi? Forse è un problema mio, ma non me le fa cliccare.
     
  14. Dark_Angel_Of_Sin

    Dark_Angel_Of_Sin

    Registrato:
    14 Novembre 2006
    Messaggi:
    2.339
    Ratings:
    +30
    bhò? sinceramente non so, dovrebbe farlo ma non lo fa.. il prossimo aggiornamento cercherò di mettere a posto, che per questo ho perso le immagini :(

    saluti
    DAoS
     
  15. ronnybonny

    ronnybonny Moderator Membro dello Staff

    Registrato:
    6 Febbraio 2009
    Messaggi:
    3.306
    Località:
    Padova e Udine
    Ratings:
    +326
    bell'AAR, splendido stile, nazione interessante... cerca di risolvere il problema delle immagini che è alquanto fastidioso
     
  16. Dark_Angel_Of_Sin

    Dark_Angel_Of_Sin

    Registrato:
    14 Novembre 2006
    Messaggi:
    2.339
    Ratings:
    +30
    RISOLTO IL PROBLEMA, URRAH!!!

    comunque grazie dei commenti, è questo che tiene vivi gli aar!

    saluti
    DAoS
     
  17. Dark_Angel_Of_Sin

    Dark_Angel_Of_Sin

    Registrato:
    14 Novembre 2006
    Messaggi:
    2.339
    Ratings:
    +30
    ...primo consiglio speciale...

    Gorizia, dicembre 1411
    Era una fredda mattina di dicembre, quando il primo consiglio speciale si riunì presso la canonica del duomo di Gorizia. Il Maestro faceva gli onori di casa, comandando al suo domestico di servire vino caldo ai frati che arrivavano alla spicciolata, infreddoliti; era ormai terza quando il consiglio finalmente
    cominciò.
    Il Maestro si sedette alla grande tavola circolare, simbolo della parità tra i componenti del consiglio, e cominciò a parlare "ringrazio tutti per essere venuti. Per prima cosa, tuttavia, bisogna espletare alcune formalità, come forse non tutti voi sanno" guardò il secundus "prego, frate Tommaso, fate
    l'appello"
    il secundus prese lo stilo e cominciò a parlare "frate Arcibaldo, Maestro dell'Ordine e cancelliere patriarcale"
    "presente" rispose il professore
    "frate Tommaso, frater secundus, segretario del consiglio, presente"
    "frate Giovanni, frater tertius, rettore della scuola di cancelleria"
    "presente" rispose un grosso uomo, dall'accento nordico
    "frate Uberto, frater quartus, rettore della scuola episcopale"
    "presente"
    "frate Astolfo, frater quintus, rettore degli episcopati italiani"
    "presente" disse, con voce flebile, Astolfo
    "frate Berengario, frater sextus, rettore degli episcopati croati"
    "presente!" gridò con voce tonante il frate
    "frate Arrigo, frater septimus, amministratore dell'Ordine"
    "presente"
    "tutti presenti, Maestro" disse infine Tommaso
    "ottimo, ottimo. Miei cari fratelli" cominciò il professore "purtroppo devo darvi una notizia molto triste: monsignor Antonio, nostro patriarca, è sul letto di morte, è solo questione di giorni prima che egli consegni la sua anima a Dio." si guardò intorno, studiando gli occhi dei suoi confratelli "quindi, grazie
    ai poteri conferitici dalla costituzione episcopale del patriarcato e dal canone del nostro Ordine, dobbiamo deliberare riguardo alla persona più adatta a reggere lo scettro del patriarca. Fratello Astolfo, a voi la parola"
    Il vecchio rettore degli episcopati italiani si alzò "Maestro, vi ringrazio. Per quanto mi riguarda, ho due nomi da fare: Matteo da Duino, vescovo di Gorizia, e Giovanni da Trieste, vescovo della stessa città. Tra i vescovi cresciuti presso la scuola episcopale essi sono i migliori, come fratello Uberto
    potrà confermare, inoltre sono anche uomini molto pii ed ossequiosi verso la nostra santa religione" dopo queste parole Astolfo si sedette
    "confermate, fratello Uberto?" chiese Tommaso
    "assolutamente"
    "e voi, Berengario, avete nomi da proporre?" chiese il secundus
    "data la giovane età dei vescovi appena nominati nelle provincie di mia competenza non ho che un solo nome da fare: Gastone da Umago, vescovo di Zagabria. Anche lui ha frequentato la scuola"
    "molto bene confratelli" disse il professore, alzandosi ed avviandosi verso una parete su cui era posata una tavola lignea dipinta di nero "adesso scriverò su questa tavola" prese dal borsello un pezzo di gesso "i nomi dei candidati, con tutti i loro pregi e difetti di cui siamo a conoscenza" cominciò a scrivere "e confrontarli in maniera migliore" quando finì di scrivere si voltò verso i suoi confratelli, mentre si voltava ebbe una fugace visione di quando ancora insegnava, durò solo un attimo ma gli produsse una dolorosa fitta al cuore "Tommaso" disse, controllando la voce per evitare che gli altri si accorgessero del suo disagio "voi dovrete ricopiare sulla cedola consiliare quanto verrà scritto su questa tavola, ed ora la parola a voi fratelli, dettatemi pure i vostri pensieri al riguardo"
    ...
    Qualche ora dopo la tavola era piena di scritte, annotazioni del professore riguardo ai pensieri dei consiglieri sui candidati "adesso ricapitoliamo, poi delibereremo, ulteriori aggiunte?" chiese il professore guardandoli; dopo che tutti ebbero espresso il proprio diniego ricominciò a parlare "allora abbiamo: Matteo da Duino, vescovo di Gorizia. 45 anni, nessuna deviazione dalla nostra santa dottrina, uomo pio e caritatevole, buon amministratore delle risorse del vescovado, gradito dalla popolazione, buon oratore e mediatore. pareri contrari alla sua candidatura?" nessuno rispose "procediamo. Giovanni da Trieste, vescovo di Trieste. 44 anni, di famiglia nobile, anche lui non ha imboccato deviazioni dalla nostra dottrina cattolica, anche lui uomo pio e caritatevole, ottimo amministratore e mediatore delle dispute avvenute nel suo vescovado e perciò gradito sia al popolo sia alla nobiltà. capacità oratorie molto buone. pareri contrari?" ancora nessuna risposta venne dal consiglio "ultimo candidato: Gastone da Umago, vescovo di Zagabria. 30 anni, anche lui allineato con la dottrina, anche se, causa la sua giovane età, tende ad avere una visione 'progressista'. Ad ogni modo è un eccellente amministratore e difensore della vera fede nella sua provincia, anche lui è ben visto dalla popolazione per le sue capacità mediatorie ed oratorie. contrari?" quattro mani si alzarono: Astolfo, Arrigo, Giovanni e Uberto "Tommaso, prendete atto del parere contrario del consiglio riguardo alla candidatura di Gastone da Umago a patriarca" il professore attese la verbalizzazzione poi proseguì "quindi ci restano solo Giovanni e Matteo. Tommaso, prendi le tavolette, procederemo con la votazione segreta"
    "si, Maestro" rispose il secundus, alzandosi ed avviandosi verso un grosso baule dal quale trasse sei piccole tavolette cerate ed altrettanti stili, poi consegnò una tavoletta ed uno stilo a ciascuno dei partecipanti, escluso il Maestro, e finalmente si sedette; il professore guardò gli altri "ora avrete
    tempo fino a sesta per riflettere, poi dovrete vergare sulla tavoletta le iniziali del candidato che preferite. Le tavolette poi verranno messe in quest'orcio ed estratte, per determinare il nostro candidato"

    L'ora che mancava a sesta passò molto lentamente per il professore, preso com'era tra i pensieri riguardanti la votazione ed i ricordi delle lezioni che teneva, più di seicento anni dopo. Alla fine l'ora giunse al termine ed i frati deposero le loro tavolette nell'urna, poi Tommaso si sedette nuovamente
    pronto a verbalizzare le decisioni mentre il Maestro cominciava ad estrarre i voti.
    "Giovanni" disse estraendo la prima tavoletta "Giovanni, Matteo, Matteo, Giovanni, Giovanni" guardò i presenti "il voto del Maestro è necessario solo in caso di parità; quindi, Tommaso, scrivete che il nuovo patriarca eletto sarà Giovanni, vescovo di Trieste"
    Tommaso scrisse queste ultime righe e poi disse "dovrò anche redigere la cedola ufficiale, da inviare all'interessato?"
    "certamente, convocatelo anche nel mio studio, il prima possibile" guardò nuovamente i fratelli "piaccia a Dio questa nostra scelta, la riunione è finita. Pax vobiscum"
    "et cum spiritum tuum" risposero in coro i frati, poi si allontanarono, uno alla volta, finché il professore rimase solo con Tommaso
    "fratello, perché siete rimasto?"
    "dovete firmare la minuta, Maestro" rispose il secundus
    "ah, già! è vero" il Maestro prese la penna e firmò "c'è dell'altro?"
    "no, Maestro"
    dopo questa risposta il professore, guardò ancora il secundus, scuotendo lievemente la testa, poi si avviò alla porta ed uscì in strada per ritornare nel suo studio. Stava per entrare nella sua dimora quando sentì chiamare il suo nome, si voltò rapidamente e vide un frate minore correre verso di lui "fratello Antonio" esclamò il professore "che ti prende?"
    "il Patriarca è morto!"
    "che Dio l'abbia in gloria!" esclamò il professore "corri subito da fratello Tommaso per portargli la notizia, lui poi preparerà le esequie"
    "si, Maestro" rispose il frate, correndo via
    "troppo presto, troppo presto!" pensò il professore "non ho ancora incontrato questo Giovanni, speriamo che i miei consiglieri non abbiano sbagliato, spero ardentemente che non sia un episcopale nascosto.." preso da questi pensieri non si era accorto di essere arrivato nel suo studio, subito si tolse il mantello e chiamò la domestica "convoca immediatamente fratello Giulio, l'Ordine avrà presto bisogno di lui"
    ...

    saluti
    DAoS
     
  18. Dark_Angel_Of_Sin

    Dark_Angel_Of_Sin

    Registrato:
    14 Novembre 2006
    Messaggi:
    2.339
    Ratings:
    +30
    il patriarcato di Giovanni VI - prima parte

    Udine, Gennaio 1412
    Il consiglio dei vescovi del patriarcato era riunito presso la 'sala grande' del palazzo patriarcale, per scegliere il successore di Antonio I. Erano ormai in sessione da quasi due settimane quando, finalmente, si accordarono su un nome: Giovanni da Trieste. Questa scelta fece fare un sospiro di sollievo al Professore, in quanto le sue speranze sull'elezione venivano soddisfatte; per la seconda volta un vescovo 'amico' veniva eletto: ora c'era solo da assicurarsi che il nuovo Patriarca, Giovanni VI, continuasse a muoversi secondo i dettami dell'Ordine; ma a questo avrebbe pensato lui in persona.
    eu386.th.jpg

    Qualche settimana dopo Giovanni ricevette la visita del Maestro, nel suo studio presso il palazzo patriarcale. "Buongiorno monsignore" esordì il Professore
    "sono venuto a porgervi le felicitazioni dell'Ordine per la vostra elezione"
    "vi ringrazio, Maestro" rispose Giovanni "non avevo mai pensato di poter, un giorno, diventare patriarca"
    "le vie del Signore sono infinite" rispose, sibillino, il Professore "comunque l'Ordine non mancherà mai di appoggiare le vostre decisioni"
    "ne ero certo" rispose, un'pò altezzosamente, il patriarca "dato che siete qui volevo appunto chiedere l'appoggio ed il consiglio dell'Ordine"
    "sono qui per servirvi, monsignore"
    "ho letto i rapporti dei miei messi riguardo alla repubblica di Venezia" cominciò il patriarca "e non mi sembrano affatto portatori di buone notizie"
    "cosa accade, monsignore?"
    "vogliono riconquistare le terre perdute, chiaramente" disse con enfasi "non possiamo permettere che quei mercanti senza Dio strappino i veri credenti dalla
    fede, condannandoli così all'inferno!"
    "parole sante, monsignore" rispose il Professore "cosa proponete?"
    "qui devo chiedervi consiglio, Maestro" Giovanni si alzò e si mosse verso la finestra, stette un'pò a pensare, guardando fuori e poi riprese "la guerra preventiva si è dimostrata un'ottimo strumento contro gli Ungheresi"
    "avevamo il dovere di proteggere i vescovi croati contro le vessazioni del Re d'Ungheria, anche per tutelare la nostra indipendenza"
    "già, una giusta causa" disse il patriarca "ce ne serve una altrettanto buona per mandare i nostri soldati contro la Serenissima"
    "e qui entra in gioco l'Ordine?"
    "esattamente" il patriarca guardò dritto negli occhi del Professore, come per sondarlo "quando ero alla scuola episcopale ho sentito dire che la nostra cancelleria era in grado di produrre qualsiasi tipo di documento.. è vero?"
    "certo, monsignore, quindi volete che noi produciamo qualche documento che li metta in pessima luce?"
    "proprio così, siete in grado?"
    "ci vorrà del tempo, monsignore, per reperire tutto il materiale necessario"
    "quanto? più aspettiamo più loro si rafforzano"
    "un paio di mesi, non di più. Manderò i miei migliori uomini a reperirlo e mi occuperò io stesso della redazione"
    "parlate proprio come un uomo di Stato, Maestro"
    "sono il vostro Cancelliere, monsignore, è mio dovere"
    Giovanni lo guardò e cominciò a ridere, dopo pochi istanti anche il Professore si unì alla risata
    eu387h.th.jpg

    Pochi mesi dopo, usando i falsi documenti come pretesto le armate patriarcali invasero la provincia di Venezia, cogliendo di sorpresa sia la potente flotta veneziana, che non riuscì a impedire l'avanzata, sia le truppe di presidio, che vennero duramente sconfitte in un'epica battaglia il 20 maggio 1412.
    eu389.th.jpg

    Solamente un mese dopo la repubblica veneta cadde, il doge in persona firmò la resa incondizinata il 15 giugno.
    eu392.th.jpg

    Un mese dopo, per garantirsi contro gli Ungheresi, le cui ambizioni territoriali sulla Croazia non si erano mai sopite, venne siglata un'alleanza con il regno di Polonia. Durante gli stessi giorni venne anche sedata una rivolta degli indipendentisti catalani nelle isole Baleari, tuttavia nemmeno l'uso massiccio dell'esercito riuscì a garantire la completa pacificazione di quella provincia.
    eu395.th.jpg

    Durante gli anni successivi il Patriarca mise in atto un processo di riforma dell'esercito, la materia in cui si sentiva più a suo agio, delegando all'Ordine l'ordinaria amministrazione delle provincie: come primo passo la cancelleria emanò l'editto 'De administrationis' in cui si istituiva la carica di Vescovo Cardinale, responsabile della cura delle anime e dell'amministrazione della provincia lui affidata, e la figura dei Vescovi 'Ordinari' venne rivista, lasciando loro il compito di pastori delle grandi città in ogni provincia.
    Mentre queste riforme stentavano un'pò ad essere operative, nel febbraio 1414, venne completata la prima grande riforma dell'esercito, che divenne più efficiente.
    eu397.th.jpg

    Durante lo stesso anno venne anche asserita, da parte di Giovanni VI, la volontà di proteggere il decadente impero bizantino contro gli infedeli, iniziando delle trattative per la ricomposizione dello scisma.
    eu3100.th.jpg

    Qualche mese dopo i ribelli catalani insorsero nuovamente, questa volta Giovanni VI, memore dell'insuccesso strategico dell'esercito patriarcale, chiese all'Ordine di negoziare con i rivoltosi, cercando un compromesso che garantisse la pace nelle isole.
    eu3102.th.jpg

    Nel giugno dell'anno successivo il 'De administrationis' divenne finalmente operativo, così il Professore si recò dal patriarca per informarlo della buona notizia. "buona sera, monsignore" esordì "ho ottime notizie per voi"
    "ditemi, Maestro"
    "ho l'onore di annunciarvi che il De Administrationis è finalmente operativo. Ogni provincia è retta da un Vescovo Cardinale di provata lealtà verso lo
    Stato. Questo garantirà sicuramente una buona amministrazione periferica, anche perché la rete stradale è stata ampliata ed il servizio dei messi patriarcali
    è, finalmente, divenuto realtà"
    "ottimo, ottimo" il patriarca si fregò le mani "questo non solo faciliterà il lavoro centrale, ma anche il controllo dei sistemi periferici, nevvero?"
    "esatto, monsignore. Certe materie vanno per forza centralizzate, ma altre necessitano di essere gestite a livello più basso"
    Il patriarca stava per congedare il Maestro quando si ricordò di alcuni rapporti sulla situazione internazionale che aveva letto quella mattina "Maestro,
    voi, da cancelliere. cosa ne pensate della situazione internazionale?"
    "credo che abbiamo raggiunto un buono status regionale; la nostra alleanza con l'Austria è solida e scoraggia chiunque dall'attaccarci"
    "tutto bene, quindi, secondo voi?"
    "proprio tutto no, penso che dovremmo aumentare il nostro prestigio, per far vedere a tutti che non siamo più uno staterello, ma una realtà con cui confrontarsi"
    "proprio quello che pensavo anch'io" ammise il patriarca "pensavo di commissionare ad alcuni artisti delle magnificenti opere per dimostrarlo.. però, le nostre casse lo consentono?"
    "certamente" rispose il Professore "trovo che il mecenatismo sia un'ottima pratica; per mostrare al mondo la magnificenza della Chiesa non c'è niente di meglio di un grande artista"
    eu3103.th.jpg

    Nel gennaio del 1417, dopo un anno di ordinaria amministrazione, il patriarca, per celebrare il suo 5 anni di 'regno' decise di dotare Udine, la capitale, di una nuova cattedrale; i migliori artisti del tempo vennero chiamati a decorarle: doveva celebrare adeguatamente la magnificenza del Patriarcato.
    eu3105.th.jpg

    Un mese dopo gli Ottomani assalirono i resti dell'impero bizantino, tutelato da Aquileia. Il patriarca decise di mantenere fede alla propria parola e scese in campo contro i Turchi, anche per rendere liberare la Bosnia dal giogo mussulmano.
    eu3106.th.jpg

    Subito tutte le armate aquileiesi vennero mobilitate per l'avanzata contro la Bosnia, alleata e vassalla dei turchi.
    eu3107.th.jpg

    Le armate patriarcali sconfissero facilmente quelle bosniache in una serie di quattro battaglie tra la provincia di Hum e quella di Bosnia: dopo aver debellato la forza militare del nemico, le due provincie vennero poste sotto assedio e, nel dicembre dello stesso anno vennero entrambe conquistate.
    eu3118.th.jpg

    Mentre l'esercito era impegnato a consolidare le conquiste ed a combattere i turchi in terre lontane, i contadini veneti si ribellarono al regime fiscale patriarcale e, complici i nazionalismi mai sopiti, riuscirono a conquistare la città lagunare. Tuttavia la flotta patriarcale riuscì a impedire ogni tentativo dei ribelli di marciare contro la terraferma.
    eu3119.th.jpg

    Nell'anno successivo la capitale serba venne conquistata e la provincia del Kosovo cinta d'assedio: l'interesse del patriarca era tutto rivolto alla guerra contro gli infedeli per badare ai contadini riottosi. Nello stesso anno fu eletto Rodolfo IV di Sassonia come nuovo imperatore del SRI.
    eu3122.th.jpg

    Pochi mesi dopo l'impero bizantino cadde per mano dei Turchi. Sul fronte aquileiese, però, si registrò la conquista del Kosovo e l'avanzata in territorio turco, cingendo d'assedio le provincie di Nis, Macedonia, Larissa ed Albania.
    eu3124.th.jpg

    Alla fine del 1419 furono conquistate Nis e Macedonia; le truppe là impegnate vennero mandate ad assediare Edirne e Costantinopoli. Qualche mese dopo anche l'Albania cadde e le truppe avanzarono verso Janina, senza incontrare resistenza. Tuttavia, durante il maggio successivo, i ribelli veneti riuscirono ad eludere la sorveglianza della flotta patriarcale ed a raggiungere Treviso, ponendola sotto assedio. Questa volta il Professore fece pressioni sul patriarca affinché mandasse delle truppe a contenere l'avanzata dei ribelli, che ora stavano per minacciare direttamente la capitale; questo bastò per convincere Giovanni VI ad ordinare a un'armata di imbarcarsi sui trasporti per andare a combattere ad ovest.
    eu3129.th.jpg
     
  19. ronnybonny

    ronnybonny Moderator Membro dello Staff

    Registrato:
    6 Febbraio 2009
    Messaggi:
    3.306
    Località:
    Padova e Udine
    Ratings:
    +326
    questa Aquileia mi piace sempre più
     
  20. Dark_Angel_Of_Sin

    Dark_Angel_Of_Sin

    Registrato:
    14 Novembre 2006
    Messaggi:
    2.339
    Ratings:
    +30
    il patriarcato di Giovanni VI - seconda parte

    Tuttavia, mentre l'armata faceva scalo a Zara, arrivò la notizia che il sovrano austriaco, in un gesto d'amicizia verso il patriarca, aveva mandato un grosso contingente in Italia per sconfiggere i ribelli veneti; così l'armata mandata a combatterli deviò su Venezia, cingendola d'assedio. Tuttavia, per tagliare completamente le vie di fuga ai rivoltosi, venne mandata la cavalleria a protezione della capitale, vista la relativa calma sul fronte orientale.
    eu3131.th.jpg

    Dopo 189 giorni, nel febbraio 1421 Venezia fu riconquistata; tuttavia un'altra insurrezione colpì il patriarcato: i nazionalisti bosniaci attaccarono la provincia di Bosnia, cercando di riprendersela. Sul fronte ottomano si registrarono altre vittorie, come la conquista di Edirne che aprì la via verso le regioni bulgare.
    eu3135.th.jpg

    Durante l'anno successivo le armate patriarcali continuarono ad avanzare in territorio turco, aiutate anche dai ribelli bulgari e greci. Nel giugno del 1422 praticamente tutta la parte europea era stata strappata ai Turchi, solo Silistria resisteva ancora; e la guerra era stata portata in Asia, con le truppe patriarcali alla conquista di Bursa e Bithynia.
    eu3143.th.jpg

    Un'anno dopo le forze aquileiesi controllavano praticamente tutto l'impero ottomano, ma ancora i turchi si rifiutavano di trattare, sperando che le rivolte nel frattempo scoppiate nel patriarcato facessero ritirare le truppe aquileiesi. Le loro speranza furono vanificate dalla cavalleria che, in capo a pochi mesi riuscì a sconfiggere tutti i ribelli; tuttavia il patriarca stesso era molto stanco e cercava le vittorie decisive per chiudere quella lunga guerra.
    eu3145.th.jpg

    Finalmente, con la caduta di Silistria, l'impero ottomano chiese la pace: i termini patriarcali furono secchi: liberazione dell'impero bizantino e fine del vassallaggio della Bosnia. I turchi, consci di quanto un rifiuto fosse pericoloso accettarono e la guerra così si concluse.
    eu3150.th.jpg

    A capo del rinato impero bizantino fu posto il metropolita di Costantinopoli, Kostantinos XI. Il nuovo stato concedette anche l'accesso militare ai liberatori aquileiesi. Pochi mesi dopo il professore decise che era tempo di cambiare nome, così inscenò per la seconda volta la sua morte e venne proclamato di nuovo Maestro dell'Ordine, come Antonio da Treviso.
    eu3153.th.jpg

    Durante i due anni successivi il patriarcato rimase in pace, per pacificare i territori e riprendersi dall'esperienza della guerra. Non fece così la Bosnia che, approfittando dell'attacco ungherese all'impero ottomano, decise di dichiarare guerra ai magiari, conquistando una provincia; anche l'Ordine non rimase inattivo, espandendo la propria influenza nei centri di potere dei territori conquistati.
    eu3155.th.jpg

    Negli stessi anni Giovanni VI, su consiglio del nuovo Maestro, ordinò la costruzione di altre navi da battaglia, per affermare così il dominio Aquileiese anche sulle acque. Pochi mesi dopo la Polonia dichiarò guerra alla Mazovia; il patriarca, pur riluttante, diede il suo appoggio ai polacchi, trascinando cosi Aquileia in una nuova guerra.
    Fortunatamente non tutto il male venne per nuocere: infatti, grazie alle esperienze accumulate negli anni di guerra nuove tattiche e armamenti vennero scoperti.
    eu3158.th.jpg

    Il periodo dal 1426 al 1430 vide l'Europa scossa da due violente guerre di successione: quella del Palatinato, che vide la Boemia contrapposta al Wurttemberg e quella dell'Anhalt in cui la Boemia si scontrò con la Polonia. Il patriarcato, invece rimase in pace fino al 1430; tuttavia non restò inoperoso, un'alleanza venne siglata con il re di Napoli, ormai diventato il sovrano più potente della penisola italiana; l'esercito venne ampliato e i mercenari congedati, la flotta da battaglia venne creata e nuove ordinanze garantirono un'amministrazione più efficiente. Tutto questo fece alzare il prestigio della
    nazione nei confronti degli altri Stati. Nel 1431, però fu nuovamente trascinato in guerra dalle mire di Milano su Genova.
    eu3168.th.jpg

    Qualche mese dopo moriva Pico, uno dei più stimati consiglieri patriarcali; come suo successore fu scelto Raniero Lamberti, che continuò ad occuparsi dell'esercito.
    eu3170.th.jpg

    Negli anni successivi il re di Napoli volse il suo sguardo verso i balcani, dichiarando guerra alla Bosnia per cercare di soggiogarla e difendere meglio la provincia di Hum. Questo fatto, però, portò al deterioramento delle relazioni con il Patriarcato in quanto tanto sangue era stato versato per la libertà di quello Stato, così l'alleanza fu rotta e il confine rinforzato. La politica imperialistica di Napoli fu anche la causa della guerra con Ferrara ed Urbino, che si coalizzarono per fermare i napoletani, quasi giunti a controllare l'intera penisola.
    eu3172.th.jpg

    L'anno successivo il patriarca, visto che l'esercito napoletano era tutto in Italia, decise di entrare in guerra contro gli ex-alleati per contrastare le loro ambizioni. Nel giro di pochi mesi tutte le provincie balcaniche dei napoletani vennero occupate; tuttavia la nuova flotta di trasporto fu intercettata da uno squadrone da guerra napoletano, il nemico stava per avere la meglio ma l'arrivo delle galee e delle navi da guerra aquileiesi ribaltò la situazione.
    eu3177.th.jpg

    Mentre infuriava la guerra tra Aquileia e Napoli, l'impero ottomano decise di approfittare della situazione, dichiarando guerra al patriarcato: tuttavia il sultano aveva fatto male i suoi calcoli, sia perché la popolazione cristiana non sopportò questa nuova guerra, occupando in pochi mesi tutta la Bulgaria, sia perché le forze patriarcali rapidamente marciarono contro la Serbia, sconfiggendo facilmente le armate nemiche.
    eu3180.th.jpg

    Stretto tra due fronti il Patriarca decise che era meglio accettare la proposta di pace napoletana, per concentrarsi così solo contro gli Ottomani; così il trattato di Ancona sancì il passaggio di Hum sotto la sovranità Aquileiese. Negli stessi giorni la capitale Serba cadde e una rivolta nazionalista scoppiò in nella nuova provincia, per cercare di ricongiungerla alla Bosnia.
    eu3184.th.jpg

    Durante l'anno successivo i ribelli Bosniaci conquistarono Hum, per poi spostarsi verso la Serbia, mai stanchi delle loro ambizioni territoriali. Due armate vennero mandate a riprendere la provincia mentre le altre erano impegnate sul fronte bulgaro. Nello stesso anno venne eletto imperatore del SRI Enrico III del Brandeburgo.
    eu3187.th.jpg

    La nuova guerra ottomano-aquileiese si protrasse per ancora un anno; le sfolgoranti vittorie del Patriarcato piegarono ancora una volta i turchi, che furono costretti a liberare la Serbia e la Bulgaria.
    eu3190.th.jpg

    Gli anni successivi furono ancora dedicati alle questioni interne, compresa una riforma, fortemente voluta dal Professore, per i benefici effetti a lungo termine, che concedesse più libertà ai contadini; tuttavia gli effetti positivi tardarono a farsi sentire, suscitando diffusi malumori.
    eu3193.th.jpg
     

Condividi questa Pagina