1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

Campagna Mi Azzardo a Dirlo

Discussione in 'Boardgames - generale' iniziata da cyberdisc, 10 Aprile 2013.

  1. cyberdisc

    cyberdisc Moderator Membro dello Staff

    Registrato:
    5 Maggio 2006
    Messaggi:
    1.209
    Ratings:
    +15
    ALI per Giocare promuove una campagna per una corretta comunicazione sul gioco d'azzardo.

    Il diritto al gioco è un diritto per tutti.
    Ma anche la parola GIOCO ha qualche diritto.
    Quello di non essere usata in maniera sbagliata.

    Il gioco pubblico, con vincite in denaro, è
    "GIOCO D'AZZARDO" ed è necessario dirlo.

    http://www.miazzardoadirlo.it/

    [​IMG]
     
  2. JMass

    JMass Moderator Membro dello Staff

    Registrato:
    19 Marzo 2006
    Messaggi:
    3.068
    Località:
    Trieste
    Ratings:
    +48
    Firmato, grazie
     
  3. Vestinus

    Vestinus

    Registrato:
    1 Ottobre 2009
    Messaggi:
    1.643
    Località:
    Pescara
    Ratings:
    +45
    non l'ho capita molto...sembra più che altro un problema di semantica...credo sia implicito nelle leggi che per GIOCO intendano "d'azzardo", o sbaglio?
     
  4. balena

    balena Admin Membro dello Staff

    Registrato:
    22 Gennaio 2007
    Messaggi:
    1.624
    Località:
    forlì
    Ratings:
    +36
    per prima cosa si condanna i lgioco d'azzardo indiscriminato.

    per seconda, ma meno marginale, le ludoteche italiane e, nel suo piccolo, Balenaludens pone l'aspetto sul problema della "colpevolizzazione del gioco.

    l'azzardo è una cosa, il gioco un'altra!
     
  5. Basileus Romaion

    Basileus Romaion

    Registrato:
    25 Ottobre 2007
    Messaggi:
    640
    Ratings:
    +48
    il problema è proprio questo: le leggi danno per scontato qualcosa che non è scontato nella lingua, anzi che nella lingua in cui sono scritte ha un'altra definizione. Forzano la definizione, specializzandola ad un campo più stretto ma senza dichiararlo esplicitamente. Così però si rischia che chi si trova ad applicarle, finisce per colpire tutto, se applica alla lettera, ma può colpire indiscriminatamente cosa vuole interpretando in senso più o meno ampio la parola "gioco". E questo è già quanto avviene nella comunicazione della stampa, in cui la parola "gioco" ha assunto ormai una connotazione negativa.
     

Condividi questa Pagina