1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

AAR Multy - Il risveglio d'Europa

Discussione in 'Le vostre esperienze' iniziata da Lenfil, 8 Settembre 2009.

  1. Giank56

    Giank56 Moderator Membro dello Staff

    Registrato:
    26 Luglio 2009
    Messaggi:
    2.620
    Località:
    Paratico
    Ratings:
    +108
    IL NUOVO MONDO
    l'Europa dalla guerra ne esce quasi distrutta, soprattutto nei Balcani mentre il resto cade nel caos.
    nella nuova situazione mondiale:
    l'Austria ne esce completamente trasformata, il popolo austriaco rimane sempre fedele alle istituzioni imperiali, chiedendo comunque maggiori libertà, così il gen. Kraffen si appresta a democratizzare il Paese, e divide il potere del governante da quello pontificio creando così un potente nucleo cattolico che riunirà sotto di se tutte le pecorelle smarrite che vogliono tornare ad abbracciare l'unica vera fede, seguendo questa scia l'Ungheria decide di riunirsi all'Austria (nel 1790) a patto di mantenere le autonomie fiscali e politiche della regione.
    Gli Ottomani che escono politicamente indenni dalla guerra, restano fedeli alleati dell'Austria diventando ottimi parter commerciali, e ricreando ciò che resta dell'ideale dei vecchi Imperi Uniti Orientali.
    la Francia rimasta territorialmente quasi invariata viene colpita da diverse rivolte contadine, il governo del Re riesce a placare gli animi a costo di riduzione delle tasse, e la l'indipendenza di alcune città-stato
    Paesi Bassi economia fiorente, seppur non riuscirà a imporsi sui mercati anglo-scandinavi diverrà la terza nazione più ricca al mondo, per questo riuscirà ad ottenere l'indipendenza dal vassallaggio con la Germania, restando comunque alleate.
    Italia altra nazione cattolica, accetterà il cambio della sede da Roma a Vienna a patto che si alternino ogni 10 anni, riuscendo a mantenere le sue colonie nel giro di svariati anni riuscirà a rimettere in sesto l'economia anche se come armamenti rimarrà piuttosto indietro, va detto che le più grandi menti e le migliori opere artistiche/letterarie nasceranno in Italia facendola il centro dell'arte e della letterature.
    Spagna nel suo esilio americano deciderà di cambiare nome prima in Argentina, poi a seguito delle rivolte americane appeggerà tutti i ribelli riunendoli negli S.S.A.U. (stati sud americani uniti).
    Russia la morte dello Zar eredi porterà questa grande nazione alla rivoluzione comunista, instaurando una repubblica totalitaria, il nuovo governo eliminerà i discendenti dello Zar e manterra unita la nazione.
    Germania risolte le piccole sacche di rivoltosi inizierà a industrializzare pesantemente tutte le regioni diventando in pochi anni la nazione più industrializzata su suolo nazionale specializzandosi in armamenti dovetando anche la principale forza militare terrestre del Patto Nordico. Non parteciperà comunque alla guerra civile in America dato che si impegnerà a finire la colonizzazione asiatica.
    Scandinavia nei primi decenni sarà al massimo del suo splendore, fino all'inizio della guerra civile delle colonie Americane che colpirà anche la Gran Bretagna (10 Aprile 1756) non riuscira comunque a reggere i costanti assalti ribelli e dovrà rinunciare a tutte le colonie in America. mentre manterrà seppur a fatica i vari avamposti asiatici.
    UK come la Scandinavia anch'essi troveranno decenni di pace e prosperità fino allo scoppio della guerra civile, inizialmente resisterà a tutti i rivoltosi, ma la notizia farà il giro del mondo e pure le colonie asiatiche si rivolteranno, obbligando gli inglesi a spostare truppe in Cina, questo farà si che le colonie americane si guadagnino l'indipendenza. Per il resto la marina inglese rimarra sempre la più vasta al mondo.
    infine nel 2012 le isole inglesi affonderanno, non prima di essere colpite da meteore e terremoti.
    USA ufficialmente riconoscuti nel 1788 sono in realtà nati nel 1756 allo scoppio della guerra civile contro gli inglesi, all'inizio erano sul punto di crollare, ma grazie a valorosi leader e consiglieri militari austro-russi scappati dall'Europa per sfuggire ai nordici, insegnando ai coloni l'arte della guerriglia. avranno tutte le colonie dell'America del nord tranne buona parte del Canada orientale (rimasto in mani Nordiche) e la Florida (rimasta fedele alla Germania ottenendo comunque un autonomia limitata) mentre il Messico deciderà di non unirsi e liberando il centro America ottenendo il Texas.
    Penisola Iberica rimarra cattolica ma per via della divisione non ha potuto beneficiare dell'accordo pontificio austro-italiano.

    E DOPO QUESTO SIMPATICO SPIN-OFF

    Infine un saluto caloroso da parte mia a tutti i partecipanti del multy e vi auguro buon natale e felice anno nuovo a tutti nel caso non ci si rivede :approved:
    mi son veramente divertito in questo multy e per questo vi ringrazio per avermi fatto partecipare.
     
  2. Ciresola

    Ciresola

    Registrato:
    18 Giugno 2009
    Messaggi:
    3.987
    Località:
    Valeggio sul Mincio, Italy, Italy
    Ratings:
    +32
    Dopo la sconfitta si delineano nuovi scenari per il mondo

    L'IMPERO OTTOMANO dopo la perdita di 3/5 dei suoi territori, è precipitato nel caos, le ribellioni nazionaliste e patriottiche nei balcani dilagano e il governo centrale sembra impotente, nonostante tutto la macchina bellica Turca funziona ancora e riuscirà grazie all'intervento nordico a riprendere il controllo della situazione.
    A Istanbul hanno trovato asilo gli eredi dei Regnanti di Francia e Russia, in questi paesi infatti i governi legittimi sono stati ribaltati a favore di nuove idee.
    Dopo l'indipendenza del medio oriente l'Impero Ottomano fonda l'U.P.I.L. (Unione popoli islamici liberi) e si fa garante di tutti gli stati islamici della terra, per evitare che la tanto amata cultura di Allah venga inquinata dai dilaganti ideali nordici.
    L'U.P.I.L. nel 2001 diverrà il 3° Impero Ottomano (dopo quello di Attilio e il mio).
    Ovviamente ALI CIRE-SOLAH nel 2003 viene conivolto nello scandalo per gli appalti dei MAC ALI' in Iraq, le cucine per i Kebab vengono scambiati (dall'illustrissimo presidente USA Lenfil) laboratori per le armi chimico-batteriologiche della Umbrella Corp.
    L'AUSTRIA dopo la sconfitta molto pesante, è costretta a perdere l'Impero coloniale e più di metà del nucleo del Reich.
    La nascita della Repubblica fà si che la famiglia reale, o ciò che ne resta, venga esiliata tra le mura di Istanbul (con grande felicità del sultano ALI CIRE-SOLAH che vuole ringraziare il defunto Imperatore Giank56 della fedeltà ed amicizia di cui ha dato prova).
    La riorganizzazione statale però non andrà come sperato e nel 1842 con la "Rivoluzione dei Girasoli" ritornerà il Reich che ristabilirà il saggio pensiero austriaco su l'antico Impero, così da far sentire sempre più uniti i popoli dei balcani così che possano sentirsi Balcanici non Serbi, Bosniaci, Ungheresi o Austriaci.
    Nel 1902 l'Impero Austriaco otterrà le intere Fiandre e la Somalia, confermandosi una potenza di rilievo.
    Nel 1919 l'Imperatore Giank56 (o per megilo dire ciò che ne rimane) romperà gli indugi e conquistrà l'intero sud della Germania.
    La FRANCIA è stata letteralmente invasa da orde di ribelli che hanno combattuto contro un sovrano che ha fatto molto, per una nazione che purtroppo non lo a ricambiato.
    Dopo l'indipendenza dell'Arcmagnac i ribelli entrano a Parigi e abbattono la Reggia di Versailles, viene instaurata una repubblica parlamentare che isola la Francia dal mondo per quasi un secolo, poi in contemporanea con la "Rivoluzione dei Girasoli" in Austria, gli Eredi di Re, supportati dalla addestratissima guerriglia ottomana, riprendono Parigi e proclamano il 2° Impero.
    Il nuovo Roi de France riuscirà a stabilire una salda rete di alleanze con gli altristati d'Europa, e comprerà (ad Hao-Mai in offerta a 30 euro), grazie anche al popolo, l'intera America Meridionale Britannica sino a Panama.
    La RUSSIA vedrà la nascita di un nuovo Impero, quello sovietico, che (anche grazie all'assenza degli USA, colpa di Lenf :D) porterà gli ideali comunisti oltre le frontiere delle steppe Rosse.
    Nel 1913 nascerà, in seguito alle ribellioni socialiste contro il conservazionismo Lenfiliano, la Repubblica Popolare Indiana che diverrà nel 1934 stato satellite della Russia, nel 1989 l'URSS invadrà la Cina togliendo a Germania e UK le ultime colonie in Asia.
    Nonostante gli ideali Russi siano molto lontani da quelli degli altri membri degli IUE la coalizione rimarrà sempre unita e compatta.
    La GERMANIA vedrà , dopo appena 17 anni dalla fine della WW1, il frazionamento del suo essere, i crucchi saranno rilegati alla R.C.F. (Repubblica Crucco-Filippina).
    Nel 1919 l'Austria romperà le frontiere e invaderà l'intera miriade di stati tedeschi annettendo l'intero sud e arrivando alla Francia.
    Poi un bel giorno a Berlino (capitale del Brandeburgo) il nuovo Furher Jason (bentornato) in soli 134 anni (1920-2034) riunirà l'intero popolo tedesco e nascerà la nuova R.I.T. (Repubblica Imperiale Tedesca).
    Nel 2056 la RIT entrerà in guerra con l'Impero Britannico e riuscirà a conquistare e rendere indipendenti gli USA.
    La SCANDINAVIA manterrà il ruolo di prima potenza economica, e grazie all'illuminata guida di sua maestà Nirian manterrà intatto il suo patrimonio territoriale sino al 2346 anno del'invasione covenant.
    Nel 1949 si stacca dal P.N. in seguito allo sgancio su Rio de Janeiro di una bomba nucleare tattica (da notare la scritta U.K.A.) per fini di divertimento da parte del sovrano anglo-sassone-Jappofilo Lenfil che giocava al tiro a bersaglio.
    La GRAN BRETAGNA vivrà tra il 1740 e il 1815 il suo massimo splendore sotto l'apocalittica guida dell'illuminato Imperatore Lenfil, poi nel 1815 in seguito all'incidente di Namqualand inizierà a decadere inesorabilmente, prima il Sudafrica (1815) poi l'Australia (1867) si proclameranno indipendenti e nel 1913 l'India comunista si staccherà dalla corona.
    La flotta Imperiale verrà perlopiù dismessa per mancanza di metalli pesanti, e la poca rimanente verrà affondata attorno a Matirinca da un paiodi pescherecci cubani (ricordiamo la HMS Sheffield, HMS Empire, HMS Londra e l'ammiraglia HMS Lenfil.
    Trovandosi senza flotta nella guerra del 1989 l'UK perde anche la Cina, trale proteste generali dell'opinione pubblica e gli incidenti in piazza (il 7 aprile del 1989 Lenfil riceverà sul viso un modellino della torre di Londra, scagliato da Max Tartagl) l'Imperatore Lenfil si getterà sotto un'autotreno sulla statale 11 (luogo molto frequentato, non solo da lui).
    Il paese è nel caos, e dopoessere stati battuti dalla Mongolia nella corsa allo Spazio, viene sconfitta dala R.I.T. e perde gli USA che diventano indipendenti.
    All'Impero non rimane altro che Corfù, la Britannia, l'Irlanda, il Messico e alcuni stati in africa occidentale.

    -------------------------------------------------------------------------------

    Termino salutando tutti partecipanti, ex partecipanti, lettori e NWI in generale.
    Il coinvolgimento e l'interesse sono stati costanti da parte di tutti (anche i lettori) spero che vi siate divertiti tanto quanto io mi sono divertito a giocarla.
    Chiudo con un caloroso saluto e i migliori auguri di Buon Natale e buon Anno
     
  3. nirian

    nirian Guest

    Ratings:
    +0
    La Scandinavia sigla il trattato della pace vittoriosa :contratto:

    Per gli sviluppi di uno spin-off concordo pressoché totalmente con la descrizione di Lenfil, solo l'Impero Ottomano fra i nostri avversari ha una sufficiente consistenza per sopravvivere così com'è, mentre sul nostro versante la Germania avrebbe bisogno di una buona terapia ricostituente ma con l'aiuto degli alleati reggerebbe l'urto delle rivolte.

    ---

    Il multyplayer ha avuto un grande successo, tenendo anche conto dell'inesperienza di gran parte dei giocatori (io ero alla seconda partita in EU e prima in In Nomine, single comprese).

    L'inesperienza ha causato i flames che hanno tanto divertito il pubblico ma reso molto difficile la vita di Lenfil che specie nelle prime settimane è stato bravissimo a tenere unito il gruppo e a disinnescare numerose situazione esplosive.

    Sul piano più tecnico, si è notata una certa approssimazione nelle strategie economiche e tecnologiche, che sono il cuore del gioco, che non è un Hearts of Iron ambientato nel '400 (e la guerra finale non è stata vinta per caso dalle nazioni più ricche e tecnologiche benché più povere di manodopera), ma ora abbiamo imparato tutti e faremo meglio.

    Ora grazie a questo multy sta nascendo una scuola pubblica di EU-multy su NWI che potrebbe consentirci di svezzare molti nuovi giocatori, insomma è stato l'aratro che ha tracciato il solco ;)

    I singoli giocatori li saluto tutti insieme, già hanno scritto tantissimo qui, lascerei un pensiero a parte per il lavoro oscuro di Jason, che ha retto Brandeburgo, Prussia e Germania, ha creato la Germania grande potenza fin dal Cinquecento, e con il suo esercito ha avuto un ruolo enorme nell'unificazione scandinava, nell'unificazione russa e nel mantenimento in vita della Francia nei secoli in cui questa era spazzata dai ribelli, oltre che a creare la forza d'urto per la guerra finale che avrebbe poi condotto il suo successore Filippo I.

    Buon Natale dalla terra di Babbo Natale (eh sì, in quanto uscente Statholder scandinavo sono il Signore di Rovaniemi, provincia di Osterbotten, Botnia Orientale, nel gioco).

    [​IMG] addio mia piccola grande Scandy, già mi manchi :)
     
  4. Lenfil

    Lenfil Account non in uso. Non contattatemi sul forum.

    Registrato:
    6 Giugno 2006
    Messaggi:
    2.838
    Località:
    Treviglio [BG] / Venezia
    Ratings:
    +0
    Grazie ragazzi, è bello sapere che mi volete tutti bene! :D
     
  5. von Kleist

    von Kleist

    Registrato:
    2 Agosto 2006
    Messaggi:
    2.297
    Località:
    Padova
    Ratings:
    +0
    dai compare non prendertela :p
     
  6. andy

    andy

    Registrato:
    20 Maggio 2008
    Messaggi:
    2.342
    Ratings:
    +114
    ma su lo sai mio adorato Jappofilo che ti adoro :love:
     
  7. Re_d'_Italia

    Re_d'_Italia

    Registrato:
    16 Febbraio 2009
    Messaggi:
    653
    Località:
    Pescara
    Ratings:
    +0
    IL FUTURO

    Cosa accade all'Europa dopo la Prima Guerra Mondiale secondo la versione francese! :D:D

    Il vecchio continente è sconvolto, le province europee sono al collasso e la Francia è in ginocchio: Francesco II viene brutalmente ammazzato dalle forze ribelli mentre il sud cattolico dichiara l'indipendenza dal nord protestante unendosi alla coalizione cattolica Austro-Italiana.​

    L'Austria, infatti, ripresasi dalla estenuante guerra e dai ribelli e instaurata la "Democrazia Liberal-Imperialista" condvide insieme all'Italia il controllo della religione cattolica e riesce a diploannettere l'Ungheria nel 1790.​

    Intanto, la Germania, dopo la secessione della Baviera, riesce a ricompattare il suo Impero e punta alla sfida economica contro la Scandinavia. Queste due super-potenze, piombano infatti in uno stato di guerra fredda costante per la supremazia economica.​

    Intanto, in Russia, la Siberia si dichiara indipendente e il debole governo rivoluzionario viene brutalmente rimpiazzato dalle masse bolsceviche aizzate da un un antenato dell'oggi noto Lenin. La Russia, guidata da una feroce dittatura comunista, invade la Siberia e si prepara allo scontro con la Scandinavia.​

    L'alleanza turco-austriaca crolla e gli IUE si sfasciano ufficialmente a trent'anni dalla I Guerra Mondiale, ma difatto erano crollati da tempo. L'Impero Ottomano stringe legami sempre più forti con l'UK che con il suo consenso, e il dissenso dell'alleato tedesco, annette l'Egitto sfruttando le ricche pianure sul Nilo lasciando agli ottomani libertà in Medio Oriente e in Arabia che riunificate nel 1795.​

    Intanto, a Parigi, si era instaurato un governo democratico e di Unità Nazionale dove confluivano partiti socialisti, liberali, cattolici e radicali lasciando fuori dall'arco parlamentare l'asse monarchica che comprendeva anche le estreme destre.​

    Nel 1790, un colpo di stato fallisce a Parigi e un giovane corso espatriato nella "Repubblica di Parigi", che si chiamava Napoleone Bonaparte, scende in difesa degli ideali repubblicani e, alla testa di un esercito di modeste dimensioni sconfigge le truppe filo-monarchiche del "Regno di Vichy".​

    Viene proclamata la Republique Francaise governata dallo stesso arco parlamentare della Repubblica di Parigi che viene deposta nel 1797 da Napoleone e viene instaurato l'"Impero di tutti i Francesi".​

    Ma nello stesso anno, dopo anni di tensioni, scoppia la guerra fra i tedeschi e gli scandinavi. Con i tedeschi si schiera la Russia, mentre il Regno Unito, che stava combattendo da cinquanta anni i ribelli americani e indiani, rimane neutrale rompendo le relazioni sia con Berlino che con Stoccolma.​

    Napoleone sfrutta il momento favorevole e attacca violentemente i Paesi Bassi, i satelliti tedeschi che avevano invaso il nord della Francia durante la I Guerra Mondiale. In verità, i francesi miravano a Berlino, ma i tedeschi, per non aprire troppi fronti, avevano preferito lasciare i Paesi Bassi al loro destino. Così Napoleone annesse dopo un solo anno di guerra i Paesi Bassi all'Impero di tutti i Francesi mentre l'alleanza anti-scandinava mangiava territori in Finlandia non riuscendo, tuttavia, a sbarcare in Svezia a causa della netta superiorità navale scandinava.​

    L'Austria, riannessa l'Ungheria, sfruttando il momento favorevole dichiarò guerra ai paesi indo-cinesi liberati scatenando le ire dell'UK. Si apriva, dunque, la Guerra austro-inglese. Con l'Austria si schierò l'Italia mentre, udite udite, si alleò con il Regno Unito Napoleone Bonaparte che invase a macchia d'olio l'Italia e le sue colonie riducendo lo stato italiano a vassallo dopo soli due anni di guerra e rilasciando alcuni stati-cuscinetto nel nord-est pappandosi, invece, Piemonte, Liguria e Lombardia, e tutte le colonie italiane.​

    L'Impero Ottomano dichiarò guerra all'Austria, alleandosi con gli anglo-francesi e la spietata alleanza ridusse alla fame e cancellò dallo scenario politico internaziole nel 1805 l'Austria riducendola ad una piccola nazione montana, assegnando agli Ottomani i balcani, l'indipendenza all'Ungheria e il riconoscimento della vittoria francese sull'Italia.​

    Intanto, la Germania e la Russia entravano finalmente a Stoccolma il 3 aprile 1806 e costringendo alla resa la Scandinavia che cedeva tutte le colonie alla Germania, e la Finlandia alla Russia mentre veniva rilasciata la Norvegia come stato satellite dell'U.R.S.S.​

    La Francia, divenuta la potenza dell'Europa occidentale, aveva riannesso i possedimenti nella Penisola iberica e aveva spazzato via i residui spagnoli dall'Europa che si riduceva a stato sud-americano.​

    Il Regno Unito riusciva a sventare la nascita degli U.S.A. ma era costretto a cedere alle pressanti rischieste d'indipendenza da parte dell'India che assumeva un governo filo-sovietico. Ma lo scontro con la Francia era inevitabile. Così, nel 1810, dopo una scaramuccia per l'isola di Malta, l'UK consegna per la seconda volta nella storia europea una dichiarazione di guerra all'Imperatore Napoleone Bonaparte.​

    SCOPPIA LA SECONDA GUERRA MONDIALE

    Questa volta, i francesi, si trovavano con una flotta molto meglio equipaggiata e, sebbene perdevano tutti i porti atlantici, riuscirono a difendere gibilterra e il Mediterraneo sconfiggendo la Royal Navy tra la Spagna e il Marocco. L'Impero Ottomano, ancora dolente a causa del conflitto con l'Austria, rimaneva inizialmente fuori dal conflitto mentre la Germania, delusa dall'UK per la rottura dei rapporti diplomatici, si alleava con la Francia. Anche l'U.R.S.S. ne rimase inizialmente fuori.​

    Il Regno Unito tentò dunque uno sbarco sul continente, e il 6 giugno 1811 ben 50.000 inglesi assediano la Normandia mentre l'Italia si ribella al vassallaggio francese e gli dichiara guerra tentando di riconquistare le regioni perdute.
    La Normandia viene persa e i soldati francesi giungono in estremo ritardo a nord, mentre viene affidato il fronte italiano al generale Gioacchino Murat.​

    Le truppe inglesi giungono a pochi passi da Parigi, mentre altri rinforzi sbarcano a Bordeux, con un drappello di 30.000 uomini. Quest'ultimo reggimento proviene dall'America che, sguarnita di truppe inglesi, si solleva dichiarando l'indipendenza degli Stati Uniti d'America il 25 maggio 1812. Alle porte di Parigi, l'esercito napoleonico sconfigge gli inglesi, stremati dalla sacca fatta intorno a loro. Nella battaglia di Versailles muoiono 40.000 inglesi e 30.000 francesi.​

    Parte della Royal Navy è costretta a smobilitare i blocchi navali della Francia per trasportare nuovi uomini nelle Americhe, così, la marina franco-tedesca, prende il sopravvento distruggendo nella Battaglia di Trafalgar ben 40 navi inglesi. L'U.K. subisce una pesante battuta d'arresto venendo annientato praticamente il 20% della marina. Londra trema. Due cattive notizie giungono a Parigi: muore il Generale Gioacchino Murat il 13 ottobre 1815 e l'Impero Ottomano scende in guerra il giorno successivo a fianco dell'UK.​

    Il fronte italiano è perso, le truppe italo-ottomane riconquistano le posizioni perse e giungono in Piemonte. Intanto la guerra con l'UK è in fase di stallo in quanto non riescono i tentativi di sbarco sulle isole britanniche se non che, il 14 agosto 1815, truppe tedesche sbarcano a Dublino spazzando via i presidi inglesi.​

    Dopo cinque anni di guerra la situazione sembra di sostanziale parità; per chiudere un fronte, l'UK riconosce il 10 settembre dello stesso anno l'indipendenza degli Stati Uniti d'America e concentra la maggior parte delle truppe nella riconquista dell'Irlanda. Intanto in Italia si passa da una guerra di posizione a una guerra di logoramento dove gli italiani e i francesi riconquistano i metri persi giorni prima. ​

    I due principali stati belligeranti, l'UK e la Francia, sono al collasso a causa del crescente esaurimento di guerra, così, il 21 gennaio 1816 succede l'incredibile: Napoleone Bonaparte viene ammazzato mentre rientrava a Parigi. La Francia è nel caos, e gli inglesi vorrebbero sfruttare il momento propizio se non che Sua Maestà Giorgio III viene accusato dal Parlamento di Alto Tradimento e fucilato a causa dei dissensi del Popolo per le esorbitanti tasse di guerra imposte dal Sovrano e dei disordini sociali.​

    I due paesi belligeranti sono allo stremo, i governi democratici instauratisi firmano a Parigi i trattati che pongono fine alla guerra: la Francia rilasciò le regioni italiane, l'Olanda e gli stati spagnoli come legittimi sovrani, la Gran Bretagna mise fine al suo pluri secolare impero coloniale. La Germania rimaeva a bocca asciutta, e con le truppe ancora stremate dalla guerra, venne attaccata dall'U.R.S.S. e divisa com'era secoli e secoli prima, creando tanti stati satelliti fedeli al governo comunista russo.​

    -------------------------------------------------------------------------------
    Scusate se mi sono allungato troppo :D:D Perdonate la mia fantasia che divaga e divaga ma ho cercato di immaginare uno scenario plausibile per gli anni a venire dopo questo fantastico, magnifico e straordinario multy! :approved:

    Ringrazio:​

    -Lenfil
    -Jason
    -Nirian
    -Andy
    -Giank56
    -Ciresola
    -Filippo I
    -TFT
    -Lord Attilio
    -Agent45​

    e tutti coloro che hanno partecipato a questo multy anche solo commentando! :approved:

    Buon Natale, e a tutti un Felice anno nuovo! :festa2:​
     
  8. agent_45

    agent_45 Guest

    Ratings:
    +0
    Penso di meritarmi un trofeo o titolo di Player con l'inflazione piu alta nella storia dei Multi di EU3 :D :premio1:
     
  9. Filippo I di S.G.

    Filippo I di S.G.

    Registrato:
    30 Marzo 2007
    Messaggi:
    2.573
    Località:
    Santa Giustina Bellunese
    Ratings:
    +0
    Questo il comunicato ufficiale che viene trascritto a lettere cubitali sui giornali di tutto il mondo. Queste le parole che più di tutto riecheggiano nei discorsi della gente di ogni dove.
    Quella che termina è stata la più terribile e devastante guerra a memoria umana. Mai si era visto un così grande scempio di vite, sacrificate sull'altare della Patria. Tedeschi, Scandinavi, Inglesi, festeggiano oggi il trionfo, con lo smembramento dei propri avversari e il consolidamento della propria egemonia.
    Francesi, Austriaci, Turchi, Russi, accolgono con un misto di sollievo e paura la notizia. Sollievo perchè non dovranno più combattere nemici esterni. Paura perchè la crisi del potere centrale non può che scatenare nuovi conflitti interni...

    La pace si conclude con la cessione diretta di alcune basi strategiche e territori di confine ai paesi del Patto Nordico, e con la rinuncia da parte degli sconfitti di ampie regioni nazionali: la Russia perde la ricca regione di Novgorod, l'Impero Ottomano il Medio Oriente e l'Egitto, la Francia le regioni a cavallo dei Pirenei e le colonie, l'Austria rinuncia a Boemia, Ungheria e Indocina.

    La vittoria è nettamente di una fazione, ma rimangono dubbi su chi dominerà alla fine: nonostante la vittoria, anche le nazioni del Patto Nordico hanno subito un elevato logoramento... che accadrà in seguito?
















    IL NUOVO ORDINE MONDIALE

    Germania: grazie alle sue truppe di provato valore, riesce facilmente a stroncare ogni tentativo di ribellione. Non solo: grazie alla ritrovata pace europea, può finalmente dedicare maggiore attenzione ai suoi nemici asiatici: giapponesi, coreani, cinesi, che l'avevano attaccata alle spalle durante la guerra degli 8 anni. Avvia un inarrestabile progresso economico, che la porta a raggiungere il primato mondiale nel settore economico. Dal punto diplomatico però si isola in sé stessa, diventando una monarchia sempre più assolutistica, e così, quando i Paesi Bassi proclamano infine la fine dello storico vassallaggio, è costretta ad accondiscendere per non provocare l'ira internazionale.


    Gran Bretagna: dopo la guerra scoppiano grandi movimenti di protesta in America settentrionale: i coloni, scontenti per l'eccessivo sfruttamento, e convinti di aver mandato i propri figli a morire per una guerra non propria, proclamano la secessione. Ne segue un grande e violento scontro, che vede però gli inglesi accettare infine una pace onerosa (per mancanza di truppe adeguate). Tra i rivoltosi comunque non c'è grande unità, e in breve essi si dividono in 4 grandi nazioni: Quebec, Confederati d'America, Messico e California. Contando sul dominio del mare, comunque, i britannici riescono a mantenere alcune isole strategiche, e ad occupare i caraibi spagnoli. Molto rilevante il fatto che, non dovendo più pensare all'America, gli inglesi possono finalmente scatenarsi in Asia: sotto un governo ancora monarchico, ma sempre più soggetto a un parlamento capace, la bandiera britannica si afferma egemonica in tutta l'India e l'Oceania.


    Scandinavia: dopo la guerra ha preferito concentrarsi nella colonizzazione: vengono esplorate grandi porzioni del Canada e le foreste amazzoniche. Desiderosa di espandersi però anche nel continente europeo, sigla un'alleanza con la debole spagna e assieme ad essa riconquista la penisola iberica, tenendosi per sé una buona parte di essa. Lo slancio coloniale però non le consente di mantenere il primato assoluto nel campo economico, e lo scontento delle classi borghesi porta alla formazione di una monarchia costituzionale. In Africa intanto viene creato un governo fantoccio, l'Africa Orientale Scandinava.


    Paesi Bassi: vivono un periodo di straordinaria crescita economica, che li porta addirittura a svincolarsi dal vassallaggio verso la Germania. Colonizzano molte isole in Indonesia, conquistano l'ex Indocina austriaca, e ottengono anche dei territori dalla Francia, in cambio di aiuti economici contro i numerosi ribelli. Chiave di questo successo è l'inaugurazione della dittatura repubblicana, che consente agli olandesi di stringersi saldamente attorno al loro Lord Protettore, Lazarus Tucher.


    Impero Ottomano: è in realtà la più solida delle nazioni degli ex Imperi Uniti Europei, l'unica a possedere a fine guerra un esercito ancora in grado di combattere. Questo consente al sultano di mantenere il suo potere. Le continue ribellioni lo obbligano però a concedere sempre più privilegi alla parte islamica della società. Questo, se da un lato lo porta a riprendere pacificamente possesso di molti territori mediorientali, che spontaneamente rientrano nell'Impero, dall'altro provoca l'inarrestabile ira della componente europea, che sebbene sotto finte spoglie, era rimasta ortodossa. Viene organizzato un colpo di stato, che cattura il sultano e lo costringe a liberare i territori europei, che per plebiscito popolare votano per rientrare nell'Impero Bizantino, da tempo in esilio a Cipro, e che finalmente torna ad essere una potenza, se non di prima, di seconda fascia.


    Austria:le dure condizioni inflittele dalla pace, unite alla morte dell'Imperatore, provocano la proclamazione della repubblica popolare: si afferma un governo sanguinario che riprende saldamente in mano la situazione. Più tardi un certo Marx, ispirandosi ad esso, parlerà di primo concreto esempio di nazione comunista. A breve, approfittando della debolezza generale delle maggiori potenze, la repubblica popolare d'Austria attacca l'Ungheria, dove si instaura un governo fantoccio analogo.


    Francia: il prezzo della guerra per la Francia è molto esoso: in seguito alla sconfitta i moti insurrezionali sono talmente tanti e forti che la nazione, dove si è instaurato un governo rivoluzionario, è costretta a chiedere aiuti internazionali per non soccombere. Aiuti che paga ovviamente a caro prezzo: l'Olanda, che invia aiuti economici, si prende alcune province di confine; l'Italia, che approfittando della sua precedente neutralità può sfoggiare delle truppe ancora fresche, si prende l'intero sud del paese. La ripresa però è miracolosa: il popolo di Parigi, scosso dalle umiliazioni subite una dopo l'altra, insiste per una nuova impresa militare: viene dichiarata guerra al Marocco, e da questo momento inizia la nuova avventura coloniale francese in Africa. Nel giro di alcuni anni, le truppe francesi prendono possesso di larghe fette dell'Africa Nord-Occidentale.


    Impero Russo: il gigante russo termina la guerra estremaemente male: grandi ribellioni scuotono il paese, dalla Siberia al mar Nero. Nella difficile situazione, il governo zarista ha la peggio, e viene mandato in esilio nelle foreste siberiane, mentre in Russia si instaura una repubblica nobiliare. I dissidi tra i vari duchi però provocano subito da questa varie scissioni, alcune delle quali permanenti, mentre in Siberia gli Zar riescono miracolosamente a ricreare un impero: grande, anche se ovviamente debole economicamente e militarmente arretrato...


    Italia: la neutralità nella guerra degli 8 anni le ha giovato moltissimo: l'intervento in Francia le ha consentito di strappare al governo rivoluzionario gran parte del sud del paese, e dopo una campagna vittoriosa sui deboli stati nordafricani è stato proclamato il Nuovo Impero Romano d'Occidente, in rapida crescita economica dopo secoli di stagnazione.


    Altre dal mondo: nel Sahara si viene a costituire la grande Repubblica Berbera, mentre in Africa centrale le varie tribù formano una lega anticolonialista. La Spagna grazie all'alleanza con la Scandinavia si è un poco risollevata.


    Le nuove alleanze:
    Austria-Ungheria (lega comunista europea)
    Impero Ottomano-Arabia-Egitto-Repubblica Berbera-Persia (lega musulmana)
    Italia-Impero Bizantino-Spagna-Portogallo-Paesi Bassi (patto cristiano esteso)
    Gran Bretagna-Scandinavia (Patto Nordico residuo)
    Russia-ducato di Astrakan-Novgorod-Urali-Siberia (lega granducale russa)
    Germania (da sola)
     

    Files Allegati:

  10. Lenfil

    Lenfil Account non in uso. Non contattatemi sul forum.

    Registrato:
    6 Giugno 2006
    Messaggi:
    2.838
    Località:
    Treviglio [BG] / Venezia
    Ratings:
    +0
    Oh ma tutti che volete che perdo l'America
    Ve lo potete scordare :D
    Senza supporto europeo i coloni non hanno alcuna possibilità di battere il British Army

    Rule Britannia!
     
  11. von Kleist

    von Kleist

    Registrato:
    2 Agosto 2006
    Messaggi:
    2.297
    Località:
    Padova
    Ratings:
    +0
    rule the waves, not the usa :asd:
     
  12. Lenfil

    Lenfil Account non in uso. Non contattatemi sul forum.

    Registrato:
    6 Giugno 2006
    Messaggi:
    2.838
    Località:
    Treviglio [BG] / Venezia
    Ratings:
    +0
    Una vittoria americana senza supporto europeo è utopia :asd:

    Detto ciò vi lascio viaggiare con la fantasia
    Io rimango a guardare la mappa di fine gioco...
    ...quella vera :D

    mappa1738ok.JPG
     
  13. Ciresola

    Ciresola

    Registrato:
    18 Giugno 2009
    Messaggi:
    3.987
    Località:
    Valeggio sul Mincio, Italy, Italy
    Ratings:
    +32
    :D "Senza supporto europeo" io penso che tutti gli stati Europei, vedendo la voglia di vederti distrutto :D, supporteranno gli USA :D, anche la Germania e la Scandy asd

    Rule the yankees !
     
  14. Giank56

    Giank56 Moderator Membro dello Staff

    Registrato:
    26 Luglio 2009
    Messaggi:
    2.620
    Località:
    Paratico
    Ratings:
    +108
    sei limitato, :D non pensi che i tuoi governatori corrotti, impresari capitalisti volendo l'indipendenza abbiano finanziato i ribelli? tutto è possible e poi se tutta la popolazione si rivolta è difficile sostenere la guerra da Londra, male che vada aspettano il 2012 quando la Gran Bretagna affonderà :contratto: :lingua1: :eek:cchiolino:
     
  15. dmitri95

    dmitri95

    Registrato:
    4 Settembre 2009
    Messaggi:
    19
    Ratings:
    +0
    che fine ha fatto la partita in multiplayer?
    era così appassionante :love:
     
  16. Lord Attilio

    Lord Attilio

    Registrato:
    14 Giugno 2008
    Messaggi:
    2.928
    Località:
    Socialismo
    Ratings:
    +128
    è finita da secoli :contratto:
     
  17. dmitri95

    dmitri95

    Registrato:
    4 Settembre 2009
    Messaggi:
    19
    Ratings:
    +0
    LOL e perché non chiudete la discussione?
     
  18. Lenfil

    Lenfil Account non in uso. Non contattatemi sul forum.

    Registrato:
    6 Giugno 2006
    Messaggi:
    2.838
    Località:
    Treviglio [BG] / Venezia
    Ratings:
    +0
    Non è la prassi chiudere gli AAR una volta terminata la partita
     
  19. dmitri95

    dmitri95

    Registrato:
    4 Settembre 2009
    Messaggi:
    19
    Ratings:
    +0
    ok :approved:
     
  20. Pandrea

    Pandrea Guest

    Ratings:
    +0
    Il più bel AAR, multy e non, di sempre
     

Condividi questa Pagina