1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

AAR: Germania 1939, il destino di una nazione

Discussione in 'Le vostre esperienze' iniziata da alberto90, 19 Novembre 2013.

  1. alberto90

    alberto90

    Registrato:
    18 Febbraio 2013
    Messaggi:
    1.435
    Località:
    torino
    Ratings:
    +336
    Sono felice che vi piaccia l' AAR. Ora vengo alle risposte.

    Per Intruppoman: ho parecchi sottomarini tra tutti i membri dell' asse e in effetti hanno affondato un sacco di navi, sopratutto dopo la cacciata degli alleati dall' Africa ( non so come ma gli inglesi hanno praticamente abbandonato le loro colonie e per me è stata una passeggiata ).
    Ormai sono nel 1944 e vedrete che conquiste e i progetti di spartizione che ho elaborato. Conto entro l' anno di porre fine alla guerra con gli alleati e di dedicarmi alla Russia.

    Per CarlosV: Al momento sto ricercando sopratutto miglioramenti per navi, aerei e artiglierie. Non credo farò in tempo a raggiungere l' atomica e non penso che la userò nel caso. Quando posso uso tutte le forze armate, ma al momento ho prediletto fanteria e aviazione. La flotta la sto ancora potenziando.

    Riguardo a Darkest Hour so bene che è spettacolare sopratutto come mappe, ma il mio problema è che non ho una postepay.
     
  2. alberto90

    alberto90

    Registrato:
    18 Febbraio 2013
    Messaggi:
    1.435
    Località:
    torino
    Ratings:
    +336
    Alla fine di aprile, con la Jugoslavia ormai sottomessa e annessa, l' alto comando dell' esercito germanico cominciò a predisporre la mosse successive.
    Grecia e Bulgaria, nonostante la minaccia incombente, decisero di restare fuori dal gruppo degli Alleati, sperando non causare ritorsioni da parte dei tedeschi, i quali però avevano già deciso di occupare entrambi i paesi ed erano in attesa solo di un casus belli.
    Nel frattempo furono schierate sui confini occidentali bulgari 45 divisioni tedesche e 31 romene sui confini settentrionali, pronte ad intervenire.
    Hitler decise che l' attacco sarebbe stato lanciato, casus belli o no, entro il 10 maggio.

    OPERAZIONE " ROSA BIANCA "
    Attacco alla Bulgaria
    Il 4 maggio il governo bulgaro inviò una nota al reichstag chiedendo alla Germania di cedere alla Bulgaria la Macedonia. Inviando quella nota dai toni neutri e nemmeno troppo amichevoli, la Bulgaria segnò la sua rovina.
    Ottenuto il casus belli che aspettava Hitler diede ordine di far partire l' attacco all' alba del 5 maggio.
    All' ora prefissata del giorno stabilito le armate tedesche e romene penetrarono nei confini bulgari sbaragliando i difensori ovunque e respingendoli verso l' interno.

    upload_2013-12-1_23-21-16.png
    L' attacco alla Bulgaria
    Dopo qualche iniziale cedimento i bulgari cominciarono a resistere più tenacemente, riuscendo anche a contrattaccare i romani e occupando Costanta.
    Ma una volta presa la capitale e le regioni più aspre, i tedeschi avanzarono implacabili schiacciando letteralmente ogni resistenza con battaglie rapide, indolori per i tedeschi e devastanti per i bulgari.
    Alla fine, il 28 maggio, caduta Varna, i bulgari capitolarono e il 30 maggio si arresero cedendo l' intero paese ai tedeschi.

    upload_2013-12-1_23-26-27.png
    La Germania dopo la conquista della Bulgaria
    Hitler concesse solo 2 settimane di riposo prima della mossa successiva e per distrarre l' attenzione degli inglesi dalla Grecia, divenuta ormai chiaramente un obbiettivo germanico agli occhi del mondo, fece bombardare nuovamente Londra, il Sussex, il Kent, l' Egitto e Rodi. Fece inoltre sapere che il suo obbiettivo era l' Egitto e che la flotta d' invasione era già pronta nel mar Nero.
    Gli inglesi rafforzarono le loro posizioni in Egitto e informarono il governo greco che, in caso di attacco tedesco, il governo britannico non avrebbe potuto inviare rinforzi.
    A questo punto i tedeschi erano pronti con 60 divisioni schierate su tutto il confine settentrionale della Grecia. Hitler diede ordine di ignorare le isole e di occupare il territorio continentale, offrendo poi alla Grecia una pace vantaggiosa.
    Il 14 giugno l' alto comando tedesco informò i generali al fronte l' ora dell' attacco il giorno dopo.

    OPERAZIONE " OLYMPUS "
    Attacco alla Grecia
    Alle 4 del mattino del 15 giugno i tedeschi, dopo aver rotto le relazioni diplomatiche con la Grecia, invasero il paese schiacciando i difensori senza trovare praticamente resistenza.

    upload_2013-12-1_23-38-41.png
    L' attacco alla Grecia
    Furono sufficienti 10 giorni di marcia per giungere alle porte di Atene. Il 25 giugno la città fu presa d' assalto e conquista in poche ore.
    I greci di ritirarono nel Peloponneso ma i tedeschi non diedero tregua, attraversarono il canale di Corinto e il primo luglio diedero battaglia per Corinto, conquistando la città il 2.
    Il 5 cadde anche Patrasso e il 9 fu occupato il monte Parnon, ultimo baluardo difensivo greco.
    Il 10 i tedeschi informarono il governo greco sui termini di armistizio: occupazione tedesca di Epiro, Macedonia greca, Tracia occidentale, Tessaglia e Beozia e delle Cicladi. Cessione all' Italia delle isole Ionie ( Leuka, Cefalonia, Itaca e Zacinto ) e di Creta, oltre che di alcune isole minori nell' Egeo. Alla Grecia, vassalla della Germania, sarebbero rimaste Attica con Atene e il Peloponneso.
    Il governo di Atene resistette per due giorni, sperando di ottenere aiuti dalla Gran Bretagna ( che aveva capito di essere stata buggerata dai tedeschi e che l' Egitto era sicuro ), ma a mezzogiorno del 12 luglio fu evidente che gli inglesi avevano abbandonato i greci e così il governo di Atene accettò i termini dell' armistizio.

    upload_2013-12-1_23-50-19.png
    Il Mediterraneo dopo la pace con la Grecia
    Il 25 luglio, dopo 4 mesi di incessanti trattative segrete, il governo turco entrò nell' Asse concedendo ai tedeschi il controllo delle proprie forze armate. Le 15 divisioni turche diventavano così veramente minacciose nei confronti dei possedimenti coloniali inglesi in oriente.
    Ottenuto l' accesso ai Dardanelli e disponendo di altre 15 divisioni Hitler ebbe la certezza di aver messo gli alleati in gravissime difficoltà e si preparò al successivo colpo a sorpresa che avrebbe costretto in ginocchio la Gran Bretagna e anche la Francia.
    Il 15 ottobre comunque firmò un patto di non belligeranza con la Russia, mettendo al sicuro i confini orientali per poter ammassare tranquillamente tutte le sue truppe ad occidente e a mezzogiorno del suo impero.
    Il 2 dicembre il coup de teatre dei tedeschi fu svelato. La Spagna franchista entrò nell' Asse garantendo, al pari della Turchia, il controllo delle forze armate ai tedeschi. Quel giorno il re d' Inghilterra ebbe il chiaro presentimento che il 1943 sarebbe stato l' annus orribilis per gli alleati. Avrebbe scoperto nemmeno 6 mesi dopo quanto i suoi presentimenti fossero veritieri.

     
  3. Pandrea

    Pandrea Guest

    Ratings:
    +0
    Barbarossa nel 1944? E' stato un bel AAR, addio :-D
     
    • Like Like x 1
  4. alberto90

    alberto90

    Registrato:
    18 Febbraio 2013
    Messaggi:
    1.435
    Località:
    torino
    Ratings:
    +336
    Non so nemmeno se ci sarà Barbarossa .... gli inglesi in africa hanno un mare di domini e non mi sento tranquilli a lasciargliene scoprendomi le spalle per attaccare l' URSS ...
    Credo che finita la guerra con gli alleati mi dedicherò a qualche guerra coloniale.
     
  5. ronnybonny

    ronnybonny Moderator Membro dello Staff

    Registrato:
    6 Febbraio 2009
    Messaggi:
    3.306
    Località:
    Padova e Udine
    Ratings:
    +326
    Eh non so se lo sai ma l'URSS attacca sempre la Germania prima o poi
     
  6. PPCT

    PPCT

    Registrato:
    19 Agosto 2013
    Messaggi:
    267
    Ratings:
    +40
    Più prima che poi ;)
     
  7. alberto90

    alberto90

    Registrato:
    18 Febbraio 2013
    Messaggi:
    1.435
    Località:
    torino
    Ratings:
    +336
    Al momento mi ha lasciato in pace ... ho firmato con lo zio joe ( detto anche Stalin ) tre patti di non belligeranza e fino ad ora li ha rispettati. Ma anche dovesse romperli ho pronte sul confine orientale 80 divisioni. Lui, da quel che vedo, ne ha schierate 65. Potrei resistere al primo assalto e far arrivare i rinforzi prima di lui. Senza tenere conto che con le divisioni dispiegate in Turchia ( ben 40 ) potrei sferrare un attacco al caucaso e puntare su Mosca da sud. Considerando che al momento la marina britannica è sprovvista di mezzi da sbarco ( grande impresa italiana averli affondati tutti davanti a Malta ), che gli stati uniti dispongono di sole 65 divisioni contro le mie totali 195 e che la Francia non esiste praticamente più come forza bellica, la Russia non mi fa per niente paura. Sono pronto.
     
  8. alberto90

    alberto90

    Registrato:
    18 Febbraio 2013
    Messaggi:
    1.435
    Località:
    torino
    Ratings:
    +336
    1943: I trionfi dell' Asse
    L' annuncio dell' ingresso della Spagna nell' Asse divenne la notizia del giorno in tutto il mondo e in America il presidente diede ordine poche ore dopo l' arrivo della notizia di preparare la flotta da guerra e di mettere in allerta 5 divisioni di stanza sulla East Coast. Avrebbe attaccato la Spagna entro la fine dell' inverno e trascinato gli Alleati verso la vittoria.
    Ma i tedeschi e i loro alleati, ormai quasi padroni del Mediterraneo, inviarono tutti i loro sommergibili nell' Atlantico per intercettare la flotta da guerra statunitense e impedire attacchi su larga scala in Europa.
    Nelle prime ore del 3 dicembre la Francia dichiarò nuovamente guerra all' Asse. La guerra, che per quasi 2 anni si era limitata all' Europa e al nord Africa, divenne a tutti gli effetti mondiale.
    Lo stesso giorno Hitler decise di punire la Francia e di mostrare agli Alleati tutta la potenza dell' Asse.

    OPERAZIONE " TOTAL "
    La seconda invasione della Francia e delle colonie britanniche.
    All' alba del 3 dicembre l' alto comando tedesco scatenò la più vasta offensiva bellica mai lanciata prima, dando ordine a tutte le divisioni alleate ( spagnole, greche, italiane, romene, ungheresi, slovacche e turche ), per un totale di oltre 400 divisioni e 6.000.000 di soldati, oltre ad aerei e navi, di attaccare indiscriminatamente la Francia, le sue colonie in Africa e Medio Oriente così come le colonie inglesi.

    upload_2013-12-9_19-40-46.png
    L' attacco italiano all' Egitto
    A differenza della prima invasione questa volta la Francia, difesa da sole 15 divisioni e ormai priva delle difese migliori, non oppose grande resistenza e in nemmeno 3 mesi l' intero territorio nazionale fu occupato, le divisioni spazzate via e le difese distrutte.
    Nel teatro africano italiani e spagnoli diedero inizio sin dal 3 dicembre all' invasione dell' Egitto, dell' Algeria e del Marocco trovando, inaspettatamente, una resistenza talmente scarsa da indurre i comandi militari spagnoli e italiani a pensare ad un prossimo attacco britannico ai domini spagnoli o italiani. Eppure l' avanzata proseguì incontrastata per settimane e nessun' attacco alleato fu registrato.

    In febbraio i servizi segreti tedeschi scoprirono che gli inglesi avevano deciso di abbandonare le loro colonie per proteggere Londra e l' isola inglese da un sospettato attacco tedesco. Che tuttavia non era in programma. La ferocia dell' attacco tedesco aveva terrorizzato gli inglesi spingendoli ad evacuare le colonie per difendersi in patria e ciò aveva enormemente favorito la colossale offensiva dell' Asse.
    Il 25 febbraio 1943 Hitler decise di portare al parossismo il terrore degli inglesi e fece salpare la sua temibile flotta da guerra guidata dalle tre corazzate " Tirpitz ", Bismark " e " Wallenstein " e dagli incrociatori pesanti " Leopold " e " Kaiser Wilhelm " dando l' ordine di portarsi nella Manica e attaccare tutti i convogli britannici e americani. I sottomarini tedeschi, italiani e spagnoli cominciarono ad affondare decine di navi da guerra, mercantili e trasporti in tutto l' oceano ed entro marzo la flotta dei trasporti inglese era ormai un ricordo. Gli inglesi non avrebbero più potuto sbarcare truppe da nessuna parte. Le divisioni inglesi erano ormai prigioniere della loro isola.
    In Medio Oriente intanto tedeschi e turchi avevano completato in febbraio l' occupazione della Siria francese e di buona parte dell' Iraq, vassallo inglese.

    upload_2013-12-9_20-21-23.png
    L' avanzata dell' Asse in Egitto e Medio Oriente
    Il 5 marzo i tedeschi si accordarono con i loro alleati per mettere a punto un nuovo piano di spartizione delle conquiste in corso.

    L' Italia accettò di perdere l' Algeria a favore degli spagnoli, che avrebbero occupato anche il Marocco e il resto dell' Africa Occidentale Francese sino alla sfonda settentrionale del fiume Niger.
    Ai turchi sarebbero state consegnati Siria, Iraq, Palestina, Giordania, Arabia Saudita, Oman e Yemen del Nord, oltre a tutte le altre colonie inglesi nella penisola arabica. In seguito la Turchia avrebbe avuto il permesso di occupare e annettersi la Persia. La Germania avrebbe riconosciuto la rinascita dell' Impero Ottomano.
    Gli italiani, per compensarli della rinuncia all' Algeria e all' Arabia, furono autorizzati ad occupare tutti i domini inglesi in Egitto, Sudan, Tanzania e quelli francesi in Camerun, sino al fiume Niger e al lago Tanganica. I tedeschi infine avrebbero, terminata la guerra, occupato la parte restante della Grecia oltre a Romania, Ungheria e Slovacchia Svizzera e Danimarca.

    upload_2013-12-9_20-33-43.png
    Il secondo progetto di spartizione tra gli alleati dell' Asse
    Il primo aprile 1943 l' avanzata dell' Asse procedeva ormai spedita ovunque, gli inglesi, assediati nella loro isola, erano ormai pronti a ricevere l' inevitabile attacco tedesco, che però ancora si prospettava.

    upload_2013-12-9_20-38-52.png
    L' avanzata dell' Asse
    Gli americani riuscirono a far arrivare 3 divisioni alle Canarie, occupando alcune delle isole, ma esponendo in questo modo la loro flotta di trasporti alle ritorsioni tedesche. Il 5 aprile le 10 navi da trasporto statunitensi, le uniche, furono affondante da un attacco aereo navale ispano-tedesco. Anche gli americani erano assediati in un arcipelago lontano migliaia di miglia da casa loro.
    Il primo giugno gli italiani completarono la conquista dell' Egitto e del Sudan. Erano trascorsi esattamente 6 mesi dall' improvviso riaccendersi dell' ostilità e i timori della monarchia inglese si erano pienamente avverati. L' impero britannico sembrava ormai sull' orlo del collasso e l' Asse diveniva ogni giorni più potente..

    upload_2013-12-9_20-44-4.png
    L' asse divora gli alleati ( 1 giugno 1943 )

     
  9. alberto90

    alberto90

    Registrato:
    18 Febbraio 2013
    Messaggi:
    1.435
    Località:
    torino
    Ratings:
    +336
    Il secondo semestre del 1943 fu, almeno per gli alleati, il periodo peggiore della loro storia. Gli italiani dilagarono ovunque giungendo al Lago Tanganica e al Lago Ciad fino a fermarsi sul Niger e sul golfo di Nigeria, gli spagnoli occuparono buona parte dei domini francesi nell' Africa Occidentale nonostante le enormi distanze da percorrere e il clima torrido del deserto. I turchi, dopo aver annesso l' Iraq, dichiararono guerra all' Arabia e la occuparono e annessero entro novembre. Alla fine Cipro e Malta, le uniche basi nel mediterraneo ( ormai però prive di truppe ), furono occupate dagli italiani. Ora il Mediterraneo era un mare dell' Asse, e con lo stretto di Suez in mano agli italiani i domini inglesi in India e in estremo oriente erano, virtualmente, isolati dalla madrepatria.

    upload_2013-12-10_12-58-23.png
    La conquista di Malta

    upload_2013-12-10_12-59-32.png
    I turchi avanzano in Arabia
    Il 5 novembre 1943 il re d' Inghilterra, in un radiomessaggio al popolo britannico annunciò la perdita delle colonie in Africa ed espresse il timore che il 1944 avrebbe visto, senza' altro, l' invasione dell' Inghilterra e l' inevitabile fine della monarchia inglese.
    Il terrore spinse moltissimi inglesi ad emigrare verso il Canada e gli Stati uniti, altri cercarono fortuna in Norvegia e Svezia, mentre quelli che rimasero cercarono rifugio nelle zone più aspre del paese costruendo rifugi sotterranei. Londra si spopolò come quasi tutte le maggiori città dell' Isola e anche parecchie divisioni furono smobilitate e trasferite oltreoceano.
    Hitler sapeva tutto ciò e in cuor suo gioiva del terrore che era riuscito a far calare sui suoi nemici, ma alla fine del 1943, dopo quasi un anno di offensiva, anche la situazione economica del Reich stava cominciando a risentire della guerra. Occorreva accelerare i tempi di conquista dei domini previsti nei progetti di spartizione e poi imporre agli alleati le condizioni di pace.
    Il primo passo fu ottenuto il 20 dicembre 1943. Gli Stati Uniti decisero di uscire dal conflitto dopo aver perso tutti i trasporti e almeno 15 navi da guerra. Svanito quindi il pericolo di ulteriori attacchi americani sul fronte sahariano gli spagnoli poterono concentrare gli sforzi bellici nell' avanzata verso il Niger.

    upload_2013-12-10_13-12-22.png
    Le conquiste dell' Asse il 20 dicembre 1943.
    Ormai era chiaro a tutti che gli Alleati non potevano più sperare di riprendere l' Africa e negli ambienti militari cominciava a farsi sentire il malcontento. Alcuni generali inglesi premevano per la pace a qualsiasi condizione e anche i francesi erano ormai propensi ad arrendersi ai tedeschi pur di porre fine a quella sciagurata guerra.
    Il 1944 sarebbe stato decisivo per tutte le forze in campo, questo era poco ma sicuro.
     
  10. andry2806

    andry2806

    Registrato:
    24 Novembre 2013
    Messaggi:
    912
    Località:
    Bologna
    Ratings:
    +48
    hai abbandonato l'aar?
     
  11. alberto90

    alberto90

    Registrato:
    18 Febbraio 2013
    Messaggi:
    1.435
    Località:
    torino
    Ratings:
    +336
    Sospeso a tempo indeterminato ....
     
  12. andry2806

    andry2806

    Registrato:
    24 Novembre 2013
    Messaggi:
    912
    Località:
    Bologna
    Ratings:
    +48
    peccato...era un bell'aar.
     
  13. alberto90

    alberto90

    Registrato:
    18 Febbraio 2013
    Messaggi:
    1.435
    Località:
    torino
    Ratings:
    +336
    può essere che prima o poi lo riprendo ...
     
  14. RaptorTonicus96

    RaptorTonicus96

    Registrato:
    23 Novembre 2014
    Messaggi:
    12
    Località:
    Arcore
    Ratings:
    +0
    Se ti serve una mano ,posso dartela io a continuare....
     
  15. alberto90

    alberto90

    Registrato:
    18 Febbraio 2013
    Messaggi:
    1.435
    Località:
    torino
    Ratings:
    +336

Condividi questa Pagina