1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

Rome II: prime impressioni

Discussione in 'Total War' iniziata da Filippo I di S.G., 3 Settembre 2013.

  1. Armilio

    Armilio

    Registrato:
    18 Settembre 2007
    Messaggi:
    6.034
    Località:
    Hinterland di Milano
    Ratings:
    +172
    In parte hai ragione, e infatti un po' "sopporto" tutto ciò pensando che anche nella realtà le capacità di manovra dei vari eserciti non erano così evolute. Per esempio nella battaglia di Canne l'esercito romano nonostante l'abnorme superiorità numerica caricò frontalmente senza cercare aggiramenti con la fanteria, e alla fine fu accerchiato. Questo però cambiò in parte con Scipione (vedi battaglia di Zama) e l'esercito professionista. Idem le falangi, sopratutto greche, cercavano lo scontro fronte a fronte tra formazioni di falangi, in cui di solito vinceva chi aveva più morale e chi riusciva a fare pressione sulla linea nemica e rompere in parte l'ordine. Da qui nasce l'ordine obliquo tebano: non si sognavano nemmeno di usare quelle riserva per fare un aggiramento.


    Solo che nella realtà era dovuto all'incapacità di fare certe manovre in modo ordinato senza averle prima provate, per cui non è che gli eserciti potevano inventarsi ad ogni battaglia una tattica completamente diversa; qua è dovuto al fatto che a volte non ne hai tempo. E quindi anche se vuoi farle, sai farle, hai l'esercito più disciplinato del mondo, il generale migliore al mondo ecc, una tattica come quella di Scipione a Zama non la riesci a rifare. Così come la tattica manipolare a 3 linee, ma questo anche in rtw1, per questioni numeriche. Più che altro tengo 2 linee perché la prima linea tende a scappare troppo spesso senza che io riesca a reagire, quindi meglio avere qualcuno dietro che andando in supporto li tenga a combattere.

    Preciso però: io gioco senza pause. Con le pause, potrei fare un sacco di cose in più.
     
    Ultima modifica: 22 Settembre 2013
  2. lucared95

    lucared95

    Registrato:
    12 Ottobre 2007
    Messaggi:
    1.457
    Località:
    Belluno
    Ratings:
    +0
    Provato, la gestione dell'impero è fatta molto bene, anche se l'ordine pubblico certi momenti è irrealistico e fastidioso (come si fa ad avere a metà partita la magna grecia sottomessa da secoli che si ribella -_- ), la grafica delle battaglie è spattacolare, ma la giocabilità è da rivedere, come hanno detto altri un mucchiune micidiale in cui la tattica scompare... Togliere la modalità "difensiva" agli eserciti come la possibilità di usare tutti i giavellotti per me è una cavolata, rovina quella che era la tatticità dei total war, dove nel primo le battaglie rappresentavano il giusto compromesso tra giocarle in rts e quella che poteva essere la battaglia antica... Queste sono belle ma durano veramente troppo poco e vince chi ha il morale più alto ( una volta che i legionari sono un po' veterani travolgono tutti...). Ultima cosa la camposizione degli esercti che sono spesso fatti da più di metà da schermagliatori, può starci per i nomadi del deserto, ma per greci e galli veramente no....
     
    • Agree Agree x 1
  3. Armilio

    Armilio

    Registrato:
    18 Settembre 2007
    Messaggi:
    6.034
    Località:
    Hinterland di Milano
    Ratings:
    +172
    Ultima parte giustissima.

    E dirò di più: sono pure efficaci. :asd: Dei frombolieri greci mi hanno dimezzato una unità di legionari (ma che c'avevano, lo scudo di cartapesta?) che tenevo in riserva dietro la prima linea in battaglia, e in generale gli skirmisher sembrano armati di mitra da quanto fanno male e riescono, con le fanterie in contatto, a colpire solo la fanteria nemica. Anche i frombolieri che dovrebbero avere solo tiro diretto. Sono tipo l'artiglieria russa nella WW2.

    Sulla parte in grassetto: a me sembra che ora siano tutti difensivi di default, visto che non lanciano giavelotti e non inseguono l'avversario in fuga. Mentre sui giavellotti non ho capito.
     
  4. blubasso

    blubasso

    Registrato:
    28 Marzo 2009
    Messaggi:
    3.297
    Località:
    Vienna Austria
    Ratings:
    +660
    Il gioco non ce l'ho ancora, ma non hanno implementato il "fuoco amico"? Dovrebbe essere devastante nei mucchioni selvaggi, ed è quello che generalmente si evitava, a quanto ne so io, le unità da tiro erano efficaci all'inizio delle battaglie, poi arrivava la fanteria a fare il "lavoro sporco". In ogni caso, ma questa fa parte della sfera delle opinioni personali, un combattente che doveva affidare la sua vita a una fionda, immagino che fosse bravo a lanciare pietre con conseguente ottima mira. Poi considerate anche la pietra: era ovale, con le estremità appuntite. Una cosa del genere si conficca in uno scudo e ne allarga le maglie, direi che una decina di sassetti del genere e hai lo scudo un po' più debole, che poi va benissimo quando arriverà la fanteria.
    Una cosa che nessuno mai implementa è che lo scudo può essere usato anche come arma da offesa: in Rete ci sono decine di Video che illustrano come puoi attaccare solo con lo scudo. L'umbone era fatto apposta per rompere gli scudi altrui, per esempio, e il bordo di uno scudo tondo poteva essere usato di taglio, oppure per togliere la spada all'avversario. Peccato che questo non venga mai implementato...
     
  5. Armilio

    Armilio

    Registrato:
    18 Settembre 2007
    Messaggi:
    6.034
    Località:
    Hinterland di Milano
    Ratings:
    +172
    In RTW1 o in MTW2 disattivavo gli arcieri dopo l'inizio della battaglia vera e propria per evitare il fuoco amico. Qui ce n'è molto meno, sarà una mia sensazione. O magari non me ne accorgo perché giocando senza pause non possono controllare il fuoco amico, che non è più segnalato nelle stat finali.

    Sulla fionda la stai raffigurando come un mortaio da 120. :asd: Ok era efficace, ma è difficilissima da usare in tiro curvo, e sopratutto prima di buttare giù uno scudo fatto per resistere a giavellotti, ce ne vuole.
     
    Ultima modifica: 24 Settembre 2013
  6. blubasso

    blubasso

    Registrato:
    28 Marzo 2009
    Messaggi:
    3.297
    Località:
    Vienna Austria
    Ratings:
    +660
    Può essere, sì. Infatti mi parrebbe strano non ci fosse...

    LOL no, ovviamente nessun Robin Hood ante litteram, solo che secondo me dovevi diventare bravo per forza, almeno dovevi colpire il bersaglio il più delle volte, poi l'efficacia era data anche dalla fortuna, in un bersaglio "mobile"... Non per nulla tiravano insieme, tutti, un po' come si faceva con i fucili a pietra focaia: erano terribili in quanto a precisione, quindi si affidavano a una salva di tutto il reggimento: qualcosa si colpiva sempre.
    Tornando ai frombolieri secondo me con il giusto allenamento (e loro immagino lo facessero) arrivi a colpire il più delle volte, poi ovviamente dipende come era protetto il bersaglio :)
     
  7. Armilio

    Armilio

    Registrato:
    18 Settembre 2007
    Messaggi:
    6.034
    Località:
    Hinterland di Milano
    Ratings:
    +172
    Il fatto è che c'è il fuoco amico, lo vedo. Solo che in generale, rispetto per esempio a MTW2 in cui giustamente una selva di frecce si disperdeva su una larga zona colpendo tutti, alleati e non, qua riescono a concentrare il tiro e minimizzare il fuoco amico, manco avessero giavellotti a guida GPS. Anche a livello di uccisioni infatti una unità di velites (tiratori di giavellotto) fa male quanto una di principes (fanteria pesante).

    Cioè, anche la testudo ricevi grossi danni (!!!).
     
    Ultima modifica: 24 Settembre 2013
  8. blubasso

    blubasso

    Registrato:
    28 Marzo 2009
    Messaggi:
    3.297
    Località:
    Vienna Austria
    Ratings:
    +660
    Capisco...
    Si, impossibile essere efficaci quanto un'unità di fanteria veterana, se i frombolieritirano contro un bersaglio protetto da armatura. Lo capisco contro contadini o contro unità leggere ma basta anche un'unità di normali fanti, protetti da armatura ed elmo, che molti tiri che colpiscano il bersaglio non siano così efficaci.
     
  9. Il legato di Roma

    Il legato di Roma

    Registrato:
    9 Settembre 2013
    Messaggi:
    68
    Località:
    Ostia
    Ratings:
    +3
    Per quanto possa essere insignificante, voglio far notare (almeno i legionari) che, se zoomi sul combattimento, i soldati utilizzano anche lo scudo per colpire il nemico, tuttavia non è un attacco che non ha un effetto proprio.


    Mi pare di ricordare di aver letto che i frombolieri Baleari e greci, erano capaci di colpire in viso (o una moneta a venti metri) un soldato romano a cinquanta metri o poco più, un po' come gli arcieri sciti. Quindi l'effetto distruttivo non è così poi esagerato. Invece concordo sul fatto che le unità dotate di giavellotto sono un po' troppo letali: i giavellotti erano mortali se andavano a segno, ma il più delle volte colpivano lo scudo del nemico, rendendolo inutile, e questo potrebbe essere un effetto che si potrebbe aggiungere al gioco (magari diminuendo il valore difensivo dell'unità dopo che è stata colpita).
     
  10. lucared95

    lucared95

    Registrato:
    12 Ottobre 2007
    Messaggi:
    1.457
    Località:
    Belluno
    Ratings:
    +0
    Dipende, certe volte inseguono i nemici alla cavolo, anche andando "in braccio" a unità nemiche arretrate, riguardo ai giavellotti pensavo a quando sul primo Rome tenevi i legionari in difensiva e lanciavano le 2 raffiche di giavellotti a loro disposizione prima che o nemici urtassero
     
  11. Armilio

    Armilio

    Registrato:
    18 Settembre 2007
    Messaggi:
    6.034
    Località:
    Hinterland di Milano
    Ratings:
    +172
    A sì, lo facevo anche io, e anche io mi son dovuto adattare a caricare per forza.
     
  12. lucared95

    lucared95

    Registrato:
    12 Ottobre 2007
    Messaggi:
    1.457
    Località:
    Belluno
    Ratings:
    +0
    Oramai è necessario, visto che è l'unico modo di avantaggiarsi delle unità con i giavellotti
     

Condividi questa Pagina