1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

[le razze]

Discussione in 'Una storia tutta da raccontare' iniziata da Filippo I di S.G., 9 Febbraio 2012.

  1. Filippo I di S.G.

    Filippo I di S.G.

    Registrato:
    30 Marzo 2007
    Messaggi:
    2.573
    Località:
    Santa Giustina Bellunese
    Ratings:
    +0
    Allora, queste sono le razze attualmente note:

    1. Umani propriamente detti
    Sono... vecchie conoscenze, di loro sappiamo praticamente tutto. Costituiscono la maggioranza della popolazione dell'Impero, ma sono presenti un po' in ogni regione del mondo. Bellicosi, sono facili alla guerra. Hanno un discreto talento per la tecnica, e costruiscono un po' di tutto. Alcuni hanno dimostrato anche qualche capacità magica.
    Essi sono molto frazionati, al punto da poter quasi essere suddivisi in realtà a sé stanti. è ad esempio il caso dei popoli del deserto, nomadi e molto legati alle proprie tradizioni...
    Le "etnie" principali sono:
    1. imperiali
    2. nord
    3. aon
    ...
    POSIZIONI NOTE: tutto l'Impero

    2. Orchi
    Rispetto agli uomini comunemente detti, sono più alti e più muscolosi. Hanno tutti chiome scure, così come è scura la loro carnagione. Sono ritenuti da tutti dei primitivi, in quanto non conoscono l'uso delle ultime tecnologie diffuse nell'Impero. Sono tuttavia un popolo industrioso, in grado di lavorare per molte più ore di fila di chiunque altro. Non si sa se qualche orco sia in grado di usare la magia.
    POSIZIONI NOTE: Dominio Boer

    3. Draghi
    Esseri dotati di una grande intelligenza, vivono a lungo, sputano fuoco e sanno usare la magia. Aggressivi solo contro i cacciatori di Draghi o chi è ostile nei loro confronti, vivono in zone remote del mondo, anche se qualcuno si chiede se dispongano di poteri che gli consentano di mutare forma e di mescolarsi così ai comuni mortali...
    POSIZIONI NOTE: ????
     
  2. zethani

    zethani

    Registrato:
    16 Dicembre 2008
    Messaggi:
    670
    Località:
    Pantani dell'Inferno
    Ratings:
    +52
    Per me la distinzione fra "orchi" e umani potrebbe essere dovuta semplicemente alla presenza dell'Impero.
    Il cittadino dell'Impero (ben più civilizzato della media delle popolazioni confinanti) li vede come esseri non umani, ignoranti, rozzi e incivili buoni solo ad essere schiavizzati/sterminati (o al limite ignorati) semplicemente perchè non abbracciano la sua cultura e magari la sua religione. Un po' quello che successe in Mesoamerica fra gli indigeni e i colonizzatori spagnoli.

    In realtà sono semplicemente umani a un "livello" diverso della piramide tecnologica. Quelli del Dominio Boer sono dei pacifici cacciatori-raccoglitori che intrattengono di tanto in tanto rapporti commerciali con l'Impero...questo non esclude che lì vicino vi siano "orchi" ben più bellicosi. E che magari, attratti dai racconti favoleggianti sulle ricchezze dell'Impero, si stanno lentamente avvicinando alle sguarnite frontiere dello Xelenan. :p :p :p
     
  3. Filippo I di S.G.

    Filippo I di S.G.

    Registrato:
    30 Marzo 2007
    Messaggi:
    2.573
    Località:
    Santa Giustina Bellunese
    Ratings:
    +0
    Quindi gli orchi potrebbero essere visti semplicemente come una diversa etnia della razza umana più generale. La cosa regge bene e, francamente, mi piace molto. Anche la presenza di un altro popolo più a oriente interessato alle ricchezze dell'Impero mi piace, penso che potrebbe proprio arrivare... e approfittare della scarsa vigilanza delle sentinelle dello Xelenan!
     
  4. Vladislav

    Vladislav

    Registrato:
    18 Maggio 2009
    Messaggi:
    279
    Ratings:
    +11
    Certo, che gli orchi (in qualunque concezione li vediamo), non abbiano toccato arma da più di cent'anni... secondo me quel soldato si inganna. Gente in apparenza pacifica e sempliciotta, dei campagnoli si direbbe. Ma sotto sotto è tanto, tanto tempo che si stanno preparando nell'ombra. Un'organizzazione paramilitare caratterizzata da altissima disciplina e un' "arma segreta".

    (forse, è solo un'idea, si vedrà se si incastra bene nella storia)
     
  5. zethani

    zethani

    Registrato:
    16 Dicembre 2008
    Messaggi:
    670
    Località:
    Pantani dell'Inferno
    Ratings:
    +52
    Era un po' quello che avevo in mente io per le popolazioni originarie dello Xelenan. :)
     
  6. zethani

    zethani

    Registrato:
    16 Dicembre 2008
    Messaggi:
    670
    Località:
    Pantani dell'Inferno
    Ratings:
    +52
    Generalità:
    Nel deserto settentrionale la presenza Imperiale è circoscritta al Lago Leswar e alcuni insediamenti che sopravvivono a fatica lungo la fascia pedemontana. L'area centrale più inospitale è il regno di un popolo nomade (come nome propongo Aon) perfettamente adattato all'ambiente e che abita il deserto da innumerevoli generazioni.

    La loro società è suddivisa in clan (che vanno dai 20 ai massimo 70-80 individui). Vengono riconosciuti pari diritti agli uomini e alle donne. Non è raro che siano queste ultime a guidare il clan, visto che numericamente prevalgono le tribù matriarcali su quelle a struttura patriarcale.

    Praticano la pastorizia e l'allevamento (cavalli, dromedari ed esotici equivalenti), il commercio (specialmente del sale) e la razzia. C'è una forte identità di clan, che spesso sono in lotta tra loro e questo fatto, unito alle proibitive condizioni di vita, li ha resi un popolo duro, facile all'ira e di indole guerriera.

    Nel cuore del deserto, lontano dalle rotte commerciali e in una posizione nota solamente ai capi clan, si trova un oasi considerata sacra dagli Aon che vi si riuniscono ogni sette anni per un periodo di festeggiamenti. Sul santo suolo dell'oasi non è permesso portare armi e le rivalità devono essere messe da parte, poichè in questo luogo tutti gli Aon sono fratelli della stessa madre.

    Rapporti con l'Impero:
    Gli Aon sono venuti a contatto con l'Impero quando questo ha iniziato a finanziare spedizioni di esplorazione nell'immenso deserto. Malgrado il medio cittadino imperiale li consideri poco più che selvaggi, i coloni di Logxil hanno imparato a rispettare la loro fierezza e hanno intrattenuto rapporti di pacifica convivenza con l'accampamento semi-fisso di Kesp. Di tanto in tanto una scaramuccia è comunque da mettere in conto.

    Le tribù che abitano più all'interno del mare delle dune vedono con favore l'ingrossarsi delle carovane che attraversono il loro territorio dato che questo non fa che aumentare la loro prosperità. Molti carovanieri ammansiscono i nomadi con doni per evitare le inevitabili razzie che altrimenti subirebbero se non si sottoponessero al "pedaggio".

    La cavalleria Aon è guardata con rispetto nell'Impero per la sua ferocia e resistenza. Alcuni contingenti mercenari hanno servito nella guardia di confine di alcune provincie imperiali e molti giovani vedono il servizio nell'Impero come un modo per affrancarsi da una vita nobile ma piena di stenti. La recente guerra civile che sta agitando l'Impero ha incrementato la domanda di mercenari e molti Aon servono la causa del Pretendente al trono imperiale, sotto il comando di un capitana di ventura nota come la Lince.
     
  7. Vladislav

    Vladislav

    Registrato:
    18 Maggio 2009
    Messaggi:
    279
    Ratings:
    +11
    Praticamente gli Aon sarebbero una sorta di Tuareg, capisco giusto?

    (un'opinione. Chiedo a Filippo di correggermi se sbaglio. Secondo me quello che serve sono degli spunti, più che descrizioni particolareggiate di ogni dettaglio. Oltre ovviamente a pareri sulle scelte/bivii/questioni proposte)
     
  8. zethani

    zethani

    Registrato:
    16 Dicembre 2008
    Messaggi:
    670
    Località:
    Pantani dell'Inferno
    Ratings:
    +52
    Una specie, ma li vedo più simili ai Fremen di Dune.
    Chiaramente sono solo proposte, se una cosa fa cagare o non sembra centrarci nulla con il contesto non mancate di farlo notare.
     
  9. Filippo I di S.G.

    Filippo I di S.G.

    Registrato:
    30 Marzo 2007
    Messaggi:
    2.573
    Località:
    Santa Giustina Bellunese
    Ratings:
    +0
    Sì, Vladislav ha ragione. Sono apprezzabili gli sforzi per dare descrizioni particolareggiate, ma inviterei a non perdere di vista l'obiettivo: esso è creare un mondo coerente in cui far muovere i personaggi. Non interessa tanto la descrizione formale di tutto il mondo, ma avere uno scenario coerente e bello in cui far muovere i personaggi :)
     
  10. SkySpace

    SkySpace

    Registrato:
    26 Agosto 2009
    Messaggi:
    3.866
    Ratings:
    +196
    Io aggiungerei i Draghi. Esseri dotati di una grande intelligenza, vivono a lungo, sputano fuoco. Aggressivi solo contro i cacciatori di Draghi o chi è ostile nei loro confronti e attaccano qualche volta dei graggi per nutrirsi se non trovano qualcosa di meglio dove vivono quindi in zone remote del mondo: alte montagne, entrotera di certe foreste, su isole-scogli in mezzo al mare e perchè no anche nel deserto.
     
  11. TFT

    TFT

    Registrato:
    23 Agosto 2008
    Messaggi:
    3.378
    Località:
    lombardia
    Ratings:
    +391

    Esseri dotati di immensa intelligenza e capacità magiche; sono poco numerosi al mondo e vivono nascosti. Ne esistono di vari tipi: rosso, verde, nero, d'oro, bianco, ecc.

    Sono spesso venerati dalle civiltà inferiori, vivono in simbiosi con la natura.

    Esiste poi una leggenda, il Drago Scarlatto (possibile religione di qualche bungagunga primitivo) il quale si dice che un giorno verrà per epurare il mondo dagli uomini empi costruttori di città e nemici della natura.
     
  12. Filippo I di S.G.

    Filippo I di S.G.

    Registrato:
    30 Marzo 2007
    Messaggi:
    2.573
    Località:
    Santa Giustina Bellunese
    Ratings:
    +0
    Se volete abbiamo casualmente delle montagne molto molto alte nelle vicinanze dello Xelenan ehehe
     
  13. SkySpace

    SkySpace

    Registrato:
    26 Agosto 2009
    Messaggi:
    3.866
    Ratings:
    +196
    Che capità magiche avrebbero TFT?
    E aggiungerei l'esistenza nel passato del duo Drago-Uomo. Guerrieri che faccevano squadra con questi temibili esseri. Un Ordine di Guerrieri-Drago..ma poi per un motivo ancora da decide l'ordine cadde e Uomo e Drago restarono separati per secoli
     
  14. zethani

    zethani

    Registrato:
    16 Dicembre 2008
    Messaggi:
    670
    Località:
    Pantani dell'Inferno
    Ratings:
    +52
    Provo ad abbozzare un idea di Drago diversa.

    Abbiamo un essere che padroneggia in maniera istintiva la magia e che è dotato di grande intelligenza. Sono esseri fragili e deboli grandi più o meno come un bambino (basano la loro sopravvivenza sulla capacità di influenzare gli elementi naturali), forse di forma vagamente umanoide. Non sono in grado nè di volare, nè di sputare fuoco (anche se le leggende umani gli attribuiscono questi attributi). Un tempo erano relativamente comuni nel centro dell'Impero e si può dire che vivessero gomito a gomito con gli Imperiali. Probabilmente avevano costituito un qualche tipo di società, che poi è decaduta tanto che sono più di mille anni che non si vede un drago nell'Impero.

    Le leggende narrano che furono i Draghi ad insegnare ai maghi umani ad usare la magia. Altre sostengono che i maghi non sono altro un abominevole incrocio fra uomini e draghi e come tali devono essere sterminati (e qui si ricade nella religione).

    Mmm...anche se così sembrano più folletti :(
     
  15. Filippo I di S.G.

    Filippo I di S.G.

    Registrato:
    30 Marzo 2007
    Messaggi:
    2.573
    Località:
    Santa Giustina Bellunese
    Ratings:
    +0
    E se i draghi avessero la capacità di mutare forma a loro piacimento? Magari qualche personaggio potrebbe essere un drago celato... (ovviamente non sto parlando né di Samus né di Aeria!)
     
  16. zethani

    zethani

    Registrato:
    16 Dicembre 2008
    Messaggi:
    670
    Località:
    Pantani dell'Inferno
    Ratings:
    +52
    cool :)

    Certo non sono loro...o forse si! :D
     
  17. SkySpace

    SkySpace

    Registrato:
    26 Agosto 2009
    Messaggi:
    3.866
    Ratings:
    +196
    Mutare forma..mmh..interessante ..così potrebbero nascondersi anche tra i comuni popolani..ma non mi convince del tutto l'idea
     
  18. zethani

    zethani

    Registrato:
    16 Dicembre 2008
    Messaggi:
    670
    Località:
    Pantani dell'Inferno
    Ratings:
    +52
    (Visto che TFT ha proposto di inserire una popolazione nelle paludi dell'Aquaran orientale, butto giù qualche spunto).

    Il delta del grande fiume è una palude mefitica circondata da una giungla selvaggia e impenetrabile. Un ambiente ben poco salubre per gli Imperiali che infatti se ne sono sempre tenuti ai margini o, qualora vi siano costretti, cercano di trattenervisi il meno possibile.

    E' tuttavia un habitat ricco di risorse per chi sa come sfruttarle. Nel dedalo delle mangrovie prosperano gli (proposta nome: Ea'yl). Questi "orchi", al contrario dei Boer o dei Nale, hanno una struttura anatomica molto più simile a quella degli uomini dell'Impero: benchè mantengano un fisico asciutto sono molto meno possenti delle controparti orientali. La loro carnagione è più chiara il che suggerisce che siano migrati di recente da qualche zona più a nord (forse dalle savane (?) del Tanishan).

    Gli Ea'yl hanno imparato a dare la caccia agli uccelli che nidificano nelle zone umide e a catturare le moltitudini di pesci che popolano il delta. Sono inoltre molto abili nel nuoto e nella costruzione di canoe, lo strumento principale con cui si spostano.

    Al contrario degli altri orchi, sono molti gli Ea'yl a padroneggiare a livello istintivo la magia. Il particolare stile di vita gli ha indirizzati verso quello sviluppo della magia in grado di affinare il mimetismo (sia per aggredire, sia per difendersi dai predatori) tanto che è molto difficile scorgerne uno a meno che non voglia essere visto. Di riflesso ciò li porta ad essere molto diffidenti verso l'inconsueto.

    Gli Imperiali che si sono addentrati nell'Aqaran Orientale non hanno alcun sentore della presenza degli Ea'yl. Questi al contrario ne sono ben consapevoli e osservano con un misto di preoccupazione e interesse (sono rimasti stupiti da diverse tecnologie, come l'allevamento delle trote) l'ingresso di stranieri nei loro territori.
     
  19. Filippo I di S.G.

    Filippo I di S.G.

    Registrato:
    30 Marzo 2007
    Messaggi:
    2.573
    Località:
    Santa Giustina Bellunese
    Ratings:
    +0
    Mmm potrebbe andare bene l'introduzione di un'altra variante di "orchi", che per come li abbiamo impostati sono semplicemente un'altra etnia, ma sempre uomini sono: semplicemente molto più alti e muscolosi degli imperiali, e caratterizzati da una carnagione scura. Dobbiamo a questo punto valutare come l'ambiente paludoso può averli modificati: più che recentemente, potrebbero essere emigrati in questa terra da molto tempo, da quando i primi imperiali li hanno cacciati dalle ben più ricche pianure centrali, oltre 1000 anni fa.
    Escluderei la loro capacità diffusa di usare la magia, se abbiamo detto che è una capacità molto limitata, non possiamo mettere un popolo "mezzo umano" che la padroneggia naturalmente. Il vivere nella foresta potrebbe comunque averne ridotto le dimensioni (un adattamento simile a quello delle tribù amazzoniche) e così ora sono un po' meno orchi e un po' più "normali" (inteso "di dimensioni simili agli imperiali"). L'isolamento però li ha resi molto schivi, e la paura di perdere anche quest'ultimo rifugio li ha portati ad una difesa estrema della loro terra. Per questo gli imperiali stentano ad affermarsi nel controllo della regione.
     
  20. zethani

    zethani

    Registrato:
    16 Dicembre 2008
    Messaggi:
    670
    Località:
    Pantani dell'Inferno
    Ratings:
    +52
    Sono d'accordo sulla faccenda dell'adattamento all'ambiente.

    Il mimetismo lo avevo introdotto per giustificare il fatto che fossero sconosciuti agli Imperiali. Non intendevo una capacità diffusa di utilizzare la magia, piuttosto pensavo a qualche piccolo trucchetto (di natura sovrannaturale) che questi orchi hanno imparato ad integrare nelle loro naturali capacità di "sparire nell'ambiente" in modo del tutto involontario e fuori dal loro controllo.

    Un po' come chiudere gli occhi durante uno starnuto, è diventato un riflesso che si rivela molto utile nella lotta per la sopravvivenza.

    Se poi vogliamo pensarli come completamente inetti all'arte magica, per tutti i livelli, allora possono rimanere tranquillamente solo molto bravi a nascondersi. :)
     

Condividi questa Pagina