1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

Fascismo/Squadrismo

Discussione in 'Off Topic' iniziata da marcus_flx, 29 Marzo 2008.

  1. AntonioLopezDeSanta Ana

    AntonioLopezDeSanta Ana

    Registrato:
    5 Dicembre 2006
    Messaggi:
    1.042
    Località:
    Roma
    Ratings:
    +0
    aridaje che sbaglio con questi zeri,vabbe dai da qui in avanti scriverò i numeri in lettere :D
     
  2. Mimmmo

    Mimmmo Banned

    Registrato:
    2 Novembre 2006
    Messaggi:
    1.562
    Località:
    Texas
    Ratings:
    +0
    No aspetta, chiunque sia stato rinchiuso in un GULAG ha affrontato un regolare processo farsa, grazie ad un'elastica legislazione che praticamente consentiva di dare ad ognuno i suoi giusti 10 anni. Naturalmente il sistema sovietico arrestava il tot. di criminali previsti per quel mese e poi si fermava. La buracrizia russa secondo me supera addirittura quella dei crucchi.

    Si, mi sembra che Pansa ha pubblicato un libro con alcuni dati non so quanto affidabili. Comunque mi sembra indubbio che dopo la morte di Stalin i villeggianti nei GULAG siano diminuiti.
     
  3. Driant

    Driant

    Registrato:
    19 Ottobre 2006
    Messaggi:
    893
    Località:
    Milano
    Ratings:
    +1
    non andate off
    (aprite un nuovo post se volete):approved:
     
  4. skuby

    skuby

    Registrato:
    29 Gennaio 2006
    Messaggi:
    1.201
    Ratings:
    +41
    No ti prego lasciamo questo unico topic, la discussione è esilarante
     
  5. Mikhail Mengsk

    Mikhail Mengsk

    Registrato:
    1 Febbraio 2007
    Messaggi:
    7.448
    Località:
    Pisa
    Ratings:
    +0
    perché?
     
  6. skuby

    skuby

    Registrato:
    29 Gennaio 2006
    Messaggi:
    1.201
    Ratings:
    +41
    un esempio tra i tanti, il primo che mi è capitato sottomano, ma ce ne sono diversi

    primo dopo aver visto alcuni post scritti in un italiano a dir poco allucinante qualcuno che ha scritto in questo topic sarebbe stato diciamo "ripassato" per la forma direi :)

    secondo
    mi piacerebbe vedere le pagelle in "analisi grammaticale" e "forma" di Matteotti

    terzo riprendendo il quote di cui sopra è come se parlando della NKVD citassi Beria che afferma che erano solo un gruppo di filantropi dediti al bene comune...ma dai.

    non parliamo poi delle tesi sulla grande superpotenza mondiale con la possibilità di ricostruire l'esercito etc etc

    quindi ritornando al fatto di non spostare la discussione su due topic è che dovrei fare maggior sforzo per leggere tutte queste chicche.
     
  7. Mimmmo

    Mimmmo Banned

    Registrato:
    2 Novembre 2006
    Messaggi:
    1.562
    Località:
    Texas
    Ratings:
    +0
    Bene, apparte la mia rinomata sgrammatichevolezza voglio rispondere su questo punto. E' chiaro che sostenere che nel fascismo ci fosse libertà di espressione genera immanchevolmente le ilarità di tutti, ma provo a spiegarmi.

    Che ci fossero delle grandi limitazioni di libertà è chiaro ma:

    Ho citato Gravelli, aggiungendo la qualifica di fascista della prima ora, perchè lui è uno di quelli che ha assunto per anni una posizione di politica estera esranea a quella del regime ed addirittura diametralmente opposta a quella del Duce. Eppure potè fondare la rivista ANTIEUROPA e propagandare le sue idee. E questo salvando solamente la forma ma non modificando la sostanza del suo discorso. Si potrebbero fare esempi a dozzine di posizioni antitetiche all'interno del regime. Poi ci sono alcuni casi isolati di vera critica tollerata come quella de "La Verità" di Bombacci o gli scritti di Croce o anche alcune satire di Trilussa. Questo cosa vuol dire? A mio parere vuol dire che ci furono delle limitazioni ma tra queste era possibile trovare dei varchi all'interno dei quali intavolare una critica costruttiva.

    Ma dire questo in un paese dove tutto è concesso provoca e provocherà sempre ilarità o addirittura rabbia perchè si va a minare una delle fondamenta di un sistema.
     
  8. Caronte

    Caronte

    Registrato:
    16 Febbraio 2006
    Messaggi:
    2.733
    Località:
    in mezzo alla nebbia più fitta
    Ratings:
    +29
    No. la critica era tollerata solo se minoritaria e ininfluente proprio per fare sentire meno il controllo sulla popolazione.
    Ma questa non era critica costruttiva (semplicemente strumentale), proprio perchè essendo ininfluente non veniva presa in considerazione.
    Le barzellette sui leader politici o le obbiezioni al regime erano presenti anche in germania con le dovute cautele nella forma (colpa dei generalie e dei soldati e mai del Fuhrer),ma non si trattava certo di libertà di stampa.
     
  9. ange2222

    ange2222

    Registrato:
    27 Dicembre 2006
    Messaggi:
    6.791
    Località:
    Brescia
    Ratings:
    +1
    Riguardo alle barzellette in URSS
    segnalo il libro di Moni Ovadia:
    http://www.russianecho.net/libri/ovadia.asp

    ho sbiriciato in libreria e c'erano parecchie barzellette divertenti.
     
  10. marcus_flx

    marcus_flx

    Registrato:
    24 Settembre 2006
    Messaggi:
    182
    Ratings:
    +0
    ragazzi sono immerso nel lavoro per la tesina.. è arrivato il momento per me di parlare della cultura letteraria durante il fascismo... se possibile avrei bisogno di qualche consiglio da parte vostra.

    Sicuramente tratterò il futurismo, d'Annunzio e Pirandello (ovviamente in grandi linee) ma oltre a queste importantissime figure ci sono altri autori che dovrei prendere in considerazione secondo voi?

    Un'ultima cosa, petr quanto concerne le "voci messe da parte" durante il ventennio, in quanto "pericolose", mi riferisco a Ignazio Silone e Gramsci.. mi sarebbero veramente utili dei chiarimenti sia sul perchè il primo sia stato esiliato e sia sulla morte del secondo..

    Un grazie anticipatamente :)
     
  11. Mikhail Mengsk

    Mikhail Mengsk

    Registrato:
    1 Febbraio 2007
    Messaggi:
    7.448
    Località:
    Pisa
    Ratings:
    +0
    ORache ci penso, ma è la tesina di maturità? Non la stai facendo troppo complessa? Ai miei tempi (neanche avessi 80anni XD) non erano molto elaborate e a me neanche l'hanno chiesta
     
  12. marcus_flx

    marcus_flx

    Registrato:
    24 Settembre 2006
    Messaggi:
    182
    Ratings:
    +0
    ora che ci penso pure io sembra veramente che stia facendo più una tesi di maturità che non una tesina :D

    comunque il fatto è che questo argomento (nel bene o nel male :cautious: )mi sta davvero interessando, quindi sto cercando di fare un lavoro piuttosto ampio in modo tale da poter abbrracciare (per quanto possibile) tutto il ventennio..
     
  13. woland

    woland

    Registrato:
    1 Novembre 2006
    Messaggi:
    722
    Località:
    Regno delle tenebre
    Ratings:
    +0
    Come scrittori potresti prendere in considerazione anche Giovanni Papini e Ardengo Soffici che ruotavano attorno alle riviste fondate da Giuseppe Prezzolini,ed inoltre un'americano grandissimo poeta infatuato del fascismo:Ezra Pound.ci sarebbe poi la figura di Giovanni Gentile ma ha più a che fare col mondo accademico che con la letteratura vera e propria...
     
  14. marcus_flx

    marcus_flx

    Registrato:
    24 Settembre 2006
    Messaggi:
    182
    Ratings:
    +0
    Ottima idea soprattutto quella di Ardengo Soffici me ne ero proprio dimenticato.. ;)

    Poi per Ezra Pound ho dato un'occhiata su wikipedia e sembra davvero interessante : "Dal 1941 al 1943 Pound realizzò a Roma per la radio italiana numerose trasmissioni in inglese in cui difendeva il fascismo e accusava gli angloamericani e la finanza internazionale di aver provocato la guerra contro i paesi che si erano ribellati al giogo dell'usura." :contratto:

    (cit. da wiki http://it.wikipedia.org/wiki/Ezra_Pound#Il_ventennio_italiano)

    Grazie mille woland ;)
     

Condividi questa Pagina