1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

I motivi della prima espansione araba

Discussione in 'Medioevo' iniziata da Pandrea, 20 Febbraio 2015.

  1. Pandrea

    Pandrea Guest

    Ratings:
    +0
    [​IMG]

    Con prima espansione araba faccio riferimento a quella portata avanti dai diretti eredi di Maometto nel trentennio successivo alla sua morte. Il cosiddetto Califfato dei Rashidun conquistò velocemente l'impero sasanide e i territori più ricchi dell'impero bizantino, ponendo la base della potenza del mondo musulmano nei secoli a venire.

    Come è stata possibile una tale espansione?
     
  2. SkySpace

    SkySpace

    Registrato:
    26 Agosto 2009
    Messaggi:
    3.842
    Ratings:
    +191
    In un documentario proprio riguardo a questo: il vuoto di potere o poteri locali troppo deboli hanno permesso la veloce espansione che spesso non passavo per forza alla violenza. anzi a volte erano gli autoctoni che accettavano questo cambiamento e in cambio si preoccupavano di mantenere l'ordine e pagare i tributi
     
  3. TFT

    TFT

    Registrato:
    23 Agosto 2008
    Messaggi:
    3.338
    Località:
    lombardia
    Ratings:
    +361
    Evito di fare un papiro che rompa troppo le scatole, riassumendo:

    - Peste giustinianea che ha decimato le truppe disponibili, spopolato le città e distrutto il gettito fiscale del mondo romano-persiano, gli arabi essendo nomadi e a bassa intensità di popolazione non ne hanno risentito. Luttwack stima l'esercito di Eraclio per la spedizione in Persia di appena 7000 uomini.

    - Sfruttamento delle diatribe religiose: i monofisiti, che governati dagli apostolici erano nella merda, furono ben felici di tirare giù dal piedistallo i rivali, idem gli ebrei

    - Possibilità di elevare il proprio rango sociale per chi si convertiva all'islam, cosa sfruttata da servi et simila

    - Non pagamento delle truppe di confine ghassanidi da parte di Bisanzio, che venne colpita alla sprovvista

    - Mancanza di barriere naturali (sui Tauri infatti si sono fermati)

    - Non comprensione della gravità della situazione (nessuno immaginava che le sconfitte sarebbero state permanenti

    - Troppi nemici ai confini (per Bisanzio)

    - Errata tattica militare contro un esercito che puntava tutto sulla mobilità e non sulla forza d'urto
     
    • Informative Informative x 3
  4. Pandrea

    Pandrea Guest

    Ratings:
    +0
    Potevo iniziare il topic con "chiedo a TFT i motivi di..." :D

    Quanti uomini avevano gli arabi appena usciti dall'Arabia?
     
  5. ivaldi79

    ivaldi79

    Registrato:
    2 Aprile 2010
    Messaggi:
    1.802
    Ratings:
    +176
    Tra l'altro i Sassanidi ad inizio guerra avevano veramente tante truppe in più, il crollo dell'impero Sassanide a contribuito alla fine di Bisanzio.

    edit: quello che mi chiedo visto la difficolta dei Sassanidi e l'ascesa degli arabi , l'impero Bizzantino non poteva provare ad allearsi con gli stessi Sassanidi per sconfiggere un nemico comune?
     
  6. metalupo

    metalupo

    Registrato:
    20 Ottobre 2006
    Messaggi:
    2.632
    Ratings:
    +139
    Dire che quella qui sotto è la risposta alla domanda.

    Molto probabilmente Bisanzio inizialmente vedeva bene un indebolimento dei Sassanidi, ad opera di quello che stimava un nemico disorganizzato.
     
  7. TFT

    TFT

    Registrato:
    23 Agosto 2008
    Messaggi:
    3.338
    Località:
    lombardia
    Ratings:
    +361
    In realtà dopo l'ultima guerra persiano-romana i Sasanidi erano diventati sostanzialmente vassalli dei romani e si erano terribilmente indeboliti non solo per l'assalto al cuore dell'Impero ma anche per una serie di guerre civili susseguite. Attorno al 600 avevano perso l'appoggio dei Lakhmidi, loro tradizionali alleati e cuscinetto a sud, a causa di politiche anti cristiane degli ultimi sovrani sasanidi. Bisanzio e la Persia hanno anche combattuto insieme a Yarmuk mi sembra e ne hanno prese una cantonata. La Persia ovviamente, oltre ad avere tutti i difetti che aveva Bisanzio in questo frangente, aveva un esercito qualitativamente molto inferiore e meno fedele a causa delle diatribe recenti.

    Che io sappia non abbiamo dati numerici, nelle primissime battaglie i musulmani schierano circa 10.000 uomini, possibile che potessero metterne in campo 15-20.000, numero che ritengo consono rispetto alla popolazione e alle dimensioni degli eserciti degli avversari.
    Successivamente però, quando la Siria era stata invasa e le tribù arabe tradizionalmente nemiche passate dalla loro parte, 25-40.000 uomini sullo Yarmuk.
    In conclusione, nelle fasi iniziali sono poche migliaia di "predoni", nelle fasi finali, diciamo quando crolla la Persia saranno stati 50.000 se vogliamo allargare le braccia
     

Condividi questa Pagina