1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

Report turno 1

Discussione in 'Report' iniziata da TFT, 7 Febbraio 2014.

  1. TFT

    TFT

    Registrato:
    23 Agosto 2008
    Messaggi:
    3.336
    Località:
    lombardia
    Ratings:
    +360
    Regno del Connatch:

    Il Concilio di sangue:

    Araldi annunciarono un importante Concilio nobiliare patrocinato dal re. Durante l'assemblea principale il sovrano sfodera la spada e colpisce a morte suo nipote, con cui da tempo aveva problemi per la sua pretesa sul trono. Nonostante la nobiltà rimanga sconvolta da un tale gesto dimostrativo di forza, il re si dimostra in seguito benevolo. Fa notare come per lui la massima importanza sia la cooperazione fra le genti gaeliche e invita i nobili a rinnovare amicizia con onore. Il concilio termina con l'autorità del sovrano sicuramente rafforzata. Il giovane Ruharid, figlio del pretendente, viene risparmiamo e mandato a casa senza ripercussioni.

    La politica estera:

    La politica esterà è molto dinamica. Il Connacht è fra i promotori di un'alleanza gaelica che vede coinvolti Gwynned, i regni del Galles meridionale, Leinster e la potente Scozia. Si sblocca inoltre il commercio con l'entrata di alcuni beni del Gwynned in cambio della lana irlandese.

    Roma e i dazi:

    Avendo fama di sovrano cristianissimo, il sovrano chiede ed ottiene dal Papa l'invio di alcuni eminenti missionari da Roma, per dare un'istruzione e una competenza maggiore ai monaci delle campagne irlandesi, con il beneplacito del vescovo locale. Vengono inoltre inviati a studiare a Roma alcuni figli cadetti della nobiltà locale; tutte cose che fanno guadagnare al sovrano l'appellativo di "il Pio". Nota dolente sul fronte interno, dove vengono alzati del 10% i dazi, rendendo difficoltoso il commercio di frontiera, specialmente con il maggiormente povero nord.
     
  2. TFT

    TFT

    Registrato:
    23 Agosto 2008
    Messaggi:
    3.336
    Località:
    lombardia
    Ratings:
    +360
    Libero comune di Milano:

    Il Podestà:

    Consci ormai di non poter più rimanere sotto l'influenza del vescovo, i milanesi decidono di rimuoverlo dal governo per affidarlo ad uno straniero, scelto con concilio fra i nobili e i mercanti locali. Il vescovo si dice indignato ed abbandona la città portando via i suoi averi. Si tenta di integrare gli organi religiosi nominando Giordano da Clivio, vescovo di Varese, come comandante delle truppe milanesi. Di fatto Giordano si insedia a Sant Ambrogio e diventa il nuovo vescovo della città. Il primo Podestà è invece un nobile di Lucca, Anselmo dei Vitelli.

    Il contado di Milano:

    Promettendo maggiore uguaglianza e meritocrazia, il Comune attira le simpatie di alcuni piccoli borghi e villaggi limitrofi, che vanno gradualmente annettendosi alla potenza milanese. Le terre libere vengono redistribuite ai più poveri, anche se in buona parte si tratta di appezzamenti paludosi o boschivi, che rendono praticamente zero in termini alimentari.
    Si segnala inoltre l'apertura di una darsena lungo i navigli che si spera farà commerciare la città con Venezia anche se di fatto l'enorme distanza fra le due rende il tutto ancora molto superficiale.


    Lo scontro con Lodi:

    Imbaldanzati dal successo, i milanesi si spingono a sud sperando di annettere altri borghi con la forza dei propri miliziani. Tuttavia la loro manovra viene ampiamente ostacolata da un'altra città in espansione, Lodi. I lodigiani radunano un piccolo esercito che contrappongono ai milanesi in campo aperto, impedendogli avanzare ulteriormente. Alla fine non si giunge allo scontro decisivo e le truppe di Milano preferiscono tornare a casa evitando una battaglia imprevista.
     
  3. TFT

    TFT

    Registrato:
    23 Agosto 2008
    Messaggi:
    3.336
    Località:
    lombardia
    Ratings:
    +360
    Impero romano:

    L'erede al trono:

    Dopo diverse discussioni e intrighi di palazzo Alessio I decise di nominare come erede la sua primogenita, Anna Comnena, con il "supporto" del marito Niceforo Briennio. Il giovane Giovanni, fino ad allora favorito da alcuni partiti imperiali, fu lasciato a sviluppare la sua principale dote, quella di stratega.
    SI segnala inoltre un trattato commerciale con la lontana Novgorod

    Politica estera:

    Alessio I ottiene due grandi successi in questi anni: riesce anzitutto a recuperare la bassa Crimea con pochi forzi, schiacciando il governatore ribelle. Inoltre si accorda con Antiochia per ottenerne un vassallaggio formale, riportando le frontiere imperiali oltre l'Asia Minore.

    La disfatta di Ancyra:

    Dopo il ferimento dell'Imperatore e la sconfitta in Anatolia, stranamente non ci fu alcuna ribellione interna. Questo perchè il saggio Alessio aveva appena deliberato un aumento dello stipendio di tutti gli Strategoi, che restarono buoni nelle loro terre. Non appena l'imperatore fu guarito fu di nuovo pronto a prendere le redini dell'esercito per contrastare il nemico.
     
  4. TFT

    TFT

    Registrato:
    23 Agosto 2008
    Messaggi:
    3.336
    Località:
    lombardia
    Ratings:
    +360
    Principato di Antiochia:

    Leggi sul culto:

    Cercando di cementare il neonato principato, il sovrano decise di garantire possibilità di mantenere cultura e religione agli ortodossi e ai musulmani dei suoi dominii. La cosa ovviamente fece infuriare i vescovi e i prelati di Antiochia, che chiesero un intervento più duro contro i pagani.

    Il vassallaggio:

    Comprendendo la difficoltà della situazione dei regni crociati, Boemondo decise di accettare la protezione dell'Imperatore Alessio, pagandogli una decima annuale e mettendo i suoi uomini al suo servizio.

    Antiochia e Genova:

    Boemondo I riuscì a sposarsi con una nobildonna genovese, ottenendo anche il titolo di patricius della piccola ma importante città italiana. I due non ebbero figli
     
  5. TFT

    TFT

    Registrato:
    23 Agosto 2008
    Messaggi:
    3.336
    Località:
    lombardia
    Ratings:
    +360
    Repubblica di Amalfi:

    Leggi ed editti:

    In questi anni viene regolato l'arruolamento della marina, permettendo di aumentare gli effettivi tramite l'entrata in massa di galeotti e poveracci senza terra, che comunque fanno numero come rematori e aumentano enormemente l'efficacia della massacrata flotta della piccola città. Viene poi varata una legge di tolleranza religiosa anche se Amalfi continua a tenere di fatto il piede in due scarpe, restando un po' cattolica ed un po' fedele a Costantinopoli.

    Emporio:

    Viene stabilito un emporio commerciale nelle lontane terre del Marocco andaluso, sicuramente un'ottima iniziativa per ritagliarsi nuovi spazi di mercato di un mar Tirreno sempre più monopolizzato dai pisani.

    L'accordo che non fu:

    I messi normanni stabilirono un accordo di sottomissione formale con la piccola Amalfi. Essa avrebbe mantenuto il suo autogoverno e la sua indipendenza interna ma avrebbe dovuto inviare navi in supporto dei normanni e un tributo annuale. La cosa però saltò perchè all'ultimo minuto il Duca si dimenticò ( o rifiutò) di firmare il trattato. La flotta amalfitana fu comunque messa a disposizione dell'arsenale militare di Napoli.
     
  6. TFT

    TFT

    Registrato:
    23 Agosto 2008
    Messaggi:
    3.336
    Località:
    lombardia
    Ratings:
    +360
    Ducato di Sassonia:

    Legge sulla mezzadria:

    Vengono assegnati fondi parzialmente produttivi ai mezzadri e ai diseredati senza terra, a patto che una fetta consistente della produzione venga elargita come tasse alla corte. Il tentativo non è dei più fruttuosi e solamente pochi appezzamenti di terra diventano veramente utili dal punto di vista fiscale.

    Il fondo di Oslo:

    Viene aperto un fondo commerciale ad Oslo, insieme ad un trattato commerciale. Il fondo si rivela subito problematico vista la turbolenta situazione norvegese e subisce un paio di attacchi con forconi e torce durante la notte dell'inaugurazione.

    Lotario:

    Dopo aver sposato una principessa polacca, il Duca da alla luce una bambina, Anna, e un maschio di nome Lotario. Il piccolo viene immediatamente associato al padre nella guida del ducato con il nome di Lotario II
     
  7. TFT

    TFT

    Registrato:
    23 Agosto 2008
    Messaggi:
    3.336
    Località:
    lombardia
    Ratings:
    +360
    Ducato di Franconia:

    Accordi e leggi:

    In questi anni sono siglati importanti accordi commerciali con alcuni vicini, specialmente per far giungere derrate alimentari nelle provincie più periferiche. Vengono poi regolate alcune abitudini interne e viene messo per iscritto che le donne di malaffare non possono avere proprietà fisiche, cosa che comunque era già ampiamente diffusa da secoli.
    Vengono inoltre incentivati i commerci degli ebrei per quanto riguarda i banchi dei pegni e i cambiavalute, cosa che fa infuriare l'aristocrazia nobiliare ed ecclesiastica per ovvie ragioni.

    Concilio Philosophorum:

    Un evento senza dubbio di grande importanza al quale partecipano i teologi e le eminenze di quasi tutto il mondo cristiano. Il Concilio dura per due anni interni dove si dibatte di teologia e materie affini ma non solo. Infatti saltano fuori anche argomentazioni economiche, comunque relative all'ambito religioso, e filosofiche in senso ampio.
    Alla fine i vescovi tornano alle loro sedi soddisfatti

    Il torneo:

    Essendo morto da tempo l'ultimo erede al trono di Franconia, il reggente Elinardo di Rotheburg organizza un grandioso torneo per dare il titolo ducale a colui che sarà benedetto da Dio. L'evento attira oltre 400 fra cadetti senza terra, campioni di varie nazioni e anche nobili maggiori desiderosi di ottenere un potere consistente. Il torneo è molto concitato la giostra ed i duelli con la spada sono fra i più importanti e maestosi mai visti in tutta la Franconia. Gli ultimi 4 rimasti alla fine sono un piccolo nobile norvegese, un cadetto degli Hofestaufen di Svevia, il campione della casata d'Ivrea e uno dei nobili bavaresi. Alla fine trionfa Corrado von Hofestaufen di Svevia, diventando Corrado I di Franconia

    I pezzi:

    Nonostante i buoni propositi per tenere insieme il ducato, le spinte centrifughe all'autonomia si fanno sentire sempre di più. Alcune città di grande importanza, come Ulmia e Colonia, chiedono infatti che gli venga riconosciuta maggiore autonomia.
     
  8. TFT

    TFT

    Registrato:
    23 Agosto 2008
    Messaggi:
    3.336
    Località:
    lombardia
    Ratings:
    +360
    Regno di Occitania:

    L'accordo papale:

    Tramite delegazioni e scambi di missive il Conte si accorda con il cardinal Vicario per costruire una grande chiesa a Marsiglia dedicata all'apostolo Paolo. Si tiene poi un concilio molto rapido nella stessa città, per cercare di risolvere il problema religioso ungherese, che indipendentemente dalla locazione si rivela alla fine un sucesso.

    Il rex:

    Grazie alla sua abilissima diplomazia il Conte ottiene dal Papa il titolo di Rex, di fatto delegittimando i francesi del nord e gettando la base per la creazione di una Grande Occitania estesa a tutto il bacino del mediterraneo occitanofono

    Accordi vari:

    Sono siglati alcuni accordi commerciali con i vicini, in particolare con la piccola Genova. Viene stabilito l'Occitano come lingua ufficile accanto al latino, cosa che provoca la forte approvazione della fiera nobiltà di Tolosa.
     
  9. TFT

    TFT

    Registrato:
    23 Agosto 2008
    Messaggi:
    3.336
    Località:
    lombardia
    Ratings:
    +360
    Comune di Genova:

    Alleanza con Pisa:

    Genova ottiene l'amicizia della potente Pisa e sigla con lei un importante accordo per ottenere la Corsica in cambio di aiuti militari contro i giudicati sardi. Nonostante il parziale successo delle armate congiunte e la cessione dell'isola al Comune, i genovesi si accorgono ben presto di non avere nè la forza nè i mezzi per mantenere un'isola così grande. La Corsica getta a mare gli amministratori genovesi e si dota di un governo indipendente.

    Accordi:

    Vengono siglati alcuni accordi commerciali che gettano la base per la creazione di canali mercantili in nuovi ed importanti mercati. In particolare è rilevante l'accordo con gli Altavilla.
     
  10. TFT

    TFT

    Registrato:
    23 Agosto 2008
    Messaggi:
    3.336
    Località:
    lombardia
    Ratings:
    +360
    Califfato Fatimide:

    Leggi sulle razzie:

    In questi anni il sovrano organizza una redistribuzione delle razzie ai confini, cedendone una buona parte ai propri feudatari, cosa che giustifica per l'altro il richiamo del signore di Alessandria e del Cairo, che radunano le proprie truppe, anche se malvolentieri, e le mettono a disposizione per un assalto a sud.

    Verso l'Etiopia:

    Con un erede designato e una legge sulle razzie, l'esercito può marciare tranquillamente a sud e schiacciare senza troppi probemi varie tribù di negri cristiani, che vengono in massima parte massacrati. Il bottino però si rivela tutto sommato modesto a fronte dei costi della spedizione, anche se l'apporto di schiavi al Cairo ravviva un po' l'edilizia locale.

    Un misterioso partner:

    Il Califfo sigla ufficialmente un trattato di cooperazione, scambio di risorse e monopolio dei traghetti dei pellegrini con uno strano e nuovo amico: il Portogallo. Nessun regnante, nè cristiano nè musulmano, pare conoscere chi sia questo sovrano portoghese o dove si trovi e fra l'altro nessuno si presenta al Cairo a controfirmare la proposta. Una mossa decisamente insolita.
     
  11. TFT

    TFT

    Registrato:
    23 Agosto 2008
    Messaggi:
    3.336
    Località:
    lombardia
    Ratings:
    +360
    Regno di Ungheria:

    Abdico o non abdico?

    Dopo l'incidente sulla questione religiosa pareva tutto risolto con la promessa di abdicazione da parte del sovrano. Invero, alla fine Koloman non lascia il trono e continua a governare proprio come se non fosse successo nulla. Alcuni nobili avrebbero da ridire ma il movimento ronzante delle truppe dei pecceneghi al confine li convince non solo a tenere ben pronti i propri soldati, ma anche a chiedere l'intervento diretto delle leve del re.

    Silenzio stampa:

    Pochissimo si viene a sapere delle terre ungheresi in questi anni. Si segnala solamente l'estensione delle garanzie di indipendenza su Venezia e la partecipazione al concilio in Franconia.
     
  12. TFT

    TFT

    Registrato:
    23 Agosto 2008
    Messaggi:
    3.336
    Località:
    lombardia
    Ratings:
    +360
    Serenissima Repubblica di Venezia:

    La forza del commercio:

    Venezia riesce in questi anni ad imporsi e rinnovarsi a livello mercantile, siglando accordi commerciali e basi per la costruzione di emporii in varie zone. Particolarmente rilevante l'apertura verso l'Ungheria e i Normanni di Puglia, oltre che verso la ricca Milano. Unico insuccesso il tentativo di creare un emporio commerciale a Creta, visto che l'amministratore locale nega il permesso.

    Tolleranza:

    Si assiste ad una forte apertura alle eresie, in particolare quella ortodossa. La cosa fa irritare il clero romano che chiaramente minaccia ripercussioni anche se la situazione internazionale rimane relativamente calma
     
  13. TFT

    TFT

    Registrato:
    23 Agosto 2008
    Messaggi:
    3.336
    Località:
    lombardia
    Ratings:
    +360
    Regno di Gerusalemme:

    Colonizzazione cristiana:

    Dopo il massacro del '99, Gerusalemme viene ripopolata con coloni cristiani, prevalentemente armeni, provenienti dalle colline del nord. Il governo regio si insedia ufficilamente in città decretandola sua capitale.

    Gli ordini monastico-cavallereschi:

    Per porteggere l'accesso dei pellegrini al Santo Sepolcro vengono creati alcuni ordini combattenti, formalmente soggetti a Gerusalemme ma di fatto liberi di agire in tutto il Levante. Ospitalieri, Teutonici Templari fanno la loro comparsa sul campo di battaglia.

    La pace con Damasco:

    Si riesce alla fine a raggiungere un'ottima pace con Damasco. Vengono infatti riconosciute a Gerusalemme tutte le conquiste fatte fino ad ora. La città di Tripoli, sotto assedio, viene ceduta ad un conte crociato in stretto legame con Gerusalemme.
     
  14. TFT

    TFT

    Registrato:
    23 Agosto 2008
    Messaggi:
    3.336
    Località:
    lombardia
    Ratings:
    +360
    Regno di Svezia:

    Eredità al trono:

    Per garantire maggiore stabilità al regno viene designato come erede il giovane Erik Asal, nipote del sovrano e di provata fede cristiana. La decisione non incontra palesi opposizioni

    Spedizione a nord:

    L'esercito regio viene inviato a nord per occupare le terre dello Jamtland. Sfortunatamente il passaggio di armati nelle regioni nordiche, a maggioranza pagana, unite ai recenti tentativi di cristianizzazione, generano una rivolta aperta anche se poco organizzata. Le truppe regolari riescono a schiacciare i pagani con qualche fatica, costringendoli a cercare riparo nelle foreste.

    Tasse, tasse:

    Forse per risolvere l'economia devastata dalla guerra civile, il sovrano alza le tasse in generale, colpendo duramente anche clero e nobiltà. Questi chiaramente si rifiutano di pagare gli aumenti e sollevano le proprie truppe, pronti a marciare su Uppsala se le cose non cambieranno.
     
  15. TFT

    TFT

    Registrato:
    23 Agosto 2008
    Messaggi:
    3.336
    Località:
    lombardia
    Ratings:
    +360
    Regno di Norvegia:

    Pacificazione:

    Pur continuando l'opera di proselitismo cristiano, con il supporto di nuovi prelati giunti direttamente da Roma. Il sovrano decreta la fine delle persecuzioni antipagane e che d'ora in avanti le conversioni saranno condotte con la forza della fede e dell'intelletto. La decisione trova immensi consensi nella popolazione pagana, il cui numero di effettivi rimane molto consistente.

    Tagliare i rami morti:

    Consapevole di quanto sia difficile tenere la zone periferiche, la Norvegia concede ampie autonomie a tutti i territori d'oltremare, organizzati come area "Mar Britannico". Il regime di semindipendenza assicura alla corona di Trohindehim la fedeltà di quegli importanti avamposti.

    Accordi:

    Il danno economico della fine dei tributi delle isole viene colmato dalla creazione di rotte commerciali con alcuni vicini, volte soprattuto ad esportare il pesce del nord nell'area centroeuropea.
     
  16. TFT

    TFT

    Registrato:
    23 Agosto 2008
    Messaggi:
    3.336
    Località:
    lombardia
    Ratings:
    +360
    Khanato dei pecceneghi:

    La sottomissione:

    Consapevoli di non potere nulla contro la potenza nascente dei cumani, il Khan decide di accettare la formale sottomissione all'Orda. Nonostante i tributi siano gravosi, la calma permette ai pecceneghi di riformare il sistema di controllo della terra incrementando l'allevamento dei cavalli, in particolare da guerra, molto amati dell'aristocrazia.

    Il matrimonio:

    Un matrimonio fra una delle figlie del Khan cumano e il Gran Khan dei pecceneghi rende maggiormente sicuro il nuovo rapporto di vassallaggio da entrambe le parti, donando sicurezza ai rispettivi sovrani.

    Gli assalti:

    I pecceneghi supportano i cumani nei loro raid. Vengono colpite le zone di Kiev per prime, successivamente si punta verso l'Ungheria ma non si raggiunge nulla oltre l'incendio di un paio di villaggi. Il colpo più grosso va all'Impero bizantino. L'armata di cavalieri tartari guada il Danubio e metta a ferro e fuoco tutta la Ialomita e l'alta Bulgaria.
     
  17. TFT

    TFT

    Registrato:
    23 Agosto 2008
    Messaggi:
    3.336
    Località:
    lombardia
    Ratings:
    +360
    Regno di Polonia:

    Amministrazione:

    Una volta ottenuta la lealtà dei principali ducati, il re di Polonia revoca il feudo di Silech-Galizia e lo spartisce fra i suoi alleati con il nuovo nome di Bialowetcza. Viene inoltre garantita l'indipendenza della contea di Galizia rus, che passa nella sfera di influenza polacca.
    Si segnalano inoltre vari accordi commerciali, in particolare con Novgorod, la cui popolazione viene considerata come minoranza tutelata nella terra polacca.

    Matrimoni e legami:

    Si stringe amicizia con la Sassonia facendo sposare il giovane erede al trono Zbigniew con Elika di Sassonia. I due non hanno figli.

    Danzica:

    La città di Danzica subisce diversi raid da parte dei predoni prussiani. Il suo governatore decide di dichiararsi indipendente dal re polacco e gestirsi in autonomia. La possente armata unita dei polacchi però marcia verso nord, costringendolo alla resa e reintegrando la città. Nonostante tutto la situazione con i feudatari appare ancora precaria a livello globale.
     
  18. TFT

    TFT

    Registrato:
    23 Agosto 2008
    Messaggi:
    3.336
    Località:
    lombardia
    Ratings:
    +360
    Contea di Puglia e Sicilia:

    contee unite:

    Nell'anno 1101 Ruggero Borsa, duca di Puglia, riesce ad infilarsi nei giochi di potere della Sicilia. Infatti spedisce in convento i due figli del defunto fratello e prende per sè il titolo di Re di Sicilia. La mossa provoca una rivolta dei feudatari fedeli ai legittimi sovrani, che impegnano le truppe pugliesi per 3 anni, prima di essere totalmente domati e perdere la loro ultima roccaforte a Messina.
    Il giovane Simone d'Altavilla riesce comunque a fuggire dai suoi parenti in Normandia, annunciando che un giorno tornerà per vendicarsi.

    Commercio e trattati:

    I normanni sono molto attivi in ambito commerciali in questi anni. Nonostante la rivolta, la città di Messina viene dotata di ampie autonomie, forse per meglio sfruttare i dazi sullo Stretto. Il commercio con Venezia diventa particolarmente importante, mentre anche la dominazione su Amalfi apre ottime prospettive.

    Sgravi e produzione:

    Viene incentivato il commercio del sale con sgravi fiscali sulla sua produzione, abbassando le decime in quel settore. Si tenta anche una riforma agricola di successo minore.
     
  19. TFT

    TFT

    Registrato:
    23 Agosto 2008
    Messaggi:
    3.336
    Località:
    lombardia
    Ratings:
    +360
    Sultanato di Siria:

    Pace di Kerak e di Beirut:

    Conscio di non poter più continuare la guerra, il Sultano cede alcuni territori costieri ai crociati e si libera per trattare con il fratello ad Aleppo. Sostanzialmente lascia quest'ultimo al comando dell'Emirato, a patto di averlo a proprio fianco in guerra e di riconoscerlo come Sultano. Pacificati, i due fratelli possono rivolgere lo sguardo a nord.

    Alleanza islamica:

    Il sultanato si mostra vicino ai popoli islamici garantendo l'esistenza dei numerosi principati turchi nel nord, in questo modo espande la sua sfera di influenza fino al basso Caucaso

    Assalto a Mosul:

    Assicurati i confini, l'esercito unito delle leve feudali e di Aleppo, forte di 25.000 uomini, lanciò un assalto a Mosul. La vittoria fu completa contro l'emiro ribelle e Aleppo fu ricompensata con la cessione di Charae. La seguente vittoria su Edessa palesò l'importanza di Damasco come principale potenza della regione e sancì la fine del sogno crociato di creare un regno latino in mesopotamia.
     
  20. TFT

    TFT

    Registrato:
    23 Agosto 2008
    Messaggi:
    3.336
    Località:
    lombardia
    Ratings:
    +360
    Regno di Francia:

    Calmare i confini:

    Uscendo dall'isolamento diplomatico, la Francia sigla un importante trattato di non aggressione con l'Aquitania, assicurandosi l'ovest in maniera sicura. Fondamentale un'alleanza con la Scozia che sembra proprio pensata in funzione di contrasto con il suo ex vassallo turbolento, l'Inghilterra.

    Gli Stati Generali:

    Per far felici i feudatari, viene creato un organo consultivo chiamato Stati Generali, da convocarsi nei momenti di crisi. A questa assemblea partecipano delegazioni della nobiltà e del clero, che si dicono ben felici di essere considerati.

    Accordi commerciali:

    Sono siglati importanti trattati commerciali, anzitutto con la Norvegia, mentre si assiste a un'apertura economica maggiormente incentrata sul mare Britannico e del Nord.
     

Condividi questa Pagina