1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

Herzogtum Anahlt: gli Slavi colpiscono ancora!

Discussione in 'Le vostre esperienze' iniziata da Sir Matthew, 7 Febbraio 2014.

  1. Sir Matthew

    Sir Matthew

    Registrato:
    27 Aprile 2012
    Messaggi:
    1.603
    Località:
    Pisa
    Ratings:
    +441
  2. Pandrea

    Pandrea Guest

    Ratings:
    +0
    Bene, anche se il titolo mi fa storcere il mio latino naso ogni volta. Dio stramaledica gli slavi! :D
     
  3. Sir Matthew

    Sir Matthew

    Registrato:
    27 Aprile 2012
    Messaggi:
    1.603
    Località:
    Pisa
    Ratings:
    +441
    Tutto sbagliato!I documenti che ho trovato, l'iscrizione, le fonti! Tutto falso. Tutto falsificato. Pare che dei monaci tedeschi, nel XIV secolo, avessero deciso di distruggere la memoria degli slavi del Nord, e per questo avessero falsificato i documenti. Ma non hanno pensato di distruggere i veri documenti. Anzi, li conservarono nei loro monasteri!
    Ora posso quindi iniziare a raccontare la vera storia dell' Anahlt.

    Regno di Bretislav (867 - 896)

    Per prima cosa alcune precisazioni sulla figura di Bretislav. Non era per nulla avaro, anche se non era generoso. Era invece cinico e codardo, ma aveva uno spiccato senso dell'onestà e del lavoro. Pare che fosse un discreto amministratore.

    [​IMG]
    (Bretislav)

    La situazione di quella parte di mondo era su per giù quella descritta, con la differenza che a Sud dell' Anahlt la Boemia ancora non era sorta (probabilmente i monaci falsificatori erano boemi), ma facevano ancora tutto parte della Grande Moravia.

    [​IMG]

    I primi anni del regno di Bretislav furono luminosi: si sposò con Zvorune Palemonaitis, che nell'Aprile 870 rimase anche incinta, nonostante le voci di omosessualità che la circondavano. Per assicurare comunque che la linea dinastica continuasse, Bretislav aveva anche una concubina, Regelinda, una cortigiana del castello di Zerbst.

    Intanto, sentendosi minacciato da vicini troppo più grossi di lui (Grande Moravia, la tribù di Sorbst e il Sacro Romano Impero), Bretislav decise che l'unico modo era espandersi, prima che altri lo facessero, magari ai suoi danni. Nel 868 quindi dichiarò guerra a Barnim ze Stodanarow, Signore di Altmark. La guerra fu lunga, e anche se le battaglie furono tutte facilmente vinte, i suoi 800 uomini alla fine erano stremati e i loro ranghi erano scesi ad appena 300 uomini abili e pronti alla guerra. Nell'impossibilità di porre un assedio, Bretislav decise di prendere un prestito (che avrebbe restituito con successo l'anno successivo) per assoldare 500 mercenari della compagnia dei Forestieri, capitanati da Gedigaugas. Con queste forze fresche riuscì quindi a conquistare il castello di Stendal e mettere fine alla guerra, dopo 3 lunghi anni di battaglie.

    Ma questa felicità non durò a lungo. Il 22 novembre 870 infatti la moglie Zvorune morì di parto, dando alla luce Zofia, purtroppo nata malata. Per questo la primavera dell'871 Bretislav decise di indire una festività dedicata a Jarnilo, per placare gli dei. Per rappresentare Jarnilo venne scelto quello studipo del sindaco di Haldensleben, Branimir.
    L'estate del 872 fu un'estate di passione. Dopo un banchetto, Bretislav (nonostante fosse fidanzato con la sorella della sua defunta moglie) passò la notte con la sacerdotessa Kamila di Magdeburg, e sbocciò l'amore. Oltre all'amore, nel maggio dell' 873 nacque anche un bimbo: Jaromir. Bretislav decise di riconoscerlo come suo, ma per ora non legittimarlo. Se non dovesse avere altri figli maschi all'interno del matrimonio, sarebbe stato lui l'erede.

    Nel gennaio 874 dei vichinghi saccheggiarono Altmark, distruggendo completamente il tempio di Halberstedt. Inoltre, Bratislav si sposò con Breksta, sorella di Zvorune. Ad Aprile dello stesso anno, Bretislav decise di approfittare di una rivolta per l'indipendenza all'interno della Grande Moravia per conquistare ulteriore spazio. Suo obiettivo era la regione di Plauen. La guerra andava bene, anche grazie all'aiuto volontario del fedele alleato Palemon di Lietuva (padre delle sue due mogli) e dall'aiuto involontario della tribù di Sorbst, che voleva conquistare Meissen. Ma oltre alle buone notizie militare, ne arrivavano anche da corte: nel gennaio 875 si scoprì che la moglie di Bretislav era incinta! Tutto il regno sperava fosse un figlio maschio. Intanto, nel marzo dello stesso anno, la guerra finiva con la vittoria di Bretislav. Il maschio tanto atteso però non nacque: ad agosto infatti vide la luce Dobroniega, un'altra bambina.

    [​IMG]
    (La Signoria di Anahlt dopo le prime guerre)

    Il 30 marzo 876 nuova speranza si sparge per i domini di Bretislav: sua moglie è nuovamente incinta! E finalmente, dopo nove mesi, nasce il primo figlio maschio legittimo di Bretislav. Per festeggiare, oltre a 3 giorni di festa in ogni villaggio, Bretislav decise di dare al figlio il più bel nome che la sua lingua potesse creare: doveva essere musicale, facile da ricordare, potente e soave al tempo stesso, bello da leggersi. Dopo giorni di ragionamenti, Bretislav decise: suo figlio si chiamerà Szczesny (per la gioia ha sbattuto una mano sulla tastiera :ROFLMAO:)!Per festeggiare inoltre decise di mettere incinta anche l' amante (Kamila) e la concubina. Anche dall' amante ebbe un figlio maschio, Swietopelk.Anche quest'ultimo venne riconosciuto, ma non legittimato. Ad infine anche la concubina dette alla luce un figlio maschio, Udalrich. Oramai la linea dinastica era al sicura, e i servigi della concubina non erano più richiesti. Ma la sua lussuria gli impediva di liberarsene. Per fortuna, morì di polmonite alla fine del 878. Per festeggiare il problema risolto, mise in cinta Kamila: il figlio nascerà a giugno e si chiamerà Szymon. Era particolarmente brutto, ma venne riconosciuto comunque. Ma ormai Bretislav aveva capito che da Kamila non poteva più avere quel brivido di passione, né figli belli. Ad agosto quindi, dopo una relazione durata 4 anni, decise di lasciarla.

    Il 25 agosto 879, approfittando di una guerra su più fronti a cui era costretto il Gran Signore di Meissen, decise di attaccarlo, per far valere delle antiche pretese sulla marca di Brandeburgo. Ma la guerra non iniziava sotto i migliori auspici: dopo pochi giorni infatti arrivò la notizia che Dobrionega era morta dopo una difficile malattia. Dopo pochi giorni, anche Szymon morì di malattia. Gli auspici non si sbagliavano: la guerra finiva con un nulla di fatto nel Lugio dell' 880. Dopo appena due anni però si presenta la possibilità di conquistarla a spese del suo nuovo padrone, Dragovit di Wolgast. A fine 883 il castello di Brandeburgo cade, e la guerra finisce. Finalmente i territori della Gran Signoria di Brandeburgo sono uniti, manca solo di fregiarsi del titolo. Per festeggiare la vittoria in guerra, mise incinta la moglie, che nella primavera dell'884 mise al mondo una bambina, Vladislava. Sempre nell' 884, dopo anni passati sui campi di battaglia, Bretislav aveva superato tutte le sue paure, e non era più un codardo.

    Due anni dopo l'orgoglio di Bretislav lo portò a dichiarare guerra al Signore di Werle: anche lui aveva diritto di avere diritto al mar Baltico! Ma la reazione di Wizlaw Wend di Werle non tardò a farsi sentire: se militarmente era inferiore (l'unico suo alleato, il Gran Signore di Pommerana, aveva rapporti migliori con Bretislav e quindi decise di non entrare in guerra), poteva tentare di ribaltare la situazione in altri modi. Per prima cosa, per evitare che anche l'alleato di Bretislav, il Gran Signore di Lietuva, entrasse in guerra, assassinò la moglie di Bretislav (non ci furono prove del mandante dell'assassino, ma i sospetti erano forti). Di tutta risposta Bretislav, che senza moglie proprio non poteva starci, si sposò con Rpgnfrid, figlia di Sigurdrd, Gran Signore di Skjelland. La guerra delle alleanze continuava: Wizlaw chiamò in guerra il Gran Signore di Obotrites, Kolman. Di tutta risposta, Bretislav chiamò il suo nuovo alleato. A dicembre di quell'anno arrivarono i 4000 uomini di Sigurdr, ma la guerra era già stata vinta da Bretislav. A febbraio 887 la guerra finiva con la vittoria di Bretislav, che così conquistava l'accesso al mare. Ad aprile dello stesso anno si festeggiò il matrimonio tra la figlia primogenita di Bretislav, ora maggiorenne, e il Gran Signore di Courland, Sprudeik Penikis.

    Il 22 aprile 889, per meglio amministrare possedimenti troppo ampi e per fregiarsi di titolo di rango superiore, Bretislav creò la Gran Signoria di Brandeburgo, spostò la capitale a Brandeburgo e dette le singole Signorie ai suoi figli: a Jaromir la Signoria di Altmatk, ad Udalrich la Sigonria di Plauen, a Swietopelk la Signoria di Werle. Infine per evitare problemi di successione dette la Signoria di Anahlt a Msciwoj van Querfurt. Nel luglio 889, per festeggiare il nuovo assetto del regno, mise incinta sua moglie. Nascerà a febbraio, sarà un maschietto e si chiamerà Branislav. Nell'aprile del 891, offeso dal rifiuto di fidanzare il suo erede con l'erede della Gran Signoria di Meissen, Bratislav parte per la guerra, forte di un esercito di 1600 uomini. Alla fine di quell'anno, sua moglie era nuovamente incinta. Il 13 Luglio 892 suo figlio Uldrich morì in circostanze mai chiarite. Intanto le truppe erano ancora ingaggiate in battaglia contro l'esercito di Meissen, che stava resistendo eroicamente. Nell' ottobre di quell'anno nacque una figlia a Bratislav, Radomila. Inoltre arrivo un prete, mandato dal Sacro Romano Imperatore, per convertire la sua gente a quella che lui considerava l'unica vera fede. Venne immediatamente rinchiuso nelle segrete di Brandeburgo. Nel novembre si festeggiò il matrimonio del suo erede con l'erede della Signoria di Bornholm, ed inoltre Bratislav dette la Signoria su Plauen a Branislav. Dopo due lunghi anni di battaglie, la guerra fu vinta e la Signoria di Meissen data ad Aron Santz, un cortigiano.

    La notte di capodanno del 893 un altro prete si presentò alla corte di Bretislav: era stato mandato dal Sereno Doge di Venezia per avvertirci delle atroci sofferenze che ci avrebbero attese all'Inferno se non ci fossimo convertiti in tempo. La tradizione tramanda che, nel momento di mandarlo a far compagnia all'altro prete, Bretislav disse le seguenti parole:
    . Era chiara però una cosa: i regni cristiani stavano spingendo ad Est. L'unico modo per far sopravvivere il loro culto era unificarlo sotto un'unica bandiera. Questa sarebbe stata la missione dei Dalemincow.

    Il 12 aprile 895 una nuova tragedia nella famiglia di Bratislav: il piccolo Branislav era morto a causa di un incidente. La Signoria di Plauen, nuovamente nelle mani di Bratislav, venne concessa a Bedrich Vestenie. Nel gennaio 896 Bratislav si ammala. Ha ormai 50 anni, e si teme per la sua vita. Nonostante la malattia e l'età, ha la forza, quel febbraio, di iniziare una relazione con Ksenia. Il 7 maggio, all'indomani dell'ennesima dichiarazione di guerra, Bratislav si spegne nel suo letto a causa della malattia. Suo erede, Szczesny z Damelincow.

    [​IMG]
    (La situazione della Gran Signoria alla morte di Bretislav)

    [​IMG]
    (L'erede di Bratislav al momento di salire sul trono)

     
    • Like Like x 2
  4. alberto90

    alberto90

    Registrato:
    18 Febbraio 2013
    Messaggi:
    1.435
    Località:
    torino
    Ratings:
    +336
    Ora si che va bene ...
     
  5. Sir Matthew

    Sir Matthew

    Registrato:
    27 Aprile 2012
    Messaggi:
    1.603
    Località:
    Pisa
    Ratings:
    +441
    la differenza sta tutta nel fatto che nella prima partita (quella che si è corrotta) al momento di passare da 2 a 3 contea sono stato attaccato dalla boemia che voleva una mia contea e mi sono trovato con 1 contea invece che con 3. e circondato da blob. Ora invece non mi hanno attaccato, e quindi sono diventato abbastanza grosso da sopravvivere un pochino.
     
  6. Lord Attilio

    Lord Attilio

    Registrato:
    14 Giugno 2008
    Messaggi:
    2.928
    Località:
    Socialismo
    Ratings:
    +128
    Hai dato le contee ai figli? Sei matto? Adesso quelli si scanneranno per il trono.
     
  7. Sir Matthew

    Sir Matthew

    Registrato:
    27 Aprile 2012
    Messaggi:
    1.603
    Località:
    Pisa
    Ratings:
    +441
    sì ci avevo pensato a non farlo, ma ho preferito fare così per avere (eventualmente) una via d'uscita se la linea principale dovesse estinguersi.

    e poi, giustificando il tutto con il gdr, mi sembra probabile che un padre preferisca dividere i suoi possedimenti all'interno della famiglia che a "sconosciuti".
     
  8. Mattia'

    Mattia'

    Registrato:
    26 Agosto 2013
    Messaggi:
    45
    Ratings:
    +4
    Se è così, allora hai fatto bene :)
     
  9. alberto90

    alberto90

    Registrato:
    18 Febbraio 2013
    Messaggi:
    1.435
    Località:
    torino
    Ratings:
    +336
    Non è detto che i figli si scannino per il trono ... se tra di loro hanno ottimi rapporti tra di loro è facile che non facciano storie.
     
  10. Sir Matthew

    Sir Matthew

    Registrato:
    27 Aprile 2012
    Messaggi:
    1.603
    Località:
    Pisa
    Ratings:
    +441
    ho giovato poco tempo ancora, ma non mi sembra di vedere guai all'orizzonte. La successione è avvenuta in guerra, ma non ne hanno approfittato.
     
  11. SkySpace

    SkySpace

    Registrato:
    26 Agosto 2009
    Messaggi:
    3.854
    Ratings:
    +193
    Bell'aar...una piccola curiosità tecnica-visiva...come mai la goccia di sangue è dorata?
     
  12. Mac Brian

    Mac Brian

    Registrato:
    26 Luglio 2010
    Messaggi:
    2.771
    Località:
    Mirandola
    Ratings:
    +401
    Al posto della stellina che identifica il tuo personaggio in questo mod c'è una goccia dorata.
     
  13. SkySpace

    SkySpace

    Registrato:
    26 Agosto 2009
    Messaggi:
    3.854
    Ratings:
    +193
    Ah ok nulla di tanto difficile :D
     
  14. Sir Matthew

    Sir Matthew

    Registrato:
    27 Aprile 2012
    Messaggi:
    1.603
    Località:
    Pisa
    Ratings:
    +441
    Regno di Szczesny "il Grasso" (896 - 947)

    Szczesny aveva ereditato dal padre molto del suo carattare: era gentile nei modi, diligente in ogni cosa che faceva, e infervorato dallo zelo per i suoi dei. L'unica differenza, era la sua passione per il cibo. Qualsiasi cibo. Era sposato con Jarlina Bjorg della casata Hammer, Signori di Bornholm.

    [​IMG]
    (Szczesny e sua moglie)

    Per prima cosa, Szczesny dovette risolvere la guerra contro i signori di Wolgast, che aveva iniziato il padre, prima di morire. In circa un anno le truppe nemiche vennero sconfitte e distrutte e il castello di Wolgast era conquistato.
    Ora che la Gran Signoria era in pace, Szczesny potè interessarsi degli affari interni. Iniziò con l'ordire un complotto per uccidere il fratello Jaromir, che aveva pretese sul trono. Il complotto non ebbe successo. Intanto anche l'altro fratello bastardo di Szczesny avanzò pretese sul trono, mentre il Signore di Anahlt sperava nell'indipendenza. Tra tutte queste notizie pessime, a gennaio 899 arrivò la prima notizia buona: sua moglie era incinta. Ad agosto di quell'anno nacque Kenna, deludendo le speranze di Szczesny di avere un erede maschio che calmasse le acque nei suoi domini. Fortunatamente, nel febbraio 900, Swietopelk rinunciò ad ogni pretese sul trono di Szczesny. Il mese successivo sua sorella Vladislava si fidanzò con il Gran Principe di Kiev, Velikiy Knyaz Lev, della famiglia Oskyldr. Il 24 ottobre 900 Swietopelk vennè assassinato per ordine di un suo cortigiano, Milosz. Szczesny ereditò quindi la Signoria di Werle. Per quanto non fosse in buoni rapporti con Swietopelk, pianse per la sua morte. Durante le festività dedicate a Jarnilo tenute nella primavera del 901, il fratellastro Jaromar, scelto tra le altre cose come rappresentante di Jarnilo, si avvicinò in lacrime a Szczesny chiedendogli perdono e rinunciando alle sue pretese per il trono. Le sue scuse vennero accettate e i due fratelli continuarono a festeggiare insieme. Nel marzo del 902 si scoprì che il Signore di Anahlt stava complottando per avere delle pretese sul trono di Szczesny: quest'ultimo saputolo ne ordinò subito l'arresto. Non avrebbe mai più visto la luce del sole. Il 12 maggio 904 Vladislava si sposa con il Gran Principe di Kiev, formando un utile alleanza. Purtroppo durante la guerra contro i Peceneghi Vladislava venne fatta prigioniera e costretta ad essere la concubina di un nobile.

    L'11 Novembre 911 Vilem Premyslid, Gran Signore di Boemia, dichiarava guerra a Szczesny per la conquista di Meissen. A dicembre di quell'anno moriva il Signore di Wolgast. Un problema in meno. Le prime scaramucce furono vinte da Szczesny, ma di fronte a 2500 uomini nemici la sua avanzata dovette essere fermata, per poter meglio organizzare le sue difese. Allo scopo vennero assoldati anche 2200 mercenari, portando gli effettivi sotto la bandiera di Brandeburgo 3300. Intanto l'alleato di Szczesny, il Gran Signore di Courland, stava arrivando. Con ogni probabilità la battaglia si sarebbe svolta sotto il castello di Meissen.

    [​IMG]
    (La guerra contro la Boemia)

    Intanto a giugno morì il Signore di Anahlt, in prigionia. Intanto le vittorie si susseguivano, come anche le buone notizie: se ora la guerra era sui binari della vittoria (nemmeno l'intervento della Polonia Minore era riuscito a ribaltare le sorti a favore di Vilem), forse anche quelli interni potevano migliorare notevolmente. Sua moglie infatti era incinta. Intanto nel gennaio 908 venne soffocato un nuovo tentativo di Vilem di ingaggiare altri 1500 mercenari, che vennero sconfitti a Praga mentre ancora si organizzavano. Vilem decise quindi arrendersi, e la guerra era vinta. Ormai i possedimenti di Szczesny erano pacificati anche all'interno, poteva quindi ricominciare a pensare all'obiettivo del padre: riunire tutti gli slavi sotto un' unica bandiera, per meglio resistere ai tentativi dei regni cristiani di conquistare le terre "infedeli" (già il Sacro Romano Impero aveva tentato conquistare le terre della tribù di Obotrites, ma delle rivolte interne lo hanno fermato).

    Nel febbraio iniziò quindi la guerra per la conquista dell'Isola di Rugen.La guerra iniziava sotto i migliori auspici: ad aprile infatti nasceva il primo figlio maschio, Aron. Purtroppo però, spossata dalla fatica del parto, sua moglie morì di Polmonite. Szczesny allora si risposò immediatamente, approfittandone per stringere un'altra alleanza di favore: si sposò infatti con Danuta, figlia del Gran Signore di Silesia. Comunque nel settembre di quell'anno la guerra contro Rugen finiva vittoriosa. Finalmente il sacro suolo di Rugen era sotto il controllo dei Dalemincow. Il 10 ottobre 908 mia moglie è nuovamente incinta. Szczesny però in quel periodo non si trovava a corte con la moglie. Di chi era dunque quel bambino? Questo bambino nacque nel maggio 909, e sembrava effettivamente figlio di Szczesny. Venne chiamato Miloslaw, ma era profondamente malato,e difficilmente sarebbe sopravvissuto all'infanzia. Dopo alcuni mesi una donna si presentò a corte: era Vladislava che, dopo infinite peregrinazioni come concubina di un pecenego, era riuscita a fuggire e a tornare. Nemmeno il tempo di festeggiare il suo ritorno, che un prete, mandato dal Sacro Romano Imperatore, chiedeva di predicare nelle terre di Brandeburgo. Venne mandato nelle segrete a prendere il posto dell'altro prete mandato dal Sacro Romano Imperatore, morto il mese prima. Insiemi al prete, venne un'altra tragedia. Vladislava era tornata malata, e morì il 25 settembre. L'anno si conclude meglio di come presagiva l'autunno: la moglie di Szczesny era incinta. Il 9 luglio nascerà Roza.

    Tradimento! Il 27 settembre Szczesny scopre che sua moglie Danuta lo tradisce. E lo scopre nel peggiore dei modi: li trova entrambi nel letto matrimoniale! Continuano le brutte notizie: la tribù degli Obotrites afferma che le terre di Werle appartengono alla loro gente da sempre. Per evitare problemi in futuro, Nel 913 Szczesny decide di attaccare la tribù di Obotrites preventivamente, per conquistargli la loro zona più ricca, il Meckleburgo, dividendogli così le terre e distruggendogli ogni vera capacità offensiva. Per la fine della primavera del 914 la guerra era finita vittoriosamente. Per meglio organizzare i propri possedimenti decise di dare la signoria di Werle al figlio Mizoslaw, mentre le signorie di Meckleburgo e Anahlt a due cortigiani, rispettivamente a Jaromar van Haldensleben e Przybyslaw Grzymala.

    [​IMG]
    (I possedimenti di Szczesny dopo la conquista del Meckleburgo)

    Poco dopo Szczesny si ricordò di una vecchia mappa, che gli piaceva tanto da bambino. Dopo alcune ricerche, la trovò. Su questa mappa erano segnati gli antichi insediamenti governati dal trisnonno di suo padre. Tra questi, c'era il castello di Plzen, attualmente in mano boema. Era nei diritti di Szczesny rivendicarlo. Ma il Gran Signore di Boemia, Vilem, decise di precederlo, esattamente con lo stesso ragionamento che portò alla conquista di Meckleburgo. La guerra iniziò nel maggio 915. In appena un anno le armate di Vilem furono annichilite e Praga conquistata. Szczesny ne approfittò, e, nel gennaio 916, dichiarò immediatamente guerra di rimando, approfittando della guerra che dilaniava le terre degli alleati di Vilem, troppo occupati per intervenire. Durante la guerra, ricevo attenzioni non propriamente filiali da mia figlia Kenna. Ovviamente le rifiuto. Nel luglio 918, dopo due anni di guerra, Vilem si arrendeva e Szczesny riguadagnava alla sua gente Plazen. La Signoria diretta su quella regione venne data a un cortigiano, Wratislaw Nalecz.

    Ormai i possedimenti della famiglia Dalemincow erano abbastanza vasti da permettere a Szczesny di essere considerato un "nobile" tra i Pagani. Per questo, potè permettersi di creare ed iniziare ad addestrare un corpo scelto per la sua sicurezza, formato dal meglio che i suo vassalli potessero offrirgli. I 300 uomini erano pronti nel marzo 920.
    Intanto continuano i tentativi di seduzione di Kenna. Szczesny pare abbia sempre resistito. Ad aprile di quell'anno il doge di Venezia mandava un altro prete per convertire la gente di Szczesny. Fece la fine di tutti gli altri.
    Ma i preti portavano sempre sventure. Ad agosto infatti moriva Danuta, la moglie di Szczesny, dopo un periodo di malattia. Ad ottobre di quell'anno si sposava, dopo un breve fidanzamento, con Radomila z Kessini, figlia del Gran Signore di Pomerania.
    Nel gennaio del 921 Szczesny volle provare la nuova guardia creata, e dichiarò guerra ancora una volta alla tribù degli Obotrites, per conquistare Lubeck. A guerra appena iniziata Szczesny, per star dietro al suo esercito, dovette limitarsi con il cibo, per la prima volta dalla sua infanzia. Dimagrì tantissimo, e perse ogni piacere nel semplice mangiare. Nel marzo 922 la guerra finiva vittoriosa e la Signoria di Lubeck, per un'amministrazione più efficiente, venne data a Jaromar ze Sluzpka. Ad agosto di quell'anno Szczesny cadeva ammalato. Aveva 45, e per quanto era ancora forte, questa malattia poteva essere un problema. Fortunatamente un mese dopo la malattia regredì. Regredì così tanto che, nel pieno della salute, Szczesny mise incinta la moglie nel maggio 923. Il primo frutto di questo matrimonio nacque nel dicembre 923, e fu una bambina: Salomea.

    Nell'aprile del 924 l'erede di Szczesny diventò maggiorenne e si fidanza con Verkholsava Lyakhovic, Gran Signora della Polonia Minore. Questo fidanzamento purtroppo non funzionò, e nel Natale del 927 venne rotto. Appena un mese dopo, Aron si sposò con Feodosia Radimich, figlia di Putiata, Gran Signore di Smolensk. Nello stesso periodo Szczesny decise di dare il colpo di grazia alla tribù di Obotrites. In appena 6 mesi la guerra era vinta. La signoria di Rostock, appena conquistata, venne data a Prendota Vestenie. Nell'ottobre 929, mentre ben due bande di vichinghi tentavano invano di saccheggiare le sue terre, Szczesny mise incinta sua moglie. A maggio dell'anno succesivo nascerà Hanna. Durante la vigilia del Natale 931 venne rinnovata l'alleanza storica con i Gran Signori di Skjelland con il matrimonio tra Ale Knytling e Roza.

    Nella primavera del 933, per aiutare il suo alleato Ale di Skjelland, decise di dichiarare guerra a Gnupa, Signore dell'Holstein, in modo da alleggerire la pressione sui confini meridionali dell'alleato. Mentre nel gennaio 934 la guerra volgeva al termine, Szczesny si dimostrava ancora, nonostante l'età, virile, mettendo incinta la moglie. A febbraio la guerra era finita vittoriosa. Purtroppo nel maggio di quell'anno una brutta notizia arrivò al castello: Hanna non ce l'aveva fatta, ed era morta dopo una malattia. Ad agosto comunque nasceva Jarka. Dopo un mese un nuovo prete tentò di farsi ammettere a corte da Szczesny. Venne invece ammesso nelle segrete. Ormai però era evidente che la potenza di Szczesny non era più la stessa: Jarka morì dopo nemmeno un anno. Nel luglio 935 inoltre si scoprì che il Gran Signore di Silesia aveva delle pretese sulle terre di Brandeburgo. Ormai Szczesny era vecchio e una guerra contro la Silesia poteva essere un problema, considerando che non aveva ancora pacificato l'Holstein. Nel marzo del 937 arrivò una notizia da Hylinov: Kenna era morta.

    Il 21 febbraio 939 le paure di Szczesny si avverarono: il Sacro Romano Imperatore, Andrea il Grande, dichiarava una guerra santa per l'Holstein. Fortunatamente i fedeli alleati di Szczesny accettarono tutti di aiutarlo contro gli infedeli.

    [​IMG]
    (Gli schieramenti della guerra contro Andrea il Grande)

    Il 16 giugno iniziò lo scontro principale di fronte al castello di Trevemunde: 6869 slavi contro 5490 cristiani. In più vi erano 1146 uomini in arrivo dalla Pomerana e altri 987 dallo Skjelland. Purtroppo anche i cristiani avevano ancora delle truppe in arrivo: 1131 stavano già assediando Holstein, mentre altri 2094 uomini stavano arrivando da Sud.

    [​IMG]
    (La vittoria di Trevemunde)

    La guerra proseguì trionfalmente. Il 10 novembre 940 Andrea il Grande si dovette arrendere a Szczesny il Grasso: la stirpe dei Wend, fedeli agli dei Slavi, aveva dimostrato che i cristiani non sarebbero passati oltre l'Elba.

    [​IMG]
    (La fine della guerra)

    Per rendere ancor più grande la sua vittoria, Szczesny creò la Gran Signoria di Meckleburgo ed usurpò il Ducato di Holstein a Dietwin Udalrichinger, duca di Baden. Ed infine si dichiarò unico difensore delle popolazioni Wend, creando il Regno dei Wend. Garantì a questo punto La Gran Signoria di Meckleburgo a suo figlio Miloslaw, Signore di Werle, e la Gran Signoria di Holstein a Jaromar ze Slupka, Signore di Lubeck. Infine come somma offesa rese la regina di Sassonia sua concubina.

    [​IMG]
    (Il Regno dei Wend)

    Per evitare che i vassalli avessero troppa libertà aumentò la sua autorità con un decreto: i vassalli non erano più autonomi, ma dovevano al re una piccola tassa e un piccolo numero di uomini. Questo portò a sbilanciare le tasse in favore del re. Tutti i vassalli si dissero d'accordo.

    [​IMG]
    (Le leggi del Regno dei Wend)

    Nel giugno 942, dopo un periodo di malattia, morì Salomea. Nell'ottobre dell'anno successivo la popolazione dell'Holstein si piegò alla potenza degli dei Slavi, e si convertì. Quelli che seguirono furono anni di pace, fino al 947. Il 17 luglio 947, alla veneranda età di 70 anni, dopo 50 anni di regno, Szczesny morì, nel suo letto. L'ultimo suo atto fu quello di indurre al suicidio lo scalpellino che doveva incidere il suo nome sulla lapide. Gli succedette il figlio, Aron.

     
    • Like Like x 1
  15. alberto90

    alberto90

    Registrato:
    18 Febbraio 2013
    Messaggi:
    1.435
    Località:
    torino
    Ratings:
    +336
    un regno di 50 anni è penosamente lungo ..... c'è di che annoiarsi ...
     
  16. andry2806

    andry2806

    Registrato:
    24 Novembre 2013
    Messaggi:
    912
    Località:
    Bologna
    Ratings:
    +48
    sbaglio o dalle parti dell'Alsazia Lorena (o giù di lì) c'è scritto ITALIA???:eek::eek::eek:
     
  17. Sir Matthew

    Sir Matthew

    Registrato:
    27 Aprile 2012
    Messaggi:
    1.603
    Località:
    Pisa
    Ratings:
    +441
    sì c'è scritto italia. follie all'interno dello SRI: gente che si ribella, che ci ripensa, che ci ripensa sul suo ripensamento, si ribella di nuovo, diventa indipendente. E il tutto avendo possedimenti del tutto casuali.
     
  18. SkySpace

    SkySpace

    Registrato:
    26 Agosto 2009
    Messaggi:
    3.854
    Ratings:
    +193
    Beh può anche capitare che siano stati ereditati da vassalli dell'Italia ma con ciò non diventano indipendenti e quindi si va a finire così. mi è successo in tale modo nella mia partita.
     
  19. Pandrea

    Pandrea Guest

    Ratings:
    +0
    Infatti, in CK2 i confini nazionali non vogliono dire granché. Io come duca di Savoia indipendente, per essere protetto, ho giurato fedeltà alla regina di Castiglia...
     
  20. Sir Matthew

    Sir Matthew

    Registrato:
    27 Aprile 2012
    Messaggi:
    1.603
    Località:
    Pisa
    Ratings:
    +441
    Regno di Aron il Piantatore (947 - 958)

    Aron salì al trono che aveva già 39 anni. Era sposato con Feodosia Radimich, figlia di Putiata il Giusto, Gran Signore di Smolensk. Era coraggioso, paziente e gentile nei modi, virtù che gli avrebbero fatto comodo negli anni a venire. Era anche lussurioso e cinico (come molti nella sua famiglia) e aveva una passione per il giardinaggio. Era anche un discreto amministratore.

    [​IMG]
    (Aron e sua moglie)

    Il suo regno iniziò nel peggiore dei modi: i vassalli erano tutti sul piede di guerra, in particolare il Gran Signore di Holstein. Come se non bastasse, nel 948 il Gran Signore di Pomerania, Bohumir z Kessini gli dichiarò guerra per il controllo di Wolgast. Ma le disgrazie non vengono mai da sole: ad appena una settimana dalla dichiarazione di guerra morì suo figlio Bretislav.
    Per poter vincere contro i 3000 uomini di Bohumir (di cui 600 mercenari), Aron dovette ingaggiare anche 1200 mercenari, che si andavano ad aggiungere ai suoi 2500 uomini. Dopo due anni la guerra finiva con la vittoria di Aron. Gli anni si susseguirono in pace: la principale preoccupazione di Aron era risolvere i problemi interni. Ed effettivamente lentamente si stavano risolvendo. Ormai solo il Gran Signore di Holstein odiava Aron. Nell'agosto del 954 morì una figlia ad Aron, Roza. Nel Novembre di quell'anno, per rinforzare l'autorità della corona, decise di rendere ancor più sbilanciate verso la corona le leve. Nel febbraio 955 Jaromar, Gran Signore di Holstein, decise di complottare contro il sindaco di Kettin. Generalmente Aron aveva sempre tollerato i complotti che non riguardavano la sua famiglia, ma stavolta decise di approfittarne per eliminare il rivale, ed emanò un ordine di arresto. Jaromar venne catturato, e assicurato alla giustizia. Già dal marzo di quell'anno venne però spostato agli arresti domiciliari, come si confà al sua rango. Ormai non poteva temere nulla da nemici interni, quindi potè dedicarsi a quelli esterni.

    Nell'aprile di quello stesso anno quindi dichiarò guerra al Gran Signore di Boemia, per la conquista di Lausitz. Intanto nel settembre di quell'anno Jaromar tentò la fuga, ma fu preso e rimandato nella cella, e non nelle sue stanze. Solo a gennaio del 956 gli sarà permesso ritornare ai domiciliari.
    A fine 957, per la prima volta, a un prete cattolico fu permesso di continuare il suo lavoro tra i Wend. Nel giugno di quell'anno, forse come punizione dai suoi dei, Aron fu ferito in battaglia. Avendo capito di aver scomodato i suoi dei, Aron decise di arrestare un prete mandato dalla Sacra Romana Imperatrice. Ad agosto la ferita si aggrava, ed Aron cade gravemente malato. Fortunatamente pochi giorni dopo il Gran Signore di Boemia si arrende.

    Ora doveva pensare a risolvere alcune questioni interne prima della (ormai sicura) morte. Per prima cosa creò la Gran Signoria di Meissen, che venne data a Dobromil Draslavid, Signore di Lausitz. A settembre di quell'anno il vescovo Welf di Embrun, a cui era stata data la possibilità di stare in Brandeburgo, chiese ufficialmente ad Aron di convertirsi. Venne bandito. Gli dei evidentemente apprezzarono questo gesto, e sul finire di settembre la febbre passò. A gennaio dell'anno successivo gli dei si dimostrarono nuovamente misericordiosi con Aron, e la ferita che gli avevano inferto ad agosto guarì, lasciandolo con una cicatrice, ma vivo. Intanto nel marzo di quell'anno si scoprì che uno dei preti arrestati da Aron era stato nominato antipapa, e si fregiava del titolo di "Papa in Colonia".

    Nel settembre 958 Aron si ammalava nuovamente. Ormai aveva 50 anni, e la fibra non era più quella di un tempo. Morì dopo appena un mese, il 17 ottobre. Gli succedette il figlio, Kolman.

    [​IMG]
    (Il regno dei Wend alla morte di Aron)

     
    • Like Like x 1

Condividi questa Pagina