1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

L'importanza di Suez

Discussione in 'Età Contemporanea' iniziata da Daniel Morrison, 13 Settembre 2017.

  1. Daniel Morrison

    Daniel Morrison

    Registrato:
    15 Settembre 2008
    Messaggi:
    1.349
    Ratings:
    +162
    Ipotizziamo che in qualche modo, le forze italo-tedesche in africa settentrionale riuscissero a raggiungere Suez. Tralasciando l'impatto propagandistico ed emotivo che una vittoria del genere avrebbe avuto, ai fini strategici, perdere Suez per gli inglesi sarebbe stato davvero un dramma?
    Il Mediterraneo era un campo di battaglia, dubito quindi che i mercantili britannici provenienti dall'Asia utilizzassero la rotta Suez-Gibilterra-Atlantico per poter raggiungere la madre patria.
    Con Suez nelle mani dell'Asse quindi, cosa sarebbe cambiato a livello strategico per gli inglesi?
     
    • Like Like x 1
  2. metalupo

    metalupo

    Registrato:
    20 Ottobre 2006
    Messaggi:
    2.626
    Ratings:
    +139
    La prima cosa che mi sovviene è che facendo base in Egitto gli u-boot avrebbero potuto minacciare le rotte di rifornimento dell'Oceano Indiano occidentale, come, inizialmente, avevano provato a fare i nostri sommergibili di stanza nel corno d'Africa.
     
  3. bacca

    bacca

    Registrato:
    19 Ottobre 2009
    Messaggi:
    9.677
    Località:
    Veneto Indipendente
    Ratings:
    +1.384
    Se non sbaglio , e correggetemi nel caso, uno degli scopi o conseguenza era aprire la strada per l'Iraq e il suo petrolio.

    Considerate che Iraq e Persia furono occupate dagli Inglesi , ma se Suez cadeva sarebbero entrate facilmente nell'asse
     
  4. Daniel Morrison

    Daniel Morrison

    Registrato:
    15 Settembre 2008
    Messaggi:
    1.349
    Ratings:
    +162
    Buona, un punto a favore alla tesi dell'utilità del possedere Suez. Tuttavia mi sembra pochino per far pendere l'ago della bilancia sulla tesi di "Suez = Vittoria".
     
  5. Daniel Morrison

    Daniel Morrison

    Registrato:
    15 Settembre 2008
    Messaggi:
    1.349
    Ratings:
    +162
    Ottimo spunto anche questo.
    Ciò era però realmente nei piani dell'Asse? Si è sempre parlato di Suez come traguardo finale.
    Senza considerare che comunque, perso Suez gli inglesi avrebbero comunque avuto modo di difendere il medio oriente.
     
  6. metalupo

    metalupo

    Registrato:
    20 Ottobre 2006
    Messaggi:
    2.626
    Ratings:
    +139
    Dipende da come perdevano Suez.
    Ossia a quante forze riuscissero a far attraversare il canale, non mi pare avessero poi molto, oltre all'armata d'Egitto, in zona.
     
  7. Carlos V

    Carlos V

    Registrato:
    15 Dicembre 2010
    Messaggi:
    1.713
    Località:
    Puglia
    Ratings:
    +546
    Prendere solamente il canale di Suez non avrebbe garantito all'Asse un preponderante vantaggio strategico. Bisognava fare innanzitutto i conti con Malta.

    Malta era stata il quartier generale della Mediterranean Fleet fino allo scoppio della Seconda Guerra Mondiale; durante il conflitto la flotta inglese di stanza nel Mediterraneo venne trasferita ad Alessandria d'Egitto, poiché sarebbe stata facilmente minacciata dalle incursioni provenienti dall'Italia.
    Caduta Suez in mano all'Asse, e posto che per gli Inglesi il Mediterraneo era un teatro di guerra di vitale importanza (sia per il controllo delle rotte che per colpire il "ventre molle d'Europa" - cioè noi), dubito che avrebbero spostato la flotta nell'Oceano Indiano, ma piuttosto l'avrebbero ricollocata a Malta.

    Gli Inglesi, oltretutto, avrebbero potuto sfruttare l'enorme retroterra Algerino-marocchino per garantirsi ulteriori basi d'appoggio e rifornimenti (e visto che gli sforzi dell'Asse sarebbero stati tutti orientati verso l'Egitto, è logico supporre che non avrebbero dedicato molta importanza alla conquista del fronte algerino).

    Poi bisogna considerare che la Mediterranean Fleet sarebbe rimasta quasi intatta, se intendiamo la conquista di Suez come una campagna prevalentemente terrestre (e il fatto che la Regia Marina non potesse fare molto contro le navi britanniche).
    Nel corso della campagna d'Africa, le navi britanniche avevano causato enormi problemi al sistema logistico italiano e alla protezione delle basi costiere: è ragionevole supporre che, una volta ricollocata a Malta, la flotta sarebbe stata in grado di bloccare ulteriormente i rifornimenti delle truppe dell'Asse a Suez, con la gravità di linee di rifornimento più lunghe e poco difendibili.

    Fonti: Wikipedia, Mediterranean Fleet - Second World War
    e di rimando:
    - The Fleet at Alexandria, British Pathe, Retrieved 18 April 2014
    - Macksey, Major Kenneth (1971). Beda Fomm: The Classic Victory. Ballantine's Illustrated History of the Violent Century, Battle Book Number 22. New York: Ballantine Books.
     
    • Like Like x 3
  8. Daniel Morrison

    Daniel Morrison

    Registrato:
    15 Settembre 2008
    Messaggi:
    1.349
    Ratings:
    +162
    Ricollocare la flotta a Malta con l'intero nord Africa (o quasi) in mano all'Asse mi sembra davvero rischioso per non dire inverosimile.
    Piuttosto, una eventuale sconfitta in nord Africa avrebbe potuto produrre una formidabile crisi interna in Gran Bretagna, ma qui si va troppo sul campo della fantastoria.
    Restando in tema, credo fortemente che strategicamente per i britannici non sarebbe cambiato molto, IMHO le conseguenze sarebbero state quasi esclusivamente di carattere politico.
     
    • Agree Agree x 1
  9. Amadeus

    Amadeus

    Registrato:
    17 Febbraio 2006
    Messaggi:
    1.455
    Ratings:
    +551
    Il rischieramento della flotta a Malta, dopo l'eventuale perdita dell'Egitto, sarebbe stato fuori discussione, dato che il motivo per cui era stata trasferita ad Alessandria all'inizio era proprio dovuto alla pericolosità di tenere il grosso delle capital ships e degli incrociatori nel porto della Valletta. Se era pericoloso con mezzo Nordafrica in mano britannica, figurarsi con tutto il Nordafrica perso. Il grosso delle navi sarebbe finito comunque a Gibilterra.

    Probabilmente la caduta di Suez, di per sé, non sarebbe stata un game changer. A meno che uno dei due contendenti avesse investito enormi risorse e distolto massicciamente truppe da altri teatri per perseguire obiettivi importanti, ma difficilmente conseguibili.
    Non mi sembra che Hitler abbia mai puntato parecchio sul teatro mediterraneo e dubito che, nel 1942, avrebbe provato a perseguire il miraggio dei pozzi mesopotamici (togliere divisioni dal fronte orientale? giammai!) che, a mio parere, sarebbe rimasto un miraggio (anche per gli enormi problemi logistici).

    Ci si potrebbe, però, chiedere se, nel decidere dove far sbarcare gli americani contro i tedeschi, sarebbe prevalsa la tesi britannica di uno sbarco prima in Nordafrica, se in Egitto avesse vinto l'Asse. L'operazione Torch e la campagna di Tunisia non sono state esattamente una passeggiata anche con l'Ottava Armata britannica che inseguiva gli italotedeschi in ritirata dalle mazzate di El Alamein. Se non ci fossero state grosse sconfitte, e non ci fosse stata pressione da est, non la vedo agevolissima per gli Alleati.
    O la guerra in Nordafrica si sarebbe protratta, o si sarebbe tentato uno sbarco direttamente in Francia. In entrambi i casi la guerra sarebbe durata di più e, forse, avremmo avuto qualche monumento alle vittime della distruzione nucleare in Sassonia, invece che in Giappone.
     
    • Like Like x 4
    • Agree Agree x 3
  10. bacca

    bacca

    Registrato:
    19 Ottobre 2009
    Messaggi:
    9.677
    Località:
    Veneto Indipendente
    Ratings:
    +1.384
    Concordo su rischieramento a Gibilterra, ma sono convinto che Iraq e Persia sarebbero state un grande alleato per i tedeschi, e ci aggiungerei anche la Turchia.
    Non so quanto petrolio sarebbe potuto arrivare in Europa, ma la guerra ad est sarebbe radicalmente cambiata.
    Perche altrimenti gli inglesi gli avrebbero invasi a prescindere?
     
  11. Amadeus

    Amadeus

    Registrato:
    17 Febbraio 2006
    Messaggi:
    1.455
    Ratings:
    +551
    Iraq e Persia (e le colonie francesi mediorientali) erano stati messi "in sicurezza" dagli alleati entro la fine dell'estate 1941, proprio per evitare che si schierassero con la Germania.
    Suez quando cade in mano all'Asse? Sicuramente non prima della neutralizzazione alleata di Iraq, Persia, Siria etc. Avanzando dal Sinai ci sarebbero stati solo territori sotto il controllo militare britannico, non stati sovrani desiderosi di sostenere Berlino. Certo, forze comunque non consistentissime (Londra ha sempre avuto problemi a mettere in campo eserciti numerosi) ma a quante divisioni mobili italotedesche (dico divisioni mobili, perché s'è visto quanto contavano le divisioni di fanteria appiedata in Nordafrica) si sarebbero dovute contrapporre e, soprattutto, quale infrastruttura logistica avrebbe potuto sostenere un Blitzkrieg mediorientale?

    Rimango scettico su un'avventura stile Alessandro Magno 2 la vendetta! :D
     
    • Like Like x 2
  12. bacca

    bacca

    Registrato:
    19 Ottobre 2009
    Messaggi:
    9.677
    Località:
    Veneto Indipendente
    Ratings:
    +1.384
    Nella mia indubbia ignoranza, ho sempre immaginato una sollevazione "popolare" della palestina Iraq e persia (Qualcosa di simile a una Jihad o primavera araba...), con gli inglesi che mollano ritirandosi le zone a quel punto incontrollabili ad esempio tenendo magari Bassora ma mollando Kirkuk ...
    La Turchia probabilmente si sarebbe decisa e sarebbe entrata nell'asse ecc...
    A quel punto per fare sloggiare i reparti inglesi non immaginavo necessarie più di una divisione e supporto aereo.
    Sicuramente non ho mai immaginato una prosecuzione della guerra nel deserto in Levante, questo si, sarebbe stato pensate , sia a livello logistico che costo / efficacia
     
    Ultima modifica: 15 Settembre 2017
  13. bacca

    bacca

    Registrato:
    19 Ottobre 2009
    Messaggi:
    9.677
    Località:
    Veneto Indipendente
    Ratings:
    +1.384
    In questo articolo http://www.lorenzopinna.com/?p=614

    "Rommel sogna o forse delira di un attraversamento del Canale di Suez e di una rapida conquista del Medio Oriente, dell’Iran e dei suoi pozzi, per ricongiungersi alle armate tedesche del Caucaso."

    Qualcuno ha riferimenti ?
     
  14. MediterraneanViking

    MediterraneanViking

    Registrato:
    21 Marzo 2011
    Messaggi:
    132
    Ratings:
    +10
    Per quanto concerne la visone di Rommel in merito alla presa di Suez per poter proseguire poi fino in Turchia, se non ricordo male ho letto qualcosa nel libro "I Generali di Hitler"....in un capitolo dedicato appunto alla volpe del deserto.
    Praticamente si parlava del fatto che OKH e OKW per sconfiggere la Russia sostenevano che il terzo reich avesse bisogno di "due braccia"
    la prima come tutti sappiamo si estendeva dal mar glaciale artico al mar nero...
    la seconda doveva appunto passare dal Nord Africa, Medio Oriente, invadere o far entrare la turchia nell' Asse e poi prendere i famosissimi pozzi petrolifici di Baku e d'intorni....

    Cmq sincermante la cosa che mi chiedo è perchè i tedeschi dopo aver preso i balcani non hanno preso direttamente la turchia via "terra"
    e si sarebbero trovati cosi ad inizio barbarossa con proprie truppe vicino il caucaso, senza aver il problema di rifornire le divisioni via mare??????

    Altra cosa che non mi riesco a spiegare....ma se i tedeschi avessero preso turchia e\o suez....ma dove prendevevano ste divisioni per schierarle anche li? sopratutto pensando al grande dispiegamento di forze fatto solo per barbarossa?

    Scusatemi.....forse sono andato troppo off topic ^_^' ma non riesco a spiegarmi il fatto di non aver preso la turchia quando il comando
    tedesco non era ancora in preda ai deliri di Hitler.
     
  15. bacca

    bacca

    Registrato:
    19 Ottobre 2009
    Messaggi:
    9.677
    Località:
    Veneto Indipendente
    Ratings:
    +1.384
    La turchia è sempre stata anche un mio cruccio, parzialmente spiegato dal doppio gioco costante della Turchia, che si è sempre dimostrata disponibile con i tedeschi ed è sempre stata li li per entrare nell'asse, salvo poi visto come andava la guerra passare con gli alleati.
    Ad ogni modo fino al 44 le materie prime turche erano interamente a disposizione del reich.
    Probabilmente, sostengo io , avrebbero risposto all'appello per riprendersi il Levante se i tedeschi avessero vinto in nord africa.
     
  16. Daniel Morrison

    Daniel Morrison

    Registrato:
    15 Settembre 2008
    Messaggi:
    1.349
    Ratings:
    +162
    Per la Turchia è complesso, i tedeschi hanno sempre cercato di evitare un suo coinvolgimento nel conflitto, dopo essersi resi conto di non poter trascinare la Turchia nell'asse, l'obiettivo fu quello di farla restare neutrale.
    Perché non fu invasa? Mettiamola così, l'occupazione della Turchia non era impresa facile, l'orografia dell'Anatolia poteva rappresentare un grosso ostacolo per le forze dell'asse.
    Ultimo ma non meno importante, Hitler e il suo comando supremo, sottovalutarono enormemente le capacità sovietiche, evitarono quindi di elaborare piani troppo "fantasiosi" ed andarono dritto al sodo.
     
  17. bacca

    bacca

    Registrato:
    19 Ottobre 2009
    Messaggi:
    9.677
    Località:
    Veneto Indipendente
    Ratings:
    +1.384
    o magari le valutarono correttamente, ma al netto di un intervento americano in sostegno.
     
  18. auricaesar

    auricaesar

    Registrato:
    26 Luglio 2014
    Messaggi:
    1.521
    Ratings:
    +182
    Senza contare le probabili formazioni partigiane che si sarebbero formate sui monti della turchia.
     
  19. MediterraneanViking

    MediterraneanViking

    Registrato:
    21 Marzo 2011
    Messaggi:
    132
    Ratings:
    +10
    Rinnovo una domanda la quale mi suscita una grande curiosità..
    Se i tedeschi avessero preso suez e sarebbero quindi arrivati nel caucaso (con la turchia o senza turchia) al confine con la russia allora
    possiamo parlare di due fronti :
    1) dal mar glaciale artico al mar nero con il dispiegamento di mezzi e uomini come tutti conosciamo già...
    2) come ipotetico secondo fronte (se prendevano e avanzavano da suez ) quindi dalle parti della turchia al confine della russia.

    Ecco la mia domanda è ( non avendo letto molto quindi lo chiedo a Voi) se ci fosse stata l'eventualità di questo secondo fronte,
    i tedeschi cosa avrebbero schierato li? quali mezzi ? quali uomini?
    nel senso che da quello che ho capito i tedeschi avevano schierato ciò che avevano a disposizioni su barbarossa, in africa...

    La prima cosa che mi viene da pensare è che magari avrebbero preso una parte di ciò che era schierato x barbarossa(dal glaciale al mar nero) x schierarlo su questo ipotetico secondo fronte contro la russia( zona turchia/gerogia circa x intenderci)?

    I tedeschi avevano uomini e mezzi conservati da qualche parte?
    Avrebbero reclutato uomini attraverso Waffen SS?
    Io sono curioso di sapere sta cosa visto che cmq OKH o OKW avevano intenzione di attaccare la russia su 2 fronti...
    Non so ditemi voi..
     

Condividi questa Pagina