1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

C:MANO Mediterranean Fury 1: The Road to Byzantium

Discussione in 'Wargames - Generale' iniziata da GeorgePatton, 5 Settembre 2019.

  1. GeorgePatton

    GeorgePatton

    Registrato:
    26 Marzo 2006
    Messaggi:
    4.356
    Località:
    Svizzera
    Ratings:
    +576
    Ore 15.30Z – All’improvviso tutto prende vita. Tre miei MiG-23 si stanno avvicinando, a bassa quota, all’installazione radar di Pazar ma, a 5 sole miglia dall’obiettivo, vengono intercettati da degli F-104.
    Un Tu-16P Badger da ricognizione, dall’altra parte del Mar Nero, viene attaccato da un Phantom turco apparso dal nulla e lotta per la sua sopravvivenza.
    Infine 1 F-16 turco e 2 MiG-29 sovietici ingaggiano un duello poco distante dal Bosforo.
    Sembra fatto apposta e gestire tutto insieme in una mappa così grande è davvero difficile.

    Le cose vanno così così. L’installazione di Pazar viene distrutta, ma al prezzo di 2 MiG-23 abbattuti. Il Tu-16P viene pure abbattuto, mentre uno dei 2 MiG-29 che duellava con l’F-16 turco viene danneggiato gravemente e deve rientrare.
    Un altro F-4 turco che si aggirava nei pressi della squadra navale guidata dall’Admiral Gorshkov viene abbattuto da un SAM, mentre il Phantom che ha abbattuto il Badger riesce a filarsela non prima di aver abbattuto anche un Be-12PL Mail in pattugliamento ASW.
    Da una postazione in Crimea gli vengono sparati 2 SA-5c Gammon, che hanno un range di 155 miglia (si parla sempre di miglia nautiche), ma il velivolo nemico riesce ad allontanarsi a sufficienza.

    Mi rifaccio poco dopo, abbattendo 2 F-16 turchi al largo del Bosforo, grazie a 2 missili SARH lanciati da altrettanti MiG-29A che poi sono costretto a portare lontano perché dalla terra ferma partono dei pericolosi Nike.
     

Condividi questa Pagina