1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

AAR - War in the West - Torch to Tunisia 42-43

Discussione in 'War in the East' iniziata da maie, 13 Dicembre 2015.

  1. maie

    maie

    Registrato:
    18 Luglio 2007
    Messaggi:
    5.377
    Ratings:
    +676
    Ciao @Daniel Morrison

    purtroppo non credo. Non lo escludo a priori, ma il tempo richiesto per questo AAR si sta rivelando davvero tanto (e sono solo a metà partita!). Forse esagero io con la "post-produzione" per ogni turno, ma preferisco fare un AAR fatto bene piuttosto che due fatti male.

    Inoltre, in tutta sincerità, non mi piace troppo lo scenario Battleground Italy. I primi tempi lo trovavo molto interessante, tanto da averlo giocato anche in multy (peraltro con risultati pessimi, tanto da dover abbandonare la partita). In realtà ho imparato a preferire la campagna che inizia nel '43 o al limite scenari più limitati.

    Ciao!
     
  2. maie

    maie

    Registrato:
    18 Luglio 2007
    Messaggi:
    5.377
    Ratings:
    +676
    Ciao,

    neanche io conosco bene la parte aerea della campagna. Ci sono degli elementi che secondo me possono aver influito:

    - diversamente da quanto storicamente avvenuto, il II. Flieger Corps è stato ribasato interamente in Tunisia, nella zona di Tunisi. Si tratta del gruppo più numeroso tra quelli a mia disposizione e i suoi aerei stanno certamente facendo la differenza. Se li avessi mantenuti nelle loro basi originali in Sicilia e Italia di sicuro non avrei avuto gli stessi risultati.

    - rispetto alla storia, il fronte si trova più a Ovest (la linea del fronte praticamente corre lungo il confine tra Tunisia e Algeria). La conseguenza è che ho tolto agli Alleati diversi (piccoli) aeroporti soprattutto nella zona Nord e Centro

    Ciao!
     
  3. blizzard

    blizzard Moderator Membro dello Staff

    Registrato:
    13 Ottobre 2011
    Messaggi:
    4.123
    Ratings:
    +1.536
    le unità dell'ottava armata sembrano tutto sommato abbastanza compatte; se riesci a circondare le piú veloci a raggiungere il Mareth, non é probabile che quelle a ridosso riescano comunque a rompere l'accerchiamento?
    :)

    PS gli AF rossi sono quelli danneggiati?
     
    • Like Like x 1
  4. Daniel Morrison

    Daniel Morrison

    Registrato:
    15 Settembre 2008
    Messaggi:
    1.368
    Ratings:
    +162
    Magari ad AAR finito.
    Comunque io ho provato a giocare allo scenario B.Italy. Devo dire che secondo me è realizzato male. L'AI dopo la conquista della sicilia ci mette troppo tempo per sbarcare sulla penisola. Non ho nemmeno gradito la gestione della resa italiana con le unità che semplicemente scompaiono.
     
    • Agree Agree x 1
  5. maie

    maie

    Registrato:
    18 Luglio 2007
    Messaggi:
    5.377
    Ratings:
    +676
    Ciao,

    si sono ben più compatte rispetto ai tempi della linea Marsa Brega, il che potrebbe complicare le cose. Conto tuttavia sul terreno ampio e favorevole per riuscire comunque ad accerchiare il nemico.
    Il rischio di rottura dell'accerchiamento è sempre presente, anche considerato lo stato abbastanza "usurato" delle mie unità. Come dicevo nel post del turno 20, gli Alleati nel loro turno devono coprire una distanza di 70-80 miglia prima di arrivare a contatto con la linea del Mareth il che li lascerebbe a secco di carburante. Con un po' di fortuna posso sperare di isolare il grosso dell'8° Armata e distruggere qualche unità prima che il nemico riesca a riaprire la sacca.

    Ciao
     
  6. Invernomuto

    Invernomuto -

    Registrato:
    30 Gennaio 2006
    Messaggi:
    6.036
    Località:
    Torino
    Ratings:
    +429
    Dopo quanto tempo ha fatto gli sbarchi? Sul discorso resa in quello scenario non è gestita come da manuale?

    Ciao
     
  7. Daniel Morrison

    Daniel Morrison

    Registrato:
    15 Settembre 2008
    Messaggi:
    1.368
    Ratings:
    +162
    Sono sbarcati nei pressi di Taranto nel Dicembre 43, le operazioni in Sicilia sono terminate a fine Agosto 43.
    La resa è gestita come nel manuale, le unità italiane nella penisola scompaiono, restano solo quelle che sono stanziate in corsica e sardegna.
     
  8. maie

    maie

    Registrato:
    18 Luglio 2007
    Messaggi:
    5.377
    Ratings:
    +676
    Turno 21 - 30 Mar 1943

    In Tunisia si registrano vari attacchi nemici contro il mio fronte Algerino in tutti e tre i settori. A Nord, due attacchi riescono a far arretrare rispettivamente un battaglione di fanteria motorizzata (che risulta ora 'depleted') e un reggimento di PzGren, ma la presenza di montagne e del fiume Medjerda (sì, sempre lui) impediscono agli Alleati di sfruttare il successo locale. Al Centro un attacco ha successo contro un battaglione di fanteria e la 2nd HG Mot. Jaeger Bde, che arretrano in buon ordine benché il battaglione non sia più in grado di combattere. A Sud, invece, un reggimento di Schützen e un battaglione di fanteria tengono testa a truppe Alleate 4 volte superiori per numero e supportate da ben 227 AFV.

    Al confine tra Libia e Tunisia si conclude l'epopea della divisione "Pistoia". Un primo attacco condotto da due brigate corazzate nemiche sconfigge la divisione italiana che però si ritira senza arrendersi. Una brigata neozelandese e un'altra brigata corazzata sopraggiungono e danno il colpo di grazia alla mia divisione che, tuttavia, non si arrende. La disfatta si trasforma in una rotta totale in cui la "Pistoia" perde circa il 65% degli uomini: solo in 1500 raggiungono la linea del Mareth.

    Dopodiché il grosso dell'8° Armata arriva a contatto con il mio fronte e, a una prima occhiata, sembrerebbe che la mia previsione in merito al consumo di carburante nemico si sia verificata esatta. Stranamente, il nemico non avanza verso il deserto per aggirare le Matmata Hills (dietro cui si trova, lo ricordo, il mio Panzer Corps in agguato). In aggiunta a tutto ciò, la presenza aerea in zona è quasi del tutto assente: presumo che l'avanzata nemica sia stata troppo celere e il trasferimento delle squadre aeree non sia riuscito a stare dietro al fronte.
    Tutto sembra predisporre favorevolmente: "Unternehmen Capri" avrà inizio come previsto.

    Turno 21 - Enemy Attacks.jpg

    Air Planning

    Sul fronte aereo, proseguo con convinzione le missioni aeree sull'Algeria e ottengo ancora una volta buoni risultati per quanto riguarda gli aerei nemici abbattuti al suolo (anche se non così entusiasmanti come il turno scorso).

    In Libia lancio due serie di missioni: recon per individuare con precisione la posizione delle unità nemiche (come potete vedere dallo screenshot qua sopra, prima della fase aerea avevo solo una visione molto parziale) e ground attack + superiority per generare interdiction al suolo. Complice anche la già menzionata assenza degli aerei nemici, riesco a ottenere buoni risultati (speravo in qualcosa di più a essere sincero, visti anche i turni di riposo per le squadre dei due corpi aerei impiegati, ma tant'è).
    Le perdite totali rimangono elevate ma in calo rispetto al turno precedente.

    Ecco una visione da vicino dei valori di interdiction generati e delle unità nemiche individuate: il nemico è molto compatto nelle immediate vicinanze della linea del Mareth, mentre ci sono due gap nei pressi di Ben Gardan che posso sfruttare per la mia operazione "Capri".

    Turno 21 - Air Planning.jpg

    Ground Movement

    Decido di tentare per il percorso più esterno, cioè quello che si conclude a Est di Ben Gardan. La prima fase dell'operazione "Capri" si apre con la 1st HG Grenadier Bde, la 90th Lt Mot. Div e la 164th Lt Mot. Div che in quest'ordine avanzano prima verso Sud-Est, aggirando Tataouine, per poi convergere in direzione Nord-Est, raggiungendo il mare nel punto previsto. Le due divisioni motorizzate sono state splittate in reggimenti per consentirmi di creare un fronte continuo di unità. La divisione di fanteria "Bologna", anch'essa divisa in reggimenti, raggiunge queste unità così da garantire una maggiore copertura a Sud di Tataouine.

    Isolato il nemico, ha inizio la seconda fase dell'operazione: il resto del Panzer Corps e del XXI. Ital. Corps attaccano le unità britanniche isolate con lo scopo di indebolirle. Le divisioni italiane "Trieste" e "Giovani Fascisti" danno inizio alle danze sconfiggendo una brigata motorizzata britannica.

    A questo punto intervengono anche le mie tre divisioni corazzate: la 15th Panzer da Nord-Ovest, mentre la 21st Panzer e la 10th Panzer da Sud-Ovest. Seguono sette diversi attacchi contro le truppe nemiche isolate che si concludono tutti favorevolmente per me tranne uno a Sud-Est di Medenine in cui le mie 15th Panzer Div e "Giovani Fascisti" vengono fermate in un primo momento dal 23rd BR Armoured Bde Group che ha ricevuto supporto da due brigate della 7th BR Armoured Div e da una brigata neozelandese. Riorganizzate le forze, le mie due unità corazzate tornano all'attacco e la brigata corazzata inglese, benché questa volta riceva come rinforzo la 4th BR Light Armoured Bde, cede e arretra.

    Turno 21 - Unternehmen Capri.gif
    It's a GIF!

    Sulla base delle unità incontrate nei miei attacchi (tra cui, come detto, figura la 7th BR Armoured Div!) penso che una stima attendibile dei mezzi corazzati nemici intrappolati nella sacca oscilli tra i 150 e 250. Mi riferisco solo alle unità nemiche più a Ovest e che hanno subito i miei attacchi, mentre non conto la divisione corazzata nemica (1st BR Armoured Div) a Est di Ben Gardan che quasi sicuramente il prossimo turno romperà l'accerchiamento, mettendosi in salvo.

    Le mie ricognizioni segnalano inoltre che il nemico è a secco di carburante e quindi, benché sicuro che la mia sottile linea di unità motorizzate non reggerà al contrattacco nemico da Est, posso essere ottimista sulla possibilità di sigillare nuovamente la sacca questa volta senza possibilità di scampo per le numerose unità nemiche isolate (una brigata neozelandese, un reggimento motorizzato francese, le tre brigate della 7th BR Armoured Div, la 201st Guards BR Motorized Bde, 4th BR Light Armoured Bde, 23rd BR Armoured Bde + 1st BR Armoured Div che come detto sopra ha invece buone chance di mettersi in salvo).

    Il nemico ha perso in combattimento circa 2500 uomini e una cinquantina di AFV. Uno sguardo anche allo stato delle mie divisioni Panzer che hanno preso parte agli scontri (tra parentesi le variazioni in rosso rispetto a inizio turno):

    • 21st Panzer Div: 73 AFV (-0), 33% TOE (-2%)
    • 10th Panzer Div: 160 AFV (-11), 47% TOE (-5%)
    • 15th Panzer Div: 75 AFV (-10), 41% TOE (-5%)
    Penso di poter dire che fino a qui (con tutte le cautele del caso) l'operazione si è rivelata un successo.

    Ciao!
     
    • Like Like x 6
    Ultima modifica: 22 Gennaio 2016
  9. blizzard

    blizzard Moderator Membro dello Staff

    Registrato:
    13 Ottobre 2011
    Messaggi:
    4.123
    Ratings:
    +1.536
    Che smacco per l'ottava armata, una Kasserine britannica !
    Dove sono finite le divisioni di fanteria britanniche?
     
    • Like Like x 1
  10. maie

    maie

    Registrato:
    18 Luglio 2007
    Messaggi:
    5.377
    Ratings:
    +676
    Ciao,

    Penso siano rimaste indietro rispetto alle unità moto-corazzate. Purtroppo le mie recon non le hanno individuate, il prossimo turno cercherò di lanciare missioni di ricognizione più in profondità.

    Meanwhile, in the Libyan desert...

    [​IMG]

    XD


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
     
  11. maie

    maie

    Registrato:
    18 Luglio 2007
    Messaggi:
    5.377
    Ratings:
    +676
    Ciao @blizzard

    scusa mi ero perso questo pezzo. I colori degli AF (immagino tu intenda airfields) indicano la presenza o meno di aerei e il TOE della base: verde per aeroporti contenenti aerei e TOE max settato su valori >1 o AUTO, arancione per aeroporti con aerei e TOE max settato = 1, rosso per aeroporti senza aerei.

    Gli aeroporti nemici in blu dovrebbero corrispondere agli aeroporti in cui ho individuato degli aerei tramite recon (sono sicuro al 90%, ma non trovo riscontro nel manuale).

    Ciao!
     
    • Informative Informative x 1
  12. alberto90

    alberto90

    Registrato:
    18 Febbraio 2013
    Messaggi:
    1.435
    Località:
    torino
    Ratings:
    +336
    Porca miseria ... se fai fuori quelle unità, l' ottava sarà depauperata parecchio ... bel colpo.
     
    • Like Like x 1
  13. Amadeus

    Amadeus

    Registrato:
    17 Febbraio 2006
    Messaggi:
    1.462
    Ratings:
    +552
    Bell'AAR. :approved:
    Mi sta confermando nell'idea che "Torch" sia lo scenario ideale per valutare il nuovo sistema di gioco dei megagame targati Grigsby.
     
    • Like Like x 1
  14. Invernomuto

    Invernomuto -

    Registrato:
    30 Gennaio 2006
    Messaggi:
    6.036
    Località:
    Torino
    Ratings:
    +429
    Elabora... Che intendi?

    Inviato dal mio Sony Xperia Z5 con Tapatalk
     
  15. Amadeus

    Amadeus

    Registrato:
    17 Febbraio 2006
    Messaggi:
    1.462
    Ratings:
    +552
    Nulla di particolarmente profondo, semplicemente che, per valutare se il sistema di gioco di WItW sia in grado di dare risultati realistici Torch è una scelta migliore rispetto al gioco campagna, per le sue dimensioni ridotte, ed è migliore rispetto a scenari micro, ad esempio su Market Garden o le Ardenne, in quanto rappresenta un teatro di operazioni completo.
    A questo punto bisognerebbe prendersi un libro sulla campagna di Tunisia e giocare una partita in solitario da entrambi i lati per vedere se le cose vanno come dovrebbero... io lo farei pure (scherzo!) ma l'unico libro sulla Tunisia che posseggo è Exit Rommel, che non so valutare quanto sia sensato, visto che sbaglia anche alcuni nomi di armate!
     
  16. maie

    maie

    Registrato:
    18 Luglio 2007
    Messaggi:
    5.377
    Ratings:
    +676
    Turno 22 - 6 Apr 1943

    La settimana si apre come previsto. Sul fronte del Mareth, la 50th BR Infantry Div e la 51st BR Infantry Div hanno sfondato l'accerchiamento con due attacchi, aprendo un corridoio lungo la costa ampio 20 miglia. Le unità nella sacca, a corto di rifornimenti e soprattutto carburante, non sono però riuscite a sfruttare la falla per mettersi in salvo e rimangono grosso modo nelle stesse posizioni di partenza. Nel frattempo, il resto dell'8° Armata Britannica sta arrivando da Tripoli e il nemico tenta subito una manovra aggirante sul mio fianco Sud, tentativo che in realtà non riesce a spingersi troppo in profondità.

    Il fronte Algerino-Tunisino, desta grandi preoccupazioni. Il nemico infatti ha lanciato quattro attacchi, due nel settore Centro (1 retreat e 1 held) e due nel settore Sud (1 rout e 1 held). La situazione al Centro è particolarmente preoccupante, visto che sono ormai diversi turni che il nemico insiste in questa zona e il fronte ha ormai assunto una chiara conformazione a cuneo, con la punta Alleata che si protende all'interno del mio schieramento in direzione degli aeroporti di Kairouan e dei porti di Sousse e Mahdia.

    Per quanto riguarda i rinforzi, nel porto di Tunisi sbarcano il "HG Kampfgruppe Ewert" e il "I/HG Panzer Battalion". Si tratta delle ultime unità che riceverò in questa partita (che si conclude al turno 38).

    Nello screenshot qua sotto ho incluso in alto a destra un quadro con la situazione della sacca di Tataouine avendo selezionato "Fuel" come Soft Factor: come potete vedere dai colori, a parte le due unità in verde all'estremità orientale della sacca (due brigate di fanteria della 51st BR Infantry Div), il resto delle unità precedentemente isolate è ancora a secco di carburante, mentre le mie divisioni sono perfettamente rifornite.

    Turno 22 - Overview & Enemy attacks.jpg

    Air Planning

    Per quanto riguarda la pianificazione aerea, confermo le missioni già impostate il turno precedente. In particolare, nel settore di Mareth estendo l'area delle mie recon così da identificare al meglio le unità nemiche sopraggiunte in aiuto delle divisioni accerchiate, al fine di evitare spiacevoli sorprese nemiche da Sud.

    In termini di risultati riesco a generare valori di interdizione abbastanza modesti. Le perdite calano e sono quasi dimezzate rispetto alla settimana scorsa nonostante il numero di sortite sia in aumento. Sul fronte Algerino, continuo a raccogliere i frutti dei miei attacchi sugli aeroporti nemici: benché infatti il confronto tra 'Total Aircraft' continui a rimanere favorevole agli Alleati (2767 Allied vs 2176 Axis), il confronto tra 'Total Ready Aircraft" torna nuovamente in mio favore come qualche turno fa (1750 Allied vs 2025 Axis).

    Ground Movement

    L'Operazione "Capri" prosegue nella sua seconda settimana. Come prima cosa sigillo nuovamente la sacca, onde evitare che le unità nemiche possano sfuggire all'annientamento.
    Dopodiché, inizio a ripulire la sacca. Si combattono circa 15 diverse battaglie tra le mie unità e il nemico accerchiato. Quasi tutte si concludono favorevolmente per me, tranne il mio attacco alle due brigate britanniche della 51st BR Infantry Div all'estremità orientale della sacca.

    I reggimenti della 90th e della 164th PzGren attaccano le unità a loro più vicine e le spingono verso Ovest, contro il muro formato dalle mie divisioni Panzer, supportate dalle divisioni italiane "Giovani Fascisti" e "Trieste". I miei panzer spingono come un rullo compressore e nella loro avanzata travolgono le unità nemiche fino a che, in due grandi battaglie combattute a Est di Tataouine, le unità britanniche superstiti sono infine costrette alla resa in massa.

    Turno 22 - Unternehmen Capri.gif
    It's a GIF!

    Nella sacca di Tataouine l'8° Armata Britannica ha perso 27'000 uomini (più di 20'000 prigionieri), 500 cannoni e 200 AFV, mentre le mie perdite sono irrilevanti. Al termine dei combattimenti risultano distrutte le seguenti unità nemiche: 7th BR Armoured Div, 1st BR Armoured Div, 4th BR Light Armoured Bde, 3/2nd NZ Mixed Div.
    Ripulita la sacca, decido di ritirare le unità più esposte sulla posizione di Ben Gardan, con le divisioni Panzer in seconda linea, lasciando quindi virtualmente libere le due brigate della 51st BR Infantry Div che non sono riuscito a distruggere: con il resto dell'8° Armata così vicino ho preferito essere prudente per non buttare al vento il grande successo appena conquistato.

    Prima di ritirarmi completamente, lancio una puntata offensiva verso Est per catturare un grande aeroporto nemico rimasto scoperto. Le mie recon aeree avevano infatti individuato circa 170 aerei nemici a terra, un bottino troppo ricco che non può certo essere abbandonato alla leggera.
    La 1st HG Grenadier Bde, che dispone ancora di molto carburante, avanza quindi velocemente, occupa l'aeroporto cogliendo di sorpresa il nemico e distrugge quasi 210 aerei nemici (ce n'erano quindi di più di quanti individuati dalle recon) tra fighter bomber e level bomber e almeno altrettanti piloti nemici sono catturati/uccisi. Conclusa la missione, la mia brigata ritorna nei ranghi.

    Questa la situazione delle divisioni Panzer al termine dei combattimenti (tra parentesi le variazioni in rosso rispetto a inizio turno):

    • 21st Panzer Div: 71 AFV (-2), 34% TOE (-2%)
    • 10th Panzer Div: 167 AFV (-1), 50% TOE (-1%)
    • 15th Panzer Div: 68 AFV (-4), 40% TOE (-2%)
    Ecco una visione d'insieme della situazione in Tunisia:

    Turno 22 - End Turn.jpg

    In Tunisia, ho effettuato una piccola ritirata di circa 20 miglia nel settore Centro in corrispondenza della pressione nemica e sono ora attestato su posizioni che spero di riuscire a difendere più facilmente grazie alle montagne. Il fronte comunque sembra sempre più sbilanciato e penso che fra non molto dovrò far arretrare l'intero settore Sud di 30-40 miglia.
    All'estremità del settore Sud, noto che diverse unità nemiche sono in movimento nel deserto. Non credo si tratti di un'operazione principale di cui preoccuparsi, comunque vedremo nel prossimo turno come si evolve la situazione. Nel frattempo ho fatto leggermente arretrare il PzGren Rgt di 10 miglia per precauzione.

    Per quanto riguarda il fronte di Mareth, prevedo per il prossimo turno l'estensione dell'operazione attuale con il lancio di "Unternehmen Capri II", una nuova offensiva avente come obiettivo la distruzione totale dell'8° Armata Britannica. Se dovesse riuscire (vediamo come si comporta l'AI), vorrebbe dire avere la strada libera per la riconquista della Libia e anche un significativo alleggerimento della situazione sul fronte Algerino.

    Ciao!

    Ps. Alessandria stiamo arrivando! Uomini, preparate il lucido da scarpe per la parata :D
     
    • Like Like x 2
  17. Invernomuto

    Invernomuto -

    Registrato:
    30 Gennaio 2006
    Messaggi:
    6.036
    Località:
    Torino
    Ratings:
    +429
    Il "povero" Monty fu criticato perché non diede il colpo finale all'Afrika Korps per la troppa prudenza.
    Questo scenario dimostra che non aveva tutti i torti :)

    Io ho iniziato lo scenario vs IA con gli alleati, secondo me l'IA ha parecchi problemi a gestire gli attacchi in questo scenario, le difficoltà logistiche, superati i primi turni, sono molto pesanti per l'alleato ed ho parecchi dubbi anche sull'efficacia della gestione delle basi aeree (o sono molto distanti dal fronte oppure a rischio conquista...).

    Ciao
     
    • Agree Agree x 1
  18. hurricane

    hurricane Banned

    Registrato:
    5 Agosto 2014
    Messaggi:
    822
    Ratings:
    +563
    La AI ha sempre più problemi in attacco rispetto alla difesa. Diventa tutto più complesso e complicato.
    Penso sia una regola che vale per tutti i wargames e tutti gli scenari.
     
    • Agree Agree x 2
    Ultima modifica: 2 Febbraio 2016
  19. maie

    maie

    Registrato:
    18 Luglio 2007
    Messaggi:
    5.377
    Ratings:
    +676
    Turno 23 - 13 Apr 1943

    La disfatta del turno scorso ha indotto l'8° Armata ad una maggiore cautela e infatti sembra che il nemico abbia fermato la sua avanzata iniziata ad El Alamein. Sul fronte Algerino continua la pressione Alleata. Un attacco viene respinto nel Nord, mentre al Sud tre attacchi su quattro riescono. In particolare, la ritirata delle unità italiane si trasforma in rotta e ora c'è una falla di 20 miglia nel mio fronte. Ho deciso quindi di spostare dal fronte di Mareth (notevolmente alleggerito) al fronte Sud il XXI. Ital Corps.

    Turno 23 - Overview.jpg

    Air Planning

    Nessun cambiamento sul fronte aereo. In Libia sposto le mie recon più verso Est, così da avere una visione più chiara della disposizione dell'8° Armata.
    In termini di risultati, noto un calo di efficacia dei miei bombardamenti sugli aeroporti algerini. Calano anche le mie perdite generali.
    In Libia l'interdizione generata rimane abbastanza modesta, motivo per cui decido di assegnare a questo settore alcune nuove squadre ricevute nei turni precedenti e che ancora non avevo dispiegato, nella speranza che dal prossimo turno possano darmi un aiuto più deciso.

    Ground Movement

    Come detto sopra, per prima cosa ritiro dal fronte di Mareth il XXI. Ital Corps ("Trieste" Inf. Div, "Bologna" Inf. Div, "Giovani Fascisti" Mot. Div e "Pistoia" Inf. Div, ancora in fase di ricostituzione nel porto di Gabes). Queste unità raggiungeranno il mio settore Sud del fronte Algerino al più presto.

    Le recon individuano un'8° Armata che ha ormai perso lo slancio iniziale. Diversamente dal turno precedente, il nemico non ha tentato alcuna manovra aggirante. Un gran numero di unità si trova a diretto contatto con il mio Panzer Corps, mentre altre unità si trovano ancora metà strada tra il fronte e Tripoli.
    La situazione è ancora molto fluida e i varchi da sfruttare sono molti, quindi decido di mantenere l'iniziativa e lancio "Unternehmen Capri II", obiettivo: Tripoli.

    L'Operazione si apre con l'avanzata lungo la costa di due reggimenti della 90th Lt Mot. Div che rapidamente raggiungono Az Zawiyah e bloccano la ritirata alle unità britanicche. Nella loro avanzata queste due unità hanno conquistato tre diversi aeroporti, riuscendo di nuovo a cogliere di sorpresa il nemico: gli Alleati perdono così altri 300 aerei! Nei pressi di Az Zawiyah metto alla prova la brigata di fanteria britannica presente in zona, che tuttavia resiste per il momento.

    Turno 23 - Unternehmen Capri II.gif
    It's a GIF!

    Dopodiché, il resto del Panzer Corps inizia a premere contro le unità accerchiate, partendo da Ben Gardan in direzione Sud-Est. Le brigate di fanteria britannica sono spinte indietro verso il deserto per assicurare il corridoio che corre da Ben Gardan fino ad Az Zawiyah. Qui invio il grosso del Panzer Corps, così da sigillare in modo sicuro la sacca e precludere al nemico le vie d'accesso alla Tunisia attraverso il deserto. La brigata di fanteria inglese viene sconfitta e si ritira ma, ormai a secco di carburante, non proseguo l'avanzata verso Tripoli.
    La 164th Lt Mot. Div e la 21st Panzer Div restano invece indietro con il compito di ripulire la sacca nel corso della prossima settimana.

    L'Operazione procede quindi bene. Non credo che il nemico riuscirà a riaprire la sacca questa volta. Il prossimo turno conto di rientrare a Tripoli ed accerchiare/eliminare le restanti unità dell'8° Armata.
    Nel corso dei combattimenti il nemico ha perso circa 3500 uomini, 1800 dei quali appartenenti alla 201st Guards Mot Bde che si è arresa nei pressi di Ben Gardan. Lo stato delle mie divisioni Panzer (tra parentesi le variazioni in rosso rispetto a inizio turno):
    • 21st Panzer Div: 69 AFV (-0), 33% TOE (-1%)
    • 10th Panzer Div: 167 AFV (-5), 48% TOE (-5%)
    • 15th Panzer Div: 66 AFV (-1), 39% TOE (-3%)
    In Tunisia, il settore Sud ripiega di circa 10-20 miglia. Le unità italiane del XXI. Ital Corps di supporto arriveranno il prossimo turno a dare una mano. Qui sotto la situazione generale a fine turno:

    Turno 23 - End Turn.jpg

    Ciao!

    Ps. Si accettano consigli sul da farsi una volta annientato il resto dell'8° Armata (overconfidence, anyone? :D). Personalmente sono per proseguire l'avanzata con le due divisioni motorizzate e ritirare le tre divisioni panzer, da inviare sul fronte Algerino. Preferisco far avanzare in Libia poche unità mobili così da non avere troppi problemi a rifornirle.
     
    • Like Like x 2
  20. Daniel Morrison

    Daniel Morrison

    Registrato:
    15 Settembre 2008
    Messaggi:
    1.368
    Ratings:
    +162
    Sono d'accordo con te. Le tre divisioni panzer saranno molto più utili sul fronte algerino. Non puoi inviare qualche unità motorizzata italiana in Libia? (In cambio delle divisioni panzer) Ormai troveranno la strada spianata.
     

Condividi questa Pagina