1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

C:MANO Carribean Fury 1: Hot Tamale!

Discussione in 'Wargames - Generale' iniziata da GeorgePatton, 10 Agosto 2021.

  1. Iscandar

    Iscandar

    Registrato:
    23 Novembre 2012
    Messaggi:
    1.116
    Località:
    Palermo
    Ratings:
    +236
    è un po' una "carica di Balaklava"
     
  2. Prostetnico

    Prostetnico

    Registrato:
    22 Giugno 2009
    Messaggi:
    1.470
    Ratings:
    +408
    :eek: da cosa???
     
  3. GeorgePatton

    GeorgePatton

    Registrato:
    26 Marzo 2006
    Messaggi:
    4.810
    Località:
    Svizzera
    Ratings:
    +671
    SAM
     
  4. ex wolf

    ex wolf

    Registrato:
    18 Novembre 2020
    Messaggi:
    149
    Località:
    Casale Monferrato
    Ratings:
    +46
    Qualcosa non ha funzionato a dovere
     
  5. GeorgePatton

    GeorgePatton

    Registrato:
    26 Marzo 2006
    Messaggi:
    4.810
    Località:
    Svizzera
    Ratings:
    +671
    Senza dubbio....ma se il sistema SAM sembra davvero molto completo e funzionale.
    Anche io pensavo che gli HARM fossero più efficaci, invece...una delusione. Inoltre i radar di scoperta erano per la maggior parte spenti e quindi non ho potuto agganciarli.
     
  6. Prostetnico

    Prostetnico

    Registrato:
    22 Giugno 2009
    Messaggi:
    1.470
    Ratings:
    +408
    SAM che abbattono HARM:wideyed:... ma hanno abbattuto i missili o lanciatori? Perché se sono stati abbattuti i missil è una cosa piuttosto improbabile: gli AGM88 sono *passivi*, veloci e con sezione radar irrisoria, quindi difficili da scoprire e ancora di più da ingaggiare.

    Non è che sono sati lanciati da distanze siderali? Perché la frase
    è piuttosto rivelatrice.

    L'avversario si è accorto che era una SEAD. Se è così complimenti ai programamtori.

    Forse sarebbe istruttivo capire come avevi pianificato la SEAD.
     
  7. GeorgePatton

    GeorgePatton

    Registrato:
    26 Marzo 2006
    Messaggi:
    4.810
    Località:
    Svizzera
    Ratings:
    +671
    No, hanno abbattuto i missili, non i lanciatori.
    Il lancio è avvenuto dalla distanza più lontana possibile in proporzione alla quota. Gli HARM possono essere lanciati da 200 piedi in su, ma a quella quota ed alla massima distanza (70 miglia), non riuscivo ad agganciare nulla. Perciò ho dovuto far alzare di quota i lanciatori.
    Ma i missili sono comunque stati abbattuti nella parte finale di corsa, massimo 10 miglia dall'obiettivo.
     
  8. Prostetnico

    Prostetnico

    Registrato:
    22 Giugno 2009
    Messaggi:
    1.470
    Ratings:
    +408
    bhe allora non stupisce. Qualsiasi missile lanciato dalla massima distanza ha una pessima probabilità di centrare qualcosa.
     
    • Like Like x 1
  9. ex wolf

    ex wolf

    Registrato:
    18 Novembre 2020
    Messaggi:
    149
    Località:
    Casale Monferrato
    Ratings:
    +46
    Sono anni che non mi interesso più a quel periodo, ma mi sembra di ricordare che la dottrina di impiego fosse diversa, detto chiaramente pour parler e non certo per voler fare il professorino.
     
  10. Iscandar

    Iscandar

    Registrato:
    23 Novembre 2012
    Messaggi:
    1.116
    Località:
    Palermo
    Ratings:
    +236
    Ma se i radar sono spenti gli harm sono come dei razzi, servono a poco. I radar devono essere accesi per gli HARM combinare qualcosa, servono delle esche che facciano accendere i radar
     
    • Agree Agree x 1
  11. Prostetnico

    Prostetnico

    Registrato:
    22 Giugno 2009
    Messaggi:
    1.470
    Ratings:
    +408
    e aggiungo, senza spoilerare, ***non*** sono i portatori di HARM ad "accendrere l'albero" :whistle:.
     
  12. GeorgePatton

    GeorgePatton

    Registrato:
    26 Marzo 2006
    Messaggi:
    4.810
    Località:
    Svizzera
    Ratings:
    +671
    Si lo so che gli HARM hanno necessità di una fonte irradiante per poter agganciare il bersaglio. Ma se erano spenti che ci posso fare. Hanno utilizzato i radar dei sistemi SAM per agganciare i bersagli nella parte finale della corsa, lasciando spenti i radar di avvistamento aereo principali.
    Comunque, ecco quello che è successo nel corso delle ultime ore.

    Faccio un timido tentativo di attacco con i Phantom dotati di Maverick, giusto per capire le chances che posso avere. Alla fine me ne esco con le ossa un po’ rotte. Perdo 10 F-4E e, in cambio, distruggo due delle principali postazioni radar aeree sulla costa settentrionale dell’isola e metto fuori uso due postazioni SAM, probabilmente SA-6 (codice NATO Gainful), ma nei pressi di esse ve ne erano due di SA-10 Grumble (S-300) e sono stati dolori. I miei Phantom volavano a 200 piedi ma gli S-300 ingaggiano bersagli dai 30 piedi, quindi, nonostante un paio di Phantom siano riusciti comunque a lanciare (i Maverick sono però stati abbattuti), almeno 4 velivoli sono stati spazzati via.

    Dopo che il decimo F-4E è stato abbattuto, ho deciso di annullare l’intero attacco e di far rientrare alla base tutti gli aerei, a parte I caccia di protezione, che hanno ancora avuto da fare con quelli nemici.


    Queste sono le perdite complessive registrate nel corso dell’attacco aereo.

    E-2C Hawkeye 1
    F-14A Tomcat 7
    F/A-18C Hornet 1
    F-15E Strike Eagle 1
    F-16A Falcon ADF 1
    F-4E Phantom II 11

    totale 22

    MiG-21MF Fishbed J 2
    MiG-23MF Flogger B 4
    MiG-23ML Flogger G 10
    MiG-23MLD Flogger K 3
    MiG-29 Fulcrum A 2
    MiG-31 Foxhound 3
    Su-24M Fencer D 3
    Su-27P Flanker P 6
    Su-27S Flanker B 5
    Su-30 Flanker G 8

    Totale 46


    Nonostante la vittoria in termini numerici, non posso certo ritenermi soddisfatto. La componente aerea nemica credo abbia subito un’ulteriore batosta. Dovremmo ormai essere intorno ai 150 velivoli abbattuti solo sull’isola di Cuba. Non so quanti ne avessero in precedenza ma ritengo non debbano essercene ancora tantissimi.


    Ora però il problema è un altro. Tutti gli aerei che hanno partecipato all’attacco devono essere riarmati e riforniti. Per i caccia il tempo è molto ridotto (30 minuti – 1 ora), ma per quelli d’attacco si arriva fino alle 5 o 6 ore.

    Considerato che dovrò cedere un paio di squadriglie entro 9-10 ore, non mi rimane molto tempo. Inoltre diversi F-16 che erano dotati di HARM e che partivano da Eglin o Tyndall sono atterrati a Homestead perché a corto di carburante. Li la dotazione di AGM-88 era molto limitata e la maggior parte dovrà rientrare in una delle due basi sopra citate, ma potrà farlo solamente dopo che sarà stato completato il ciclo di manutenzione previsto dal gioco che è di almeno 3 ore (vado a memoria). Dopo di che, una volta rientrati alle rispettive basi, dovranno subire ancora il ciclo di preparazione per una nuova missione d’attacco con gli HARM.

    Insomma, arriverò a lanciare una seconda ondata giusto appena in tempo prima di cedere due intere squadriglie di caccia. Dovrò perciò cercare di utilizzarle fino ad allora per cercare di sfiancare il più possibile la CAP nemica.

    Nel frattempo penserò ad una soluzione per sistemare la questione delle difese aeree cubane. Un nuovo attacco di HARM è comunque l'unica soluzione applicabile, ma con modalità differenti, come l'avvicinarsi a bassissima quota il più possibile e poi ripresa di quota appena prima del lancio. Dovrò però stare bene attento a definire bene quanto vicino voglio avvicinarmi ai bersagli, perché una volta che prenderanno quota i lanciatori verranno immediatamente inquadrati e sicuro che verranno bersagliati dai SAM.

    Vi è sempre la possibilità di passare all’offensiva con le unità di marines stanziate a Guantanamo che hanno già fatto polpette dell’esercito cubano che cercava di conquistare la mia base, ma mi sembra una mossa un po’ gamey e quindi non credo che la metterò in pratica.
     

Condividi questa Pagina