1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

La vendetta di Giuliano l'Apostata

Discussione in 'Le vostre esperienze' iniziata da TFT, 23 Giugno 2014.

  1. TFT

    TFT

    Registrato:
    23 Agosto 2008
    Messaggi:
    3.348
    Località:
    lombardia
    Ratings:
    +363
    Scenario: Old Gods
    Nazione: Ducato di Leinster
    Personaggio: Emmanouel della dinastia TFT, romano e ellenista
    Obiettivo: Ricreare l'impero romano e restaurare il culto ellenista
    Difficoltà: Normale
    Ironman: No

    Antefatto:

    A metà dell'800 la fede ellenista, quella di Mitra, Serapide, Cibele e degli dei pagani è solamente un ricordo. Spazzata via dalla forza dei fanatici cristiani dai tempi di Teodosio, gli elleni sono scomparsi dalla storia.
    Tutti, ma non tutti. Infatti alcuni romani riuscirono a suggire alle persecuzioni e rifugiarsi in Irlanda, hai confini del mondo, portando con loro il sapere del mondo ellenico e il vessillo della stirpe di Costantino, il drago rosso.
    Dopo 500 anni, è giunto il tempo di vendicarsi, nonostante il ducato sia piccolo e totalmente cristiano, il capo dello sparuto gruppetto di pagani e pronto a far valere il volere degli Antichi.
     
    • Like Like x 7
  2. andry2806

    andry2806

    Registrato:
    24 Novembre 2013
    Messaggi:
    912
    Località:
    Bologna
    Ratings:
    +48
    ellenisti in Irlanda???
     
  3. TFT

    TFT

    Registrato:
    23 Agosto 2008
    Messaggi:
    3.348
    Località:
    lombardia
    Ratings:
    +363
    è impossibile farcela in qualsiasi altra zona che non sia l'Irlanda o le peggiosteppe russe
     
  4. TFT

    TFT

    Registrato:
    23 Agosto 2008
    Messaggi:
    3.348
    Località:
    lombardia
    Ratings:
    +363
    Capitolo 1: Gli dei pagani torneranno

    Anni 860 circa- 900 circa.

    Segue la cronaca del regno di Emmanouel TFT, primo nel suo nome e capostipite della sua dinastia. Uomo dalla grande abilità oratoria e diplomatica, giusto, buono e generoso, ma non avvezzo alla battaglia e ai calcoli matematici.
    Il suo tentativo iniziale fu quello di escludere i cristiani dai centri di potere, nominando membri del Consiglio fra i suoi fidati amici elleni e premiando chi si convertisse all'ellenismo abiurando la religione cristiana.
    Fu sposato ad una principessa di Jorvik di scarsa importanza, che morì pochi anni dopo ma gli diede due figli: Romano e Augusto. In seguito si risposò con una principessa polacca che gli diede due figlie femmine: Cornelia e Mirella.
    Dal punto di vista politico l'attività principale furono una serie di guerre per riportare l'Irlanda sotto ad un solo sovrano ed avere quindi un retroterra sicuro per cominciare la riconquista della Gallia. Il primo a cadere fu il piccolo contado di Orissa, poi una volta che l'esercito del Leinster fu rinforzato caddero i potenti ducati di Munster, Connaught e tutta la costa occidentale. I figli di Emmanouel furono insigniti del titolo di Duca e preparati a governare la Nazione.
    Emmanouel però sapeva che dare tutto il potere ad un figlio solamente per diritto dinastico era un'idea che non premiava la meritocrazia. Decise di cambiare la legge di successione in Elettiva, proponendo inizialmente come suo successore il figlio Romano. Costui però si dimostrò di carattere irascibile e avvezzo solo ad espandere i propri possedimenti. Il Duca pensò di girare il titolo a Augusto, ma alla fine preferì nominare Cornelia, che era di animo nobile, coraggioso e si avviava ad ottenere un'eloquenza maggiore perfino di quella del padre.
    La guerra venne poi portata a nord, nel Tyrone, la sua conquista su però vanificata dall'arrivo di truppe vichinghe a Dub Linn, che Emmanouel faticò a scacciare dai propri territori, seguite poi da una nuova invazione dei barbari di Man, che rischiarono seriamente di compromettere le conquiste del sovrano. Nonostate le massicce leve il morale dei vassalli rimaneva alto, comprato con donazioni in terre, titoli o in denaro sonante. La fede ellenista si espandeva e nonostante non diventasse molto diffusa in una decina di anni non un solo cristiano rimaneva nella corte di Emmanouel, tanto che fu nominato il primo Sommo Sacerdote d'Irlanda.
    Successivamente Emmanouel ebbe un figlio bastardo da una concubina di cui si innamorò. Il figlio venne riconosciuto e la madre presa nell'entourage di governo, nominata anche capo delle spie del regno.
    Proprio mentre tutto sembrava filare liscio Emmanouel morì improvvisamente, si dice di polonite, all'età di 45 anni. Cornelia, a soli 16 anni, prese il potere con energia. Sposò un piccolo nobile irlandese del quale si dice si fosse veramente innamorata, nonostante non avesse doti di alcun tipo.
    Come prima mossa la duchessa fronteggiò una ribellione cristiana che mise in campo 1900 uomini e la costrinse ad arruolare truppe mercenarie per sedarla. In seguito assicurò Serapion, il fratellastro bastardo, come suo successore al trono.
    Di questa decisione non fu però felice Romano, che da anni si credeva il legittimo sovrano d'irlanda e sperava di ottenerene il trono. Inizialmente cercò di rubare il titolo ducale alla sorella tramando contro di lei ma i suoi piani furono svelati dal nuovo capo delle spie e i complottisti dispersi. In seguito cercò di istigare la nobiltà dell'est a votarlo come nuovo sovrano e desistette dall'idea solamente dopo aver ricevuto una forte somma di denaro.
    Cornelia, pacificati gli interni, radunò un grosso esercito e marcià sul Tyrone che conquistò con facilità. Riunita tutta l'isola, trannea Dub-Lin, si proclamò Regina d'Irlanda.
    Da suo marito ebbe un figlio, Germanico, cui seguì un fratello (Flavio tipo?) e infine una bambina (Livia?). Quest'ultima però non fu figlia del giovane re d'Irlanda ma bensì di Massimo, l'Arcisacerdote di Serapide e amante della regina.
    Una volta che Germanico ebbe compiuto sei anni fu posto come erede e preso sotto la tutela della madre, con la quale sviluppò un rapporto particolarmente forte e divenne in breve tempo coraggioso e buono. Serapion fu rassicurato sul fatto che il suo onore sarebbe stato intatto, ottenendo la contea di Bretagna non appena l'esercito romano sarebbe stato pronto a sbarcare in Gallia.
    La spedizione fu rallentata da un nuovo tentativo dei mannesi di sbarcare in Leinster.
    Romano, nel frattempo, aveva ripreso le sue losche attività e stava organizzando un complotto per far uccidere Germanico...

    Riuscirà la regina Cornelia a sbarcare in Gallia?
    Riuscirà la regina Cornelia a gettare le basi per tornare in Italia?
    Gli dei pagani torneranno?



    L'inizio

    https://www.dropbox.com/s/tdig2gnv6fo3o08/ck2_14.png?m=

    Il Ducato dopo la conquista del Connought

    https://www.dropbox.com/s/iadm36m8mfgamil/ck2_16.png

    L'erede

    https://www.dropbox.com/s/u6tscwekuc2a52t/ck2_17.png

    Regina d'Irlanda

    https://www.dropbox.com/s/9kczb38j6eui6hd/ck2_18.png
     
    • Like Like x 4
  5. andry2806

    andry2806

    Registrato:
    24 Novembre 2013
    Messaggi:
    912
    Località:
    Bologna
    Ratings:
    +48
    ah...bo, mi sembra un po illogico un Impero Romano ricostruito con l'Irlanda, terra in cui i romani piazzarono solamente qualche fortino. In Irlanda come ritorno al paganesimo ci stava meglio il druidismo secondo me. Ma vabbè, l'importante è vedere la dinastia TFT romano-ellenistica di origine irlandese che conquista Francia, Spagna, Italia, Austria, Ungheria, Impero Bizantino e Nordafrica. Che Marte sia con te...:sneaky:
     
  6. TFT

    TFT

    Registrato:
    23 Agosto 2008
    Messaggi:
    3.348
    Località:
    lombardia
    Ratings:
    +363
    Capitolo 2: Il ritorno del Dragone

    Anni 900 circa, 917:

    Segue la cronaca del regno di Cornelia, prima nel suo nome, della dinastia TFT, che regnò dopo il padre Emmanouel.
    Nonostante diversi consiglieri chiesero che la testa di Romano fosse infilzata su una picca, la regina dei romani si mostrò magnanima ed evitò di condannare a morte un membro della sua famiglia. Nonostante l'elevato pericolo di un golpe il riottoso fratello rimase quieto e anzi diede il proprio supporto contro un'invasione del re cristiano di Scozia, le cui truppe furono gettate a mare.
    Quando i tempi furono maturi la regina diede l'assalto frontale al piccolo ducato di Dublino, che cadde facilmente. Il suo signore fu lasciato a governare in nome dei romani e patto che abbracciasse la fede ellenista. Ora tutta l'Irlanda era sotto il controllo dei romani.
    Le buone notizie aumentarono quando tutta la popolazione del Leinster abbracciò la fede in Mitra, un primo passo verso la cancellazione dell'odiato Dio-falegname.
    Il matrimonio diede a Cornelia due figli maschi, Germanico e Onorio. All'età di 6 anni Germanico fu posto come erede al trono, con grande disappunto di Serapion, che si alleò con lo zio nella sua rivendicazione al trono. Cornelia cercò di placare gli animi nominandolo gran comandante delle legioni e uno dei suoi primi compiti fu quello di organizzare la difesa contro Arn Bjornosson, avventuriero danese che stava giungendo contro i romani con una flotta di 200 navi e oltre 5000 uomini.
    La strategia fu quella di bloccarli direttamente sulla spiaggia. Con un'armata di 2000 uomini i romani affrontarono la prima ondata di vichinghi, il cui morale era molto basso a causa della lunga navigazione, e la sconfissero, così come la seconda. La terza armata fu lasciata sbarcare e logorare in un lungo assedio nel Tyrone, dopo mesi le truppe romane lanciarono un nuovo assalto e catturarono Bjornsson, che fu forzato a ripudiare gli dei norreni ed abbracciare l'ellenismo, quindi venne rispedito in Danimarca dopo aver pagato un riscatto di 417 monete (!!!!).
    Nel frattempo Serapion fu dimesso dall'incarico per una ferita di guerra che lo portò alla morte in pochi mesi. Romano gli successe come nel Concilio e bene o male il rapporto con la sorella migliorò.
    Nel frattempo la regina ebbe un paio di figlie femmine.
    Pacificata la situazione e ottenuto un retroterra sicuro in Irlanda le truppe dei romani erano ora pronte a tornare nell'Impero propriamente detto. Il loro bersaglio fu la Bretagna, che dopo la morte del suo sovrano era caduta in una violenta guerra civile e si trovava dominata da alcuni signori della guerra. Il più potente, quello d'Armorica, poteva schierare 1800 uomini perciò i romani dovettero dare fondo a tutte le loro riserve per batterlo.
    Con una flotta di 30 navi ed un esercito fra regolari e mercenari di 3500 uomini sbarcarono sul continete ed ottennero una facile vittoria. Il ducato fu dato al marito di Cornelia, come da sua richiesta anche se costui morì l'anno dopo. La regine si risposò con un cortigiano ed ebbe una nuova figlia alla veneranda età di 44 anni. Il titolo ducale passò al figlio maggiore, che tuttavia fu privato della sua eredità al trono perchè ritenuto troppo poco valido. La scelta cadde sul fratello minore Onorio, che era timido ed avaro ma comunque abile nel gestire le relazioni con la sua riottosa famiglia.
    L'esercito fu ridimensionato e la compagnia mercenaria scozzese venne inviata a completare l'opera di conquista. In pochi anni quasi tutta la Bretagna era tornata sotto il controllo romano. Consapevole però che non sarebbe bastato per schiacciare la potentissima Aquitania, la regina inviò suo marito in Navarra affinchè fabbricasse una rivendicazione per il trono di quella remota provincia.
    Le nuove terre seguirono una svolta nella politica amministrativa dei TFT
    - Ogni nuova conquista sarebbe stata data in gestione ad un membro della famiglia prima che ad altri
    - Ogni membro della famiglia avrebbe ottenuto tali titoli a partire dal secondogenito, il primogenito avrebbe ereditato quelli paterni
    - Ogni figlia del ramo dominante della casata sarebbe stata data in sposa in modo matrilineare, per mantenere forte la dinastia.
    Così fu.
    I ducati furono dati ai figli minori di Augusto, Ezio ed Arcadio, il fratello più anziano di Cornelia, mentre il ramo di Romano si spense con lui, essendo il suo unico figlio morto di peste in tempi recenti.


    Lo sbarco in Bretagna:

    https://www.dropbox.com/s/a7w9bha7on54rtw/ck2_20.png?m=

    Aftermatch:

    https://www.dropbox.com/s/nd4l98sumljmxh8/ck2_21.png
     
    • Like Like x 1
  7. Sir Matthew

    Sir Matthew

    Registrato:
    27 Aprile 2012
    Messaggi:
    1.603
    Località:
    Pisa
    Ratings:
    +441
    domandona impertinente: siccome hai iniziato dall'irlanda, non ti conveniva prima di invischiarti nei problemi continentali riunificarti la gran bretagna (ovviamente senza formare l'impero!) come base di partenza?
     
  8. Pandrea

    Pandrea Guest

    Ratings:
    +0
    Condivido, come cristiano fra i cristiani puoi provare a conquistare a macchia di leopardo, tanto non è scontato che il confine diretto significhi attacco dato il sistema di casus belli. Ma come pagano appena il re di Francia/Aquitania ti noterà partirà con la guerra santa...

    A margine, come mai Mitra, Serapide e Cibele anziché Giove, Marte e Giano?
     
  9. Lord Attilio

    Lord Attilio

    Registrato:
    14 Giugno 2008
    Messaggi:
    2.928
    Località:
    Socialismo
    Ratings:
    +128
    Penso sia perché il titolo è "La vendetta di Giuliano l'Apostata" imperatore seguace del neoplatonismo e dei culti del tardo Impero, che sono appunto quelli di Mitra, Serapide e Cibile. Ma non vorrei dire una cazzata.

    Comunque dare i titoli ai membri della famiglia è follia, perché poi questi ti faranno opposizione per recupare il trono, visto che hai pure la legge elettiva.
     
  10. TFT

    TFT

    Registrato:
    23 Agosto 2008
    Messaggi:
    3.348
    Località:
    lombardia
    Ratings:
    +363
    COnquistare l'Inghilterra è lungo e faticoso, ma forse avete ragione voi.

    Perchè nel tardo impero i culti pagani erano appunto incentrati su figure maggiormente "profonde" come Attis, Serapide, Cibele, Mitra piuttosto che su Mercurio, Marte ecc.

    No, io do a loro le contee ma io mi tengo il titolo ducale, al massimo mi rivendicheranno il ducato ma posso permettermi -20 alle relazioni con membri della famiglia.
    Poi se le cose vanno male posso spezzettare tutto e dare i titoli di conte incrociati in modo che si odino a vicenda ma non odino me
     

Condividi questa Pagina