1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

La Remuntada - Supertramp (Alleati) vs Gamma (Giapponesi)

Discussione in 'Le vostre esperienze: AAR' iniziata da supertramp, 12 Giugno 2013.

  1. supertramp

    supertramp

    Registrato:
    27 Aprile 2009
    Messaggi:
    2.440
    Località:
    Nesso (CO)
    Ratings:
    +331
    22/12/1943

    BIRMANIA:


    Le navi mandate verso Sud non trovano niente, e per l’ennesima volta deludono.
    Però c’è più di un probabile colpo di fortuna: come prima cosa, si trovano sotto un temporale, per cui sono totalmente invisibili per il nemico, altrimenti gli aerei ne avrebbero fatto scempio (non capisco per l’ennesima volta, in full speed hanno fatto in totale 8–9 esagoni, con la nave più lenta a 28 nodi, boh); come seconda cosa, ci sono 3 TF nemiche di naviglio leggero nei dintorni, pronte per essere attaccate. Si creano quindi 3 TF d’attacco e si riparte alla caccia. Nel mentre, indicate le basi che sono sostanzialmente neutralizzate tramite attacchi aerei e navali. Nei prossimi giorni mi attiverò con la recon per capire cosa si può fare.


    OCEANO INDIANO:

    Ancora qualche giorno e le TF da sbarco con le forze aeronavali si riuniranno a NordOvest di Cocos Is., pronte a lanciarsi verso l’obiettivo, a breve aggiornamenti e chiarimenti!

    AUSTRALIA:
    Attivato un discreto ponte aereo per mantenere attiva Saumlaki, dove le truppe alleate sono da tempo allo stremo, una spallata e la base cadrebbe molto probabilmente. La prossima area interessata dalle iniziative alleate sarà questa; l’idea è di creare un perimetro di sicurezza intorno a tutta la costa australiana (quindi Nuove Ebridi, Nuova Guinea, Timor) per poter alleggerire le difese e spostare le forze all’attacco.

    NUOVE EBRIDI:

    Si parte con gli attacchi a Luganville; domani 50 P40N5 e 50 P47N2 si lanceranno contro la CAP. Prevedo importanti perdite, soprattutto tra i primi aerei, che voleranno a una quota limitata, 20000 piedi circa. In ogni caso ora si fa sul serio, nei prossimi giorni ci saranno altri 72 Corsair e altri 50 P40N5 che continueranno a mantenere sotto pressio i caccia nemici, così da poter muovere i bombardieri (circa 10 tra medi e pesanti basati a Noumea). Poi toccherà alle navi buttarsi avanti, tra una settimana si deve essere in possesso di Efate.

    CINA:

    Continua la ritirata, da vedere ora se i giapponesi continueranno ad avanzare dopo aver preso Kunming o se decidono (inopinatamente nel caso) di fermarsi.
     
    • Like Like x 1
  2. ITAK_Linus

    ITAK_Linus

    Registrato:
    10 Febbraio 2018
    Messaggi:
    2.489
    Ratings:
    +1.163
    Screeeeeeeenshot !!!!

    Dopo commento che ho un paio di spiegazioni sul discorso fuel e altro
     
    • Like Like x 1
  3. supertramp

    supertramp

    Registrato:
    27 Aprile 2009
    Messaggi:
    2.440
    Località:
    Nesso (CO)
    Ratings:
    +331
    Ecco qua,, che siano quei 2 DDs che mi hanno azzoppato? Considera che la TF è partita da Pegu

    Immagine 2.jpg

    Immagine 1.jpg
     
    • Like Like x 1
  4. ITAK_Linus

    ITAK_Linus

    Registrato:
    10 Febbraio 2018
    Messaggi:
    2.489
    Ratings:
    +1.163


    Si, palesemente. Quando alcune navi sono scarse di fuel, la TF fa automaticamente refuel in mare. Per questo e' super importante avere navi dotate di grande endurance nelle TF che fanno movimenti in full speed. Per dire, la Kido Butai fa 18 hex in full speed ma molti DD giappo ne fanno tipo 20-25, il che significa che c'e' grandissima probabilita' che prelomeno nel turno dopo la TF si blocchi o quasi per dare fuel ai DD maledetti. Scommetto il mio glorioso culo che quei due DD ti hanno giocato un brutto scherzo.

    Piccolo consiglio: considerato che il giapponese abbonda in generale di LB e, eventualmente, pure di TB ma non di DB: quando hai da assaltare una posizione zeppa di a/c nemici manda 4-5 DD isolati conn una LRCAP mostruosa (idealmente 300 a/c che dovrebbero darti una copertura da 70 a 100 a/c sulla TF).
    Il giapponese lancia i suoi strike e la LRCAP fa scempio di bombardieri ed escort. Fra LB e TB, il rischio che ti centrino un DD e' abbastanza marginale e indebolisci di brutto eventuali strike nei turni successivi su tue TF da bombardamento serie conn BB e compagnia cantante. I siluri non se la cavano bene contro bersagli veloci e agili: i DD son prede relativamente abbordabili solo per i DD.





    Dunque.


    Ogni base nemica che da' sul mare e' da sfondare a suon di bombardamenti navali. Fregacazzi se il giapponese ha dozzilioni di a/c o navi: a suon di CA e BB puoi soggiogare qualunque cosa senza andare in massacranti sweep.

    Considera anche che Luganville e' il genere di base che puoi ridurre all'impotenza facilmente. Non ricordo bene la situazione nella zona, ma uno sbarco convinto di ENG in diversi dot nell'area ti libera dall'esigenza di sfondare la suddetta Luganville attraverso assalti e sweep: e' virtualmente impossibile per il giapponese riuscire a portare supplies in una base cosi avanzata ora come ora. Inoltre, nella zona ci sono dozzilioni di basi eccellenti per creare AF di livelli decenti (6-7) e bypassare un assalto costoso.

    Qualunque bombardamento navale conn BB e CA che sia oltre le 15k yard e' abbastanza al sicuro dalle mine fra l'altro. Inoltre, se hai fatto i vari upgrade alle navi (DD in primis), dovresti gia' avere radar decenti che ti danno un margine non da nulla in eventuali scontri notturni.
    Se sei preoccupato per una eventuale risposta degli a/c di Luganville, fregatene: una volta che mandi varie TF di CA e BB a bombardare, perlomeno un paio dovrebbero passare e, anche se non chiudono l'AF e/o distruggono ogni cosa a terra, sicuramente fanno abbastanza danni da impedire agli a/c giappo di volare. O, male che ti vada, una LRCAP decente da terra risolve le cose: difficilmente il giapponese riesce a bucare una LRCAP di 60 a/c (LRCAP netta sulle navi di circa 15-20 a/c ma molto migliori dei suoi).


    Sono un grandissimo sostenitore del fatto che ogni AF che da' sul mare sia un AF buttato via per il giapponese.
    Le uniche soluzioni per prevenire la distruzione di posizioni che danno sul mare sono:

    1) un network di AF di livello decente (oltre il 4) dotati di Air Support e di a/c dal range notevole. Oltre che un congruo numero di navi da immolare per far consumare punti ops alle TF da bombardamento alleate.

    2) una linea di basi tutto intorno all'AF in modo tale che se Alleato vuole bombardarti ha da passare sotto le forche caudine di batterie costiere, mine, midget sub, MTB e quant'altro di basi che non sono il target. L'esempio e' Thousand Ships Bay in area Guadalcanal: Alleato ha da passare sotto le forche caudine di cui sopra per attaccarla visto che ogni base intorno e' dannatamente dotata di roba anti-nave (Tulagi/Lunga/Rossel Island/Auki/etcetc).
    Questo sta nel fatto che quando una TF da bombardamento passa davanti a CD e mine per bombardare un altro posto viene generalmente massacrata. P.ex. si vede ad inizio game quando un ipotetico giapponese vuole bombardare Clark Field: passa davanti alle batterie e alle mine di Bataan che ingaggiano la TF giappo e la bastonano malamente, oltre che mandandola sulle mine di Bataan stessa. Se anche il giapponese riesce a passare, poi, ha da tornare indietro. E, si, e' un dramma pure peggiore che all'andata. Il tutto considerando che finisce i punti ops vicino alla terraferma e quindi anche un AF da sfigati dotato di quattro a/c stronzi e putridi riesce a fare danni enormi.



    Ulteriore elemento: Saumlaki ha le potenzialita', assieme alla magistrale campagna che stai conducendo in Burma&co, di sfondare del tutto il fronte giapponese. Vale addirittura la pena, se appena hai la possibilita', di scortare un mega-convoglio di supplies conn le CV americane. Una volta che a Saumlaki hai un 50k supplies, puoi schierarci i 4E e sfasciare ogni cosa a portata.

    Il giapponese fra l'altro ha da difendere ogni punto lungo il saliente che gli hai creato e, se la geometria non e' un'opinione, le sue forze (terrestri, aeree e navali) sono diluite rispetto ad una difesa lineare.


    Occhio a Manado: unico AF della zona che puo' raggiungere lvl 9 e ospitare infiniti a/c: da li riesci abbastanza agilmente a chiudere la rotta Singers/Sumatra/Giava - Onshu e dunque a distruggere completamente lo sforzo bellico giapponese sia nella madrepatria (ciao ciao OIL) che nell'area (no rinforzi, no supplies, no naviglio vario per molestarti, etcetc).
     
    • Informative Informative x 1
  5. supertramp

    supertramp

    Registrato:
    27 Aprile 2009
    Messaggi:
    2.440
    Località:
    Nesso (CO)
    Ratings:
    +331
    Come vedi dall'immagine, la TF è impostata su "Do not refuel"; non basta ad evitare quel problem?? Che nervoso...!

    Uff, non mi piace come cosa, mi sa di gamey... ogni nave è importante per noi che siamo i buoni, mandarne a fare da esca non la vedo come un qualcosa che sarebbe potuto accadere! Mica come quei barbari giallognoli!!!

    Quanto hai ragione, sarebbe il tipico caso dove usare le navi... è che ho il terrore di mandarle a morte! Cosa succederebbe se quanto successo a Pegu sarebbe capitato qua? Addio a BB e CA... Sono un po' bloccato in questo senso. Considera che il giappo ha navi importanti a difesa del porto, quindi dovrei usate ops per andare (7 hex di distanza), combattere e bombardare a sufficienza, non so veramente valutare quante possibilità di successo ho!!

    Immagine 1.jpg

    Questo è molto vero e molto probabilmente farò qualcosa del genere, appena le CV tornano disponibili!
     
    • Like Like x 1
  6. ITAK_Linus

    ITAK_Linus

    Registrato:
    10 Febbraio 2018
    Messaggi:
    2.489
    Ratings:
    +1.163
    Domani quando posso aprire il gioco ti dico la mia. Vedendo lo screen di Luganville mi è venuta un'idea balordissima (che applicherò dal lato giappo con tutta probabilità)
     
    • Like Like x 1
  7. supertramp

    supertramp

    Registrato:
    27 Aprile 2009
    Messaggi:
    2.440
    Località:
    Nesso (CO)
    Ratings:
    +331
    Anch'io sono qua che guardo la mappa e ragiono, quando si ha tempo di pensarci un po' mi piace proprio sto gioco!!!
     
    • Agree Agree x 1
  8. ITAK_Linus

    ITAK_Linus

    Registrato:
    10 Febbraio 2018
    Messaggi:
    2.489
    Ratings:
    +1.163
    Dunque. Ho controllato ingame.


    Allora…


    1) mandare TF esca non e' affatto gamey. Considera che gli alleati volevano mandare un flottone gigante davanti a Onshu pieno di CV colme di fighter e navi strabordanti di AA come fake per far usare ai giappo millemila kamikaze. Poi, dopo tipo due settimane, sarebbe arrivato il flottone da sbarco vero e proprio.
    Non solo, io per dire non ho fiatato conn Stefano che mi e' venuto davanti a Rabaul conn diverse CV di skvadra americane colme di fighter e mi ha sfracellato oltre 300 a/c in un simpatico mattino di Febbraio dell'anno del Signore milleenovecentoequarantatre'.
    2) cazzi del giapponese se vuole difendere basi avanzatissime come Luganville a fine '43. E' oggettivamente pura follia farlo. E te lo dice uno che in scioltezza (fino ad un certo punto eh ahahahah) si e' sbarazzato di India e Cina nel '42. Non difenderei quelle basi nemmeno per sogno nemmeno col mega surplus di truppe e base industriale di cui dispongo. Figuriamoci uno che ha perso la Birmania e ha le DEI sotto pressione. Puoi martellarlo a piacimento in sostanza.
    3) non capisco bene a livello strategico il motivo di questa azione.

    Collegandomi al punto 3: perche' prendere Luganville?
    L'avanzata nel Pacifico passando per quella direzione e' oltre un anno e mezzo in ritardo e data la situazione strategica e materiale generale puoi fare robe piu' facili ed efficienti.
    Personalmente sfonderei Luganville ed Efate in modo molto semplice e poi me ne fregherei:
    A) 3 TF su Luganville in bombardamento. La prima di DD (idealmente farei una roba tipo 4xCL e 6xDD classe Fletcher): non bombarda una sega ma sfonda il naviglio in loco. La seconda TF di CA che parte magari un hex dietro a quella di DD. La terza TF di BB veterane di PH che sono lente e inutili. Fai partire tutti quanti a fregacazzi quale distanza perche' anche se arrivano di giorno e poi restano a tipo 3-4 hex da Luganville difficilmente il giappo lancia aerei dopo i danni dei bombardamenti (AF danneggiato, gruppi conn morale basso e a/c rotti, etcetc).
    B) Su Efate lanci TF come sopra, ma senza BB. Solo DD/CL e CA nella seconda ondata. Nello stesso turno ovviamente.

    Cosi facendo, male che ti vada, hai danneggiato gli AF e i porti del giapponese. A questo punto continui un paio di turni a viso aperto conn ulteriori bombardamenti navali e fai intervenire pure i B17 che sono devastanti contro i modesti a/c giapponesi.

    Neutralizzati AF e porti delle due basi, sbarchi circa 100 ENG sia a Aoba Island che a Santa Maria, due dot del cazzo nell'area. Sbarchi e inizi a tirar su porti e AF. Una volta tirati su, puoi iniziare a mettere sotto pressione Tulagi/Guadalcanal. Ndeni e' inutile e puoi neutralizzarla allo stesso modo che Efate/Luganville.


    Diciamo che l'ideale e' evitare ogni sbarco contestato se e' appena possibile. E, allo stesso tempo, sfondare basi nemiche grazie allo strapotere aeronavale alleato.

    Il giapponese ha bisogno di basi raggruppate ed estremamente ben difese per reggere un'offensiva alleata. Luganville/Efate sono classici luoghi dove invece puoi isolarlo e massacrarlo senza troppi pensieri.
    Considera che, poi, puoi pure usare piccole TF di DD per controllare il mare intorno a Luganville mentre te la lavori conn BB and co e sviluppi gli AF nell'area.
    Idealmente, Santa Maria la usi come base per vari a/c che bombardano porto e AF di Luganville e Aoba Island come trampolino di lancio per sodomizzare Tulagi/Guadalcanal. Il tutto fregandotene di Ndeni che e' isolabile alla stessa maniera di Luganville come detto.



    Ripeto comunque che personalmente eviterei come il demonio questa campagna dato che non ha sbocchi plausibili.



    Piuttosto, come e' messo in area Tabiteuea? Se non e' trincerato tipo me che ho dedicato migliaia di AV a Marshall/Gilbert/Gilbert Meridionali, ti consiglio di sbarcare en masse a Tabiteuea e isole limitrofe e poi dopo cercare di prendere una a caso delle Gilbert (la meno difesa e/o dot non presidiato fra Makin-Tarawa-Ocean-Nauru).
    Da li, facendo leverage sulla presa di Wake, prendi una fra Ponape o Kusaie Island (e li si hai da sbarcare veramente conn annessi bagni di sangue che Cadorna levati) e tagli fuori ogni cosa: Marshall totalmente, altre Gilbert del tutto, area Rabaul del tutto, Truk quasi.


    Non c'e' davvero bisogno di risalire da Luganville e poi Guadalcanal. Ti bastano un paio di azioni ai fianchi per sterilizzare l'area.


    Personalmente sto valutando se fare in modo identico su Ndeni. Chiaro che io, da giappo a inizio '43, sono in posizione diametralmente opposta: navigo in acque agitate e sempre piu' in inferiorita' materiale.



    Considera anche che i Fletcher sono migliori dei CL giappo da meta' '43 in poi (e te sei gia' molto molto avanti) e i CL americani (classe Atlanta e altri CLAA esclusi) sono almeno almeno uguali ai CA giapponesi.
    In tutto cio' aggiungici un fattore decisivo: la disponibilita' di repair shipyard per il giapponese e' zero. Da Truk a Onshu ci sono 50 hex. Mettine altri 40 da Luganville and co minimo minimo (Truk - Luganville e' a 42 hex) e hai che il giappo ha una resilienza pari a zero considerato che A) non puo' perdere roba perche' gia' in mega svantaggio materiale generale, B) tu hai superiorita' numerica complessiva e quindi anche un 1:2 in suo favore e' comunque ok per te che ti ripari fra l'altro nella vicina Sindeny.



    In tutto cio' aggiungo: se l'area e' attaccata solo per diluire l'impegno giapponese (cosa perfetta sotto ogni punto di vista), meglio l'idea Tabiteuea and co anche se non ti ci sei preparato.
    Se invece vuoi ottenere qualcosa di serio, dimentica tutto e vai come un treno nelle DEI che' fai un massacro. Saumlaki in mano alleata a fine '43 e' tipo essere ad un piccolissimo passo dal far cadere l'impero nipponico come un castello di carte. Prima fai leverage su cio' e prima fai scempio del nipponico.


    PS. piccolo suggerimento: se non l'hai ancora fatto, prendi Timoeka (86,116) e sviluppala un minimo mentre mandi un piccolo reparto in offroad in mezzo alla giungla verso Nabire. Preso il dot di Nabire ci mandi supplies ed ENG via airlift ed hai appena completato la campagna della PNG di McArthur in una dozzina di turni e senza millemila casualties. Inizialmente Nabire sara' inutile, ma appena spingi un poco nelle DEI verso Babo-Boela, renderai la posizione del giapponese intenibile a Sorong. Una volta neutralizzata Sorong puoi fare leverage su Nabire per minacciare Babeldabo e Marianne e Caroline. Almeno potenzialmente.
    Inoltre, se fai l'azione a Tabiteuea e lo sforzo su Kusaie/Ponape poi, da Timoeka blocchi l'unica rotta sicura che resterebbe per Rabaul e socie. Mica cazzi.

    Il giapponese potrebbe in linea di principio continuare a fare Tokio-Truk-Rabaul ma da Ponape e Wake lo vedi e intercetti facile. Se poi raddoppi dopo Wake e prendi Marcus... Ciaone.
     
    • Like Like x 1
  9. ITAK_Linus

    ITAK_Linus

    Registrato:
    10 Febbraio 2018
    Messaggi:
    2.489
    Ratings:
    +1.163

    Si, ho scritto un casino ed anche confusamente. senza mappa su cui disegnare poi e' un casino ma spero di aver reso l'idea di come vedo le cose


    E grazie al cielo che sono sono il giappo del tuo match: mi cagherei addosso all'idea di un Alleato che mi fa 'na serie di mosse come quelle che ti ho suggerito ahahahah
     
    • Agree Agree x 1
  10. supertramp

    supertramp

    Registrato:
    27 Aprile 2009
    Messaggi:
    2.440
    Località:
    Nesso (CO)
    Ratings:
    +331
    Perchè Luganville? Perchè l'idea è quella che hai scritto anche tu poco dopo:
    Personalmente sfonderei Luganville ed Efate in modo molto semplice e poi me ne fregherei.

    In sostanza voglio rendere totalmente sicura la navigazione in zona e voglio poter liberare aerei da Noumea/ecc, quindi quelle due basi sono troppo in prossimità delle mie. Nessuna ulteriore avanzata in zona è preventivata, e priorità secondaria a queste operazioni.

    Proverò a muovere un po' le navi, posso mettere assieme 3 BB, 2 CA e svariati DD. Mi fa paura la cosa perchè lui a difesa del porto ha BB e CA, quindi non sono troppo convinto, per intanto le avvicino, poi valuto. Considera che Efate è già da tempo neutralizzata, quella base non è più un problema.

    Tabiteuea è alleata, e non sembra esageratamente trincerato in zona (qualcosa sembra ci sia a Tarawa e Nauru). Avevo guardato tempo fa la zona, però o vado in direzione DEI-Timor o muovo nel Pacifico; allungherei troppo le tempistiche se volessi fare tutto, per cui per ora muovo prioritariamente nel lato Ovest della mappa. Nel Pacifico operazioni minori fino a quando non avrò una esagerata superiorità materiale.

    Immagine 1.jpg

    Potrebbe essere interessante, ma ho gli aeroporti nemici in zona ancora integri (principalmente Hollandia); come la prendo Timoeka? O mi invento un lancio di parà, ma sarebbe un salto avanti notevole, un grosso rischio per quegli uomini (presente "A bridge too far"?), o prima dovrei puntare su Merauke e Dobo, cosa fattibile di per sè ma non serva parte delle forze ora nell'Oceano Indiano...

    Immagine 2.jpg
     
    • Like Like x 1
  11. ITAK_Linus

    ITAK_Linus

    Registrato:
    10 Febbraio 2018
    Messaggi:
    2.489
    Ratings:
    +1.163
    Urca pensavo Merauke fosse tua. Mea culpa. Hai ragione.


    Sul resto....

    Dunque. Luganville. Se ha le navi disbandate in porto, manda il flottone di CV in full speed e fai il mega strike. Possibilmente usa i B17 in night attack fregandotene delle perdite e i Fighter in sweep. Quali che siano le difese nemiche, fai un massacro.
    Servono infatti circa x3 Fighter in CAP per sfondare la escort di uno strike delle CV. A questo punto del match è difficile il giapponese riesca a bloccarti.
    Full speed, sfasci tutto e poi ritirata. Dopo ti puoi lavorare la base come meglio credi.



    In generale…

    Occorre vedere cosa vuoi fare a livello strategico globale.

    Personalmente credo che la chiave per indebolire il giapponese non sia tanto il logoramento (in definitiva di a/c ne puo' produrre a dozzilioni e i piloti non sono cosi fondamentali se e' stato accorto nei primi anni), quanto diluirlo.
    Diluire le forze nipponiche e' infatti la chiave di volta per far crollare lo schieramento giappo senza patire le pene dell'inferno.

    P.ex. il discorso Selaroe e' cool perche' costringe il giappo a schierarsi tutto intorno al saliente e quindi a diluire le sue forze, rendendo ciascun punto comparativamente meno difeso che in una linea difensiva standard.

    Perche' parlo di Tabiteuea&co? Perche' puoi fare un'azione molto, molto molesta conn un investimento minimo.
    Prendi un po' di ENG e li sbarchi sotto copertura delle CV a Tabiteuea e un altro dot nella zona. Iniziano a costruire AF e porto.
    Nel mentre, se Nauru (o un'altra del trio Nauru-Ocean-Tarawa) non e' difesa, sbarchi un piccolo reparto al volo usando gli APD che sono veloci. Ti basta un Marine Raiders piu' una LCU di seabees.
    A questo punto hai che il giapponese ha difficolta' a rifornire le sue basi nella zona e ha pure da difendere un territorio enorme (Guadalcanal/Tulagi/OntongJava, Shortlands, le altre Gilbert, Marshall meridionali, Kusaie/Ponape). E il tutto ti e' costato praticamente nulla: una LCU di Marine Raiders e 4-5 LCU di seabees.
    Pure in termini di movimenti non e' niente di drammatico: se proprio sei tirchio quanto a spostamenti delle CV, puoi fare l'azione quando le porti verso PH per un upgrade.


    L'idea e' quella dell'acqua: avanzi dove non incontri resistenza e costringi il giapponese a tappare buchi continuamente, logorandolo pesantemente e facendogli assumere rischi non indifferenti nel farlo. Il tuo costo e' praticamente zero invece.
    Nel mentre invece ti schieri incazzato nelle DEI dove fai il muro contro muro e non puoi che spuntarla vista la superiorita' notevole in termini di posizionamento e materiale.


    Tabiteuea and co non sono robe essenziali, ma molestano il giapponese e fanno da calamite per le sue scarne risorse: avra' da aumentare la recon, da rifornire le basi sotto la minaccia aerea alleata e, sopratutto, inviare ENG e truppe in basi che sono minacciate dal tuo posizionamento. In fondo, dopotutto, se non lo fa, nulla ti vieta di continuare ad avanzare in un paio di mesi.




    Non capisco perche' gli alleati non facciano dozzilioni di azioni minori come queste: da giappo ti dico che e' la chiave ed e' una roba ben piu' difficile da gestire che la mega offensiva col flottone di CV. Finche' un giapponese puo' concentrare le forze, riesce a rendere gli attacchi alleati molto costosi e quindi lenti. O addirittura a scoraggiarli.
    Quando invece hai una pressione costante dovunque lungo il perimetro, sei nella merda fino al collo. Per questo io ho deciso di opporre una resistenza accanita lungo tutto il dannato perimetro del Pacifico: sono terrorizzato all'idea di lasciare 'buchi nella diga' e far passare il fiume in piena alleato.



    In generale credo che la soluzione migliore per te sia:

    A) Azioni minori nell'area delle Gilbert/Tabiteuea per minacciare il nipponico, rompergli i coglioni e costringerlo a diluire le forze inviandole in loco.
    B) Neutralizzazione di Luganville sfasciando porto e AF conn un raid in grandissimo stile di CV, BB, CA, etcetc. Una volta neutralizzato porto ed AF, puoi sbarcare nei dot li intorno conn gli ENG. Qualunque cosa abbia in loco, finisce le supplies di volata. Obbligatorio sbarcare una piccola LCU di AirSupport in uno dei dot a NORD di Luganville e metterci dei Catalina cosi da sapere conn eoni di anticipo se il giappo vuol fare scherzi conn la flotta.
    C) Mentre neutralizzi Luganville, considererei uno sbarco di ENG in area Ndeni se il giappo non l'ha difesa mostruosamente. Se l'ha difesa mostruosamente hai da ripetere il 'trattamento Luganville'.
    D) Impegnarsi pesantemente nelle DEI: Selaroe va rifornita ad ogni costo. Personalmente invierei un convoglio di supplies pesantemente scortato dalle CV. Puoi anche inviare 4-5 AKE disbandati in uno dei dot a EST di Darwin e a SUD-OVEST di Merauke. Ci sono un paio di isolette che danno sul Golfo del Mare di Arafura. Disbandi gli AKE e sfasci Merauke conn una TF di 3-4 BB. Bastano pochi turni e Merauke e' virtualmente inutile per il giapponese. Il che non e' un fattore da poco.
    E) Nello spirito generale del molestare il giappo: come sei messo in area Milne Bay? Le Louisiade sono eccellenti per contestare il Mar delle Salomone. Nessun giapponese sano di mente te lo lascerebbe fare senza mandare dozzilioni di truppe e aerei a proteggere Rabaul&co.
    F) Azioni su Timor e su Sumatra sono le 'vere' offensive alleate. Presa Timor, per il giapponese sono cazzi amarissimi. E puoi usare i milioni di dot nell'area per sbarcare ENG e creare AF buoni. Se anche il giappo decide di provare a sopprimerli, ha da inviare navi in bombardamento e le DEI sono perfette per abusare di sub e MTB. Se proprio sei in vena di scherzi puoi comprare alcune delle milioni di ottime unita' di CD a disposizione di Alleato.
    G) Iniziata l'avanzata nell'area di Timor/isolette-del-cazzo-li-intorno e Sumatra, puoi dedicarti a sterilizzare Giava. Un paio di raid delle CV USA su Balikpapan, poi, sono dei must assoluti: le CV USA fanno 18 hex in full speed. E se hai fantasia nell'assegnare loro le scorte giuste hai che riescono a fare addirittura 4 turni in full speed. 72 hex. Arrivi in full speed fra Giava e Balikpapan, lanci un mega strike e torni indietro. Il giapponese col cazzo che risponde perche' se e' un minimo furbo non lascia navi ne' a Soearabaja, ne' a Batavia, ne', figuriamoci, ad Ambon e Kendari. Tolta Balikpapan, al giappo restano solo Miri/Brunei e Tarakan come fonti di OIL. Da Sumatra diventa ogni giorno piu' dura prelevare e da Giava quasi del tutto impossibile.


    Robe random:
    - Come sei messo nelle Aleutine?
    - (gia' chiesto) in area Milne Bay?
    - Wake?
    - Difese giappo sulle coste OVEST di Sumatra e Giava?



    Poi oh io sono un grandissimo sostenitore di un uso aggressivo fino alla follia di ENG in dot non difesi e di spostamenti continui delle CV a supportare mille iniziative. Vedo le cose dal lato giappo anche quando cerco di immedesimarmi in Alleato ahahahahah
     
  12. supertramp

    supertramp

    Registrato:
    27 Aprile 2009
    Messaggi:
    2.440
    Località:
    Nesso (CO)
    Ratings:
    +331
    Post impegnativo... detto questo, essendo l'AAR leggermente in ritardo rispetto alla partita, domani sbarco ad Efate, vediamo come va!!
    Le idee di avanzata principale su Sumatra e Timor penso sia la soluzione migliore per la partita, e cerco appunto di muovermi in questo senso, ma non è semplice in quanto le sue difese su Sumatra e Giava sono discrete; diciamo che Gamma tende ad espandere alcuni aeroporti fino a livello 5 tendenzialmente, mentre i porti li lascia al minimo, così che in caso di invasione ho da svilupparli da 0 o quasi. In area Timor tende a sviluppare basi a coppie (Roti-Koepang, Dili-Lautem, ecc).
    Aleutine per ora non le considero, non mi piace esteticamente passare da lì.
    Wake la sto osservando con cupidigia.
    Milne Bay per ora non gliela sto in alcun modo molestando, la sta sviluppando abbastanza.
    Valuterò con attenzione la possibilità di azioni minori, anche se non è facile non tanto per le problematiche ma per il tempo di organizzarle nel fare il turno...

    431227.jpg
     
  13. supertramp

    supertramp

    Registrato:
    27 Aprile 2009
    Messaggi:
    2.440
    Località:
    Nesso (CO)
    Ratings:
    +331
    23/12/1943

    BIRMANIA:


    Ottimo strike navale, tante piccole testoline gialle galleggiano (ancora per poco) nel Golfo del Bengala…

    Night Time Surface Combat, near Tavoy at 54,60, Range 8,000 Yards

    Japanese Ships
    PB Showa Maru #3, Shell hits 1, and is sunk
    xAK Yuzan Maru, Shell hits 5, and is sunk

    Allied Ships
    BB Washington
    BC Repulse
    DD Scout
    DD Stronghold
    CLAA Prince Robert

    Combat ends with last Japanese ship sunk...
    --------------------------------------------------------------------------------
    Night Time Surface Combat, near Mergui at 53,62, Range 1,000 Yards

    Japanese Ships
    xAK Shinryu Maru, Torpedo hits 2, and is sunk
    xAK Daido Maru, Shell hits 15, and is sunk
    xAK Osaka Maru, Shell hits 19, and is sunk
    xAK Zuiko Maru, Shell hits 19, and is sunk

    Allied Ships
    CA Northampton
    CA Suffolk
    CL Helena
    DD Duncan
    DD Bailey
    DD Gillespie

    Combat ends with last Japanese ship sunk...
    --------------------------------------------------------------------------------
    Night Time Surface Combat, near Mergui at 52,62, Range 5,000 Yards

    Japanese Ships
    E Sarushima, Shell hits 2, and is sunk
    xAK Turuga Maru, Shell hits 2, on fire
    xAK Tuyama Maru, Shell hits 14, heavy fires, heavy damage
    xAK Hakonesan Maru, Shell hits 2
    xAP Takatiho Maru, Shell hits 11, Torpedo hits 1, on fire, heavy damage
    xAP Manzyu Maru, Shell hits 17, heavy fires, heavy damage
    xAP Teifu Maru

    Allied Ships
    CL Trenton
    CL Concord
    DD Abbot
    DD Carmick

    Japanese ground losses:
    282 casualties reported
    Squads: 1 destroyed, 8 disabled
    Non Combat: 2 destroyed, 34 disabled
    Engineers: 0 destroyed, 0 disabled

    Japanese Task Force Manages to Escape
    Task forces break off...
    --------------------------------------------------------------------------------
    Night Time Surface Combat, near Mergui at 51,63, Range 5,000 Yards

    Japanese Ships
    xAK Turuga Maru, Shell hits 6, heavy fires, heavy damage
    xAK Tuyama Maru, Shell hits 13, and is sunk
    xAK Hakonesan Maru, Shell hits 5
    xAP Takatiho Maru, Shell hits 10, and is sunk
    xAP Manzyu Maru, Shell hits 3, Torpedo hits 2, and is sunk
    xAP Teifu Maru, Shell hits 14, heavy fires, heavy damage

    Allied Ships
    CL Trenton
    CL Concord
    DD Abbot
    DD Carmick

    Japanese ground losses:
    3949 casualties reported
    Squads: 51 destroyed, 57 disabled
    Non Combat: 139 destroyed, 179 disabled
    Engineers: 5 destroyed, 2 disabled
    Guns lost 72 (40 destroyed, 32 disabled)

    Japanese Task Force Manages to Escape
    Task forces break off...
    --------------------------------------------------------------------------------
    Night Time Surface Combat, near Victoria Point at 51,64, Range 4,000 Yards

    Japanese Ships
    xAK Hakonesan Maru, Shell hits 5, Torpedo hits 1, and is sunk

    Allied Ships
    CL Trenton
    CL Concord
    DD Abbot
    DD Carmick

    Japanese ground losses:
    876 casualties reported
    Squads: 0 destroyed, 0 disabled
    Non Combat: 41 destroyed, 65 disabled
    Engineers: 0 destroyed, 0 disabled
    Guns lost 42 (36 destroyed, 6 disabled)

    Combat ends with last Japanese ship sunk...

    OCEANO INDIANO:

    Soliti movimenti navali; segnalati movimenti nemici a Christmas Is. IO, ma non sembrano preoccupanti.

    AUSTRALIA:

    Tutto relativamente tranquillo, partito un importante cargo verso Darwin, la rotta per la città è ancora molto pericolosa.

    NUOVE EBRIDI:

    Come previsto, sarà lacrime e sangue, ma Lunganville deve essere rasa al suolo.

    Nel primo giorni di attacchi persi 36 P40N5 e 21 P47D2 contro 44 N1K1-J George e 12 Ki-84a Frank, quindi 57 a 56 per i cattivi. Come prevedibile i P40 pagano tantissimo la bassa quota d’attacco, ma così è. Per domani andranno all’attacco 54 F4U-1A Corsair, per mantenere una pressione elevata. Ma già domani, con una scorta di 36 F6F-3 Hellcat, andranno all’attacco i bombardieri, per provare un attacco al porto alla ricerca di qualche nave importante. L’idea è di mandare i bombardieri a una bassa quota, circa 5000-6000 piedi, così da evitare la CAP che è messa ad alta quota, e costringere nei prossimi giorni gli aerei nemici a distribuirsi su diverse quote, migliorando i rendimenti degli sweep.

    Nel mentre le navi si stanno per riunire a SudEst di Tanna.

    Morning Air attack on Luganville , at 120,150

    Japanese aircraft
    N1K1-J George x 88
    Ki-84a Frank x 14

    Allied aircraft
    P-47D2 Thunderbolt x 21

    Japanese aircraft losses
    N1K1-J George: 8 destroyed
    Ki-84a Frank: 4 destroyed

    Allied aircraft losses
    P-47D2 Thunderbolt: 1 destroyed
    --------------------------------------------------------------------------------
    Morning Air attack on Luganville , at 120,150

    Japanese aircraft
    N1K1-J George x 68
    Ki-84a Frank x 9

    Allied aircraft
    P-40N5 Warhawk x 22

    Japanese aircraft losses
    N1K1-J George: 1 destroyed
    Ki-84a Frank: 2 destroyed

    Allied aircraft losses
    P-40N5 Warhawk: 6 destroyed
    --------------------------------------------------------------------------------
    Morning Air attack on Luganville , at 120,150

    Japanese aircraft
    N1K1-J George x 65
    Ki-84a Frank x 5

    Allied aircraft
    P-40N5 Warhawk x 22

    Japanese aircraft losses
    N1K1-J George: 2 destroyed

    Allied aircraft losses
    P-40N5 Warhawk: 11 destroyed
    --------------------------------------------------------------------------------
    Morning Air attack on Luganville , at 120,150

    Japanese aircraft
    N1K1-J George x 60
    Ki-84a Frank x 5

    Allied aircraft
    P-47D2 Thunderbolt x 3

    Japanese aircraft losses
    N1K1-J George: 1 destroyed

    Allied aircraft losses
    P-47D2 Thunderbolt: 1 destroyed
    --------------------------------------------------------------------------------
    Morning Air attack on Luganville , at 120,150

    Japanese aircraft
    N1K1-J George x 54
    Ki-84a Frank x 5

    Allied aircraft
    P-40N5 Warhawk x 6

    No Japanese losses

    Allied aircraft losses
    P-40N5 Warhawk: 1 destroyed
    --------------------------------------------------------------------------------
    Morning Air attack on Luganville , at 120,150

    Japanese aircraft
    N1K1-J George x 46
    Ki-84a Frank x 5

    Allied aircraft
    P-47D2 Thunderbolt x 3

    Japanese aircraft losses
    N1K1-J George: 1 destroyed

    Allied aircraft losses
    P-47D2 Thunderbolt: 1 destroyed
    --------------------------------------------------------------------------------
    Morning Air attack on Luganville , at 120,150

    Japanese aircraft
    N1K1-J George x 40
    Ki-84a Frank x 5

    Allied aircraft
    P-47D2 Thunderbolt x 22

    Japanese aircraft losses
    N1K1-J George: 4 destroyed
    Ki-84a Frank: 1 destroyed

    Allied aircraft losses
    P-47D2 Thunderbolt: 3 destroyed


    CINA:

    Si prova a scompaginare un po’ le carte. Per ora fermata la ritirata da Tsuyung, non voglio che il giapponese veda la ritirata dalla città; se vuole avanzare che lo decida da solo. E’ chiaro che se si muove subito ci si deve comunque ritirare, i rinforzi sono ancora indietro.

    Nel mentre velleitaria avanzata dal centro verso Kweiyang: non ho alcuna possibilità di prendere la città, voglio però vedere chi ha in riserva il nemico...
     
    • Like Like x 1
  14. ITAK_Linus

    ITAK_Linus

    Registrato:
    10 Febbraio 2018
    Messaggi:
    2.489
    Ratings:
    +1.163
    'ocio che le 25mm giappo sono AA dimmerda ma in grandi numeri fanno carneficine colossali. Non ricordo ora il ceiling delle suddette 25mm, ma cerca di stare al di sopra. Non sono violente quanto i 40mm Bofors, che sono tipo raggi laser della morte, ma fanno comunque malissimo. Se il giappo e' stato accorto ha comprato dozzilioni di AA dovunque e le ha distribuite in punti chiave (io per dire ho comprato tutte le 100 LCU di AA a disposizione fra Onshu, Manciuria e Cina).


    Madonna che botta che gli hai tirato… Senza ombra di dubbio Gamma non ha problemi in fatto di tonnellaggio mercantile (che invidia…!!!) ma e' comunque importante tirargli giu' navi varie, specie ora che ha da svuotare del tutto le DEI delle risorse prima che gli salti addosso.

    Non mi e' molto chiaro che stessero facendo quelle navi li…



    Sviluppare a coppie e' piu' che giusto. Hai comunque la possibilita' di neutralizzare entrambe le basi delle coppie senza problemi. Finche' non ha network di 4-5 basi conn varie BaseForce (hanno cannoni DP) e mine, vai tranquillo.

    Concordo. Considero il passare da li gamey lammerda.

    In compenso se non ha difeso qualche isoletta del menga tipo Ketoi-Jima, ti vale la pena mandare qualcuno a prenderla: vedi te che terrorizzato inizia a mandare millemila LCU, aerei e navi nell'area. Il che significa ovviamente che manda tutto sto ben di dio da qualche parte che resta sguarnita.

    E' un must allo stato attuale. Il giapponese non puo' credibilmente difendere gli atolli che hanno SL di 6,000.
    Per quanto mi ci impegni, non sono ancora riuscito a trovare una composizione delle difese tale da rendere gli atolli piccoli decenti in fatto di truppe.


    Scannala. In linea di Massima, una volta che riesci a mettere piede nelle Louisiade, la faccenda per il giapponese diventa complicatissima. Rifornire PM, manco a parlarne. Rifornire Milne, nemmeno. Persino rifornire Guadalcanal diventa difficilissimo se metti sub a EST delle Salomone: conn gli a/c che impediscono di passare a OVEST, il giappo si trova a passare sopra i sub qualunque cosa faccia. E non e' una roba che fa piacere visto che ha sicuramente bisogno di un fracco di convogli per rifornire le mille basi che ha nell'area.

    Milne la puoi sterilizzare facilmente comunque: sto scoprendo sulla mia pelle che e' una base eccezionale, ma anche difficile da proteggere.


    Si. Io ci metto massimo massimo 20 minuti a fare un turno, replay incluso. Spesso perdo piu' tempo per verificare tutte le LCU che si combinano in giro per la mappa e per via di alcuni restyling alla produzione, ma diciamo che quando ho un turno di 30 minuti ci ho messo assai.

    I micro sbarchi pero' sono super time consuming. Le azioni in grande stile paradossalmente prendono meno tempo.
     
    • Like Like x 1
    • Agree Agree x 1
  15. supertramp

    supertramp

    Registrato:
    27 Aprile 2009
    Messaggi:
    2.440
    Località:
    Nesso (CO)
    Ratings:
    +331
    Non so se è una questione di mod o meno, ma la AA non l'ho mai molto considerata. Anche perchè per HR inserita in corso, posso usare gli HB solo sopra i 10000 piedi, per cui lì la AA me la dimentico; certo che perdono gran parte della loro potenza così le fortezze...!


    Effettivamente non lo so neanche io perchè lì, magari mi credeva meno intraprendente... bene per il morale!

    Volendo posso neutralizzare quello che voglio con gli HB, però non ne ho ancora le milionate per brasare tutto, se scelgo degli obiettivi quelli saranno.

    Esatto!!!

    Ti farò sapere prossimamente se Gamma ha qualche soluzione fattibile! Spero di no...

    Milne, vediamo che fare, non mi va di impegnare aerei utili altrove per qualcosa che mi interessa relativamente.

    Vero, cercherò di mettermi di impegno nei prossimi turni.
     
  16. supertramp

    supertramp

    Registrato:
    27 Aprile 2009
    Messaggi:
    2.440
    Località:
    Nesso (CO)
    Ratings:
    +331
    24/12/1943

    BIRMANIA:


    Come prevedibile, sono più che raddoppiati gli uomini di stanza a Tavoy, ormai non è credibile un lancio paracadutato se non accompagnato da uno sbarco, che al momento non sarebbe sostenibile. I Chindit finiranno dirottati altrove, ancora da capire dove..

    Night Naval bombardment of Moulmein at 55,55 - Coastal Guns Fire Back!

    41 Coastal gun shots fired in defense.

    Allied Ships
    BB Washington
    BC Repulse
    CLAA Prince Robert

    Japanese ground losses:
    43 casualties reported
    Squads: 0 destroyed, 0 disabled
    Non Combat: 0 destroyed, 5 disabled

    Engineers: 0 destroyed, 0 disabled

    OCEANO INDIANO:

    Nulla da segnalare.

    AUSTRALIA:

    Intensificati i bombardamenti sulla Papua Nuova Guinea, per domani è previsto un bombardamento notturno di Milne Bay.

    NUOVE EBRIDI:

    I giapponesi fanno vedere che hanno ancora delle gran belle carte da giocare. Immenso sweep sui cieli di Tanna di più di 100 Frank, mentre in CAP sopra Lugnaville ci sono ancora 60 George. Facevo conto di non tenere nessuno in difesa, ma qui le cose si complicano. Per ora, visto che non ho ancora mosso i bombardieri, provo a fermare gli sweep 1 o 2 turni per aumentare la CAP sopra Tanna, intanto che si riposano gli aerei che sono andati all’attacco finora. Poi in una maniera o nell’altra devo avere ragione di quei 160 caccia nemici, le navi colme di uomini sono appena a Sud di Noumea.

    Morning Air attack on Tanna , at 120,157

    Weather in hex: Severe storms

    Raid detected at 192 NM, estimated altitude 32,000 feet.
    Estimated time to target is 47 minutes

    Japanese aircraft
    Ki-84a Frank x 104
    --------------------------------------------------------------------------------
    Morning Air attack on 65th Naval Guard Unit, at 120,150 (Luganville)

    Weather in hex: Light rain

    Raid detected at 77 NM, estimated altitude 35,000 feet.
    Estimated time to target is 29 minutes

    Japanese aircraft
    N1K1-J George x 59

    Allied aircraft
    F4U-1A Corsair x 54

    Japanese aircraft losses
    N1K1-J George: 4 destroyed

    Allied aircraft losses
    F4U-1A Corsair: 6 destroyed, 3 damaged
    --------------------------------------------------------------------------------
    Afternoon Air attack on Luganville , at 120,150

    Weather in hex: Severe storms

    Raid detected at 62 NM, estimated altitude 10,000 feet.
    Estimated time to target is 25 minutes

    Japanese aircraft
    N1K1-J George x 65

    Allied aircraft
    PV-1 Ventura x 9

    No Japanese losses

    Allied aircraft losses
    PV-1 Ventura: 1 destroyed by flak

    Port hits 1


    24AAR01.jpg

    CINA:

    Come non detto, tutti in ritirata da Tsuyung, il nemico continua ad avanzare in forze...

    24AAR02.jpg
     
  17. supertramp

    supertramp

    Registrato:
    27 Aprile 2009
    Messaggi:
    2.440
    Località:
    Nesso (CO)
    Ratings:
    +331
    25/12/1943

    Miracoli di Natale, vedo un replay che non corrisponde al turno, speriamo non ci siano problematiche nel proseguo della partita.

    BIRMANIA:

    Devo neutralizzare Port Blair, la rotta per Rangoon è indifesa, non si può continuare così.

    Attaccato duramente il primo convoglio verso Rangoon, solo la sorte ha fatto si che nessuna nave venisse colpita (sebbene nel replay che ho visto ne affondavano 4 o 5…).

    Bisogna inventarsi qualcosa a breve..

    Afternoon Air attack on TF, near Bassein at 51,52

    Weather in hex: Moderate rain

    Raid spotted at 17 NM, estimated altitude 7,000 feet.
    Estimated time to target is 6 minutes

    Japanese aircraft
    G3M3 Nell x 15
    Ki-84a Frank x 19

    Japanese aircraft losses
    G3M3 Nell: 1 damaged

    Allied Ships
    xAK Fairland
    xAK Santa Elisa
    xAK Texan

    xAK Gamaria
    --------------------------------------------------------------------------------
    Afternoon Air attack on TF, near Bassein at 51,52

    Weather in hex: Moderate rain

    Raid spotted at 11 NM, estimated altitude 13,000 feet.
    Estimated time to target is 3 minutes

    Japanese aircraft
    B6N2 Jill x 20

    No Japanese losses

    Allied Ships
    xAK Manoa, Bomb hits 1, on fire
    xAK Clan Macbrayne, Bomb hits 1
    xAK Indianan
    xAK Fresno City II
    xAK Fairland
    xAK Cairo City
    xAK Santa Elisa

    25AAR01.jpg

    OCEANO INDIANO:

    Navi in navigazione indisturbate e non identificate.

    AUSTRALIA:

    Niente di che su Milne Bay, una bomba su un ACM, poca roba. In navigazione un convoglio di rifornimenti verso Darwin, speriamo non abbia problemi.

    25AAR02.jpg

    NUOVE EBRIDI:

    Turno di relax, entrambi abbiamo deciso di tenere solo CAP e quindi oggi non si spara nei cieli delle Nuove Ebridi. Domani si prosegue con la sola CAP, poi si proverà ad attaccare!

    CINA:

    Sconfitta fastidiosa a Est di Chungking (soprattutto perché nel mio replay ero riuscito a fermare gli attaccanti). Niente di preoccupante per ora.

    Ground combat at 82,46 (near Patung)
    Japanese Deliberate attack


    Attacking force 12524 troops, 102 guns, 0 vehicles, Assault Value = 459
    Defending force 4578 troops, 41 guns, 0 vehicles, Assault Value = 195
    Japanese adjusted assault: 419
    Allied adjusted defense: 163
    Japanese assault odds: 2 to 1


    Combat modifiers
    Defender: terrain(+), leaders(+), experience(-), supply(-)
    Attacker: leaders(+)


    Japanese ground losses:
    575 casualties reported
    Squads: 2 destroyed, 46 disabled
    Non Combat: 0 destroyed, 0 disabled
    Engineers: 0 destroyed, 5 disabled

    Allied ground losses:
    1351 casualties reported
    Squads: 40 destroyed, 52 disabled
    Non Combat: 23 destroyed, 11 disabled
    Engineers: 3 destroyed, 5 disabled
    Units retreated 1

    Defeated Allied Units Retreating!

    Assaulting units:
    110th Division

    Defending units:
    72nd Chinese Corps

    25AAR03.jpg
     
  18. supertramp

    supertramp

    Registrato:
    27 Aprile 2009
    Messaggi:
    2.440
    Località:
    Nesso (CO)
    Ratings:
    +331
    26/12/1943

    BIRMANIA:

    Il giapponese è molto più aggressivo di quanto mi immaginassi, è venuto all’attacco con le sue navi praticamente davanti al porto di Rangoon, e si fa un bel bottino…

    Erano xAK cariche di rifornimenti, niente di troppo importante, però non mi piace, come già detto va resa sicura la rotta navale per la Birmania.

    Night Time Surface Combat, near Rangoon at 54,54, Range 3,000 Yards

    Japanese Ships
    CA Mogami
    CA Suzuya
    DD Susuzuki
    DD Niizuki
    DD Makinami
    DD Nenohi
    DD Ikazuchi

    Allied Ships
    xAK Indianan
    xAK Montanan, Torpedo hits 1, heavy damage
    xAK Oregonian
    xAK Texan
    xAK Santa Elisa
    xAK Paul Luckenbach
    xAK Waipo
    xAK Fairland
    xAK Masaya
    xAK Benjamin Franklin, Shell hits 30, Torpedo hits 2, and is sunk
    xAK Alice Moller, Shell hits 2
    xAK Islami
    xAK Silverteak, Shell hits 2, Torpedo hits 1, and is sunk
    xAK Whangpu, Shell hits 1, heavy fires
    xAK Barala
    xAK Cairo City
    xAK Clan Macinness
    xAK Fresno City II, Shell hits 3, heavy fires
    xAK Gamaria
    xAK Harmatris
    xAK Historian
    xAK Lulworth Hill
    xAK Ocean Pilgrim
    xAK Pasha
    xAK Rizwani, Shell hits 2
    xAK Shahzada
    xAK Steaua Romania, Shell hits 2
    xAK Tarantia, Shell hits 6, heavy fires
    xAK Tornus, Shell hits 3, Torpedo hits 1, and is sunk
    xAK Trevince, Shell hits 2, heavy fires
    xAK Triona, Shell hits 9, heavy fires
    xAK Varela
    xAK Jalakrishna, Shell hits 7, on fire
    xAK Fingal, Shell hits 5, and is sunk
    xAK Vera, Shell hits 17, and is sunk
    xAK Adelong, Shell hits 18, and is sunk
    AM Matai, Shell hits 3, and is sunk


    26AAR01.jpg

    OCEANO INDIANO:

    Ancora qualche giorno e la flotta, basata su 5 CV, 6 CVL, 10 CVE e 5 BB partirà all’attacco. Imbarcate ci sono 4 divisioni oltre a varie unità minori e di supporto.

    NUOVE EBRIDI:

    Oggi attacco giapponese sui cieli di Noumea, uno sweep che vede grandi numeri ma pochi effetti da ambo le parti.

    Deciso però cambio di tattica per lo sbarco ad Efate. La forte CAP su Luganville renderebbe lunga la questione, ed il tempo inizia ad essere prezioso. Pertanto deciso di portare tutte le navi con le truppe imbarcate a Tanna, e da lì andare a tutta velocità verso le spiagge identificate per lo sbarco, puntando tutto sulla LRCAP.

    Anche perché si ritiene che in zona il nemico punti maggiormente sul numero dei caccia che sui bombardieri, che quindi dovrebbero essere in numeri più gestibili.

    Contemporaneamente allo sbarco verranno anche lanciati tre battaglioni di paracadutisti, 2 figiani e uno di marines.

    Morning Air attack on Noumea , at 115,160

    Weather in hex: Light cloud

    Raid detected at 175 NM, estimated altitude 33,000 feet.
    Estimated time to target is 43 minutes

    Japanese aircraft
    Ki-84a Frank x 128

    Allied aircraft
    Spitfire Vc Trop x 16
    P-39N1 Airacobra x 25
    F6F-3 Hellcat x 36

    Japanese aircraft losses
    Ki-84a Frank: 1 destroyed

    Allied aircraft losses
    P-39N1 Airacobra: 3 destroyed


    26AAR02.jpg

    OCEANO PACIFICO:

    Formata una ulteriore piccola forza aeronavale costituita dalla CV Intrepid, 1 CVL e 3 CVE, con le navi che si stanno riunendo a Pearl Harbour; sono gli ultimi rinforzi, che riuniti verranno utilizzati per operazioni minori presumibilmente in area Pacifico.

    CINA:

    Sempre più in zona i rinforzi per fermare l’avanzata giapponese a Est di Tsuyung, se quei 9000 AV dovessero decidere di muovere verso la capitale penso avrebbero discreti problemi.

    Diverso il fatto se facessero una divergenza verso la Birmania, lì sarebbero da riorganizzare le unità inglesi… gestibile ma mi complicherebbe non poco i piani, anche se non credo gli convenga, dopo un primo momento si ritroverebbe impantanato e contro truppe ben rifornite e decisamente più combattive dei cinesi.
     
  19. supertramp

    supertramp

    Registrato:
    27 Aprile 2009
    Messaggi:
    2.440
    Località:
    Nesso (CO)
    Ratings:
    +331
    27/12/1943

    BIRMANIA:


    Assorbita la sconfitta di ieri, si guarda avanti, sembra ci siano movimenti di truppe potenzialmente interessanti.
    Il giapponese sembra tendere a ritirarsi da due posizioni a Est di Pegu (frecce rosse), situazione che mi porterebbe ad un interessante possibile accerchiamento di 9 unità nemiche (cerchio giallo, circa 600 AV). Sarebbe un colpo interessante perché mi sbloccherebbe diverse unità, con le quali si potrebbe ragionare sull’eventuale attacco diretto in direzione Moulmein, soprattutto anche con gli ulteriori rinforzi in arrivo dall’India.

    27AAR01.jpg

    OCEANO INDIANO:

    Scaricati numerosi caccia dell’aviazione USA a Cocos Island; questi serviranno per le future operazioni post-sbarco, in modo da avere un immediato supporto aereo a terra, così da tenere le portaerei fuori dai pericoli il prima possibile. Sono un centinaio, raddoppiabili in breve tempo gli aerei previsti per questo compito.

    AUSTRALIA:

    Come suggerito dallo stato maggiore, si iniziano a studiare i piani per l’importante espansione in area Darwin. Il primo obiettivo che si osserva con cupidigia è Merauke, che ha a disposizione un aeroporto di livello 5 e che sembra molto indifesa. Partendo da Horn Island e con l’aeroporto di Dobo già da tempo sotto pressione dei bombardieri alleati, sembra una missione con un basso livello di rischio.

    Nell’immagine individuate due fasi di espansione e le principali basi nemiche nell’area.

    27AAR02.jpg

    NUOVE EBRIDI:

    Organizzate le TF per lo sbarco ad Efate, previsto per la mattina di domani. Sono 61 le navi che partiranno da Tanna nella notte alla massima velocità, con svariati compiti: dalle piccole AMc per l’eventuale sminamento del porto, alle PT e DD di difesa navale, alle navi da sbarco vero e proprio, principalmente APA e LST. Si confida fortemente sull’elevata velocità di sbarco di queste apposite unità, in quanto l’obiettivo è scaricare nella sola giornata di domani un quantitativo sufficiente di truppe per catturare la base, in quanto la reazione nemica potrebbe essere decisamente importante e siamo piuttosto esposti.

    Infatti la copertura aerea per domani sarà data unicamente da circa 55 Corsair in LRCAP da Tanna; non tutti gli aerei disponibili sono stati utilizzati per questa missione, in quanto si ritengono tutte le navi impegnate potenzialmente sacrificabili e perché non si crede ad una eccessiva presenza di aerei d’attacco nemici a Luganville. Nell’eventualità per il giorno successivo, ci sono circa altri 100 caccia dell’esercito per dare il cambio ai Corsair provati dalla fatica.

    Infine, in navigazione verso Nord da Tanna parte una TF da combattimento con la corazzata Indiana, l’incrociatore pesante Baltimore e 10 DD classe Fletcher; queste navi hanno il compito di intercettare eventuali strike navali nemici, ma alle luci del giorno devono invertire la rotta e tornare verso il sicuro porto di Tanna.

    OCEANO PACIFICO:

    Si continuano a riunire le navi a Wake, in attesa che le navi sbarco impegnate per Efate vengano rese disponibili per questa ulteriore missione. Al momento trovo che questo sia uno dei potenziali imbuti alleati; non è sempre facile riunire per sbarchi di medio livello, tutte le navi più idonee allo scopo.

    CINA:

    Il nemico è a Tsuyung, che è stata evacuata ieri dalle truppe cinesi. Domani la Burma Road verrà chiusa, come previsto da tempo. Poi sarà da vedere dove questa per ora infermabile armata si muoverà: verso Est per puntare al cuore della Cina, dove si stanno ammassando truppe e dove ci sono le maggiori possibilità di fermarla; verso Ovest, in Birmania, dove creerebbe scompiglio ma alla lunga troverebbe pane per i suoi denti; verso Sud per scomparire e ricomparire chissà dove…

    Segnalati anche importanti movimenti da Ankang verso Ovest; si cercherà di intercettare questo tentativo di infiltrazione bloccando i vari lati dell’esagono di destinazione del nemico.

    27AAR03.jpg
     
  20. ITAK_Linus

    ITAK_Linus

    Registrato:
    10 Febbraio 2018
    Messaggi:
    2.489
    Ratings:
    +1.163
    Ma no! La burma road è così essenziale!

    Dovevi lasciare almeno una dozzina di truppe a OVEST di Tsuyung così da far loro ricevere supplies dalla Birmania e incatenare il giapponese a Tsuyung, pena perderla.


    Adesso non so bene cosa possa fare: dal suo punto di vista ha ottenuto il risultato migliore possibile ma dubito spinga su CK
     

Condividi questa Pagina