1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

Report turno 1

Discussione in 'Report' iniziata da TFT, 7 Febbraio 2014.

  1. TFT

    TFT

    Registrato:
    23 Agosto 2008
    Messaggi:
    3.338
    Località:
    lombardia
    Ratings:
    +361
    Regno di Inghilterra:

    Pagani e non pagani:

    Il mite sovrano inglese riesce ad ottenere un ottimo successo con i dissidenti nello Jorvik. Concede infatti l'esenzione totale delle tasse e il riconoscimento del regno, a patto che sia subordinato alla corona inglese e che si procede ad una graduale cristianizzazione. L'accordo viene ben accolto dai nobili norreni di Jorvik, che chiaramente non fanno nulla per aumentare la percentuale di cristiani e anzi, in alcuni casi scacciano missionari invati da Londra.

    Garanzie:

    Per creare una fitta rete di relazioni l'Inghilterra pone le sue garanzie sulla Bretagna e sulla Normandia, che strizzano l'occhio alla potenza d'oltremare in funzione francese.

    Il martello dei gallesi:

    Dopo aver radunato un esercito di circa 15.000 uomini, fra regolari ed ausiliari, il re in persona marcia nel Gwynned dichiarandolo come suo legittimo possedimento. Giungono in suo soccorso gli alleati dell'ex Dyffed e della città di Dublino. Dopo la conquista il re gallese viene catturato ma suo figlio riese a rifugiarsi con alcuni fedelissimi a sud, pianificando la resistenza insieme alle martoriate truppe alleate.
     
  2. TFT

    TFT

    Registrato:
    23 Agosto 2008
    Messaggi:
    3.338
    Località:
    lombardia
    Ratings:
    +361
    Regno del Gwynned:

    Alleanza gaelica:

    Il Gwynned è fra i promotori di una alleanza gaelica con Scozia, Connaught e Leinster. La cosa pare dare sicurezza ai popoli gallesi, tanto che l'antico nemico del Sud viene trasformato in un valido alleato con il matrimonio fra il figlio del re e la sorella minore del sovrano del galles meridionale. Il matrimonio genere immediatamente due figli.

    Raid e vendetta:

    Prendendo a pretesto alcuni grossi raid di confine, gli inglesi schiacciano la resistenza gallese ed occupano il regno. Nonostante questo la resistenza della popolazione è molto attiva ed alcune fortezze continuano a resistere isolate. La cattura del re getta ovviamente nello sconforto quel che rimane dell'esercito nazionale

    Aftermatch:

    Nonostante tutto alcuni gallesi riescono a fuggire a sud, incoronando un nuovo sovrano e continuando una guerra attiva con il supporto delle navi del Leinster, che sbarcano 3000 soldati. Ancora nessuna risposta da Connought e Scozia
     
  3. TFT

    TFT

    Registrato:
    23 Agosto 2008
    Messaggi:
    3.338
    Località:
    lombardia
    Ratings:
    +361
    Regno di Scozia:

    Accordi con la Norvegia:

    Nonostante l'antica rivalità i due regni sembrano trovare una favorevole politica di distensione firmando un importante accordo commerciale. Non si registrano ulteriori raid norvegesi nelle Higlands.

    La Lega:

    La Scozia promuove una Lega di tutti i popoli gaelici per contrastare l'espansionismo inglese. Nonostante gli ottimi propositi gli accordi rimangono puramente verbali e non si registra un trattato ufficiale, benchè si parli di mutuo soccorso in chiave anti-inglese.

    Guerra e raid:

    L'assalto inglese nel Galles provoca la rabbia della Scozia. Diverse bande armate superano i confini ed imperversano in diverse aree, colpendo specialmente la Northumbria. Il bottino è abbastanza scarno in proporzione alla forza usata, ma gli scozzesi lasciano intendere al nemico che non vanno sottovalutati.
     
  4. TFT

    TFT

    Registrato:
    23 Agosto 2008
    Messaggi:
    3.338
    Località:
    lombardia
    Ratings:
    +361
    Repubblica di Pisa:

    La potenza commerciale:

    Anni attivissimi dal punto di vista commerciale, con la nascita di vari empori nelle più disparate località del Levante e del Tirreno, fra cui ricordiamo l'importante emporio di Roma. Pisa aumenta enormemente i propri traffici diventando a tutti gli effetti la regina del mediterraneo occidentale e una chiave di volta fondamentale per il trasporto dei pellegrini in terrasanta.

    Gli accordi con i Fatimidi:

    A questo proposito, un importante accordo con i Fatimidi da a Pisa la gestione monopolistica dei traffici commerciali dei pellegrini e delle rari merci dell'Oriente, come spezie e incenso. Pisa ravviva in pochissimo tempo tutta l'economia italiana grazie all'introduzione di nuove ed importanti merci.

    La questione sarda:

    Con il supporto della neonata Genova e di alcuni mercenari di Antiochia, Pisa lancia un attacco deciso al giudicato sardo di Lungoduoro. Tuttavia, la scarsa organizzazione e incompetenza dei comandanti causano numerose perdite agli alleati, oltre che un assedio estenuante anche se alla fine la bandiera con la croce sventola sulle fortezze nemiche. Conscia di non poter mantenere così tanti possedimenti d'oltremare, Pisa organizza i suoi giudicati sardi (tranne l'ultimo conquistato), in entità autonome dotate di autogoverno, a patto che paghino un tributo e mandino navi a supporto delle guerre pisane.
     
  5. TFT

    TFT

    Registrato:
    23 Agosto 2008
    Messaggi:
    3.338
    Località:
    lombardia
    Ratings:
    +361
    Republica di Novgorod:

    Trattati:

    Come molto repubbliche mercantili, anche Novgorod si cimenta in imprese commerciali con i suoi vicini, che porta un notevole incremento dei traffici commerciali interni.

    La forza dei nobili:

    Per placare i dissidi interni la ricca aristocrazia mercantile concordò con i potenti possidenti terrieri e latifondisti la possibilità di eleggere da parte loro il Presidente di Novgorod, cui elezione rimane un titolo vitalizio prettamente onorifico. La cosa comunque soddisfa i possidenti che si sentono maggiormente presi in considerazione.
     
  6. TFT

    TFT

    Registrato:
    23 Agosto 2008
    Messaggi:
    3.338
    Località:
    lombardia
    Ratings:
    +361
    Resto del mondo:

    Nel Caucaso i Selgiuchidi tentano di vendicarsi dei georgiani per la cattura di Tbilisi ma il tutto si tramuta in una catastrofe. Oltre 200.000 turchi sono sconfitti in una campagna militare nel basso Caucaso, da appena 30.000 georgiani. Le Georgia si configura come uno dei regni più possenti della regione, mentre l'Impero selgiuchide cade a pezzi.
    In Anatolia, il Bey di Icono riesce ad imporsi suoi suoi rivali e creare il Sultanato di Icono, scacciando un tentativo di riconquista bizantina.
    Gli Almoravidi sedano alcune rivolte in Mauretania tentano la riconquista di Valencia. La battaglia è violentissima e rimarrà nella memoria dei cristiani. El cid, signore di Valencia, viene ucciso nei primi secondi da una freccia, ma sua moglie riesce ad issarlo sul suo destriero e lanciarlo alla carica, ingannando le truppe alleate e spronandole alla vittoria.
    Viene in seguito concordata una tregua quinquennale.
    L'accordo Papa-Imperatore viene siglato, ma effettivamente il pontefice continua a nominare i vescovi tedeschi, prendendo a pretesto la non necessità di intervenire in Ungheria. L'imperatore riesce comunque ad ottenere il suo veto sospensivo su 4 vescovadi del nord Italia. Alla morte di quest'ultimo gli succede al trono il fratello minore Enrico V di Franconia, senza che gli Stati tedeschi interferiscano particolarmente.
    l'Improvvisa morte del Papa nel 1105, invece, lascia aperte moltissime possibilità per la nuova elezione.
     

Condividi questa Pagina