1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

EU III COMPLETE Impero Timuride

Discussione in 'Le vostre esperienze' iniziata da alberto90, 9 Marzo 2014.

  1. alberto90

    alberto90

    Registrato:
    18 Febbraio 2013
    Messaggi:
    1.435
    Località:
    torino
    Ratings:
    +336
    LA RINASCITA DI UN IMPERO

    [​IMG]

    L' ALBA DELLA RINASCITA

    aprile 1500
    Le aride steppe che si stendono per migliaia di miglia dalle montagne del Paropamiso sino alle sponde del Mar Caspio e ai fiumi della Mesopotamia sono da sempre lo scenario perfetto per la creazione di vasti domini e imperi.
    Sul finire del XIV° secolo, un condottiero turco-mongolo di nome Tamerlano conquistò vastissimi territori dell' Asia centrale, chiamata a quel tempo Transoxiana , fino a quel momento appartenuti al Khanato Chagatai, uno dei tanti piccoli khanati sorti sulle rovine dell' enorme impero mongolo fondato da Gengis Khan nei primi anni del '200.
    Nel 1405, alla morte di Tamerlano, il suo impero era esteso dal Caucaso all' Indo.

    [​IMG]
    L' impero Timuride alla morte di Tamerlano.
    Nel giro di un secolo il vasto impero fondato da Tamerlano, come tutti gli imperi fondati unendo tribù diverse tra loro, finì col disgregarsi e perdere terreno in favore di altri imperi.
    La federazione del Montone Bianco ( Ak Koyunlu ) arrivò ad occupare oltre la metà occidentale del vecchio impero Timuride sul finire del '400.
    All' inizio della nostra storia, ( aprile 1500 ), sul trono che era stato di Tamerlano si era appena insediato un suo discendente diretto, Ẓahīr ud-Dīn Muhammad, meglio noto come Babur.
    Egli era giovanissimo, essendo nato nel febbraio del 1483, e al momento dell' assunzione del potere il suo impero era piuttosto debole ed accerchiato da potenziali e potenti nemici.

    upload_2014-3-9_0-58-24.png
    L' impero Timuride all' avvento di Babur
    L' esercito contava poco più di 10.000 uomini mentre quasi tutte le potenze vicine ( Sultanato di Delhi, Ak Koynlu, Regno Shabaynide e Sultanato del Sind ) potevano contare eserciti uguali o superiori al suo.
    Babur si rese conti subito che, se voleva conservare a lungo il potere, doveva fare il possibile per consolidare i confini, rafforzare l' esercito e dare al suo stato una compattezza geografica e culturale sufficiente per garantire nei decenni successivi la sopravvivenza dell' impero che aveva ereditato.

    LA PRIMA MOSSA
    Luglio - agosto 1500
    Per testare la forza del suo esercito, Babur decise di affrontare innanzitutto il piccolo regno del Khorasan che era il più debole dei suoi vicini.
    Nel luglio del 1500 dichiarò guerra allo stato e lo invase. Accanto a Babur si schierarono i Mamelucchi e il khan di Kazan.
    La resistenza del Khorasan, dopo la disfatta del suo esercito fu nulla. La capitale non era altro che un grosso villaggio privo di alcuna difesa e nel giro di un mese e mezzo l' intera regione era sotto il controllo dei timuridi e l' annessione fu la conseguenza immediata dell' occupazione. Con la perdita di un migliaio scarso di uomini l' intero Khorasan fu inglobato nell' impero nel giro di 5 settimane.
    Babur non si gloriò troppo del suo successo: la sproporzione di forze in campo era eccessiva in suo favore per poter affermare la forza del suo esercito. Ma per lo meno il suo battesimo del fuoco nelle vesti di condottiero aveva avuto successo.

    upload_2014-3-9_1-17-16.png
    L' impero dopo l' annessione del Khorasan

    UNA PROVA DI FORZA
    Febbraio 1502 - ottobre 1503
    Resi un pò più sicuri confini occidentali, Babur rivolse il suo sguardo ad oriente puntandolo sulle ricche terre del sultano di Delhi. Sapeva di non poter affrontarlo con l' esercito a sua disposizione e per gran parte del biennio 1501-02 Babur arruolò nuove truppe, le addestrò al meglio e creò due armate che schierò ai confini col sultanato, in una regione aspra e montuosa ai piedi del possente Paropamiso.
    Nel 1502 egli venne a sapere che il sultano si era alleato con le tribù khirghise comandate da Muhamad Shaybani e che da lui avevano preso il nome di Shaybanidi, il cui territorio si estendeva ai limiti settentrionali della catena montuosa.
    Consapevole di dover affrontare un nemico su due fronti, Babur divise i suoi uomini e inviò un' armata contro gli alleati del sultano mentre lui, alla testa del suo esercito, avrebbe invaso direttamente il sultanato.
    Finalmente nel febbraio del 1502, dopo aver ottenuto un casus belli valido, Babur dichiarò guerra a Delhi e diede inizio all' invasione.
    Gli shaybanidi riuscirono a sconfiggere l' armata guidata dal vice di Babur e ad invadere le regioni pianeggianti verso il Mare d' Aral, ma poi si fecero battere a loro volta in agosto dai mongoli timuridi che li ricacciarono verso le loro terre invadendole.

    Babur intento era penetrato nel sultanato dopo aver attraversato le montagne innevate ed era ormai padrone della vasta regione occidentale. Con le sue truppe era in marcia verso oriente e le truppe del sultano, sebbene in un primo tempo fossero riuscite ad occupare Quetta, decisero di ritirarsi. Ma Babur, adottando la stessa strategia usata da Alessandro Magno diciotto secoli prima proprio in quelle regioni, li attaccò sui fianchi sbaragliandoli. I resti dell' esercito di Delhi fuggirono verso la capitale. Alla fine del 1502 gli Shaybanidi chiesero la pace offrendo a Babur la regione meridionale dei loro domini. Il giovane condottiero accettò e ritirò le sue truppe dal territorio ormai neutrale.

    upload_2014-3-9_1-36-39.png
    Le conquiste ottenute dalla pace con gli Shaybanidi: dicembre 1502
    Il sultano di Delhi cominciò seriamente a sentirsi in pericolo mentre Babur e i suoi uomini avanzavano verso la sua capitale conquistando una dopo l' altra tutte le città che intralciavano il suo cammino.
    Sconfitti ancora una volta presso le rive dell' Indo nel maggio del 1503, i soldati del sultano si rifiutarono di attaccare nuovamente i mongoli e alla fine, ormai privo del suo esercito, il sultano si decise a fare la pace. Cedette le tre regioni più occidentali del suo dominio a Babur pagando anche una bella somma pari a 50 chili d' oro.

    upload_2014-3-9_1-41-43.png
    Le conquiste al termine della prima guerra di Delhi: ottobre 1503
    Anche Babur era ansioso di fare la pace, poichè alle sue spalle vaste regioni si erano ribellate ed era necessario inviare l' esercito per riportare l' ordine.
    Le rivolte furono completamente sedate e i territori riconquistati entro l' inverno e a primavera Babur potè dare inizio ad una fase di reclutamento per il suo esercito. Ora tutti, in oriente, sapevano che l' impero timuride, che molti credevano ormai finito, si era risollevato e che era nuovamente un pericoloso vicino.




     
    • Like Like x 2
  2. andry2806

    andry2806

    Registrato:
    24 Novembre 2013
    Messaggi:
    912
    Località:
    Bologna
    Ratings:
    +48
    seguo:approved:! Ma tanto per sapere, il vecchio aar sulla Svezia l'hai abbandonato?
     
  3. alberto90

    alberto90

    Registrato:
    18 Febbraio 2013
    Messaggi:
    1.435
    Località:
    torino
    Ratings:
    +336
    Sospesi tutti .... sto cercando di capire il modo migliore per creare un impero enorme e gestirlo ... quindi provo varie potenze in varie epoche e poi vedrò. Comunque credo che quello sulla Svezia non lo riprenderò ....
     
  4. andry2806

    andry2806

    Registrato:
    24 Novembre 2013
    Messaggi:
    912
    Località:
    Bologna
    Ratings:
    +48
    peccato :(
     
  5. alberto90

    alberto90

    Registrato:
    18 Febbraio 2013
    Messaggi:
    1.435
    Località:
    torino
    Ratings:
    +336
    UNA PACE FRAGILE
    Ottobre 1503 - giugno 1509
    La fase di stabilizzazione e rafforzamento si prolungò per quasi 6 anni. Babur arruolò ed addestrò altri 10.000 uomini portando il suo esercito ad un totale di 25.000 uomini, superiore quindi a quasi tutte le nazioni confinanti, e alzò al massimo la capacità di combattere in modo da rendere le sue truppe non solo superiori al nemico per numero ma anche per addestramento e morale.
    Nel 1507, dopo un quinquennio di sempre maggiori problemi interni, la confederazione del Montone Bianco, si disgregò. Il piccolo sultanato di Armenia si trovò a confinare con la Georgia a nord, mentre a sud nacquero i sultanati di Iraq e Persia. Il principale avversario dei timuridi ad occidente era così uscito di scena e Babur, che stava pensando di riaprire le ostilità contro Delhi, cambiò parere e spostò le sue truppe ad occidente intendendo minacciare il neonato sultanato di Persia che, dal Montone Bianco, aveva ereditato la maggior parte dei domini sudorientali e un esercito di 9.000 uomini.

    upload_2014-3-9_17-38-29.png
    La disgregazione del Montone Bianco: novembre 1507
    Ora, i piani di Babur erano chiari e semplici: occupare il maggior numero di provincie persiane possibile, rendere la Persia un nemico debole o trasformarla direttamente in un vassallo in modo da potersi occupare con più serenità di Delhi.
    Fu così che tra la fine del 1507 e la tarda primavera del 1509 le tre armate mongole furono trasferite ad occidente, mentre manovali e schiavi cominciavano ad edificare strutture difensive attorno alle città poste ai confini occidentali e settentrionali. In questo modo le eventuali offensive nemiche non sarebbero state in grado di dilagare troppo rapidamente sugli altopiani dell' Afganistan.
    Diplomaticamente Babur era sicuro dell' appoggio dei Mamelucchi e del Khan di Kazan. Nessuno dei due alleati avrebbe potuto inviare truppe in suo aiuto se fosse stato necessario, ma per lo meno garantiva ai mongoli una certa sicurezza in quelle aree.
    Terminati i preparativi bellici Babur si procurò un casus belli valido per l' invasione e attese il momento giusto per attaccare.


    LA PRIMA GUERRA MONGOLO-PERSIANA
    Giugno 1509 - marzo 1510
    Il 18 giugno 1509 le armate mongole invasero la Persia senza trovare praticamente ostacoli. La maggior parte delle capitali provinciali erano prive di mura e le guarnigioni ridotte al minimo, fu perciò un gioco da ragazzi dilagare verso occidente. In agosto i persiani tentarono di passare alla contro offensiva invadendo il Khorasan, ma i mongoli li sconfissero e li ricacciarono indietro. Entro la fine dell' anno erano padroni di metà della Persia e l' esercito persiano era virtualmente fuorigioco. Alla fine, il 25 marzo 1510, il sultano di Persia cedette a Babur quattro provincie, comprese le regioni di Fars e Gurgan, pagò una somma pari a 25 chili d' oro e si impegnò a non attaccare i mongoli.
    Terminava così dopo soli 9 mesi la terza guerra di conquista mongola in dieci anni, e per la terza volta consecutiva terminava con la vittoria di Babur. A corte cominciarono a soprannominarlo " il conquistatore " e alle corti del Medio oriente e dell' Europa si cominciò seriamente a pensare che prima o poi i mongoli sarebbero tornati nel cuore dell' occidente. Un misto di paura e apprensione prese a farsi largo tra i cristiani e non solo.

    upload_2014-3-9_18-4-41.png
    Le conquiste mongole dopo la pace con la Persia: 25 marzo 1510

    UNA PACE BREVISSIMA
    Marzo 1510 - febbraio 1512
    Babur non dovette aspettare molto prima di essere nuovamente in grado di attaccare. Spostate rapidamente la maggior parte delle truppe dall' altpiano iranico alle vallate del Paropamiso, radunati altri 10.000 uomini nelle steppe di Bukhara e fortificate le città lungo i confini orientali, il condottiero mongolo si ritenne abbastanza sicuro da attaccare per la seconda volta il sultanato di Delhi e i suoi alleati.

    LA SECONDA GUERRA DI DELHI
    Febbraio 1512 - febbraio 1514
    All' inizio di febbraio del 1512 i mongoli, sostenuti dagli alleati mamelucchi e di Kazan, invasero nuovamente il sultanato di Delhi, già in difficoltà a causa di rivolte interne e attaccato ad oriente da una coalizione di stati indiani, riuscendo a prendere rapidamente possesso di vaste aree montuose.
    Gli Shaybanidi fecero del loro meglio per respingere l' invasione mongola, riuscirono a conquistare Bukhara, ma la reazione mongola li costrinse a ritirarsi verso Samarcanda. In agosto furono infine sconfitti presso Dusambe e il 12 settembre uscirono dal conflitto lasciando nelle mani dei mongoli la regione di Dusambe.

    upload_2014-3-9_18-27-41.png
    Le conquiste dopo la pace con gli Shaybanidi: 12 settembre 1512

    Nel frattempo un contingente mamelucco era sbarcato sulle coste del Deccan, altro alleato di Delhi, ed era riuscito a battere un piccolo esercito locale. Lo sforzo principale di Babur era, ovviamente, la conquista di Delhi e magari la cattura del sultano, e per conseguirlo quanto prima fece arrivare anche le truppe di stanza nei nuovi possedimenti a nord. Nel 1513 i mongoli erano ormai padroni di una vasta porzione del sultanato compresa la capitale e la regione himalaiana del Ladaq e l' esercito di Delhi ormai era scoraggiato. Tentò tuttavia un' ultima offensiva invernale, ma fu sbaragliato dai mongoli nei pressi di Agra.

    upload_2014-3-9_18-33-40.png
    I territori occupati dai mongoli alla fine di novembre del 1513
    Ormai privo di un esercito e col morale nazionale pericolosamente precipitato, il sultano di Delhi si rassegnò a firmare una nuova umiliante pace con gli invasori cui consegnò il Punjab, Lahore, Ladaq e Jammu.

    upload_2014-3-9_18-40-4.png
    Le conquiste al termine della seconda guerra di Delhi: febbraio 1514

     
    • Like Like x 1
  6. alberto90

    alberto90

    Registrato:
    18 Febbraio 2013
    Messaggi:
    1.435
    Località:
    torino
    Ratings:
    +336
    LA LUNGA PAX MONGOLA
    Febbraio 1514 - giugno 1521
    Babur, terminata la seconda guerra di Delhi, decise di fermare le conquiste per qualche anno, giusto il tempo di stabilizzare la situazione interna e tenere sotto controllo le eventuali rivolte.
    Nel 1516 Babur inviò un gruppo di coloni nella regione del Corno d' Africa più orientale, affacciata sul Golfo di Aden, con l' ordine di colonizzare la zona, fondare una città e rendere solido il dominio mongolo nell' area, teatro per eventuali e future campagne di conquista.
    I primi tentativi ebbero successo e per circa un anno i mongoli ebbero la loro colonia africana, anche se priva di una città e di difese.

    upload_2014-3-12_16-34-39.png
    La colonia mongola in Africa: 1517
    Ma il viaggio dalla capitale alla colonia era lungo e pericoloso e solo piccoli gruppi di coloni riuscivano a raggiungere la loro nuova destinazione mentre i barbari nativi si facevano sempre più feroci e minacciosi.
    Alla fine, dopo due attacchi particolarmente spietati che sterminarono i 350 coloni già residenti nella colonia, Babur decise di abbandonare il progetto. La via del colonialismo non era ancora sufficientemente spianata per il suo impero.
    Negli anni 1518-20 Babur fondò nuove città lungo la costa dell' oceano, ingrandì i porti ( cui commisionò il varo di almeno 4 grosse navi da guerra per potenziare la sua scarna flotta ) e terminò la fortificazione delle città nel cuore dell' impero. Le casse dello stato continuavano a ricevere soldi grazie alle tasse e la politica economica accorta mantenne sempre bassissima l' inflazione.
    Inoltre diede inizio ad una vasta politica matrimoniale che gli permise, in pochi anni, di avere contratti di matrimonio con svariate nazioni del Vicino oriente e dell' India, il che gli garantiva una discreta influenza presso quelle corti e la possibilità di rivendicare, alla morte dei sovrani, il loro titolo, grazie ai matrimoni dinastici.
    Fu così che, nel 1521, alla morte del sultano del Gujarat, Babur rivendicò per se i suoi domini. Ad opporsi fu il debole signore indiano di Malwa. Nessuno dei due sovrani aveva intenzione di cedere e ben presto i venti di guerra cominciarono a spirare.

    LA GUERRA DI SUCCESSIONE DEL GUJARAT
    Giugno 1521 - gennaio 1522
    La guerra sarebbe stata sicuramente breve considerata l' enorme sproporzione delle forze in campo ( dalla parte di Babur si schierarono Mamelucchi, Kazan e Gujarat, accanto a Malwa si schierò solo il confinante piccolo regno di Khandesh ).

    upload_2014-3-12_16-57-36.png
    Gli schieramenti della guerra di successione del Gujarat
    Ottenuto il diritto di transito nel territorio del sultanato di Rajputana, Babur spedì contro Malwa un esercito di 10.000 uomini e nel giro di 6 mesi il destino del piccolo regno era già segnato.
    Ai primi di gennaio del 1522 fu firmata la pace: Babur otteneva la sottomissione di Malwa caduto al rango di vassallo e otteneva l' unione personale del Gujarat con l' impero.
    Il 12 maggio dello stesso anno, valendosi del successo ottenuto con la guerra, Babur adottò per se il titolo di Califfo, entrando di diritto nel mondo musulmano.

    upload_2014-3-12_17-4-40.png
    Babur diventa Califfo: 12 maggio 1522

    LA GUERRA DEL SIND
    Maggio 1524 - maggio 1525
    Nella primavera del 1524, dopo un biennio di fragile tregua, Babur scatenò una nuova guerra nel settore indiano invadendo il sultanato del Sind.
    Accanto al Sind si schierarono il Kashmir e il Deccan, mentre accanto a Babur scesero in campo i soliti alleati mamelucchi e Kazani.
    Babur spedì 12.000 uomini contro il Kashmir e 25.000 contro il Sind lasciando ai mamelucchi l' attacco al Deccan ( già in forte fase di declino ).
    L'invasione dei due piccoli sultanati fu rapida e praticamente priva di grandi battaglie. Le truppe montanare del Kashmir furono sbaragliate in una schermaglia di nemmeno 2 ore alle porte della capitale, le truppe del Sind, impegnate in un conflitto con il Rajputana, furono facilmente distrutte.
    Nell 'ottobre dello stesso anno il Kashmir si arrese. Cedette a Babur la regione dell' Alto Jammu e si sottomise in veste di vassallo. Pochi mesi dopo, ad un anno dall' inizio del conflitto, anche il Sind si arrese lasciando ai mongoli la regione settentrionale e sottomettendosi all' autorità mongola.

    upload_2014-3-12_17-16-38.png
    Le conquiste dopo la guerra del Sind: maggio 1525

    LA MORTE DI BABUR
    31 agosto 1526
    Un anno e mezzo più tardi, all' età di 43 anni, Babur spirò nella sua capitale Hormuz al termina di una lunga malattia che lo aveva consumato rapidamente.
    Aveva regnato 26 anni e durante il suo governo l' impero Timuride aveva ritrovato tutta la forza che aveva ai tempi di Tamerlano. Aveva quasi raddoppiato l' estensione dell' impero e creato un formidabile esercito di 50.000 uomini ben addestrati e splendidamente comandati.
    Babur fu sepolto, come da sue volontà, in un posto sconosciuto nel cuore della steppa iraniana e la sua tomba non fu mai ritrovata come d' altronde quella del grande Gengis Khan, fondatore di tutti i grandi imperi mongoli.

     

    Files Allegati:

  7. alberto90

    alberto90

    Registrato:
    18 Febbraio 2013
    Messaggi:
    1.435
    Località:
    torino
    Ratings:
    +336
    upload_2014-3-12_17-28-35.png
    Il mondo nel 1500
    upload_2014-3-12_17-29-21.png
    Il mondo nel 1520
     
  8. alberto90

    alberto90

    Registrato:
    18 Febbraio 2013
    Messaggi:
    1.435
    Località:
    torino
    Ratings:
    +336
    è diventato noioso?
     
  9. ronnybonny

    ronnybonny Moderator Membro dello Staff

    Registrato:
    6 Febbraio 2009
    Messaggi:
    3.304
    Località:
    Padova e Udine
    Ratings:
    +326
    Giochi con il Complete? Come fanno ad avere coloni i mongoli?
    Prega che Babur non muoia mai, le lotte per la successione dei governo tribali sono tremende
     
  10. andry2806

    andry2806

    Registrato:
    24 Novembre 2013
    Messaggi:
    912
    Località:
    Bologna
    Ratings:
    +48
    ehm...é GIÀ morto...
     
  11. ronnybonny

    ronnybonny Moderator Membro dello Staff

    Registrato:
    6 Febbraio 2009
    Messaggi:
    3.304
    Località:
    Padova e Udine
    Ratings:
    +326
    Non avevo letto la parte finale ;) allora alla prossima sessione ne vedremo delle belle
     
  12. alberto90

    alberto90

    Registrato:
    18 Febbraio 2013
    Messaggi:
    1.435
    Località:
    torino
    Ratings:
    +336
    Eh sono tremende si .... comunque si, gioco col complete. Diciamo che gli ho dato una mano io ad averli ... ma siccome non servono mi sono reso conto di aver sbagliato.
    Comunque al momento non sono più timuride ... sono diventato moghul quindi fine delle lotte di successione ..... presto il seguito.
     
  13. alberto90

    alberto90

    Registrato:
    18 Febbraio 2013
    Messaggi:
    1.435
    Località:
    torino
    Ratings:
    +336
    UN ESORDIO DIFFICILE
    Settembre 1526 - maggio 1530
    Il primo settembre 1526 Mas'ud II saliva al potere in un clima che definire rovente è poco. In molte aree del vasto impero erano scoppiate insurrezioni e rivolte e l' esercito imperiale era pronto solo in parte ad affrontare le masse dei ribelli.
    La successione era stata contestata da uno dei tanti capo tribù che formavano l' impero e ai suoi ordini si erano ribellati 12.000 uomini nelle regioni occidentali, mentre in quelle orientali erano sopratutto i nazionalisti ad essersi sollevati contro il dominio mongolo e il numero dei sediziosi era sicuramente superiore a quello dell' esercito regolare. Fortunatamente le rivolte locali non potevano contare su più di tre o quattromila uomini e quindi non era molto complicato per le armate imperiali tenere sotto controllo il dilagare della ribellione.

    upload_2014-3-16_1-20-1.png
    Le forze ribelli e regolari all' avvento di Mas'ud II - settembre 1526
    Se furono sufficienti un paio d'anni di aspra lotta per ridurre al silenzio i nazionalisti ad oriente ( sostenuti dai sultani di Delhi e del Sind sopratutto ), seppure al prezzo di gravi perdite, ad occidente e nelle regioni centrali le forze del pretendente riuscirono per alcuni mesi ad occupare persino la capitale imperiale e a tenere sotto scacco ben tre armate regolari per quasi quattro anni, prima di essere sterminate con gran spargimento di sangue.
    Nonostante le difficoltà iniziali alla fine Mas'ud II potè cominciare il suo governo in un impero se non pacificato per lo meno più tranquillo. Entro il maggio 1530 la situazione interna era tornata stabile. Era pur vero che i ribelli prezzolati dal sultano di Persia erano riusciti a strappare al governo centrale la regione del Laristan che era stata consegnata proprio alla Persia, ma per il resto era tornato tutto alla normalità.
    Per altro la stessa regione fu riaquistata alla Persia dal Khan Mas'ud antro l' anno per la non miserabile somma di 400 pezzi d' oro.
    Comunque, sedate le rivolte e ripreso il controllo delle aree defezionate, a partire dal 1530 Mas'ud II potè riprendere i piani di espansione lasciatigli in eredità dal grande Babur.

    LA PRIMA CONQUISTA DI MAS'UD II
    Maggio 1532
    Nel maggio 1532, poco meno di 6 anni dopo l' ascesa al trono, Mas'ud potè cogliere il primo frutto delle ultime guerre di Babur. Erano passati 10 anni dalla sconfitta militare del piccolo stato di Malwa che da allora era un vassallo dell' impero. Mas'ud decise di chiedere al suo vassallo di rinunciare alla relativa indipendenza e di cedergli lo stato. Quasi insperatamente il vassallo accettò e lo stato di Malwa divenne una provincia dell' impero. Era isolata e anche piuttosto lontana dai confini imperiali, ma era un avamposto avanzato nel cuore dell' India nordoccidentale ideale per minacciare tutti gli stati dell' area.

    upload_2014-3-16_1-36-26.png
    L' annessione di Malwa - maggio 1532
    Era un successo diplomatico, non militare. Mas'ud era un guerriero come Babur, ma molto meno dotato del predecessore. Non aveva la stoffa del condottiero e non amava essere il primo a dichiarare una guerra.
    Però si rendeva conto che solo conquistando altre terre poteva dimostrare di essere un valido governante ed ottenere quindi la fedeltà dei suoi sudditi. Perciò, appena annesso Malwa, l' imperatore cominciò a preparare le mosse per una nuova guerra di espansione, la prima dopo la sua ascesa al trono.
    L' obbiettivo principale era naturalmente l' oriente e l' India. Lo scopo, quello di diventare il più potente sultano d' oriente.

     
    • Like Like x 1
  14. alberto90

    alberto90

    Registrato:
    18 Febbraio 2013
    Messaggi:
    1.435
    Località:
    torino
    Ratings:
    +336
    LA GUERRA CONTRO RAJPUTANA
    Aprile - dicembre 1534
    Dopo due anni di preparativi nella primavera del 1534 Mas'ud, andando contro ai suoi principi, dichiarò guerra al regno di Rajputana, stato chiave per il controllo nel settore nord occidentale dell' India.
    Il momento era propizio: Rajputana era in quel periodo in guerra con una vasta coalizione di stati indiani e quindi non c'era niente di meglio che attaccarlo sull' unico confine tranquillo e privo di difese.
    Il successo fu totale. Nel giro di 6 mesi metà del regno era ormai sotto il controllo di Mas'ud e in dicembre fu firmata la pace con la quale il re di Rajputana cedeva ai mongoli ben 4 provincie del suo regno.

    upload_2014-3-16_15-10-3.png
    Le conquiste dopo la guerra contro Rajputana - dicembre 1534
    Terminata la guerra contro Rajputana, Mas'ud diede inizio ai preparativi per le manovre successive e per quattro anni spostò truppe nelle regioni orientali del suo impero con l' obbiettivo di sferrare il colpo decisivo al sultanato di Delhi e di estendere l' influenza mongola nella regione dell' Indo.

    LA TERZA GUERRA DI DELHI
    Gennaio - novembre 1538
    All' inizio del 1538 Mas'ud era ormai pronto per la guerra. Invece di attaccare direttamente il sultanato di Delhi, alleato anche con il Gujarat ( governato in unione personale dallo stesso Mas'ud ), l' imperatore attaccò l' unico alleato del sultano, il re di Khandesh, confinante con la provincia mongola di Malwa.
    Ancora una volta la guerra fu questione di pochi mesi. Khandesh fu annesso in ottobre e un mese dopo, alla fine di novembre, il sultano di Delhi si arrese cedendo ai mongoli la regione di Lucknow.

    upload_2014-3-16_15-29-11.png
    Le conquiste al termine della guerra - novembre 1538

    L' ANNESSIONE DEL KASHMIR
    Giugno 1542
    Quattro anni più tardi, con l' impero ormai decisamente influente nella regione dell' Indo, Mas'ud ottenne l' annessione del re del Kashmir, vassallo dei mongoli da ormai un ventennio.
    Con l' incorporazione del Kashmir l' impero prendeva il controllo dei fondamentali passi himalayani di collegamento tra le steppe iraniane e i deserti della Cina.

    upload_2014-3-16_15-37-9.png
    L' annessione del Kashmir - giugno 1542
    Nel maggio successivo la cultura altaica, dominante fino a quel momento nell' impero, fu scalzata dalla cultura persiana e questo fatto rese meno stabile la struttura interna tra le varie tribù proprio mentre Mas'ud si ammalava.

    LA MORTE DI MAS'UD II
    6 gennaio 1544
    Sebbene l' imperatore non fosse vecchio e la sua salute sempre discretamente solida, l' inverno tra il 1543 e il 1544 fu particolarmente rigido e durante il viaggio tra Kabul e la capitale imperiale Mas'ud si ammalò e in meno di un mese le sue condizioni precipitarono portandolo alla morte il 6 gennaio 1544, all' età di 40 anni. Aveva regnato 18 anni.



     
  15. alberto90

    alberto90

    Registrato:
    18 Febbraio 2013
    Messaggi:
    1.435
    Località:
    torino
    Ratings:
    +336
    upload_2014-3-16_15-46-28.png
    Il mondo nel 1540
     
  16. alberto90

    alberto90

    Registrato:
    18 Febbraio 2013
    Messaggi:
    1.435
    Località:
    torino
    Ratings:
    +336
    UN NUOVO CAOTICO INIZIO
    Gennaio 1544 - giugno 1547
    Come era accaduto al predecessore, anche l' inizio del regno di Hussain I fu guastato dallo scoppio di una vastissima rivolta nelle regioni orientali dell' impero e ai confini con la Persia.
    Ancora una volta, nonostante le perdite ingenti e il morale delle truppe non sempre alto, la situazione fu ripresa e stabilizzata dopo circa tre anni di aspri combattimenti con pretendenti, patrioti, nazionalisti e fanatici religiosi.

    upload_2014-3-20_0-40-6.png
    La crisi di successione del 1544-47
    Alla fine, ai primi di giugno del 1547 le truppe di Hussain spensero nel sangue l' ultima rivolta e l' imperatore potè essere ufficialmente incoronato ad Hormuz dal consiglio dei capitribù.

    L' ULTIMA GUERRA PER DELHI
    Giugno - luglio 1547
    Risolta la questione della crisi dinastica e riassunto completamente il controllo dell' impero, Hussain dichiarò l' ennesima guerra contro ciò che restava del sultanato di Delhi, ormai ridotto alla sola regione della capitale che era, perdi più, priva di ogni difesa.
    Le truppe mongole, penetrate facilmente nello staterello alla fine di giugno ne occupavano la capitale ai primi di luglio e il sultano pochi giorni dopo.
    Costretto a firmare la pace, questi si arrese e cedendo Delhi a Hussain partì per l' esilio. Il 20 luglio i mongoli prendevano ufficialmente possesso di Delhi.

    LA NASCITA DELL' IMPERO MOGUL
    luglio 1547 - marzo 1548
    Lo stesso giorno Hussain proclamava la nascita dell' impero dei Mogul, trasferiva la capitale da Hormuz a Delhi e dava inizio al restauro dei suoi nuovi domini.
    Era così realizzato il grande sogno di Timur e anche quello di Babur.
    Alla fine dell' anno Hussain fece il suo ingresso trionfale nella nuova capitale accolto da grandi folle festanti e nei giorni seguenti ricevette tutte le delegazioni delle tribù e anche dei paesi vicini venute a rendere omaggio al nuovo signore.
    Infine, come definitivo atto fondativo, il 26 marzo 1548 Hussain adottava ufficialmente il sistema dell' amministrazione imperiale con il quale chiudeva per sempre l' era delle crisi di successione, ridimensionava l' autorità locale delle tribù e centralizzava decisamente nelle sue mani il potere.

    upload_2014-3-20_0-59-23.png
    La nascita dell' impero Mogul - 20 luglio 1547

    upload_2014-3-20_1-0-51.png
    L' adozione del sistema dell' amministraizone imperiale - 26 marzo 1548

    CONQUISTE INDOLORI
    Marzo 1550 - luglio 1551
    Approfittando di una grave crisi economica e politica che nei primi mesi del 1550 stava compromettendo la stabilità economica di gran parte dei vicini stati indiani, e usando il denaro più della spada come contropartita, Hussain ingrandì il suo impero acquistando molte regioni appartenenti ai vicini in disperata ricerca di denaro riuscendo in questo modo a dare ai suoi confini orientali una compattezza maggiore, bilanciare la perdita delle regioni occidentali passate alla Persia durante la crisi di successione e guadagnandosi oltretutto la fama di misericordioso e generoso vicino presso le corti in difficoltà.

    upload_2014-3-20_1-8-13.png
    L' impero Mogul dopo gli acquisti di alcuni regioni confinanti - marzo 1550 - luglio 1551

    INCONTRO TRA GIGANTI
    28 novembre 1552
    Verso le fine del 1552 la potenza dell' impero Mogul era ormai nota in tutto l' oriente musulmano e non. Fu così che negli ultimi giorni di novembre una delegazione inviata nientemeno che dal potente zar di Russia Alessio II, chiese ed ottenne udienza all' imperatore.
    Gli inviati russi offrivano ad Hussain addirittura l' alleanza con l' impero russo in piena fase di espansione in oriente e nella regione caucasica.
    Hussain intravide in quella proposta la possibilità di prendere la Persia su due fronti e riconquistare in questo modo le regioni che i ribelli persiani avevano strappato 8 anni prima al suo impero.
    Il 28 novembre perciò l' imperatore accettò l' alleanza con la Russia e metteva a disposizione dello zar, già forte di un esercito enorme, altri 30.000 dei suoi uomini per qualsiasi guerra Alessio avesse deciso di scatenare nelle regioni del Mar Caspio e delle steppe del Lago Baikal.
    Si apriva una nuova era della storia dell' Asia.

    upload_2014-3-20_1-22-37.png
    L' alleanza tra Russia e impero Mogul - 28 novembre 1552


     
  17. Askaron

    Askaron

    Registrato:
    16 Agosto 2013
    Messaggi:
    199
    Località:
    Terra d'Otranto
    Ratings:
    +44
    Ti seguo con enorme interesse :)
     
  18. alberto90

    alberto90

    Registrato:
    18 Febbraio 2013
    Messaggi:
    1.435
    Località:
    torino
    Ratings:
    +336
    Grazie ... è bello vedere che qualcuno si interessa ...
     
  19. Dark_Angel_Of_Sin

    Dark_Angel_Of_Sin

    Registrato:
    14 Novembre 2006
    Messaggi:
    2.335
    Ratings:
    +30
    io avrei moddato i timuridi piuttosto che diventare moghul..
     
    • Like Like x 1
  20. alberto90

    alberto90

    Registrato:
    18 Febbraio 2013
    Messaggi:
    1.435
    Località:
    torino
    Ratings:
    +336
    Io ho cominciato questa partita coi timuridi apposta per diventare moghul. Se cominciavo già moghul nel 1505 partivo con mezza india sotto il mio dominio. Non c' era più divertimento.
     

Condividi questa Pagina